La storia del militare che avvista un ufo nei cieli di Riposto (Sicilia)

Alcuni quotidiani riportano la storia di un avvistamento molto particolare. Secondo la Lasicilia un ufo sarebbe stato notato a Riposto da un militare delle forze armate (al Centro Ufologico siciliano diretto da Salvatore Giusa), lo scorso sabato intorno alle 5,30. "Mentre correvo sul lungomare in direzione di Torre Archirafi" – ha raccontato il militare al Cus – "ho alzato la testa verso est, in direzione del mare ed è stato allora che mi sono accorto che in cielo c’era uno strano oggetto. " Il Centro ufologico ha acquisto del materiale fotografico che ha deciso di inviare secondo quanto dichiarato ad un "esperto" che vive in messico. A seguire le foto e il resto della storia.

Questa la dichiarazione del testimone

 

Correvo nel lungomare di Torre Archirafi concentrato nella respirazione e nella strada in direzione Torre Archirafi-Riposto quando alzando la testa al cielo in direzione a est verso il mare e nell'orizzonte mi accorgevo dell'esistenza di una anomalia nel cielo. In un primo momento ho pensato che era solo il sole che da li a poco era in procinto di sorgere e dava alle nuvole con un gioco di luci e ombre più luminosità con i raggi solari. Ma non era il sole sembrava più una forma od un oggetto a forma di disco, che era già presente al momento in cui mi accorgevo della sua presenza. Quindi nello stupore mi giravo intorno per vedere se qualcuno se ne fosse accorto ma quasi nessuno guardava nello stesso punto, istintivamente ho preso il cellulare che da prima utilizzavo per ascoltare la musica, e ho repentinamente fotografato l'oggetto con il mio cellulare. L'oggetto era giallastro-bianco pur non presentandosi con manovre nel cielo, pulsava e vibrava come una foglia. Inizialmente era di una intensità di luce che si confondeva col cielo, in un secondo momento ha acquisito una intensità quasi maggiore.

Crediti: C.u.s centroufologicosiciliano

Lo studioso e le sue conclusioni

Nonostante il CUS non fornisca gli scatti originali invia il materiale al quello che definisce "lo studioso Daniele Cataldi", che vive in Messico e si definisce esperto internazionale di fenomeni ufologici e responsabile del settore di monitoraggio ottico-strumentale per l’osservazione e lo studio degli Ltpa (Luminous Transient Phenomena in the Atmosphere). «Cataldi nella relazione tecnica che ci ha inviato – ha dichiarato il presidente Giusa – afferma che l’oggetto, sottoposto ad uno studio elettronico delle immagini, non ha mostrato alcun segno di contraffazione, anche se l’avvistamento si regge sulle affermazioni del testimone. Esclude Cataldi che l’oggetto avvistato possa essere un pallone sonda, un aereo, un elicottero o un qualsiasi fenomeno atmosferico a noi noto noto».

La relazione integrale

In data 3 Settembre 2016, mi venivano recapitate alcune fotografie dal Presidente del Centro Ufologico Siciliano, Salvatore Giusa, le quali mostravano un oggetto dall’apparente forma ellittica, luminoso e posizionato nel cielo mattutino caratterizzato da una moderata nuvolosità. Secondo quanto è stato possibile appurare, Le foto sono state realizzate il 3 Settembre 2016, ma mancando i dati EXIF nelle stesse non è possibile ottenere altri dettagli, non solo sull’immagine ma anche sul sistema di ripresa.  Detto questo, l’oggetto stagliato nel cielo, sottoposto ad uno studio elettronico delle immagini non ha mostrato alcun segno di contraffazione (corte, fili o segni di ritaglio), anche se ovviamente, l’oggettività di tale caso di avvistamento si regge all’80% sulle affermazioni rilasciate dal testimone. 

