Eclissi solare del 20 Marzo 2015: l'Europa (e l'Italia) si preparano per lo spettacolo

Segnatevi questa data, 20 Marzo 2015. Quel giorno il cielo verrà temporaneamente oscurato da una spettacolare eclissi solare che l'Europa aspetta -di queste proporzioni- dall l’11 agosto del 1999. Per vederne un'altra simile dovremmo aspettare il 2026. L'eclissi di Sole sarà visibile anche in Italia, parzialmente. I più fortunati saranno gli abitanti delle regione del nord che potranno godersi una copertura percentualmente più alta del disco solare. Ma non è finita, per quella data potremmo ammirare anche la superluna, così chiamata in ragione del fatto che ci sarà luna piena quando il nostro satellite sarà in perigeo, la distanza minimale dalla Terra.

Tutto quello che c'è da sapere sull'eclissi, dove guardarla, come fotografarla e tutti le iniziative nate intorno all'evento.

L’eclissi nasconderà il sole per circa il 95%, soprattutto sul nord Europa e in sole due ore andranno perse oltre 35mila megawatt di energia solare, pari a quella fornita da 80 centrali elettriche di medie proporzioni. L’eclissi, secondo gli esperti, dovrebbe avere una durata di circa due ore, ma l’oscuramento totale del sole si verificherà solamente per 2 minuti e 47 secondi nel cielo della Norvegia e dell’Islanda. Il primo stato ad essere oscurato sarà il Portogallo e via via seguiranno gli altri stati europei.

 

Ma quali sono i luoghi dove sarà maggiormente visibile l’eclissi? A Reykjavik la magnitudine dell’eclissi sarà del 95%, mentre nelle Highlands scozzesi raggiungerà il 93%. Un altro punto strategico, già meraviglioso per la sua conformazione e per le sue bellezze naturali, è il Nord della Norvegia. Da Capo Nord e per tutta la costa, fino alla città di Tromso, l’indice di magnitudine sarà del 100%.

Ma forse, il luogo più spettacolare da dove ammirare l’eclissi della superluna sarà l’arcipelago delle Isole Faroe. La più grande delle feste che celebrano l’arrivo della storica eclissi si terrà a Torshava, la capitale dell’arcipelago. Da qui sarà possibile ammirare lo spettacolo “dell’anello di diamante”, il bagliore che avviene nella corona solare, in prossimità del bordo lunare, ma purtroppo il fenomeno ha la durata di pochi secondi. Sul sito solareclipse.fo è attivo un conto alla rovescia che raggiungerà lo zero nel momento in cui l’eclissi sarà completa.

La mappa diffusa dalla Nasa che potete visionare a sinistra mostra nel dettaglio le zone interessate dall'Eclissi. Giuseppe Petricca di Astronomia Pratica ha creato un ottimo documento liberalmente scaricabile con tutti i dettagli, gli orari e le coperture per ogni città d'Italia

 

Gli orari indicati sono tutti in TU (Tempo Universale) quindi per ottenere l’orario italiano bisognerà aggiungere un’ora.  Vedete  gli  stessi  posizionati  su delle  linee verdi  trasversali:  queste linee rappresentano l’orario al quale l’Eclisse sarà nella sua fase  massima, ovvero quando la Luna oscurerà la superficie maggiore di Sole in quella determinata posizione (lungo tutta la linea). Le linee azzurro chiaro, che incrociano le precedenti, indicano la frazione del diametro del Sole eclissato da parte della Luna, indicata con valori espressi in numeri decimali: con un valore pari o superiore ad 1.00 si avrà una Eclisse Totale, mentre con valori sotto lo 0.00 non si avrà alcuna Eclisse.  Avendo a disposizione queste due informazioni, possiamo già leggere la mappa. Ecco un esempio illustrativo: prendiamo l’incrocio tra la linea verde scuro delle 09:30 UT e la linea azzurro chiaro del valore  0.60.  La loro intersezione cade poco a sud di Roma, nel Mar Tirreno, e se un ipotetico osservatore si trovasse in quel punto, vedrebbe, alle 10:30 italiane il picco dell’Eclisse Parziale con il diametro solare eclissato di un valore pari al 60% dello stesso.  
Per concludere l’interpretazione della carta, le linee blu scuro mostrano dove l’Eclisse di Sole sarà Totale, ovvero con una copertura del 100%  del disco solare da parte della Luna.  Con la scritta ‘Greatest Eclipse’ si indica il punto nel quale la fase totale durerà più a lungo, in questo caso, per essere precisi, 2 minuti e 47 secondi. Le linee viola invece indicano la porzione della Terra nella quale  l’Eclisse sarà visibile all’alba o al tramonto, mentre il punto chiamato ‘Sub Solar’, posizionato in Africa per questa occasione, indica il luogo dove il Sole sarà perfettamente allo zenith, ovvero a 90 gradi di elevazione dall’orizzonte rispetto alla sua posizione; per usare termini comuni: “proprio sulla testa dell’osservatore”.
Come possiamo vedere, le uniche terre emerse lungo il percorso della totalità sono le Isole Fær Øer, in pieno Oceano Atlantico e l’arcipelago delle Isole Svalbard, nel Mar Glaciale Artico. Entrambe sono posizioni perfette per l’osservazione della totalità, tuttavia difficili da raggiungere per chi non ha i mezzi economici o tempo a sufficienza. La prossima eclisse visibile dall’Italia, nel 2026 (a meno di non recarsi nella posizione migliore a Reykjavík) sarà osservabile al tramonto anche dal nord della Spagna, sicuramente una destinazione nettamente più vicina.  Per chi comunque volesse tentare una velocissima e last-minute prenotazione aerea, qualche consiglio: Le Isole Svalbard sono raggiungibili solamente tramite la compagnia Scandinavian Airlines (SAS), con partenza da Oslo, in Norvegia, una sola volta al giorno, con scalo a Tromsø. Nella capitale, Longyearbyen, troverete vari hotel o altri accomodamenti nei quali forse rimangono ancora stanza libere.  Affrettatevi  però,  dato  che  saranno  con  tutta  probabilità  prenotate  molto  presto. Per le Isole Fær Øer, mi sento di consigliare tre di vari modi possibili per raggiungerle: via aerea da Copenhagen, in Danimarca; via nave dalle Isole scozzesi Shetland o via aerea sempre da Oslo, in Norvegia.  

