ECLISSI SOLE 2015; Date, coperture, Virtual Telescope e Party: tutto per non perdersi l'evento

Grande mobilitazione per l'attesa eclissi di Sole del 20 marzo: dalle decine di Sun Party organizzati dall'Unione Astrofili Italiana (Uai) fino ai mini-satelliti Proba mobilitati dall'Agenzia Spaziale Europea (Esa) per seguire l'evento dallo spazio. L'evento sarà tramesso in diretta anche dal Virtual Telescope dal parco dell'Appia Antica. Il 'bacio' tra Sole e Luna inizierà alle 10,31 a Roma, pochi secondi dopo anche a Milano, e durerà complessivamente un'ora. Dal Nord Italia si potrà vedere la Luna coprire più del 70% del disco solare, dal Sud circa il 50%, mentre sarà totale solo dalle remote isole Svalbard.


Dove vedere lo spettacolo, come organizzarsi e come seguirlo online.


Ecco una lista delle manifestazioni che si terranno per l'occasione e nuovi consigli utili.

Saranno decine gli eventi organizzati in tutta Italia per seguire lo spettacolo in compagnia di astrofili 'armati' di telescopi e in completa sicurezza.


La Uai organizza Sun Party dalla Sicilia al Piemonte, la lista completa è sul sito web della rete astrofili. L'Esa punterà gli 'occhi' al Sole con i minisatelliti Proba che riprenderanno l'eclissi da 800 chilometri di altezza. Le immagini verranno trasmesse a Terra nella sede di Noordwijk nei Paesi Bassi che rimarrà aperta al pubblico.

L'U.A.I non poteva non mettere in primo piano l’evento astronomico più importante: l'eclissi parziale di Sole che avrà luogo proprio nello stesso giorno dell’Equinozio di Primavera.

 

Per prepararsi alla mattina del 20 marzo la Commissione Divulgazione UAI ha già predisposto sul proprio sito una pagina con le informazioni necessarie per poter osservare il fenomeno.

 

Gli orari italiani

 

Se a Milano l'inizio è previsto per le 9.24, il massimo per le 10.32 e la fine per le 11.44, a Palermo ci sarà qualche minuto di differenza. Qui infatti il sole inizierà a oscurarsi dalle 9.20 fino alle 11.26, col picco alle 10.26. A Roma invece l'inizio sarà alle 9.23, il massimo 10.31 e la fine alle 11.42. 

 

 

Se volete informazioni più precise sull'eclissi nella vostra citta, Giuseppe Petricca di Astronomia Pratica ha creato un ottimo documento liberalmente scaricabile con tutti i dettagli, gli orari e le coperture per ogni città d'Italia

Anche il Virtual Telescope darà la possibilità di seguire l'evento in esclusiva e in diretta in modo gratuito.

 

Potete osservare l'eclisse comodamente on line a cliccando qui o osservando il video sotto la mattina del 20 Marzo 2015.

Per chi fosse interessato il Virtual Telescope propone una guida esclusiva e la possibilità di acquistare un kit che comprende sia la guida che strumenti esclusivi e utili alla fruizione del fenomeno con il pagamento di una piccola quota di 0.99 centesimi.


Se volete osservare l'eclissi dal vivo proteggetevi sempre gli occhi evitando i filtri fai da te.

