Paralisi del sonno: le vittime danno le colpe ai fantasmi

Un fenomeno misterioso e inquietante, che può colpire il 10-40% delle persone nel corso della vita. Sono le paralisi del sonno, situazioni in cui ci si sveglia da un sogno vividissimo e si è totalmente incapaci di muoversi. Talvolta si hanno anche terribili allucinazioni, e la tentazione di cercare una spiegazione sovrannaturale può essere forte. Ebbene, secondo una ricerca condotta da un team dell'Università di Padova molte 'vittime' delle paralisi del sonno ancora oggi chiamano in causa una specie di strega o gatto umanizzato, la 'Pandafeche', che ritorna nelle tradizioni popolari di mezzo mondo. La ricerca è stata presentata il 10 luglio al Congresso Europeo Della Psicologia a Milano all’Università Bicocca. Ecco i dettagli.

Lo studio ha visto la collaborazione di Università di Padova, Università della California e Università di Harvard.

 

"Ero a un congresso a Città del Capo - racconta all'Adnkronos Salute Andrea Romanelli del Dipartimento di Psicologia Generale dell’Università di Padova, autore dello studio -quando ho conosciuto gli altri colleghi e abbiamo avuto modo di renderci conto che per molte persone questo fenomeno, che può essere davvero spaventoso, aveva una spiegazione sovrannaturale. Il nostro è il primo studio che ha mostrato come una larga percentuale della popolazione generale anche in Italia - spiega Romanelli - avalli spiegazioni sovrannaturali della paralisi del sonno. Con una specifica interpretazione culturale del fenomeno, chiamato appunto 'attacco della Pandafeche''.

Il mito della Pandafeche

Si tratta di un essere soprannaturale che prende le sembianze di una strega o di una bestia demoniaca - un fantasma o un gatto dalle sembianze umanoidi - e che sarebbe, secondo la tradizione popolare, la causa della paralisi nel sonno. I ricercatori delle tre Università hanno scoperto che il 38% del gruppo di persone esaminate, composto da individui che hanno avuto almeno un episodio di paralisi nel sonno, riteneva che questa esperienza potesse essere causata dalla creatura soprannaturale, e il 28% era certo che la paralisi fosse causata proprio dalla Pandafeche.

 

 

 

Ma che cosa succede, in realtà?

"La paralisi nel sonno - ricorda l'esperto - è un'incapacità di muoversi quando ci si risveglia durante la fase del sonno Rem, quella nella quale avvengono i sogni e il corpo normalmente si paralizza proprio per impedirci di 'vivere i sogni', agire, e farci male involontariamente. Insomma, se tutto funziona normalmente si tratta di un meccanismo di sicurezza. Invece nel caso delle paralisi il soggetto 'sogna con un occhio aperto': è ancora immerso nell'attività onirica di sonno Rem ma è sveglio, solo che non può muoversi e non capisce il perché. Oltretutto l'attività onirica ancora in corso può creare allucinazioni, anche terrificanti, durante gli episodi". Insomma, si tratta di esperienze spaventose, "probabilmente anche influenzate dalle interpretazioni culturali" che se ne danno.

"Abbiamo visto infatti che, se ci sono allucinazioni e scatta la spiegazione sovrannaturale, tende anche ad aumentare il numero degli episodi", aggiunge il ricercatore.

 

L'esperienza, in realtà è del tutto innocua: è come essere svegli e sognare contemporaneamente.

Ma non per questo è meno spaventosa. Non deve essere un caso che l'attribuzione di questo disturbo a fenomeni soprannaturali sia presente anche in altre culture estranee a quella italiana: inEgitto ad esempio si ritiene che sia colpa del demone Shaitan o degli spiriti Jinn, presenti nel Corano.

 

L'articolo, pubblicato in 'Culture, Medicine, and Psychiatry', ricostruisce il fenomeno e analizza la figura della Pandafeche, "tipica della tradizione dell'Italia centrale, soprattutto Abruzzo, Umbria e Marche". Ma altri esempi di spiegazioni soprannaturali della paralisi nel sonno includono la 'old hag' (letteralmente 'vecchia strega' a Terranova), il demone Kanashibari in Giappone, "l’oppressione del fantasma" in Cina, "il fantasma che ti spinge in basso" tra i cambogiani e persino il rapimento alieno negli Stati Uniti potrebbe avere la stessa origine.

Bibliografia e fonti

+ Studio dell'università di padova: http://www.unipd.it/download/file/fid/30270

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Mirko (sabato, 25 luglio 2015 21:48)

    A me succede spesso, e scrivo seriamente.
    Ma le mie paralisi sono "volute": a volte, prima di addormentarmi, sfido questo "fantasma"..
    Sento che sto per addormentarmi e nella mente gli dico: avanti, fatti sotto, fammi vedere che sai fare, immobilizzami....
    oh, arriva sempre puntuale, mi ritrovo ad urlare dal terrore e sento davvero la sua presenza che mi blocca tutto. riesco solo a bisbigliare qualcosa ma in realtà sto urlando come un pazzo!
    Mi diverto a provocarlo e lui si incazza! hahaaha!