La nuova interpretazione del segnale Wow! 

Il segnale Wow! passò allo storia come l’appunto accanto a una sequenza di numeri e frequenze, scritto di getto in un giorno d’estate - il 15 agosto 1977 - da Jerry R. Ehman, mentre lavorava per il «Progetto Seti» con il radiotelescopio Big Ear dell'Università dell’Ohio. Per le sue caratteristiche fu considerato il primo possibile segnale alieno mai individuato. A distanza di quasi 40 anni il prof. Antonio Paris astronomo al St Petersburg College in Florida, prova a formulare un'ipotesi alternativa. Vi spieghiamo quale.

Il segnale Wow! costituisce tutt'ora un rompicapo per gli scienziati. Non solo aveva avuto una durata anomala, 72 secondi, ma (altro elemento incredibile) possedeva le caratteristiche previste un ventennio prima da altri due ricercatori, Giuseppe Cocconi e Philip Morrison, il suo valore di 1420 Mhz corrispondeva alla radiazione dell’idrogeno, l’elemento più comune nel cosmo, e quindi da un punto di vista logico rappresenta il messaggio universale per antonomasia, quello che qualunque mente può concepire come l’alfa e l’omega. Quel giorno di Ferragosto avrebbe potuto trasformarsi in una delle date-chiave dell’umanità e invece evaporò in una nube di dubbi. Il bis non c’è mai stato e senza repliche certe non c’è scienza. 

Fin'ora non erano emerse soluzione alternative credibili. Ma pochi giorni fa il Prof. Antonio Paris, astronomo al St Petersburg College (Florida) ha pubblicato una ricerca intitolata Hydrogen Clouds from Comets 266/P Christensen and P/2008 Y2 (Gibbs) are Candidates for the Source of the 1977 “WOW” Signal che fa ricadere l'origine del segnale al passaggio di due comete, la 266P/Christensen e P/2008 Y2, che proprio nel 1977 transitarono nel raggio d'azione monitorato dal radiotelescopio. Secondo Paris l'idrogeno rilasciato dal loro nucleo potrebbe aver causato il segnale. Allora nessuno obbietto nulla perché le comete erano sconosciute e vennero individuate solo due anni dopo.

Cosa dice in sostanza l'ipotesi di Paris? Lo spiega Luigi Bignami su Focus, con parole molto chiare:

 

Quando le comete passano vicino al Sole dalla loro superficie sublima una grande quantità di vapore acqueo che, bombardato dai raggi ultravioletti, si spacca nei suoi componenti: idrogeno e ossigeno.

 

L'idrogeno libero va a formare la coda della cometa e sottoposto all'energia che arriva dal Sole inizia a vibrare assorbendo e rilasciando energia. Ciò avviene a una frequenza di 1420 megahertz: una "firma" dell'idrogeno. Il segnale alieno era "solo" questo?

Tanti dubbi

Alcuni ricercatori sono scettici, non è chiaro in che modo le comete avrebbero liberato abbastanza idrogeno per generare qualcosa che somigliasse vagamente al segnale Wow! che il telescopio Big Ear potesse individuare.

 

James Bauer del Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California, concorda sul fatto che l'idrogeno prodotto dalle comete possa propagarsi in lontananza, ma non in modo così forte da generare un segnale simile. "Se le radiazione delle comete fossero cosi potenti, sarei perplesso sul motivo per cui non sono stati osservati più spesso a quelle lunghezze d'onda", dice Bauer intervistato.

 

Paris sostiene che solo le osservazioni future determineranno se ha ragione. Una prova cruciale sarà la velocità con cui le comete si muovono attraverso il cielo. Se sono troppo veloci o troppo lente la captazione del segnale Wow! non sarebbe temporalmente compatibile. Tuttavia "l'ipotesi deve essere testato prima di essere esclusa" sostiene Paris. In attesa di conferme o smentite vi invitiamo a rileggere come Robert Gray ripercorreva nel suo libro "The Elusive Wow",  l'avventura di quei tempi quando il Seti accarezzò il sogno del contatto.

Scrivi commento

Commenti: 11
  • #1

    neutrino (venerdì, 15 gennaio 2016 17:24)

    Però, noi terrestri, abbiamo inviato una sonda e un rover sopra una cometa.
    Le comete potrebbero essere sfruttate come vettori, in futuro.
    Se loro lo avessero già fatto, riuscendo ad inviare un messaggio ?










