Alla vigilia della missione ExoMars: "se c'è vita su Marte la troveremo"

C‘è vita su Marte? La missione ExoMars dell’Agenzia Spaziale Europea cercherà di dare una risposta a una delle maggiori incognite scientifiche del sistema solare.Il lancio della sonda TGO (Trace Gas Orbiter) e del modulo d’atterraggio Schiaparelli è previsto per metà marzo dal cosmodromo di Baikonur, in Kazakistan. Per Álvaro Giménez, responsabile Scienza e Esplorazione robottica ESA, ExoMars è una missione da sogno. "Ci aspettiamo di ottenere la risposta alla domanda che abbiamo su Marte. Ospita forme di vita? E l’evoluzione? Ma anche come o cosa significherebbe per l’intera evoluzione del sistema solare, Terra inclusa”.ha detto lo scienziato. Troveremo le risposte alle nostre domande su pianeta rosso ?

L’arrivo a destinazione, dopo un viaggio di sette mesi, è previsto a ottobre. Il modulo di Schiaparelli (intitolato all’astronomo italiano Giovanni Schiaparelli, XIX secolo) atterrerà sul pianeta rosso con la stazione meteo ‘Dreams’ e altri strumenti; il Trace Gas Orbiter, invece, resterà in orbita per studiare l’atmosfera marziana.

Spiega Jorge Vago, membro del team responsabile del progetto ExoMars:Dal momento che sarà il primo atterraggio della missione durante la stagione delle tempeste di polvere, effettueremo misurazioni all’atto della discesa per poter determinare importanti parametri atmosferici in questo periodo dell’anno marziano poco studiato”.

Marte si ritiene possa essere stato un luogo ideale per la vita extraterrestre visto che un tempo disponeva di acqua e atmosfera.

Dotato di macchina fotografica e spettrometri l’“orbiter” identificherà le tracce delle fonti di gas che potrebbero essere la prova di attività biologica o geologica.

Sulla Terra il 90% del metano è prodotto da organismi viventi quindi bisogna capire quali sono qui le fonti.

 

Spiega Nicolas Thomas, direttore della ricerca CaSSIS (Colour and Stereo Surface Imaging System): “Andiamo ad analizzare molto dettagliatamente le componenti dei gas di questa atmosfera ma anche il potenziale per la generazione dei gas che potrebbe essere indicativo di attività vulcaniche magari connesse a fenomeni di sublimazione d’acqua con la liberazione di gas e naturalmente, si può parlare di vita, come un elemento biologico anche se ammetto di essere sostanzialmente scettico”.

 

Il programma ExoMars sarà anche il test di un certo numero di voli essenziali in loco grazie a tecnologie ritenute necessarie per le prossime missioni di esplorazione come ad esempio la futura missione internazionale Mars Sample.

 

In particolare, attraverso il modulo Schiaparelli, questa missione verificherà le tecniche per arrivo, discesa e atterraggio, fra due anni, di un rover/laboratorio mobile sulla superficie marziana.

“Tutto questo guarda al futuro – dice Jorge Vago -, alla gestione delle altre missioni e alla nostra industria in Europa, che potrebbero prefigurare di atterrare anche in questo periodo dell’anno. Naturalmente sarà importante per le future missioni, comprese quelle con astronauti”.

Il programma ExoMars prevede due missioni. La prossima verrà lanciata nel 2018 e includerà un rover dotato di una trivella di due metri di lunghezza, oltre a un kit di strumenti dedicati alla esobiologia e la ricerca geochimica.

Il rover cercherà potenziali tracce fossilizzate di vita passata, scavando molto più in profondità di quanto sia mai stato fatto sulla superficie di Marte.

Il programma ExoMars è una cooperazione fra l’“Agenzia Spaziale Europea e l’ente spaziale russo Roscosmos.

Importante anche la partecipazione dell’Agenzia Spaziale Italiana. L’ESA ha assegnato all’industria italiana la leadership principale di entrambe le missioni; oltre alla responsabilità complessiva di sistema di tutti gli elementi, è anche italiana la responsabilità diretta dello sviluppo del modulo Schiaparelli, del perforatore di due metri e del centro di controllo da cui il Rover verrà operato.

Euronews

Scrivi commento

Commenti: 7
  • #1

    IBelive (mercoledì, 09 marzo 2016 14:08)

    Certo come l'hanno trovata negli anni 70.
    Trovata a e distrutta.

  • #2

    Ettore (mercoledì, 09 marzo 2016 14:53)

    Speriamo sia la volta buona...