Secondo le misurazioni effettuate l’oggetto sembra stagliarsi ad alcune centinaia di metri di distanza, e ad una quota relativamente bassa, visto che le nuvole in lontananza ne suggeriscono la posizione. La presenza stessa di un elicottero a poca distanza dall’oggetto stesso ce ne può indicare la grandezza, pur considerando che il velivolo convenzionale sembra trovarsi più vicino al testimone e dunque con le dovute proporzioni si può facilmente comprendere che l’oggetto ellittico abbia un diametro di 15-20 metri (almeno).  L’interrogativo principale è capire di cosa si tratta… è facilmente intuibile comprendere di cosa non si possa trattare: un pallone sonda, un aereo, un elicottero o un qualsiasi fenomeno atmosferico noto.  A questo punto l’oggetto risulta a tutti gli effetti non identificato. Il testimone, per altro, un graduato dell’esercito ha voluto ribadire come questo non sia solo che l’ultimo di una serie di avvistamenti avvenuti in Italia che hanno visto la sua persona un diretto testimone, il quale però, per ovvie ragioni, ha chiesto di volere rimanere anonimo. I filtri di elaborazione utilizzati sul soggetto, mostrano come questo abbia in effetti una sua geometria tridimensionale, un’aurea tutt’intorno e dunque un proprio campo, effetto in parte dovuto alla sua elevata luminosità rispetto al fondo. In definitiva posso certamente confermare che si tratta di un oggetto reale ma sulla cui natura non è possibile dare un parere definitivo.


In realtà noi aggiungiamo che le fotografie tagliate non permettono neanche di escludere un'altra ipotesi cioè che si tratti di un riflesso o di un'altra sorgente luminosa, la cui natura non è nota a causa degli scatti editati e non originali mandati dal testimone. Dunque che l'oggetto sia "reale" è tutto da dimostrare. Al CUS il militare avrebbe rivelato la sua vera identità, ma la sua storia pare non avere gli elementi base per portare ad un'identificazione certa. 

Scrivi commento

Commenti: 11
  • #1

    Nuccio (mercoledì, 07 settembre 2016 10:47)

    Mi sembra il mino che il militare rimanga nascosto, se lo vengono a sapere poi addio carriera

  • #2

    MassimoStizzini88 (mercoledì, 07 settembre 2016 11:02)

    Ci sta ci sta in sicilia non è il primo caso nella zona di catania

  • #3

    El Pais (mercoledì, 07 settembre 2016 12:14)

    L'oggetto non ha profondità ma quale ufo non stava volando almeno da quello che si capisce da quei due fotogrammi.
    Consiglio al signore messicano di farsi due tacos :D

  • #4

    Daniele (mercoledì, 07 settembre 2016 15:18)

    Pur non erando nello specifico del caso in questione, mi viene da sorridere.
    In pratica la faccenda Ufo-Prove possiamo rissumerla cosi
    Caso 1
    Vedete un UFO e raccontate il fatto.
    Non vi credono vogliono come minimo una foto e la faccenda viene rigettata in toto.
    Caso 2
    Vedete un UFO e lo fotografate col telefonino, ma la prova non e' valida potrebbe essere un riflesso o altro, del resto non sappiamo come sia fatto un UFO quindi non esiste un paragone di riferimento, il fatto viene nuovamente rigettato.
    Caso 3
    Vedete un UFO, ormai spazientiti lo fotografate col cellulare,poi tramortite con un badile l'alieno che lo pilotava,gli prendete un campione di DNA (o cmq corporeo) e non ancora contenti smontate il parafango dell'UFO e vi portate il tutto a casa.
    Ma il fatto viene ennesimamente rigettato, le foto possono essere un riflesso o una montatura,il dna potrebbe semplicemente appartenere ad una specie animale terrestre ancora non catalogata o sconosciuta alla scienza. E il parafango dell' UFO che avrebbe una componente isotopica ovviamente differente da quella terrestre potrebbe semplicemente essere dichiarato come un oggetto realizzato con materiale meteoritico a scopo di burla. Del resto la scienza ufficiale non sa che lega usino gli alieni ne quali parti possano essere un pezzo di UFO o no, e nuovamente manca un campione di riferimento per dichiarare l'autenticità del manufatto.
    Insomma se vedete un UFO e un alieno dovete portarlo in questura fargli fare l'autocertificazione in carta da bollo di cittadino extrasolare, immatricolare l'ufo come mezzo atto a voli interstellari....poi annunciate il fatto avvenuto...e ne voi ne la questura sarere creduti lo stesso.
    Ricapitolando....se vedete e fotografate un UFO....raccontatelo agli amici e basta !
    tanto nessuno al di fuori di parenti e amici vi credera' mai per poi sorridete alla critica
    "..,ma perche' i testimoni non si fanno mai avanti ? "
    Un saluto anonimo.....(P.S io ho visto ! che cosa ....non ve lo diro' mai !!!)
    : ) ciao raga e alla prox.

  • #5

    JoJoys (mercoledì, 07 settembre 2016 15:27)

    Questa daniele cataldi ha scritto un sacco di scemenze non a casa fa capo a gruppi di DI UFO SKYWATCHING tutti da ridere.

