Il 15enne che ha scoperto una città Maya grazie a Google Earth

Un po’ di ricerche su Internet, una discreta abilità con le mappe di Google e una passione innata per l’osservazione delle stelle. Così, quasi per caso e senza neppure allontanarsi di un solo metro da casa, uno studente canadese di 15 anni ha scoperto un’antica città Maya rimasta per secoli nascosta dalla fitta vegetazione della giungla messicana.A La teoria formulata da William Gadoury dalla sua abitazione di Saint-Jean-de-Martha, una cittadina di 60 mila abitanti a nordovest di Montreal, è suggestiva. I siti nei quali i Maya costruivano le città – spiega in un’intervista al Journal de Montreal – rispecchiano la mappa delle costellazioni.  

William è il primo al mondo a ipotizzare una correlazione di questo tipo. «Ho analizzato 22 costellazioni Maya e ho scoperto che a ogni stella corrisponde una città Maya». Ma ha fatto un passo in più. In una costellazione qualcosa non tornava. C’erano tre stelle ma soltanto due corrispondevano a città conosciute. «Doveva essercene una terza che non era ancora stata scoperta». Le immagini satellitari fornite dall’Agenzia Spaziale Canadese hanno confermato le sue previsioni, mostrando figure geometriche che richiamano la forma di un’antica piramide e una trentina di edifici esattamente nell’area indicata dal 15enne.  

William Gadoury in visita all’Agenzia Spaziale Canadese
William Gadoury in visita all’Agenzia Spaziale Canadese

William ha battezzato la sua «creatura» Kaakchi, che nel linguaggio dei Maya significa «lingua di fuoco». «Non mi spiegavo perché queste popolazioni costruissero le loro città lontano dai fiumi, in aree remote, spesso impervie. Mi sembrava una scelta incomprensibile fino a che non l’ho collegata alla disposizione delle stelle». Se i rilievi sul posto confermeranno quanto sembrano rivelare le immagini dei satelliti, potrebbe trattarsi della quarta più grande città Maya di cui si abbia conoscenza».  

Il mondo accademico è entusiasta. Il professore Armand La Rocque, dell’Università di New Brunswick ha dichiarato che «la teoria elaborata da Gadoury potrebbe portare presto a nuove scoperte». William intanto si gode il momento di gloria e sogna di visitare la «sua» città nello Yucatan: «Sarebbe il giusto coronamento di tre anni di lavoro e l’esperienza più emozionante della mia vita».  

La Stampa

Scrivi commento

Commenti: 0