Giappone, il governo costretto a smentire: noi mai invasi dagli alieni

Poteva sembrare un pesce d'aprile fuori tempo massimo, se non fosse che la notizia è vera e riportata anche dal serioso Washington Post. Nella storia del Giappone ci sono state solo due invasioni: quella dei Mongoli nel XIII secolo, fermata dal famoso "vento divino" ("kamikaze") e quella statunitense alla fine della seconda guerra mondiale, riuscita. Gli alieni, per ora, non si sono ancora fatti vedere. L'ha confermato oggi il ministro della Difesa Gen Nakatani, rispondendo in Parlamento a una pensosa interpellanza presentata dal parlamentare Antonio Inoki, noto in tutto il mondo per essere stato il più famoso wrestler della sua generazione. A raccontare tutto nei dettagli -per l'italia- una nota dell'agenzia Asknews che ha ripreso il JapanTimes.

 

Nakatani ha spiegato che, anche se potrebbero esservi stati casi di caccia nipponici che si sono alzati in volo in seguito a una segnalazione di oggetto volante non identificato (Ufo), un incontro con gli extraterrestri al momento non è stato accertato. 

"Quando le Forze di autodifesa aeree rilevano indicazioni che un oggetto volante non identificato potrebbe aver violato lo spazio aereo del nostro paese, fa alzare in volo i caccia da combattimento, se necessario, ed effettua un'osservazione a vista", ha spiegato il ministro. "Talvolta - ha continuato - scopre uccelli o oggetti volanti che non siano aerei, ma non conosco un solo caso di avvistamento di un oggetto volante non identificato che possa essere arrivato da altro luogo che la Terra".


Non è chiaro se Nakatani, un politico noto per la sobrietà dei suoi discorsi, abbia soddisfatto o meno la curiosità di Inoki, l'ex lottatore da anni parlamentare che afferma di aver avuto, nel suo passato un incontro ravvicinato con un Ufo.

Il parlamentare -ed ex campione di wrestling- Antonio Inoki
Il parlamentare -ed ex campione di wrestling- Antonio Inoki
Il ministro della difesa giapponese Gen Nakatani
Il ministro della difesa giapponese Gen Nakatani

La risposta parlamentare di Nakatani non è la prima presa di posizione ufficiale del governo di Tokyo sulla questione degli Ufo. Nel 2007 il governo dovè emettere un comunicato nel quale spiegava di "non avere conferma dell'esistenza di oggetti volanti non identificati che si crede vengano da altri luoghi al di fuori della Terra".


Ma, in quel caso, l'allora capo di gabinetto Nobutaka Machimura - portavoce del governo - sentì il bisogno di chiosare: "Personalmente, io credo assolutamente che esistano". E anche il ministro della Difesa di allora, Shigeru Ishiba, affermò che "non ci sono motivi" per negare che ci sono Ufo guidati da forme di vita aliene.

Scrivi commento

Commenti: 3
  • #1

    El Paso (giovedì, 02 aprile 2015 23:22)

    Almeno si degna di rispondere, da noi i ministri non si presentano neanche alle votazioni, altro stile i giapponesi.

  • #2

    Maurizio (venerdì, 03 aprile 2015 03:57)

    C'è sempre una prima volta... attenti ...

  • #3

    Yale (venerdì, 03 aprile 2015 16:27)

    Il nostro ministro della difesa si chiama Pinotti, come il presidente onorario del CUN roberto pinotti. Se tanto mi da tanto bisogna sperare in una bella interrogazione dei pentastellati su scie chimiche, ufo e goldrake. Voglio vedere cosa risponde il ministro :D