Gli egizi e i cani: scoperta una fossa comune con 8 milioni di corpi mummificati

Sacrificati agli dei. Una enorme fossa comune con i corpi mummificati di quasi otto milioni di cani, tra cuccioli e cani adulti, risalenti all'antico Egitto, è stata in parte riportata alla luce dagli archeologi a Saqqara, 30 chilometri a sud della città moderna del Cairo.
Come spiega il sito Discovery News, le mummie dei cani si trovavano in un sistema di catacombe, la cui area principale è vasta 173 metri per 140, nei pressi del tempio di Anubi, divinità con la testa di sciacallo, che proteggeva le necropoli e il mondo dei morti.
A seguire le foto e gli altri dettagli.

Lo scavo noto dal 2009, dove sono stati rinvenute vari animali sacrificati
Lo scavo noto dal 2009, dove sono stati rinvenute vari animali sacrificati

"Quella era una zona molto popolata - ha spiegato a Live Science Paul Nicholson, professore di archeologia all'Università di Cardiff, responsabile dello scavo -. Una comunità permanente di persone viveva qui. I visitatori arrivando a Saqqara visitavano i templi, vedevano commercianti vendere statue di divinità in bronzo, sacerdoti che celebravano cerimonie, persone che interpretavano i sogni e perfino guide turistiche. Poco distante, c'erano allevatori di animali, cani e altri tipi, che in seguito li avrebbero mummificati in onore degli dei".

Le mummie erano espressione di gratitudine che gli dei avrebbero apprezzato, ha spiegato Nicholson. Molti dei cani che abbiamo trovato avevano appena poche ore o pochi giorni di vita quando sono stati mummificati. Alcuni cani più anziani avevano sepolture più elaborate, potrebbero aver vissuto al tempio, ma i cuccioli più giovani erano probabilmente stati "allevati, se si può dire, per il culto", ha detto il professore. Giovani cuccioli separati dalle loro madri e morti di disidratazione o di fame. "Probabilmente non sono stati uccisi da un'azione fisica, non abbiamo trovato prove di colli spezzati come spesso nelle tombe di gatto", ha detto Nicholson.

La particolare necropoli di Saqqara, non lontana dalle piramidi di Giza, era stata scoperta nel diciannovesimo secolo, ma solo di recente si sono conclusi gli scavi che hanno permesso di riportare alla luce tutte le mummie, in gran parte custodite in contenitori di terracotta e ben conservate. Le catacombe con i resti dei cani, furono probabilmente costruite nel IV secolo a.C., realizzati con pietre risalenti a circa 48-56 milioni di anni fa. Sul soffitto i ricercatori hanno scoperto un fossile di un grande 'mostro', un vertebrato lungo ed estinto. "Non è detto che gli antichi egizi ne fossero a conoscenza", ha detto Nicholson.


La squadra di Nicholson ha esplorato ogni possibile angolo della catacomba centrale, le parti confinanti sono state ostruite dalla sabbia. Hanno trovato le mummie di sciacalli, volpi, falchi, gatti e manguste, anche se circa il 92 per cento dei resti appartenevano a cani.

Scrivi commento

Commenti: 0