Incendi di Canneto di Caronia: il processo ai Pezzino inizia il 18 Gennaio 2016

Prenderà il via il 18 gennaio 2016, al Tribunale di Patti, il processo nei confronti di Nino e Giuseppe Pezzino, padre e figlio, accusati di aver appiccato numerosi incendi tra il luglio ed il settembre dello scorso anno a Canneto di Caronia. I due sono stati rinviati a giudizio il 7 Luglio scorso, a conclusione dell’udienza preliminare, dal giudice Eugenio Aliquò che ha accolto la richiesta avanzata dal sostituto procuratore Alessandro Lia. Sarà dunque nel corso del processo che saranno discussi i reati contestati che vanno da incendio, a danneggiamento seguito da incendio, concorso in truffa aggravata e procurato allarme sociale. A seguire gli altri dettagli.

Lo scorso marzo, l’attività investigativa aveva portato all’arresto di Giuseppe Pezzino finito ai domiciliari ed alla emissione di un avviso di garanzia al padre. Un mese esatto era bastato alla procura di Patti per concludere le indagini sui responsabili dei misteriosi incendi della piccola frazione siciliana. Il sostituto procuratore Alessandro Lia aveva inviato i relativi avvisi di garanzia a Giuseppe Pezzino 26 anni ed al padre Nino, 55 anni, quest'ultimo portavoce degli abitanti della via Mare. Dopo aver valutato gli atti la procura aveva chiesto il rinvio a giudizio, con solide basi probatorie, filmati e riscontri fattuali effettuati durante le indagini. Il rinvio a giudizio era dato per scontato ed è puntualmente arrivato. Il prossimo gennaio parte il processo, intanto a Canneto non si registrano più roghi da quando sono stati notificati i provvedimenti cautelari nei confronti dei due impuntati.

Scrivi commento

Commenti: 0