Philae ultima chiamata prima dell'addio

Gli scienziati del Centro Aerospaziale Tedesco (DLR) stanno facendo in questo ore un ultimo tentativo di contattare il modulo di Philae, il primo prodotto dell'ingegno umano mai sbarcato su una cometa. Il lander che non ha più dato segni di vita dallo scorso 9 luglio, sta per entrare in un'ibernazione perenne. "Il tempo è breve e vogliamo esaurire tutte le possibilità", ha detto il responsabile del progetto, Stephan Ulamec.
Ecco cosa tenteranno gli scienziati per non dire addio al lander della missione Rosetta. 

leggi di più 3 Commenti

Philae si è svegliato! Il lander comunica con Rosetta dopo 7 mesi 

Alla fine si è svegliato. Philae, il lander dell'Esa in "ibernazione" sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko dal 12 Novembre scorso ha ripreso a comunicare con la sonda "madre" Rosetta. Il segnale è stato ricevuto dal centro di controllo di Darmstadt alle 22.28 di ieri ma è probabile che Philae fosse "sveglio" già da qualche giorno. Il robottino ha già cominciato a inviare pacchetti di dati che saranno analizzati nei prossimi giorni. La comunità scientifica è in festa, ora si attendono nuovi e importantissimi dati.

leggi di più 1 Commenti

Philae, il lander "ibernato" nella cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko pronto a risvegliarsi ?

Vi ricordate di Philae, il lander bloccato senza energia sulla cometa  67P/Churyumov-Gerasimenko? In questi giorni si sta aspettando un suo risveglio. Il piccolo robot che si è addormentato sulla cometa, risulta in questi giorni abbastanza vicino al Sole perché il veicolo possa ricaricare i pannelli solari e fino al 17 maggio la sonda Rosetta dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) sarà nella posizione ideale rispetto alla Terra per trasmettere eventuali segnali del risveglio del lander. Il piccolo robot potrebbe già essere sveglio, ma non aver ancora abbastanza energia per comunicare. 

leggi di più 1 Commenti

Philae si risveglierà? Il lander alla prova del nove per resuscitare sulla "cometa"

''Philae, ci sei?'': è questo il messaggio che la sonda Rosetta griderà giovedì 12 marzo all'alba, tentando per la prima volta di risvegliare il suo lander Philae, entrato in letargo lo scorso 15 novembre dopo aver esaurito le batterie a pochi giorni dal rocambolesco approdo sulla superficie della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.


Dopo centinaia di simulazioni, i tecnici dell'Agenzia spaziale europea (Esa) hanno calcolato che la relativa vicinanza del Sole (che ora dista circa 300 milioni di chilometri) potrebbe già fornire energia a sufficienza per riattivare i pannelli del lander rimasto intrappolato in un angolo buio della cometa.


Per lui, quella di giovedì sarà solo la prima di una serie di sveglie: le chance di ripristinare il contatto aumenteranno col passare dei giorni man mano che la cometa si avvicinerà al Sole.

leggi di più 0 Commenti

Rosetta, nuove straordinarie immagini della cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko 

Sono state pubblicate le prime immagini scattate dalla sonda Rosetta nel giorno dell'appuntamento ravvicinato di San Valentino con la cometa 67P/Churyumov–Gerasimenko. La sonda dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) l'ha infatti 'baciata' passando ad appena 6 chilometri dalla sua superficie realizzando una serie di preziose foto per capire meglio questo 'fossile' del sistema solare. Un nuovo capitolo della straordinaria missione dell'ESA.

leggi di più 0 Commenti

Siamo "figli" delle comete? Attesa per i dati sul materiale organico trovato da Philae

Accensione dei thruster e qualche aggiustamento di rotta per ottimizzare l'orbita: sono queste le manovre che attendono nei prossimi giorni la sonda Rosetta dell'Agenzia spaziale europea (ESA), dopo il successo dell'atterraggio del lander Philae sulla cometa 67P/Churymov–Gerasimenko.

“Conclusa la missione del lander, Rosetta riprenderà le osservazioni scientifiche di routine, e passeremo alla fase di accompagnamento della 67P”, ha spiegato Andrea Accomazzo, direttore delle operazioni di volo della missione. “Con il nuovo anno saremo insieme alla cometa nel suo moto verso il perielio, il punto di massima vicinanza al Sole, che sarà raggiunto il 13 agosto”.

Mentre Rosetta prosegue la sua lunga corsa di affiancamento alla cometa, gli occhi sono puntati sui ricercatori che in tutta Europa stanno analizzando i dati sulla composizione superficiale e interna del corpo celeste raccolti da Philae nelle 64 ore successive all'atterraggio concesse dall'autonomia delle batterie elettriche. La speranza è che le informazioni siano sufficienti a rispondere a una domanda cruciale: sono state le comete a innescare lo sviluppo della vita sul nostro pianeta?

leggi di più 4 Commenti

Rosetta, il lander Philae è atterrato con successo sulla cometa: cronaca e immagini

