Valkyrie, l'umanoide della Nasa arriverà su Marte ?

Se a sbarcare per primi su Marte non fossero gli esseri umani ma i robot? Alla Nasa ci stanno pensando sul serio. I pionieri potrebbero essere umanoidi chiamati Valkyrie, i robot più avanzati mai sviluppati, che preparerebbero l'ambiente marziano per i futuri coloni che verranno. Se l'agenzia spaziale americana pensa di mandare i primi astronauti su Marte intorno al 2030, i robot dovrebbero arrivare qualche anno prima per essere in grado di operare sul pianeta rosso e preparare un habitat sicuro. La Nasa sta sviluppando il progetto con il Mit, la Northeastern Universitye e l'Università di Edimburgo. Scopriamo qualcosa di più dei robot Valkyrie.

Valkyrie  è alto 1,80 metri e pesa mediamente 125 kg. Il suo concept fantascientifico ricorda gli umanoidi immaginati dai vecchi film degli anni 70, ma il suo sviluppo è rigorosamente scientifico. L'aspetto umano è utile per una sinergia tra robotica e ingegno umano, che ottimizza un "fax-simile" della nostra morfologia con l'aiuto dell'intelligenza artificiale. La strumentazione di base del robot è costruita dalla NASA, che ha chiesto aiuto ai ricercatori dell'Università di Edimburgo e al Massachusetts Institute of Technology per un perfezionamento pratico.

Come funzioneranno i Robot

Prima di tutto l'intelligenza artificiale dovrebbe pensare a un processo autonomo delle funzioni. Il ritardo nelle comunicazioni tra la Terra e Marte infatti crea un intervallo che rende impossibile un controllo remoto efficace. Si dovrà prevedere una sorta di funzioni da aggiornare ogni giorno, come avviene per i rover, che hanno compiti precisi decisi qui sulla Terra in grado di essere adattati alle necessità. E qui arriva il difficile. Una cosa è dare istruzioni semplificate come controllare un punto del suolo o spostarsi in una direzione, altro è imbastire un programma in grado di far funzionare un robot umanoide per l'allestimento di complessi abitativi, e un habitat accogliente per gli esseri umani che verranno.

Ci sono ancora altri due decenni prima che NASA arrivi sul pianeta rosso, dice il portavoce del Johnson Space Center, Jay Bolden. Ora è il momento per costruire il codice informatico che renderà i robot utili in ambienti ostili. Queste moderne "valchirie", saranno l'avanguardia dei robot che potrebbero rendere possibile la vita umana su Marte.

La robotica ha fatto passi da gigante negli ultimi cinque anni. Droni, veicoli autonomi, e intelligenza artificiale.Progetti come questi vogliono decenni per essere pensati e perfezionati, e ora qualcosa finalmente comincia ad accadere. E' arrivato il tempo dei robot ? Asimov avrebbe sorriso.

Scrivi commento

Commenti: 16
  • #1

    UfoDrome (lunedì, 23 maggio 2016 11:36)

    ... droni e rover radiocomandati da remoto (da umani) e i muli meccanici lasciamoli fuori dal contesto ... questi pezzi di latta non si avvicinano minimamente all'idea di Robot ipotizzata da Asimov già mezzo secolo fa, mirabilmente esposta da Ridley Scott nei suoi innumerevoli film ...

    ... bene che vada sono utili per portare gli animali domestici a far pipì ... altro che gestione e costruzione di moduli abitativi, colonizzazione di Marte e piena interazione col genere umano ... :)

  • #2

    Daniele (lunedì, 23 maggio 2016 11:59)

