Nuovi indizi di vita su Marte ? Ecco la storia del meteorite Tissint

Un nuovo studio rilancia il dibattito sulle forme di vita che potrebbero essere esistite su Marte. La ricerca, a cui ha partecipato il Politecnico federale di Losanna, ha analizzato le tracce di carbonio in un meteorite del pianeta rosso precipitato nel 2011 in Marocco.

I risultati dello studio puntano a un’origine biologica del carbonio, che proverrebbe dall’infiltrazione di un liquido ricco di materia organica nelle fessure della roccia quando era ancora su Marte.

 

Queste conclusioni contrastano con quelle di studi precedenti, secondo i quali il carbonio si era formato a partire da una cristallizzazione del magma. "Siamo pronti ad essere contraddetti da altre ricerche, ma le nostre conclusioni rilanciano attivamente il dibattito" afferma Philippe Gillet, direttore del laboratorio di scienze della terra del politecnico. Questa è la storia del meteorite Tissint.

ll meteorite, chiamato Tissint, è stato strappato dalla superficie di Marte 700 mila anni fa, probabilmente a causa dell'impatto di altri massi spaziali contro il suolo marziano. Dopo il suo volo lungo, Tissint cadde nel deserto del Marocco, nella regione di Guelmim-Es Semara, il 18 luglio 2011. La sua traiettoria di impatto è stata seguita da numerosi testimoni. Il meteorite, dopo la sua entrata nell'atmosfera si è rotto in numerosi frammenti recuperati in varie fasi. per un peso totale di circa 7 kg.


Al microscopio, si può vedere che la roccia ha un gran numero di piccole crepe o fessure che sono riempite con un materiale ricco di carbonio. Diversi gruppi indipendenti di ricercatori hanno concluso, dopo la sua analisi, che la fonte di carbonio è inconfondibilmente organico. Cioè, proveniente direttamente da una attività biologica. Ciò che non è noto è se l'attività biologica ha avuto luogo o no, su Marte se stesso.


Le analisi chimiche, microscopiche e isotopiche condotte finora hanno portato i ricercatori a suggerire diverse origini possibili per il carbonio. L'origine terrestre -cioè di contaminazione dopo la caduta del meteorite in Marocco- è stata completamente scartata. Questo carbonio si è depositato nella roccia, senza dubbio, prima di lasciare Marte.

E il team guidato da Gillet contesta anche alcune ricerche precedenti (come pubblicato da Steele su Science nel 2012), che suggeriscono che il carbonio potrebbe formarsi durante la cristallizzazione del magma ad alte temperature. Secondo il nuovo studio, tuttavia, la spiegazione più probabile è che un composto organico liquido di origine biologica si sia infiltrato sulle rocce a basse temperature, nella superficie del pianeta Rosso.

La disputa sulle proprietà del Carbonio

Questa conclusione è supportata da diverse proprietà intrinseche di carbonio presenti in Tissint, come il rapporto tra il carbonio 13 e carbonio 12, significativamente inferiore alla quota che si verifica nel CO2 presente nel carbonio misurato nell'atmosfera mariziana.  Inoltre, la differenza tra queste due percentuali di carbonio corrisponde perfettamente a quelli visti sulla Terra tra un pezzo di carbone di origine biologica e di carbonio atmosferico.


Ma potrebbe anche essere che il carbonio in questione non si sia originato su marte. I ricercatori suggeriscono, infatti, che tutto questo materiale organico potrebbe essere stato portato su marte da altri meteoriti che hanno colpito la zona in passato. Uno scenario da prendere in considerazione, anche se improbabile, data la bassa concentrazione di sostanza organica trovata in altre meteoriti dello stesso tipo.


"Insistere per chiarire l'origine di questo carbonio è la cosa migliora da fare -dichiara Gillet- soprattutto quando si tratta di un tema così delicato. "Sono completamente aperto alla possibilità che altri studi possono contraddire i nostri risultati. Tuttavia, i nostri risultati sono di tale portata  che possono sicuramente dimostrare la possibile esistenza di attività biologica su Marte, almeno in passato." 

Scrivi commento

Commenti: 0