  • #3

    Il Forestiero (giovedì, 10 marzo 2016 10:12)

    Un anno fa erano state trovate tracce biologiche fossili...in un articolo sulla rivista "International Journal of Aeronautical and Space Sciences", di tre ricercatori italiani, guidati dal professor Giorgio Bianciardi del dipartimento di Biotecnologie mediche dell'Università di Siena era spiegato tutto nei dettagli.

  • #4

    Massi6 (giovedì, 10 marzo 2016 13:54)

    Non chiamatela vita aliena, cercano composti organici.
    La rivoluzione antropologica per noi è trovare vita intelligente.

  • #5

    UfoDrome (giovedì, 10 marzo 2016 16:25)

    Ma non gli conveniva cercare Venusiane ?

  • #6

    Yale (giovedì, 10 marzo 2016 16:53)

    È piu facile che ci trovino quelle piuttisto che teschi, bibbie, croci e rospi, scientificamente parlando.
    @Massi
    Neanche un po' ...... l'esistenza di vita su marte sarebbe una notizia importante oltre ogni tua immaginazione per le implicazioni astrobiologiche e di prospettiva. Cose che vanno oltre la comprensione di certe piccole menti, che pensano che la vita aliena siano solo grigi stereotipati.

  • #7

    Daniele (venerdì, 11 marzo 2016 10:17)

    Parliamoci chiaro.
    Quante volte abbiamo letto questo tipo di annunci dai presupposti clamorosi sul pianeta Marte ?
    Non so voi, ma io da quasi "vecchietto" credo che sia piu' o meno dagli anni 80'.
    Dieci anni fa avrei scritto che se fosse stata trovata la vita su Marte tutto sarebbe cambiato. Beh, avevo torto !
    Anche se trovassimo batteri su Marte al massimo assisteremmo ad un bombardamento mediatico di circa una settimana al massimo. Dopodiche' tutto verrebbe digerito,assimilato,dimenticato. Siamo pieni di notizie shock, anzi ne siamo letteralmente bombardati, eppure oramai quasi non ci facciamo piu' caso, dopo uno sgozzamento in diretta, il telegiornale passa tranquillamente al servizio successivo, il cappellino eccentrico della "regina tal dei tali" sfoggiato nell occorrenza del famoso evento "chissenefrega". Basterebbero poche settimane, una volta assimilata la notizia della vita su Marte, per far scadere le eventuali nuove scoperte, nel deja vu, nello "scontato" relegate al massimo a pagina 87 dei quotidiani,subito sotto la notizia "nonna Piera compie 101 anni".
    Senza contare che sicuramente qualora vi fosse lo storico annuncio sulla vita marziana,sappiamo benissimo che nel giro di pochi giorni,molto probabilmente finiremo nella tiritera dei forse,dei distinguo,dei dietro front,e dei "nuove analisi potrebbero smentire la notizia....forse si e' trattato solo di complesse reazione chimiche ecc,ecc.(vedi per esempio i mantra sul meteorite marziano,l'infinita prosopopea durata 40 anni acqua si acqua no, e vita si vita no dei test eseguiti dalle missioni Viking).
    Ecc,ecc, forse vi sembrero' cinico ma credo che piu' o meno finira' cosi, per esempio poco tempo fa si e' concluso un esperimento durato 20 anni. Due Tardigradi (o orsi d'acqua) sono stati risvegliati dopo un congelamento a-20 gradi durato 20 anni, con lo stupore dei ricercatori, i tardigradi si sono svegliati tranquillamente e perfino di buon umore,le loro uova ibernate si sono schiuse con piccoli perfettamente sani.
    Qualcuno ha forse sentito la notizia ? io no, l ho trovata solo nel mio girovagare in internet alla ricerca di notizie interessanti. La vita su marte ? notizia fantastica, dubito pero che lo speciale televisivo ipotetico possa battere l'isola dei famosi, meglio mandarlo in seconda serata...magari con Adam Kadmon,Cecchi Paone,Pinotti, e il divino Othelma, magari ci mettiamo pure un criminologo,uno psicologo e l'immancabile Brosio che sono come il prezzemolo. Ciliegina della serata, poco prima dello stacco pubblicitario la conduttrice ha un "incidente"..gli scoppia il reggiseno e rimane a seno scoperto. Pubblicita' fine trasmissione, a seguire lo speciale "saremo invasi dai batteri marziani ? come proteggersi ? "
    ...credo spegnendo la tv...
    ..Raga..sto in un periodo buio....saluti battericomarziani a tutti i gli exolettori.