    Bel giocattolino non c'e' che dire.
    Il vero problema che nell'articolo non viene citato, e' sempre lo stesso !
    a cosa mi riferisco ?
    All'energia, ovvio. Si ritorna sempre al punto di partenza esattamente come nei voli spaziali. Piu' una cosa e' complessa piu' e' tecnologica piu la rendiamo sosfisticata, e meggiore e' il bisogno energetico.
    Con un peso di 125 kg e svariati motori per i punti di mobilita' (senza contare il computer di bordo e le migliaia di sensori e le batterie) non sara' facile alimentare questo robot. Anche se la gravita' marziana ci viene in aiuto, sappiamo che tutti i prototipi piu' avanzati di robot hanno un autonomia operativa veramente ineficcace
    (da pochi minuti a qualche ora) nonostante i voluminosi pacchi batteria solitamente alloggiati a mo di zaino per bilanciare il robot bipede (ecco perche' nei test vedete sempre questi robot alimentati con una prolunga esterna)
    Questo sta diventando il vero tallone d'achille della nostra tecnologia. E lo vediamo tutti i giorni dai cellulari a megaschermo (io ne ho uno e va ricaricato tutti i giorni) ai portatili sempre piu' performanti ma sempre con autonimie limitatissime.
    E trovare un modo piu' efficiente per lo stoccaggio dell'energia (batterie di nuove generazioni) sta diventando una vera sfida sempre piu' difficile.Per dirla brevemente la tecnologia fara' anche passi da gigante, ma le batterie non riescono a tenerne il passo.
    qualcuno potra dire che basta alimentarlo con celle a radioisotopi, ma credo non sia una strada percorribile. Dal momento che questi robot dovrebbero costruire gli habitat e le strutture di supporto per missioni umane in caso di incidente il rischio e' quello di contaminare gli habitat.
    Atro groso problema sara' la polvere maziana, con tutti quegli snodi e iservomeccanismi per i gradi di mobilita' il robot sara' molto piu' vulnerabile.
    Lo svantaggio sara' proprio il suo essere bipede. Se la polvere una volta infiltrata bloccasse per esempio un braccio il robot dovra' essere riprogrammato per ribilanciare il perso del corpo durante la deambulazione, e se bloccasse una delle articolazioni degli arti inferiori il danno potrebbe essere irreversibile.
    Una bella "gatta da pelare" che dovra' essere risolta in un ventennio.
    C-3PO e R2 D2 sono avvisati e che la forza sia con loro (possibilmente nelle batterie)

  • #3

    Coleum (lunedì, 23 maggio 2016 12:08)

    Non vorrei che fosse un modo per ritardare la missione

  • #4

    Roy.T. (lunedì, 23 maggio 2016 12:34)

    Sono almeno 10 anni che questi robot sono in fase sperimentale. Mi ricordo i primi video della Boston Dynamics e la loro creatura "big dog", destinata a fare da mulo ai soldati dell'esercito. Penso nella lunga distanza siamo ancora molto lontani nel creare un robot totalmente autonomo. La polvere marziana inoltre fu la responsabile della copertura parziale dei pannelli solari nella sonda recentemente inviata. Basta un piccolo imprevisto per far mandare a monte una missione così importante. Inoltre non dimentichiamo i venti marziani che possono arrivare a 400km/h.
    La formula ibrida uomo/macchina è quella che garantirebbe un successo maggiore della missione ma il viaggio sarebbe quasi certamente di sola andata per manzanza di una adeguata spinta di propulsione nel ritorno, ecco perchè credo che l'intento sia di inviare direttamente macchine, anche se di fatto persone volontarie che accetterebbero questo tipo di viaggio ci sono già.

  • #5

    Velardi85 (lunedì, 23 maggio 2016 12:34)

    Ciao a tutti, complimenti per il sito...c'è una scheda tecnica completa sul robot e sul casco con i sensori.

    http://phys.org/news/2016-05-nasa-valkyrie-robots-table-human.html

    Le batterie post litio sono sempre più performanti e piccole. Le ricaricano ad energia solare, come per i rover. Ma quanto durano? Il problema secondario è la programmazione, secondo me per essere una cosa seria servono almeno 100 robot con compiti tutti diversi. E se si guastano? a me non sembra una grande idea tutto sommato.