  • #6

    Davide (mercoledì, 07 settembre 2016 15:45)

    @Daniele

    Perchè non ci entri nel merito?
    Poi puoi giudicare, per te è un ufo?

  • #7

    Il forestiero (mercoledì, 07 settembre 2016 16:18)

    (Luminous Transient Phenomena in the Atmosphere)

    Sembrava anche una cosa seria poi...

    Comunque a raccontare di ufo si perde tempo, la gente è stupida superficiale interessata al contorno. E' peggio di dire che hai l'aids... poi ti fanno terra bruciata intorno...

  • #8

    64r (mercoledì, 07 settembre 2016 20:31)

    foto inservibili da buttare nel cestino

  • #9

    Daniele (mercoledì, 07 settembre 2016 20:51)

    @Davide
    Ciao grazie della domanda.
    Preciso che nel mio precedente intervento, sono stato ironico
    non me ne si voglia ma sapete da vecchio lupo di mare
    leggo da circa 25 anni le stesse cose per ogni foto o caso UFO..quindi.
    Comunque la tua domanda e' lecita e cerchero' di scrivere qualcosa
    di "minimamente sensato".
    Per prima cosa dubito fortemente che l'elicottero presente in foto
    sia il famigerato Boeing-Sikorsky RAH-66 Comanche. Il motivo e'
    che tale elicottero non e' mai entrato in servizio, e il progetto si e'
    concluso nel 2004.
    Apparira' subito evidente il paradosso.Dal momento che e' gia'
    difficile (o cmq non immediato) identificare il tipo di l'elicottero terrestre
    appare assai arduo sbilanciarsi sul presunto UFO. Comunque ho provato
    a ricavarci qualcosa sul presunto UFO
    Ho provato a ingrandire la foto presente nell'articolo e ad usare alcuni filtri.
    Dalla foto l'UFO non ha alcuna struttura visibile o identificabile, appare estremamente
    luminoso tuttavia sembra non irraggiare il cielo circostante.
    In uno scatto nella la zona intorno ai bordi dell UFO si evidenziano
    due ampie turbolenze semicircolari simili a parentesi
    schematizzabili cosi
    ((UFO))
    Non so cosa indichi si potrebbe ipotizzare una rotazione o emissione
    Curiosamente tale effetto e' anche presente
    intorno all'elicottero e tale turboleza visibile intorno all'elicottero e visivamente
    coerente con il moto rotatorio delle pale e del rotore di coda e anche con l'inclinazione
    prospettica.Tale effetto e' presente solo sul presunto UFO e sull'elicottero
    mentre e' assente negli altri oggetti della foto come sfondo e nuvole.
    Questo potrebbe indicare che la foto e' genuinao cmq potrebbe indicare
    che tale effetto non dipenda dalla compressione dei dati o da aberrazione.
    Nell'altro scatto si nota una varizione cromatica nell'UFO.
    Nella zona sottostante o bordo inferiore dell'UFO la luce vira verso il colore rosso
    Non so cosa dipenda da un punto di vista fisico l'emissione del del fondo
    dell UFO ha una frequenza piu' bassa rispetto alla parte superiore.
    Ma potrebbe benissimo essere una aberrazione cromatica.
    Non ho visto altro, e preciso la mia e' un analisi superficiale fatta sulle
    foto pubblicate nell'articolo e non su originali. Non ha valenza tecnicoscientifica
    E rappresenta solo una valutazione mia personale non professionale.
    Ripeto e' solo una valutazione superficiale !!!!! e personale !!!
    Sono aperto a qualsiasi altra valutazione senza nessun problema o chi voglia prendere spunto da cio' che ho scritto per altre valutazioni.
    Ciao Davide

  • #10

    Mark (giovedì, 08 settembre 2016 10:44)

    @daniele

    per quel poco che vedo e ne capisco l'elicottero potrebbe essere anche un dauphin e non necessariamente militare.
    sul disco luminoso condivido pienamente la tua prima ironica analisi... neanche se ti porti dietro l'alieno con l'ufo caricato sul pianale del carro attrezzi riuscirai a togliere a tutti i dubbi.

  • #11

    Morassut (giovedì, 08 settembre 2016 14:49)

    Se l'oggetto stazionava così tanto come mai non prendono i radar e vedono se ha lasciato tracce, il militare può chiederlo, non gli costa niente. Così si vede subito se l'oggetto era solido :)