Un video nella valle di Hessdalen fa discutere: cosa sono quelle entità luminose?

Il binomio Hessdalen e luci misteriose fa sempre colpo. E' una verità accertata che da molti anni nel centro norvegese si susseguono avvistamenti enigmatici, su cui si sono cimentati molti esperti, alla ricerca di una soluzione condivisa. A partire dagli anni 80 ricercatori, tecnologi e scienziati si sono avvicendati nel tentativo di capire e misurare il fenomeno. "Gli sferoidi di luce, di varie dimensioni, forme e tonalità di colore, di modesta o elevata luminosità, lente, saettanti, con movimenti random erano eterogenee da rendere complessa la comprensione della loro natura" dichiarava nel 2013 l'Italian Committee Project Hessdalen. Nello stesso anno veniva reso pubblico uno studio intitolato "Hessdalen una perfetta batteria naturale" di Jader Monari e Stelio Montebugnoli che suggeriva in via speculativa che le luci potrebbero essere causate da enormi batterie naturali. Teoria ancora in discussione. Succede però che in mezzo ad avvistamenti reali, di cui potete leggere le cronache, finiscano episodi che di misterioso non hanno nulla. L'ultimo è il caso dell’8 Febbraio di quest’anno. Una Live Cam di sorveglianza posta a valle, ha inquadrato e registrato una stranissima sfera di luce molto luminosa e brillante, che sembrava mutar forma e contorcersi davanti alla telecamera. Ne hanno parlato tra gli altri Befan, Beforeitsnews, e molti siti ufologici italiani e stranieri. In questo caso però le luci trovano una spiegazione razionale. A seguire i dettagli.

Le immagini provengono da una delle telecamere fisse poste in molti punti della famosa cittadina norvegese, installate proprie per il progetto di ricerca.


Una probabile spiegazione del fenomeno è fornita dall'ASSAP: Association for the Scientific Study of Anomalous Phenomena che nel suo sito spiega questo particolare fenomeno.

 

E 'possibile ottenere misteriose foto contenenti strane forme incandescenti, come quella mostrata qui a sinistra. Si nota una sorgente luminosa di luce (una piccola torcia - il cerchio luminoso vicino al centro) di fronte a una copia di ASSAP News. C'è una strana struttura luminosa incandescente tutto intorno la luce della torcia, che sta nel mezzo. Non è un bagliore e certamente non è un orb .


Infatti, è causata da gocce d'acqua sulla lente della fotocamera. Anche se questo effetto è raro, può succedere se si desidera scattare foto di notte fuori quando piove (anche se questo non è raccomandato in quanto la maggior parte delle macchine fotografiche non sono impermeabili e la pioggia può danneggiarle).


L'effetto richiede una fonte di luce intensa, come flare. La sorgente di luce non deve essere per forza una fonte luminosa, potrebbe essere solo qualcosa di luccicante, riflettendo per esempio un flash della fotocamera.


Le strane forme luccicanti tendono a comportasi un po 'come una ragnatela lucida, con linee curve lunghe e piccole curve intorno ai bordi. La 'forma incandescente' spesso si avvolge intorno alla sorgente luminosa, ma può prescindere  completamente da essa. L'effetto forma incandescente funziona meglio al buio senza utilizzare il flash della fotocamera. Se si utilizza il flash, l'effetto luminoso può essere ridotto, o addirittura fermato del tutto. Inoltre, il colore della forma incandescente può essere modificato.

A seconda del colore della sorgente di luce, infatti le strane forme possono variare riprendendo la stessa tonalità.



L'amministratore del sito Metabunk Mark West ha provato personalmente a riprodurre il fenomeno, effettuando una serie di scatti con la lente bagnata, simulando quello che potrebbe succedere in caso di pioggia o forte umidità. Molto importante è disporre di un apparecchio impermeabile e impostare un'ampia apertura del diaframma. West ha unito i suoi scatti creanfo una gif animata, che ricorda da vicino il fenomeno registrato dalle telecamere di Hessdalen. I riflessi prodotti dalle gocce d'acqua sembrano danzare ed avere vita propria, dando l'impressione di essere un'entità fluttuante proprio di fronte alla telecamera.


Potete trovare un'ampia disamina tecnica del fenomeno e similari su 
http://laser.physics.sunysb.edu/~samantha/journal/

Crediti: Mark West - Metabunk
Crediti: Mark West - Metabunk

In questo caso nonostante la grande popolarità del video non sembrano esserci gli estremi per trovarci di fronte alle numerose luci che da anni si palesano nella valle di Hessdalen. Potete leggere il reportage di alcuni italiani che hanno indagato sul mistero e numerosi documenti sul fenomeno cliccando qui.

*Si ringrazia il moderatore Saturn3 per la segnalazione, e Insider e Ulisse77 per le informazioni utili a redarre l'articolo

Discutine con noi nel forum ORB filmato da webcam in Norvegia

Commenti: 5 (Discussione conclusa)
  • #1

    Yale (martedì, 17 febbraio 2015 20:54)

    Vi amo.

  • #2

    Io (martedì, 17 febbraio 2015 21:35)

    Metabunk ecco ci mancava, adesso debunkeronline è completo.

  • #3

    Jyss (mercoledì, 18 febbraio 2015 03:48)

    Ciao cari amici di Ufoonline,vi leggo spesso e ancora mi chiedo....? Ma qdo metterete qualche articolo a cui non sapete dare risposta? Ma voi sapete proprio tutto? Qdo verrete insigniti come le "menti più brillanti del secolo" ? Siete veramente in gamba! ;) (non parlo di qst articolo)

  • #4

    chip (mercoledì, 18 febbraio 2015 11:22)

    non risulta come osservazione, come mai?!
    http://www.hessdalen.org/observations/2015/

  • #5

    Umberto Greco (mercoledì, 18 febbraio 2015 17:44)

    Ciao conoscete il grande ricercatore italiano Germano Bianchi, che è stato in Norvegia, per conto del Comitato italiano per il progetto Hessdalen (Ciph), ed è stato intervistato da “Voyager”. Aveva detto che aveva visto le luci uscire da miniere di rame e zolfo.