Il Sole è naturalmente una forte sorgente di luce, che può danneggiare i nostri occhi se non vengono prese le precauzioni adatte.In questo caso parliamo di filtri solari, realizzati in materiali appositi per l’osservazione rilassata della nostra stella senza alcun problema per la vista.  Ricordate,  non  utilizzare  questi  filtri  può  portare  a  problemi  davvero  gravi  e  anche  alla  cecità assoluta! Quindi non è un qualcosa da prendere sottogamba, in quanto la luce concentrata e non filtrata del Sole (in particolar modo se si osserva tramite strumenti ottici, come binocoli o telescopi) è molto pericolosa!  Potete  comunque  procurarvi  la  giusta  attrezzatura  (occhiali  per  l’osservazione  solare,  filtri  per telescopi  o  binocoli)  facilmente  su internet.  Basta  recarvi  su  un  qualsiasi  sito  (come  Amazon)  e ricercare ‘Occhiali Per Eclissi Solare’. Usciranno molte possibilità di acquisto, e non avrete problemi. Per quanto riguarda le ottiche, quel che vi occorre è  un filtro in  AstroSolar,  reperibile anch’esso online:  è  un  materiale  che  lascia  passare  meno  dell’1%  della  luce  solare  in arrivo  dalla  stella, assicurandoci  una  vista perfetta e senza alcun rischio  aggiunto per  i  nostri  occhi.

Gli errori da non fare.

Esistono "filtri" che a prima vista sono in grado di attenuare sufficientemente la luce, ma che in realtà sono inefficaci e pericolosi:

  • Gli occhiali da Sole  nemmeno mettendone più paia l'una sull'altra
  • I negativi fotografici sovraesposti  nemmeno se messi l'uno sopra l'altro,
  • I CD e l'interno dei floppy disk non sono sufficentemente opachi
  • Il vetro affumicato
  • I filtri solari per piccoli telescopi: i piccoli telescopi sono spesso muniti di un filtro solare da inserire sull'oculare, per poter guardare il Sole. Questo tipo di filtro trattiene le radiazioni nocive, ma non è adatto per osservazioni prolungate:

Proteggete i vostri occhi fin dall'inizio del fenomeno.


Consigli pratici per fotografare l'Eclissi di sole.


Tanto per cominciare, un'eclissi solare ha un ampio spettro di livelli di luminosità, che possono ingannare l'esposimetro della nostra macchina fotografica. In più, fotografare il Sole direttamente può danneggiare non solo i nostri occhi, ma anche la nostra macchina fotografica. 

La cosa più importante, quindi, è procurarsi un buon filtro solare che si adatti all'obiettivo della vostra macchina fotografica. Senza di questo rischiate di compromettere in maniera definitiva il sensore del vostro apparecchio. 


Alcuni fotografi hanno sperimentato l'uso di vari filtri a densità neutra sovrapposti l'uno sull'altro, o addirittura l'uso di un filtro da saldatore #14da applicare di fronte all'obiettivo, ma la cosa migliore è utilizzare un filtro solare professionale, disponibile da diverse aziende come la Kendrick.

Naturalmente, l'uso di questi filtri molto potenti rende pressoché impossibile immortalare nello stesso scatto eclissi e paesaggio circostante. Per ovviare a questo inconveniente, si può ricorrere a due scatti separati: scattate una foto dell'eclissi, poi, senza muovere la macchina fotografica, scattate un'altra foto alla stessa scena senza filtro al tramonto. In seguito, con l'uso di photoshop o altri software, unite i due scatti in una sola immagine per ottenere un effetto più simile a quella che è stata la vostra esperienza visiva reale. 

Se invece vi trovate di fronte a un'eclisse visibile negli ultimi minuti prima del tramonto, potete tentare di fotografarla senza filtri assieme all'orizzonte o a qualsiasi altro oggetto vi troviate di fronte.  Ricordate sempre di piazzarvi con un certo anticipo e di utilizzare un robusto treppiede. Regolate la macchina fotografica su "M" (manuale) e se possibile usate il bracketing, ovvero fate vari scatti con diverse esposizioni in modo da ottenere poi l'effetto migliore. Quanto alla regolazione degli ISO raccomando 400 o più per ottenere immagini nitide ed evitare l'effetto mosso dal vento o altri agenti atmosferici. Infine, se possedete una reflex con obiettivi intercambiabili, si consiglia un'ottica dagi 80 ai 200 mm per includere il paesaggio e un teleobiettivo più spinto (fino a 500 mm) per gli scatti ravvicinati del disco solare.  

Scrivi commento

Commenti: 0