Anche  qui  meglio  affrettarsi,  perché  con  sicurezza,  i  pochi  posti disponibili  sono probabilmente in rapido esaurimento.


Per guardare l'eclissi proteggetevi sempre gli occhi evitando i filtri fai da te.

Il Sole è naturalmente una forte sorgente di luce, che può danneggiare i nostri occhi se non vengono prese le precauzioni adatte. In questo caso parliamo di filtri solari, realizzati in materiali appositi per l’osservazione rilassata della nostra stella senza alcun problema per la vista.  Ricordate,  non  utilizzare  questi  filtri  può  portare  a  problemi  davvero  gravi  e  anche  alla  cecità assoluta! Quindi non è un qualcosa da prendere sottogamba, in quanto la luce concentrata e non filtrata del Sole (in particolar modo se si osserva tramite strumenti ottici, come binocoli o telescopi) è molto pericolosa!  Potete  comunque  procurarvi  la  giusta  attrezzatura  (occhiali  per  l’osservazione  solare,  filtri  per telescopi  o  binocoli)  facilmente  su internet.  Basta  recarvi  su  un  qualsiasi  sito  (come  Amazon)  e ricercare ‘Occhiali Per Eclissi Solare’. Usciranno molte possibilità di acquisto, e non avrete problemi. Per quanto riguarda le ottiche, quel che vi occorre è  un filtro in  AstroSolar,  reperibile anch’esso online:  è  un  materiale  che  lascia  passare  meno  dell’1%  della  luce  solare  in arrivo  dalla  stella, assicurandoci  una  vista perfetta e senza alcun rischio  aggiunto per  i  nostri  occhi.

Gli errori da non fare.

Esistono "filtri" che a prima vista sono in grado di attenuare sufficientemente la luce, ma che in realtà sono inefficaci e pericolosi:

  • Gli occhiali da Sole  nemmeno mettendone più paia l'una sull'altra
  • I negativi fotografici sovraesposti  nemmeno se messi l'uno sopra l'altro,
  • I CD e l'interno dei floppy disk non sono sufficentemente opachi
  • Il vetro affumicato
  • I filtri solari per piccoli telescopi: i piccoli telescopi sono spesso muniti di un filtro solare da inserire sull'oculare, per poter guardare il Sole. Questo tipo di filtro trattiene le radiazioni nocive, ma non è adatto per osservazioni prolungate:

Proteggete i vostri occhi fin dall'inizio del fenomeno.


Qualche consiglio pratico per fotografare l'Eclissi di sole.


Tanto per cominciare, un'eclissi solare ha un ampio spettro di livelli di luminosità, che possono ingannare l'esposimetro della nostra macchina fotografica. In più, fotografare il Sole direttamente può danneggiare non solo i nostri occhi, ma anche la nostra macchina fotografica. 

La cosa più importante, quindi, è procurarsi un buon filtro solare che si adatti all'obiettivo della vostra macchina fotografica. Senza di questo rischiate di compromettere in maniera definitiva il sensore del vostro apparecchio. 