  • #2

    Il forestiero (venerdì, 15 gennaio 2016 18:25)

    Se sono state due comete è facile verificarlo al prossimo incontro orbitale, io non credo, saremmo pieni di messaggi a 1420 Mhz come ha detto quello del JPL, invece wow! si chiama così proprio per la sua unicità, mica si chiama "beh!" ;))

  • #3

    IBelive (venerdì, 15 gennaio 2016 18:41)

    @"Se loro lo avessero già fatto, riuscendo ad inviare un messaggio ?"

    Niente di strano, oppure ci stanno mandando altri segnali che non siamo capaci di leggere. Segni invisibili con la nostra attuale tecnologia, o schermati..chissà...
    Ti faccio un esempio: se hanno mandato messaggi radio che sono arrivati da noi nella preistoria, per gli uomini primitivi sarebbe stato impossibile captarli. Fai una similitudine e datti la risposta.

  • #4

    Daniele (venerdì, 15 gennaio 2016 19:23)

    Verrebbe da dire Gulp !
    Cmq sia restiamo nel campo delle ipotesi su ambedue i fronti.
    Verrebbe da pensare come gia' scritto sopra da Forestiero che vista la moltitudine di comete in perenne movimento nel "letto" del cosmo, segnali di questo genere dovrebbero esseri decisamente piu' frequenti e abbastanza usuali.
    Riguardo ai messaggi interplanetari o interstellari come preferite, la questione resta molto complicata, e di difficile dipanazione. Potremmo riassumere il tutto in due questioni. Il mezzo usato e il linguaggio.
    Chiunque sia andato in vacanza all'estero con un retaggio scolastico da 4 in pagella in lingue straniere sa benissimo la difficolta ad intendersi perfino tra terrestri, la cosa dovrebbe essere piu' ardua di conseguenza con i nostri "cugini cosmici".
    Gli scienziati optano per linguaggi matematici consci del fatto che 2 piu' due faccia 4 anche su zeta reticuli. Ma il problema persiste lo stesso visto che anche se due piu' due fa 4 in tutto l'universo rimane il problema di come comunicarlo. E qui la faccenda appare di facile comprensione semplicemente facendo ricorso alla storia terrestre della comunicazione e dei vari mezzi.
    I segnali di fumo non potevano essere capiti dall'uomo bianco, ne gli indigeni capivano cosa fosse un telegrafo, ne potevano interpretare punti e linee su un foglietto di carta.
    I segnali radio trasmessi su AM passavano inosservati su radio a FM, e viceversa, senza contare i milioni di canali possibile per la trasmissione. Segnali digitali spesso necessitano di ricettori in grado di capire un determinato linguaggio macchina ecc,ecc
    Potremmo immaginare poi segnali laser o quantici e magari perfino telepatici.
    La cosa buffa e' che potremmo perfino essere invasi e pervasi da milioni di comunicazioni galattiche, ma non siamo in grado di captarle.
    Nella vastita' del cosmo per ora potremmo essere assimilati ad un indigeno su un isola deserta che ascolta il rumore del mare all'interno della conchiglia mentre tutto intorno a lui milioni di messaggi su internet, radio tv, cellulari, gsm, ecc pervadono l'etere con un unico messaggio (noi siamo qui)....ma la conchiglia purtroppo "non ha campo"
    Saluti intergalattici a tutti.

  • #5

    Klas (venerdì, 15 gennaio 2016 19:52)

    I messaggi viaggiano anche nei neutrini e nei fotoni, possono farsi sentire con questi sistemi molto evoluti, anche se il seti si ostina sempre a monitorare SOLO i segnali radio..secondo me senza senso. Forse per ricevere gli stessi finanziamenti da secoli?

    E Sempre che si vogliano far sentire da noi, che siamo interessanti per modo di dire.
    ... Chissà quante civiltà meno stupide della nostra ci sono nella via lattea e oltre? ..

  • #6

    El Pais (sabato, 16 gennaio 2016 12:28)

    Siete troppo ottimisti...

