Esorcismo e pratiche esoteriche: in italia è boom

Diminuisce la fede ma aumentano le domande di chi chiede aiuto per sconfiggere le (presunte) possessioni del demonio. La notizia arriva dal convegno nazionale dell’associazione Internazionale Esorcisti. “Le richieste sono aumentate in maniera significativa” ha affermato intervistato dallAdnKronos Valter Cascioli, psichiatra e portavoce del Aie. Tuttavia, gli italiani che si sentono posseduti dal demonio non si rivolgono alle autorità religiose, ma a pratiche esoteriche. E chi è si ritiene posseduto bypassa la visita dal suo medico curate, forse per vergogna o per senso di frustrazione. Cosi Cascioli lancia l'allarme l'occultismo sta dilagando.

Cascioli ha lanciato l’allarme soprattutto ai giovani: “In base a recenti statistiche è emerso che sono quasi dieci milioni gliitaliani che ricorrono, o lo hanno fatto almeno una volta, a maghi e ad operatori dell’occulto”. Il motivo: affievolimento della fede e anche superficialità nel rapportarsi con gli eventi. “La nostra società – continua lo psichiatra – lascia adito all’occultismo che passano anche attraverso pratiche surrettizie”.

E se da un lato sono aumentate le richieste di esorcismi, dall'altro, come spiega Cascioli, "è aumentata anche la sensibilità della Chiesa nei confronti del maligno con la conseguenza che sono aumentati anche gli esorcisti nominati dai vescovi. Fondamentale - sottolinea il portavoce degli esorcisti - è distinguere i casi reali di possessione diabolica, dai casi di disagio mentale".


L'Aie assicura anche la formazione dei giovani esorcisti e l'aggiornamento. "C'è da dire - rileva Cascioli - che nei seminari non si studia demonologia ed esorcistica per cui i nostri seminaristi ne sanno veramente poco sul tema del maligno. L'aggiornamento - annota ancora Cascioli - favorisce uno sguardo sulla realtà sociale proprio alla luce dell'incremento delle pratiche occultistiche".

Padre Amorth brandisce la Croce
Padre Amorth brandisce la Croce

La chiesa senza peccato ?

In tutto questo scenario emerge prepotente la figura del vecchio esorcista modenese Padre Gabriele Amorth autore del libro “Memorie di un esorcista. La mia vita in lotta contro Satana” in cui parla della sua vita a combattere il maligno.

Ma le sue esternazioni ogni tanto fanno venire dei dubbi su dove sia questo demonio tanto pericoloso.In una recente intervista il prete aveva individuato pericoli nella festa di Halloween, sul diabolico Harry Potter, nei Pokemon e nei Teletubbies. Ma neanche le pratiche più nobili per la purificazione dello spirito erano stata rispariamete: yoga e meditazioni sarebbero un modo per avvicinarsi al demoni. Immancabile l'ultimo spauracchio occidentale: l'ISIS sarebbe anch'essa una costola del demonio. Forse è per questo che le cifre sugli esorcista nell'Unione Europe sono in brusco calo, con una vera moria di vocazioni in  Germania, Spagna e Inghilterra con l'Italia in controtendenza. Oggi i casi di presunta possessione vengono trattati da psichiatri e internisti con ottima esperienza nella cura dei disagi mentali e delle paranoie effettive. Lo confessa lo stesso Amorth dispiaciuto "moltissimi preti e molti vescovi purtroppo non credono a Satana.Ci sono nazioni intere senza esorcisti: là molti vescovi non credono nel demonio e arrivano addirittura a dire in pubblico: l’inferno non esiste, il demonio non esiste”.  In Italia questo pericolo non c'è e padre Amorth non può correre il rischio di rimanere disoccupato.

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Malles (domenica, 20 settembre 2015 11:29)

    Parlare di demoni e di esorcismi, significa attirarsi il ridicolo, se non di persona sprovveduta e affetta da infantilismo cronico o da rimbambimento senile. ma ciò che è stato messo fuori dalla porta sta entrando dalla finestra. Mi riferisco a certi spot pubblicitari che sfruttano l'immagine tradizionale del diavolo per dare "forza" ai vari prodotti reclamizzati. Ciò testimonia l'addomesticamento...ormai avvenuto (così almeno si crede) del demonio, al punto da considerarlo come un vecchio leone senza più artigli. Ma è proprio cosi? Dubito.

    Il concetto di esorcismo si perde nella notte dei tempi, alle pratiche Assiro-Babilonesi, dai Caldei, Zoroastri, ecc. Solo in seguito questo concetto entrò ANCHE nella religione cattolica, e poichè viviamo in un mondo cristiano (che si sia o no osservanti), il tutto è permeato di questa etica, come oggi, in questo tipo di civiltà in cui viviamo, l'esorcismo viene considerato. Non mi sento nè mi interessa fare l'avvocato difensore della chiesa che attacco sovente sulle sue brutture soprattutto del passato, ma...

    Cosa assai importante però è il fatto (che nessuno rimarca) che la chiesa mette in guardia contro troppo facili equivoci tanto che essa è astremamente cauta nel riconoscere la effettiva presenza demoniaca. E' più che certo che molti casi sono dovuti a manifestazioni di ordine naturale, come malattie nervose e psichiche. Qui va riconosciuto, come dicevo, l'avvertimento del Rituale Romano dove dice: "ne facile credat aliquem a demonio obsessum esse", ovvero: "non si creda facilmente che chiunque sia posseduto dal demonio". Per onestà andava detto anche questo.
    saluti

  • #2

    Stefano 037 (domenica, 20 settembre 2015 13:57)

    In germani la pratica è fuorilegge. Solo un medico può mettere le mani su un paziente, si fa un tso. Se poi i parenti del presunto posseduto vogliono affidarsi a cure diverse sono liberi di farlo.
    Mai una persona in quello stato può decidere da solo il meglio per lui.
    Vivo a Drensteinfurt dal 2007 e lavoro come infermiere in Renania dal 2011.