  • #6

    Claudio (lunedì, 23 maggio 2016 13:17)

    E intanto le gente muore di fame

  • #7

    Daniele (lunedì, 23 maggio 2016 13:58)

    @Claudio
    La gente muore di fame perche' cio' e' dovuto l'aberrante modello economico che ci e' stato imposto da un gruppo di psicopatici che hanno in mano la finanza mondiale.
    Solo per farvi capire a che punto si e' giunti il Fondo monetario internazionale (si sempre loro) raccomanda che per far quadrare i bilanci occorre che la gente muoia appena raggiunta l'eta pensionistica. Cosi facendo i soldi delle pensioni non erogate possono finire tranquilamente nelle cassa del fondo monetario internazionale ripagando i debiti (i cui interessi tanto saranno sempre impossisibile di saldare)
    http://quifinanza.it/soldi/il-fmi-ha-trovato-la-soluzione-alla-crisi-economica-dovete-morire-prima/63665/
    L'FMI in barba a qualsiasi trattato umanitario propone lo smantellamento di qualsiasi struttura sociale e medica a carattere statale, dal momento che la forza lavoro necessaria al pianeta e ampiamente in sovrannumero (dovete crepare,e lo hanno una sacco di belle idee su come farvi crepare prima, e in piu' il FMI si diverte da matti a vederci sempre piu' disperati) Adesso vi sara' piu' chiaro perche' ci stanno togliendo la sanita' pubblica a favore di quella privata (cosi sborserete 150 mila euro per una appendicite e se non li avete preparatevi un bel funerale) e non venitemi a dire che tanto vi farete l'assicurazione privata e che paghera' lei (ahahahahahahahahahaha)
    si come no vi dicono che avete fatto una indigestione poi voi crepate e l'assicurazione mettera i 150 mila euro risparmiati a bilancio attivo e li distribuira' agli azionisti in forma di premio come avviene negli Stati Uniti (e se pensate il contrario allora vivete a paperopoli o su neverland)
    Quindi Claudio gli investimenti tecnologici sono sono la causa della crisi mondiale.
    E' ora che iniziate a informarvi !!! da fonti indipendenti !!! su come gira questo mondo aberrante ormai in mano alla cosiddetta finanza d'assalto e che iniziate a riconoscere i veri responsabili !

    @Velardi85
    La tua previsione sulle batterie post litio e' a dir poco ottimistica. Nonostante siano in commercio macchinine elettriche droni e perfino auto elettriche molto performanti, l'analogia non regge. Si tratta sempre di autonomie limitatissime, e in piu' tali manufatti sono progettati per lavorare in ambienti ottimali. Per esempio le auto elettriche viaggiano su strade lisce, e i loro motore elettrico deve solo vincere il peso e gli attriti con suolo e aria e il loro volume e' quasi interamente occupato dalle batterie e hanno cmq un autonomia introno ai 200 km (variabile a seconda della velocita')
    Nel caso di questi robot, il paragone non calza,poiche per ogni grado di mobilita' necessitano di un attuatore che ha sua volta moltiplica il bisogno di energia, e non devono solo camminare, ma dovranno svolgere lavori pesanti anche tenuto conto della gravita' maziana. In oltre la strada da te indicata dei pannelli solari propone altri altri problemi. Il primo e che le tempeste di polvere su marte possono durare mesi, i pannelli solari si possono graffiare e ogni graffio crea diffrazione riducendo l'irraggiamento delle celle solari, la polvere poi riduce la quantita' di raggi rievuti.
    Ma passiamo oltre, di sicuro non possimo mettere un pannello solare di 10 metri in testa al robot, ma dovremmo approntare una zona di ricarica e qui sorge un altro problema. Supponiamo che il robot abbia una autonomia di 24 ore e poi debba recarsi alla zona di ricarica (una specie di stazione di rifornimento alimentata da energia solare)..ne consegue subito una forte limitazione.Ossia al massimo il robot potra esplorare e muoversi in una zona che disti solamente 12 ore (le altre 12 per tornare indietro) dalla base di rifornimento altrimenti si spegne e tanti saluti.
    Allo studio ci sono nuove celle conbustibile (in pratica il robot dovrebbe cambiarsi la cartuccia e ripartire oppure la trasmissione di energia tramite microonde.In tal senso ci sono studi avanzati e test di prova gia fatti nei primi anni 2000(alimentando fino a 200 km di distanza un rilevatore) ma poi non se ne e' saputo piu' nulla (chssa' perche aaha)
    Cmq speriamo in batterie piu' performanti, ma esistono limiti intrinsechi.
    La vera rivoluzione sta' nel trovare una nuova fonte di energia piuttorsto che in nuove batterie. (secondo me).