Il mondo con il fiato sospeso ha aspettato questa sera la buona riuscita di una delle missioni spaziali più difficili della storia: il primo "robot" umano su una cometa. A questo si deve la reazione entusiasta dalla sala controllo di Darmstadt, dove i tecnici dell'Agenzia spaziale europea hanno confermato che il lander Philae è atterrato sulla superficie della cometa Churyumov-Gerasimenko e stava inviando segnali a Terra. Le trivelle da ghiaccio sulle zampe del lander hanno penetrato la superficie della cometa. Dopo che il lander si è sganciato dalla sonda Rosetta, sono seguite sette ore di trepidazione, visto che la discesa doveva avvenire in automatico ePhilae non poteva inviare segnali. Poi, alle 17.04, l'annuncio - "Philae è sulla superficie e ci sta parlando" - accolto da abbracci, festeggiamenti e qualche lacrima. Ci sono alcune preoccupazioni sulla sua stabilità perché nel sistema di ancoraggio qualcosa non è andata come previsto Le viti che si trovano all’interno dei piedi del lander -secondo l'ESA- sono comunque penetrate nel ghiaccio. A seguire le immagini, i video e gli aggiornamenti.

leggi di più 1 Commenti

Rosetta a un passo dalla storia, Philae sbarcherà sulla cometa 67/P Churyumov Gerasimenko.

Domani 12 novembre 2014, per la prima volta nella storia dell’esplorazione spaziale, una sonda di costruzione umana proverà ad atterrare su una cometa. Se ci riuscirà, e se anche tutte le altre delicate procedure di manovra andranno a buon fine, potremmo ottenere a breve nuove decisive informazioni sulla composizione primordiale del Sistema solare e sull’origine della vita sul pianeta Terra.

È il momento cruciale di una delle missioni spaziali più importanti di sempre, e forse anche tra le più raffinate e complesse. Basti citare un po’ di cifre: sono passati più di venti anni da quando l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) ha deciso di fare sul serio e studiare un modo per guardare da molto vicino una cometa. Dieci anni da quando la sonda Rosetta, nel marzo 2004, ha preso il volo in direzione della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko (67P/C-G). Per un incontro che si compirà a 510 milioni di chilometri dal pianeta Terra.

Se tutto dovesse andare per il verso giusto, ancorato e al sicuro, Philae ci manderà qualche suggestiva foto della vista che gode da lì, e potremo iniziare a festeggiare, in attesa dei risultati delle analisi chimiche della superficie della cometa. 

leggi di più 0 Commenti

Un ufo vola sopra la superficie della cometa Churyumov Gerasimenko ? Non proprio

L'Huffington Post, numerose testate internazionali come DirectMatin e alcuni siti cospirazionsti, pubblicano degli articoli secondo i quali sulla cometa 67P/Churyumov Gerasimenko sarebbe stato fotografato un Ufo. Le fotografie effettuate dalla sonda spaziale Rosetta, mostrano un oggetto bianco che viene definito "dall'aspetto metallico, sospeso sopra la superficie della cometa mentre riflette la luce del sole". Come succede spesso in questi casi il clamore mediatico è stato immediato. L'allarme ufo è stato rilanciato anche UFOvni2012, un canale You tube da sempre impegnato a creare casi ufologici dal nulla. Ma cos'è davvero l'anomalia? Appena rilasciata l'immagine l'Esa ha fornito una spiegazione nel sito della missione. Osservando altri scatti della stessa zona l'oggetto scompare. A seguire le immagini, e una possibile spiegazione.

leggi di più 11 Commenti

Rosetta si avvicina: 50 km dal nucleo della cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko

La sonda Rosetta dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) sta continuando a ridurre la sua distanza dalla cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko. Questo ulteriore avvicinamento la porta nella giornata di oggi a soli 50 chilometri dalla cometa e servirà per iniziare il rilievo fotografico completo al fine di trovare il luogo migliore per l’atterraggio del lander Philae che è previsto per il prossimo 11 novembre. Sia la cometa sia la sonda ora si trovano in orbita intorno al Sole e viaggiano alla stessa velocità. 

leggi di più 0 Commenti

Rosetta, dopo 10 anni missione compiuta: ecco le foto di 67P/Churyumov-Gerasimenko

La sonda Rosetta, dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa), e' arrivata alla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko dopo un viaggio di 10 anni attraverso il Sistema Solare. Potremmo rimanere qui a descrivere, come abbiamo già fatto, i dettagli della missione, ma oggi è tempo di lasciare spazio alle immagini mozzafiato che la sonda ha spedito. L'Esa le ha rese pubbliche nel suo profilo Flikr. Abbiamo raccolto le più belle dell'ultima settimana.

leggi di più 3 Commenti

La sonda Rosetta pronta all'incontro ravvicinato con la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko

Troppo calda e polverosa per essere coperta solo di ghiaccio. A prima vista sembrerebbero queste le caratteristiche del tutto inattese della cometa 67P "Churyumov-Gerasimenko" fotografata dallo strumento italiano Virtis a bordo della sonda europea Rosetta, da una distanza di circa 1400 Km. La sonda dell'Agenzia spaziale europea entrerà nell'orbita della cometa il 6 agosto per una prima analisi ravvicinata in vista dello sbarco a novembre del lander Philae con gli strumenti sviluppati dall'Agenzia spaziale italiana che - per la prima volta nella storia - analizzeranno un simile corpo celeste direttamente sul posto. Secondo le prime analisi dello spettrometro Virtis il nucleo sembra ricoperto di un materiale scuro, con una temperatura stimata di circa -70 gradi centigradi, almeno 20 o 30 gradi più alta di quella che avrebbe una cometa con un nucleo esclusivamente di ghiaccio. Oggi Rosetta si trova a circa 1100 chilometri dal suo obiettivo.

leggi di più 0 Commenti