Droni sotto l'albero, migliaia in regalo per Natale: ecco il decalogo del buon dronista

Saranno decine di migliaia i droni che arriveranno nelle case degli italiani come regali di Natale. Queste nuove macchine volanti radiocomandate, infatti, sono il dono più richiesto da bambini e ragazzi. Ve ne sono in vendita di tutti i modelli e i prezzi, da poche decine fino ad alcune centinaia di euro: consentono di effettuare semplici voli o manovre spericolate ed anche di scattare foto e realizzare video. Questi droni giocattolo, meglio noti come dronimodelli, andranno ad aggiungersi alle centinaia di droni professionali già operativi in Italia. Un primo bilancio di questo boom sarà tracciato il prossimo 19 dicembre durante l’appuntamento di “Roma Drone Conference” dal titolo “L’Italia dei droni”, a cui parteciperanno i massimi esperti del settore in ambito istituzionale, scientifico e industriale.


Molti esprimono preoccupazione per questa imminente “invasione” di dronimodelli nei nostri cieli, soprattutto per i rischi derivanti da una scarsa conoscenza delle regole del volo da parte dei giovani piloti. E’ per rispondere a questo allarme che la DJI Academy Italia, guidata dagli esperti di HobbyHobby, ha preparato un decalogo del “buon dronista”. Federico Larosa del Romadrone ha inviato a Ufoonline dei consigli utili per divertirsi ed evitare incidenti con i regali di natale più desiderati di quest'anno.

Si tratta di alcune regole semplici per volare in tutta sicurezza con il proprio dronemodello, basate sull’esperienza degli istruttori della DJI, il colosso cinese che vende in tutto il mondo il famoso drone quadricottero “Phantom” e il nuovissimo “Inspire 1”.


Ecco il decalogo:

1) iniziare con un drone di piccole dimensioni e con poche funzioni e poi passare eventualmente ad un drone più complesso dotato anche di gps e telecamera;

2) leggere bene il manuale di funzionamento del drone;

3) verificare il livello di carica delle batterie;

4) verificare il funzionamento e l’impostazione del radiocomando;

5) volare in campi da aeromodellismo autorizzati e attrezzati, o eventualmente in aree libere da ostacoli, a bassa quota, senza sorvolare centri abitati o persone e lontano da aeroporti, linee elettriche, impianti industriali e strutture militari;

6) subito dopo il decollo del drone, eseguire una prova di tutte le manovre per verificare che tutto sia efficiente;

7) dopo ogni volo e soprattutto in caso di caduta, verificare sempre l’efficienza di ogni parte del drone;

8) se il drone è dotato di software aggiornabile, procedere periodicamente con l’aggiornamento via internet;

9) frequentare un club di aeromodellisti o chiedere consiglio ad un pilota esperto;

10) stipulare una polizza assicurativa per attività aeromodellistica.

 

“La drone-mania che è esplosa in Italia troverà nelle prossime feste un momento di grande impulso, con decine di migliaia di piccoli dronimodelli che entreranno nelle nostre case come regalo natalizio”, ha dichiarato Luciano Castro, presidente di Roma Drone Conference. “Si tratta di un regalo hi-tech, che potrà favorire la formazione tecnologica di bambini e ragazzi, anche in previsione di un futuro lavoro. Ma è necessario che i giovani neo-piloti conoscano le regole basilari del volo ed evitino comportamenti rischiosi o illegali. Perché volare con un drone resti un bel divertimento e non sia invece causa di danni o incidenti”.

Un bilancio del boom dei droni in Italia sarà tracciato durante la conferenza “L’Italia dei droni”, terzo appuntamento del ciclo di “Roma Drone Conference” che si svolgerà il prossimo 19 dicembre presso l’Atahotel Villa Pamphili a Roma (via della Nocetta, 105).


