Il mistero della foresta "incantata" di Gryfino

In Polonia esiste un angolo di foresta dove gli alberi crescono "storti". La vicenda da quasi 100 anni interroga gli scienziati. Nella località di Gryfino circa 400 pini sono quasi tutti cresciuti con il tronco curvato che si riallinea verso l'alto dopo una deviazione di 90°.Un bel mistero, soprattutto considerando che i restanti alberi della foresta sono cresciuti normalmente. Nel tempo la località è diventata ovviamente famosa, attirandosi la fama di località "incantata".

Questa è la sua storia.

La "foresta storta" attira ogni anni migliaia di turisti ed è diventata zona protetta. Gli arbusti nonostante la strana curvatura,sono cresciuti normalmente, alti e apparentemente sani con una folta chioma. 

Ma qualcosa di strano intorno a questa foresta deve essere successo. Da quanto si narra i i pini vennero piantati intorno al 1930 da contadini locali. Qualcuno dice che gli alberi siano cresciuti in questo modo a a causa di un'intervento umano, ma nessuno sa dire a quale scopo tutto questo possa essere successo. Il mistero si trascina da quasi 100 anni. Nel corso del tempo sono stati tirati in ballo i fatti più strani, un esperimento militare, radiazioni, addirittura gli immancabili "alieni".


Qualcuno ha provato più realisticamente ad avanzare l'ipotesi che la "foresta storta" sia opera de vento, spiegazione subito scartata dagli scienziati, che spiegano che gli alberi a ridosso dovrebbe presentare lo stesso problema. Dalle ricerche condotte dagli scienziati inoltre non emergono modifiche alla struttura del tronco.

L'effetto fiabesco della zona è stato riscoperto in questi giorni quando una nuova spedizione di scienziati polacchi tenta di far luce sulla vicenda.

Colpa della neve?

 

La "foresta storta" aveva attirato la curiosità dei giornalisti già decenni fa. Nella rivista americana Life del marzo 1937 in un articolo a cura di Arthur Palme intitolato "La foresta di Hansel & Gretel", si leggeva: "Ho trovato l'uomo che ha piantato questi alberi. Egli mi ha informato che gli arbusti, quando avevano solo sei anni, erano stati sepolti nel rigido inverno senza precedenti del 1921, da una massa di neve e ghiaccio, che nella maggior parte dei luoghi ha superato i 4 metri. Per sei mesi questo enorme carico ha ricoperto gli alberi, prima che un sole di tarda primavera lo sciogliesse a poco a poco. A quel punto la maggior parte degli alberi erano completamente piegati ed i loro tronchi avevano preso una forma permanente. Ma presto la natura si impose di nuovo e ha avviato un processo di raddrizzamento, il cui risultato è mostrato nella foto".


Nessuna conferma ulteriore arrivò da allora e di questo contadino si persero le tracce. Negli ultimi 50 anni le storie più bizzarre si sono susseguite senza conferma rendendo la foresta luogo di pellegrinaggi e raduni mistici. In attesa che qualcuno faccia luce sul mistero

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    vradox (mercoledì, 18 novembre 2015 15:22)

    vicino a casa mia esiste un albero di noci che presenta una strana peculiarità: rimane secco e apparentemente morto per buona parte della primavera per poi ammantarsi di fogliame il 24 maggio (giorno più, giorno meno) lo chiamano "noce di san giovanni. le piante nate dalle sue noci invece sono assolutamente normali.