Alcuni fotografi hanno sperimentato l'uso di vari filtri a densità neutra sovrapposti l'uno sull'altro, o addirittura l'uso di un filtro da saldatore #14 da applicare di fronte all'obiettivo, ma la cosa migliore è utilizzare un filtro solare professionale, disponibile da diverse aziende come la Kendrick.

Naturalmente, l'uso di questi filtri molto potenti rende pressoché impossibile immortalare nello stesso scatto eclissi e paesaggio circostante. Per ovviare a questo inconveniente, si può ricorrere a due scatti separati: scattate una foto dell'eclissi, poi, senza muovere la macchina fotografica, scattate un'altra foto alla stessa scena senza filtro al tramonto. In seguito, con l'uso di photoshop o altri software, unite i due scatti in una sola immagine per ottenere un effetto più simile a quella che è stata la vostra esperienza visiva reale. 

Se invece vi trovate di fronte a un'eclisse visibile negli ultimi minuti prima del tramonto, potete tentare di fotografarla senza filtri assieme all'orizzonte o a qualsiasi altro oggetto vi troviate di fronte.  Ricordate sempre di piazzarvi con un certo anticipo e di utilizzare un robusto treppiede. Regolate la macchina fotografica su "M" (manuale) e se possibile usate il bracketing, ovvero fate vari scatti con diverse esposizioni in modo da ottenere poi l'effetto migliore. Quanto alla regolazione degli ISO raccomando 400 o più per ottenere immagini nitide ed evitare l'effetto mosso dal vento o altri agenti atmosferici. Infine, se possedete una reflex con obiettivi intercambiabili, si consiglia un'ottica dagi 80 ai 200 mm per includere il paesaggio e un teleobiettivo più spinto (fino a 500 mm) per gli scatti ravvicinati del disco solare.  

Bibliografia e fonti

Argomenti Correlati

Scrivi commento

Commenti: 5
  • #1

    Giotto (lunedì, 02 marzo 2015 14:58)

    scommettiamo che qualcuno si friggerà le cornee ?

  • #2

    Yale (lunedì, 02 marzo 2015 18:38)

    11 euro da amazon un paio di occhiali di cartone, alla faccia del bicarbonato di sodio.

  • #3

    Ibelive (martedì, 03 marzo 2015 09:50)

    C'e un rischio concreto di black out

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/03/03/eclissi-20-marzo-rischio-produzione-energetica-europea-possibili-black-out/1468422/

  • #4

    David XXX (martedì, 03 marzo 2015 16:37)

    Ok ma non ho capito l'ora in cui potrei eventualmente affacciarmi al balcone col nostro GMT.......

  • #5

    ww (mercoledì, 03 giugno 2015 08:46)

    air max 2015, http://www.airmax-2015.org/
    nike air max, http://www.airmax-90.org/
    babyliss, http://www.babyliss-pro.net/
    cheap basketball shoes, http://www.basketballshoes.com.co/
    monster beats, http://www.beatsbydrdre.co.com/
    dre beats, http://www.beatsbydre.com.co/
    beats by dre outlet, http://www.beats-by-dre.com.co/
    beats by dre, http://www.beatsheadphones.in.net/
    bottega veneta, http://www.bottega.us/
    burberry, http://www.burberryhandbags.net.co/
    coachoutlet.com, http://www.coachfactory-outlet.co.com/
    coach factory outlet, http://www.coachfactoryoutletonline.co.com/
    coach outlet online usa, http://www.coach-handbags.com.co/
    coach outlet online, http://www.coachoutlet-online.com.co/
    coach store outlet online, http://www.coachoutletstore.net.co/
    coach outlet online, http://www.coachoutletstore-online.com.co/
    chanel handbags, http://www.coco-chanelbags.com.co/
    converse outlet, http://www.converse.net.co/
    michael kors handbags, http://www.designerhandbagsoutlet.com.co/
    glasses online, http://www.eyeglassesonline.us.com/
    glasses frames, http://www.eyeglassframes.us.com/
    juicy couture clothes , http://www.fashion-clothing.us.com/
    ferragamo outlet, http://www.ferragamo.com.co/
    ferragamo, http://www.ferragamoshoes.net/
    straightener, http://www.ghdhairstraightener.com.co/
    gucci shoes uk, http://www.gucci.me.uk/
    gucci belts, http://www.guccihandbags.com.co/
    gucci bags, http://www.gucci-outlet.in.net/
    gucci handbags, http://www.gucci--outlet.in.net/
    gucci shoes outlet, http://www.guccishoes.net.co/
    gucci outlet, http://www.guccishoes.us.org/