  • #7

    ervine (lunedì, 18 gennaio 2016 12:58)

    quando non sanno cosa dire al pubblico, cominciano a spararle sempre più grosse. Prima avevano detto che era stato generato da un forno a microonde nei dintorni, poi quando le persone (che sono stupide ma non proprio del tutto) si sono messi a ridere hanno tirato fuori la storia delle comete. Come ha detto bene nell'articolo, data la nube di oort piena di comete che sono attratte dal sole dovremmo essere pieni di segnali wow, anzi dovremmo avere solo segnali wow. Stavolta hanno aggiustato il tiro con una panzana più scientifica apparentemente. Se questa è la scienza di oggi, ci dovremmo preoccupare. TUTTI

  • #8

    UfoDrome (martedì, 19 gennaio 2016 11:54)

    WOW! ... ma per favore ... stiamo parlando del nulla ...

    una comunicazione aliena o di una qualsiasi forma di vita intelligente presuppone una sequenza, magari incomprensibile ma regolare e costante, di segnali ...

    ... SEMPRE AMMESSO CHE COMUNICHINO TRAMITE FORME DI ENERGIA A NOI NOTE ...

    ... mentre qua stiamo a disquisire su un segnale datato agosto '77 seguito dal nulla assoluto ... per poi scoprire che magari è stato causato da eccezionale bombardamento di guano pipistrellare :):):)

    ... SETI: ovvero mai visti tanti fondi spesi inutilmente per il nulla ... LA VERA PENSIONE A VITA PER Seth Shostak ... COI TEMPI DI RECESSIONE CHE CORRONO E' LUI IL VERO ALIENO !!!

  • #9

    Daniele (martedì, 19 gennaio 2016 18:27)

    @Ufodrome
    Si ma ricordiamoci che non esiste nessuna recessione.
    E solo una invenzione di chi e' ricco per diventare ancora piu' ricco ! e come si fa ?
    semplice si inventa una crisi, e. con la scusa della crisi non si paga piu' il lavoro (il nostro) e state tranquilli che anche se passassero 50 anni voi continuerete a guadagnare una miseria e quando chiederete un aumento ......"eh,,,,,c'e' la crisi...."
    si come no cerrrrto....
    Non mi sembra che nessun amministratore delegato o megaimprenditore si sia visto ridurre lo stipendio. Anzi, mai come dall'inizio della crisi gli amministratori delegati di grosse corporazioni hanno mai guadagnato tanto.
    Ormai certi compensi e stipendi raggiungolo cifre pari l'intero pil di paesi come la Polonia, mentre il livello diella vita in genrale sta cadendo a picco. Stanno ritornado casi di malnutrizione, analfabetismo, colera, mancanza di accesso a strutture sanitare perfino in europa grazie alla famosa crisi dei miei stivali.
    Per citare un tizio famoso col pulloverino che frigna dell'Italia dal mattino alla sera e che vende auto basti pensare che l'intero fatturato di uno degli stabilimenti piu' grossi d'italia da lui amministrati non copre manco il'50% del suo stipendio. Alla faccia della crisi....(nostra) ma loro ormai guadagnano talmente tanto che potrebbero comprarsi una nazione intera altro che villa e piscina.
    L'abbassamento e' cosi pauroso e celato che in America la TBC ha superto le morti per malattie cardiache e cancro. Senza contare che dove la scuola e' stata privatizzata con costi esorbitanti per frequentarla l'analfabetismo in certe zone e del 30% come agli inizi del secolo.
    L'unico messaggio che gli alieni potrebbero mandarci e che non hanno mai visto una specie piu' stupida di noi.
    Un saluto a tutti e a quello dell pulloverino...datti almeno una ripulita !!! coi soldi che guadagni fatti almeno un bagno e vai a frignare da un altra parte !
    Troppo ? non so se si e' capito il messaggio ,.......ahhahahaha

  • #10

    UfoDrome (venerdì, 22 gennaio 2016 09:52)

    @daniele

    ... sulla recessione siamo perfettamente d'accordo ... ovviamente era per dire ...

    ... figurati se mi infinocchiano le chiacchiere di questi scandalosi servi massoni (pardon, governanti) ...

  • #11

    Daniele (venerdì, 22 gennaio 2016 18:16)

    Ci mancherebbe Ufodrome siamo assolutamente in sintonia ti leggo sempre volentieri e ovviamente ho solo preso lo spunto dal tuo commento per parlare della fomosa "crisi" (ormai assimilabile alla famosissima invasione delle vipere volanti avvenuta il 32 di ottembre dell'anno circamenoquasi).
    Invece di scrivere @ Ufodrome avrei dovuto scrivere "prendendo spunto da Ufodrome..."
    si e trattato di un lapsus (o lapis ? ahahahah).
    Scusa per l equivoco mai pensato che tu fossi incline all'abbindolamento.
    aahahahahaha
    Un saluto anzi, un salutoDrome.