L'ultimo cacciatore del mostro di Loch Ness si ritira: "Era un pescegatto"

Steve Feltham è uno degli ultimi cacciatori del mostro di Loch Ness. Alla ricerca della mitica creatura ha dedicato 24 anni della sua vita. Ma di Nessie nessuna traccia. Così l'uomo ha deciso di battere in ritirata e ha parlato della sua scelta al Times di Londra, che ha dedicato al bizzarro personaggio una pagina della sua prestigiosa testata. "Il mostro di Loch Ness non esiste, o forse è un pescegatto, e il resto l'ha fatto la suggestione"  afferma affranto. Ma non si pente di tutto il tempo sprecato, anzi il mito che circonda la storia del lago a suo dire resisterà per sempre. A seguire il resto della storia.

Steve Feltham nella sua postazione di ricerca
Steve Feltham nella sua postazione di ricerca

Feltham, ha cercato la verità su Loch Ness per anni, senza sosta. All'inizio credeva davvero che quel mostro potesse avere un legame con alcuni plesiosauri sopravvissuti all'estinzione. Poi la svolta. La sua convinzione maturata dopo una lunga ricerca sul campo, è che alcuni pesci gatto gallesi siano stati introdotti nel lago in epoca vittoriana e siano all'origine degli avvistamenti. Questi esemplari -che vivono a lungo e possono crescere fino a dimensioni notevoli- fino ad allora erano sconosciuti in zona. 

Non è un caso-dichiara Feltham- che le presenze misteriose sono cominciati negli anni ’30, quando i primi esemplari raggiunsero la maturità. 

Ironia della sorte uno dei più grandi e recenti esemplari di pescegatto è stato catturato proprio in Italia e ribattezzato "il mostro del Pò" dai media italiani, scrive il Telegraph. Il pescatore in foto è Dino Ferreri.

Pescigatto, dinosauri, creature mitiche o leggende, il mostro di Loch Ness rimane nelle prime pagine dei giornali, e gli abitanti del luogo ne parlano sempre come se Nessie fosse tra loro. In fondo la storia ha fatto la fortuna di questo sperduto angolo di Scozia, e nessuno qui vorrebbe tornare indietro al tempo dell'anonimato.

Scrivi commento

Commenti: 8
  • #1

    Il Forestiero (venerdì, 17 luglio 2015 09:11)

    Non ne sentiremo la mancanza...poi il pesce gatto...inverosimile. Negli anni ogni avvistamenti di loch ness ha una sua spiegazione, non è UNA cosa che spiega tutte le segnalazione. Ma povero ha anche un'età ed è giusto che vada in pensione.

  • #2

    Teo (venerdì, 17 luglio 2015 10:15)

    Almeno gli inglesi ci fanno i soldi

  • #3

    Yale (venerdì, 17 luglio 2015 15:21)

    Che emerito coglione, scusate il francesismo.

  • #4

    Karson (venerdì, 17 luglio 2015 15:49)

    Sospinto dalla curiosità sono andato sul sito che si vede nella foto n°2 http://www.nessiehunter.co.uk/
    L'unica cosa che interessa a quest'uomo è apparire, del mostro non gliene frega nulla, leggetevi il sito e ditemi se sbaglio =_=

  • #5

    Aquila della Notte (sabato, 18 luglio 2015 01:38)

    paragonare un pesce gatto ad un presunto sauro, possibile superstite della famiglia degli ittiosauri, mi sembra anche lontano da "conoscenze di pescatore" eh!eh! se questo "fa ricerca" a questo modo sicuramente presto o tardi qualcuno che sa pescare -lì nella zona- prenderà un pesce gatto di 6-8 metri...che magari "assomiglia" ah!ah! a questo... o_O :DDD

    http://ogigia.altervista.org/index.php?mod=read&id=1275652315

    notare il lungo collo e le pinne anteriori... -_-

  • #6

    Feifol65-095 (sabato, 18 luglio 2015 05:52)

    IoI meglio tardi che mai

  • #7

    Malles (sabato, 18 luglio 2015 10:48)

    Partiamo dicendo che di enormi mostri oltre che nella leggenda si parla anche in periodi storici, che non vanno sottovalutati. Per quanto ci riguarda il decano è il tanto discusso "Gran Serpente" di Loch Ness, il tutto andrebbe rivisto, al di là delle distorsioni e dalle facili fantasie.

    L'errore fondamentale per quel che lo riguarda, è di farlo risalire ai primi anni '30. quando gli avvistamenti sembrarono essere perticolarmente numerosi (comprensivi di foto burla), tanto da far pensare agli scettici che si trattasse di una forma di psicosi correlata da pecunia turistica...foto e filmati si sono sprecati, dal DR. J. Kinton al filmato dell'Ing. Tim Dinsdale, ecc. ecc.

    Vero o no che il mostro esista, la sua presenza fu segnalata già nel 565 da santa Colomba,(che evangelizzò la Scozia) che dichiarò di averlo avvistato nelle acque del lago. da allora fu avvistato più e più volte nel corso dei secoli, NON solo negli anni '30 del '900. Una testimonianza che penso non sia da scartare mi risulta quella fatta da D. MacKenzie nel 1872.

    Del lago e di chi vi abita si parla spesso a sproposito, come quando si disse che per l'ossigeno svolto nelle profondità, e sia per le "cibarie" presenti nelle sue acque, i pesci che vi vivono, non potevano superare il mezzo metro di lunghezza con relativo peso. Ora, almeno questa affermazione (pesce gatto alla mano) mi sembra vada a farsi friggere...Salutiamo

  • #8

    River monster (domenica, 19 luglio 2015 11:55)

    Hanno fatto una puntata di River monster sul mostro di Loch Ness, e Jeremy Wade è giunto alla coclusione che si tratti di uno squalo della Groenlandia.