  • #8

    Hiver (lunedì, 23 maggio 2016 13:59)

    @Claudio.

    Pazienza, non è la scienza che deve pensarsi ma la politica.
    Cordialità.

  • #9

    UfoDrome (lunedì, 23 maggio 2016 14:28)

    @Daniele

    ... che spingano per mandare la gente in pensione nella bara è cosa che vado sostenendo da minimo 25 anni (il disegno già allora era chiarissimo: versare e non godere) ... fin dall'ultimo governo Craxi (quando tolsero la scala mobile sugli stipendi) ... chi non ricorda le celeberrime riforme pensionistiche dei governi Amato e Dini ?

    ... Il mio auspicio è che si torni al campo agricolo coltivato e allevato in autosufficienza con tanto di baratto, pozzo artesiano, mulino e camino ...

    ... così l'FMI e la finanza globale e tutti i loro accoliti potranno darsi in faccia tutti i pezzacci di carta e i dividendi ... è gratificante il solo pensiero di negare una mela di produzione propria ad uno solo di questi parassiti ... facendogli ingoiare due tonnellate di inutile cartaccia azionaria ottenuta speculando sulla pelle di miliardi di persone ...

    ... Affamatori maledetti e viziosi ... contornati da zoxxole seriali ... questo sono ... la fame nel mondo e tutte le aberrazioni derivanti nascono da questa feccia parassita ...

  • #10

    Daniele (lunedì, 23 maggio 2016 14:41)

    @ Ufodrome.
    Lo sanno e ci hanno gia' pensato ! l 80% dei semi sono ogm e i semi dei frutti non germinano piu' perche' programmati per autodistruggersi.
    Cosi ad ogni semina il vostro guadagno finira' nella tasche delle corporation per ricomprare nuovi semi. Gia' questo varrebbe per monsanto e Fmi e Fao (che propone questi progetti in tutto il mondo) un bel biglietto per Norimberga e l'impiccagione per crimini contro l'umanita'....ma l'umanita' e' troppo presa dai gattini su You Tube !

  • #11

    Nello (lunedì, 23 maggio 2016 14:44)

    Che ve ne frega dei soldi,li mettete voi per caso? pensate all'8X1000 alla chiesa cattolica che diamo noi ogni anno a quei preti da strapazzo. Io li darei volentieri per andare su marte.

  • #12

    UfoDrome (lunedì, 23 maggio 2016 14:56)

    @Daniele

    ... lo so, difatti fin dalla fine dei '90 è nata una rete internazionale chiamata SeedSavers (in italia le prime affiliazioni sono sorte nei 2000) il cui scopo è ricercare, catalogare, stoccare, moltiplicare e ridistribuire (gratuitamente) antiche sementi originarie non contaminate da OGM (altro che Svalbard) ... in modo da contrastare lobbies del calibro della monsanto ... e non far crepare la gente ...

    ... vanno cercando fattoria per fattoria, contadino per contadino tutte le varietà originarie chiedendo in cambio un aiuto nella ricerca di tali sementi ...

    ... ovviamente hanno già cercato di farli chiudere cercando di dichiararli fuorilegge (la cosiddetta legalità va a braccetto con l'illegalità) ... ma non ci sono riusciti ... ;)

  • #13

    UfoDrome (lunedì, 23 maggio 2016 15:00)

    @Nello

    ... per quanto mi riguarda io il mio 8x1000 lo darei volentieri a me medesimo ... e difatti gradirei che fosse data la possibilità di inserire anche il proprio codice fiscale di 16 caratteri ... anziché solo quello di 11 di improbabili onlus e fondazioni tipicamente magnerecce ...