Questa conferenza, organizzata dall’associazione Ifimedia e da Mediarkè, si terrà ad un anno esatto dalla pubblicazione da parte dell'Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC) del Regolamento sugli Aeromobili a Pilotaggio Remoto (APR), avvenuta appunto nel dicembre del 2013. Sarà una sorta di "stati generali della drone community italiana", in cui si confronteranno tutti i maggiori player del settore, in ambito istituzionale, militare, scientifico, industriale e dei mass media. In occasione di questo appuntamento, l'ENAC presenterà il primo Rapporto sulle attività dell'Ente nel settore degli APR nell'ultimo anno. Sarà così possibile fare il punto sullo stato dell'arte e sulla situazione del mercato dei droni in Italia e anche valutarne le prospettive ed i possibili sviluppi.

Corso gratuito e drone in regalo

In collaborazione con il colosso cinese DJI, la società ha creato il “DJI Official Training Center Italy”, l’accademia che curerà la formazione di nuovi piloti di droni. Sabato prossimo 13 dicembre, questa accademia svolgerà un corso gratuito sul quadricottero “Phantom Vision Plus V3”. Il corso si svolgerà (dalle ore 14 alle 18) presso la sede della Biofly, azienda con maturata esperienza nel settore aeronautico, situata ad Ardea, vicino a Roma (via Pontina Vecchia km 34). Tra tutti i partecipanti, HobbyHobby metterà anche in palio un modello “Phantom 5.8 GHz” ed un corso teorico per “pilota SAPR” (Sistema Aeromobile a Pilotaggio Remoto). Per partecipare al training gratuito, è necessario iscriversi sul sito www.hobbyhobby.it.

 

Il programma del corso prevede due ore di lezioni teoriche sulle caratteristiche tecniche e sulle modalità di utilizzo del modello “Phantom 2 Vision Plus” e del nuovissimo “HH-Phantom 2 Term”, che sarà presentato per la prima volta in Italia in vista dell’autorizzazione ENAC per operazioni specializzate non critiche. Il training è destinato sia a coloro che non hanno alcuna esperienza, sia a quei piloti che vogliono approfondire le loro conoscenze. I partecipanti potranno porre domande e chiedere consigli agli istruttori ufficiali della DJI. 


Successivamente, all’interno di un apposito hangar, sarà possibile provare in un volo indoor il “Phantom 2 Vision Plus” per familiarizzare con il radiocomando e con le sue varie manovre. Al termine, saranno estratti i vincitori di un “Phantom 5.8 Ghz” e del corso completo da “pilota SAPR”. Inoltre, tutti i partecipanti riceveranno un buono-sconto del 5% su qualsiasi acquisto tra i prodotti presenti nel sito web di HobbyHobby.

 

“Il nostro scopo è quello di agevolare la formazione di nuovi piloti e favorire l’autorizzazione per l’utilizzo di SAPR ‘sicuri’, in modo che tutti gli interessati possano mettersi in regola ed avere un futuro certo e non restare nell’incertezza attuale”, ha dichiarato Flavio Dolce, titolare di HobbyHobby. “La nostra società opera nel settore dei droni dal 2008 e ha sempre lavorato per lo sviluppo tecnologico dei SAPR. A breve, prevediamo di offrire dei nuovi pacchetti formativi chiavi-in-mano, comprendenti il drone, il corso di pilotaggio teorico e pratico, la consulenza per l’autorizzazione ENAC e l’assicurazione. L’obiettivo è che gli acquirenti possano essere autorizzati per operazioni specializzate non critiche, come da regolamento ENAC”.


Se per Natale state pensando di comprare un drone non perdete l'occasione per partecipare gratuitamente al corso per fare pratica e divertirvi in modo sicuro. I droni anche -quelli più semplici- richiedono pratica e abitudine per essere utilizzati al meglio e senza pericoli per voi e per gli altri. Un bellissimo Natale all'insegna della tecnologia volante più entusiasmante vi sta aspettando.

Scrivi commento

Commenti: 0