  • #14

    Receptionist (lunedì, 23 maggio 2016 22:22)

    Spesso ho l'impressione che ci prendano per i fondelli su tutto.
    Trattati contro l' inquinamento in vigore dal 2050, missioni spaziali su Marte, Europa ecc.
    Come ho giá ripetuto in passato, ma perché mai nessuno é tornato sulla luna, visto che replicare quella 127 spaziale, uguale, senza manco un optional in piú, oggi credo che potrebbe essere prodotta a un terzo del costo dell'epoca, se non di meno.
    Me tapino che penso troppo e male.

  • #15

    vradox (lunedì, 23 maggio 2016 23:55)

    bel robot... se ha l'intelligenza di uno scarafaggio è già superiore al 90% della popolazione mondiale... potrei farlo lavorare al posto mio... se mi supervalutano la panda ne prendo uno...

  • #16

    Daniele (martedì, 24 maggio 2016 01:24)

    errata corrige
    al mio commento n 7 riferito all' utente claudio
    correggo dicendo che gli investimenti tecnologici NON sono i responsabili della crisi mondiale (ho dimenticato il non nel mio commento originale) Scusate-
    @Receptionist
    Si ci prendono per il c...o tutti i giorni, ma la campagna di disinformazione e' talmente avanzata (piu' di 20 anni) e usa tecniche cosi avanzate (come la riprogrammazione neuro linguistica) che ormai la gente anche pensando di testa propria non sarebbe piu' in grado di distinguere la Merd....dal risotto (tranne forse il 5-10% della popolazione)
    Riguardo l'abbandono della Luna io propongo una teoria piu' originale e meno conosciuta. Facciamo un passo indietro. Nel 1969 in poco piu di 25 anni si era passati da caccia con ali ancora in tela (come i famosi Hurricane britannici) alla bomba atomica e alla conquista della Luna.Era molto facile immaginare a quei tempi che in soli altri 30-40 anni si potesse sfuttare la Luna sul piano minerario. Ma cio' mise in crisi le grandi compagnie (che finanziano tra l'altro anche la politica) poiche' la Luna essendo ricca di minerali avrebbe causato con il suo sfuttamento il crollo dei prezzi dei maggiori minerali (vista l'abbondanza)
    Ora dal momento che la prima regola di Wall Street e' "la devastazione crea grandi opportunita'" (tradotto crea poverta' miseria e disperazione fai mancare le risorse cosi i prezzi salgono alle stelle facendo guadagnare un sacco di soldi a chi tiene in pugno le risorse) la Luna divenne un tabu'.
    E' una teoria plausibile e che non tira in ballo una volta tanto gli omini verdi ops Grigi
    Va da se che si e' fatto un gran vociferare di strutture arificiali sulla Luna ma questo e' un altro discorso, forse sono basi aliene,forse degli Stati Uniti (yesss io sono personalmente sicuro che gli Usa hanno basi segrete sulla Luna visto che hanno basi gia' sul tutto il pianeta senza che nessuno si sia mai posta la domanda del perche ? visto che la WW 2 e' finita da un pezzo oh a tal prposito aggiungo che gli USA sotto falsa bandiera NATO (ma il controllo e' a esclusivo uso degli americani) hanno inaugurato tre belle basi con missilotti nucleari in polonia francia e romania pronte a sparacchiare sui Russi cosi una volta lanciati, i russi rispondono bombardando l'europa e gli usa la fanno franca dicendo che' e' stata la Nato e loro non centrano nulla cosi possono distruggere la Russia e evitare la ritorsione del resto sono maestri a fare la guerra a casa d'altri Dio gli strafulmini) forse sono cio che' resta di antichi avamposti dell' era degli Dei (probabile).
    Un saluto pre apocalittico !!! forse e' meglio scappare sulla Luna.