Il messaggio di Arecibo: sono passati 40 anni dal primo messaggio inviato agli extraterrestri

Il messaggio più famoso del mondo, lanciato verso altre civiltà aliene che lo potessero captare ha compiuto 40 anni. Lanciato dal radiotelescopio di Arecibo, e reso celebre dal film Contact, si tratta del primo vero tentativo serio di comunicazione tra genere umano ed eventuali altre civiltà avanzate. Siamo nel 1974 precisamente 16 Novembre, la destinazione individuata è l'ammasso globulare dell'Ercole (M13), 25000 anni luce da noi. Il messaggio viene inviato a una frequenza di 2380 MHz, un fascio estremamente stretto che ha una ampiezza di circa 2 minuti d'arco, che equivale più o meno ad 1/15 del diametro della luna piena. L'idea del contatto era venuta a Franke Drake, famoso scienziato che aveva già sviluppato la celebre equazione che cercava di dare un numero a quante civiltà avanzate potessero esserci nel cosmo. Nel team era presente anche il compianto Carl Sagan.
Ricordiamo a distanza di 40 anni il messaggio di Arecibo.


Una lunga sequenza per descrivere chi siamo

Leggendolo da sinistra a destra e dall'alto al basso, il messaggio reca le seguenti informazioni:

  • i numeri da uno a dieci;
  • i numeri atomici degli elementi idrogeno, carbonio, azoto, ossigeno e fosforo (ovvero gli elementi costitutivi del DNA);
  • la formula degli zuccheri e basi dei nucleotidi dell'acido desossiribonucleico (DNA), (nell'odine delle righe : Desossiribosio-Adenina-Timina-Desossiribosio , Fosfato-Fosfato , Desossiribosio-Citosina-Guanina-Desossiribosio , Fosfato-Fosfato);
  • il numero dei nucleotidi nel DNA ( al centro dell'elica, stimati in 4.2 miliardi ) ;
  • una rappresentazione grafica della doppia elica del DNA;
  • una rappresentazione grafica di un uomo e le dimensioni (altezza fisica) di un uomo medio ( da sinistra : scritto in orizzontale il numero 14, moltiplicato per 126 mm (lunghezza d'onda del messaggio) dà l'altezza in mm dell'uomo medio : 1764 mm );
  • la popolazione della Terra (nel 1974 : 4.292.853.750 di persone) ;
  • una rappresentazione grafica del sistema solare ( con evidenziata, sopraelevata , la posizione della Terra; si rendono note le dimensioni dei pianeti del sistema) ;
  • una rappresentazione grafica del radiotelescopio di Arecibo e le dimensioni dell'antenna trasmittente( il numero 2.430 posto sotto la rappresentazione dell'antenna moltiplicato per la lunghezza d'onda di trasmissione del messaggio dà le dimensioni del radiotelescopio di Arecibo : 304,18 m).

La scelta della direzione

Si scelse di farlo partire in direzione dell'ammasso stellare di Ercole, in modo da attraversare gran parte della Via Lattea – ha spiegato Andrea Bernagozzi, ricercatore dell'Osservatorio Astronomico della Valle d'Aosta che pochi giorni fa ha tenuto una conferenza su questo tema ad Aosta – In questo modo possono intercettare moltissime stelle. Se ci fosse qualcuno in ascolto, avrebbe sicuramente" 

La presunta replica

Il 19 agosto del 2001, in un campo di grano nei pressi dell'Osservatorio radioastronomico di Chilbolton, nell'Inghilterra meridionale, comparve una presunta risposta rappresentata da un pittogramma nel grano. Nel campo appariva un copia proprio del famoso messaggio inviato nel 1974 da Arecibo in direzione dell'ammasso stellare M13.

 

Il disegno mostrava alcune differenze rispetto all'originale, e molti pensarono che fosse la risposta tanto attesa, rispetto al messaggio inviato molti anni prima. Il carbonio era sostituito dal silicio, lo schema del DNA aveva una tripla elica. Il sistema solare del misterioso corrispondente comprendeva nove pianeti, come il nostro, di cui però tre erano posti in evidenza; infine, al posto dell'antenna trasmittente si poteva individuare qualcosa che ricordava la forma di una sonda spaziale. 
Gli autori del cerchio non vennero mai trovati, e la validità della risposta divenne terreno di scontro tra chi pensava che i cerchi fossero opera aliena e chi già da allora sosteneva l'origine umana del fenomeno. Eravamo ancora nei primi anni del nuovo millennio e la natura dei cerchi nel grano costituiva oggetto di dibatto tra gli appassionati.


In tutti questi anni nessuna risposta concreata è arrivata o forse non abbiamo saputo coglierla con i mezzi che abbiamo.

Ma anche se non dovesse mai ricevere risposta, il messaggio di Arecibo rappresenta il punto di svolta della nostra dimensione umana. La consapevolezza di non essere soltanto cittadini del mondo, ma esseri alla ricerca di una propria ragione universale di esistenza. La nascita e l'accettazione dell'astrobiologia, come scienza seria e degna di rispetto era allora una chimera. Oggi grandi passi avanti sono stati fatti, e la Nasa ha al centro della sua filosofia non solo l'esplorazione fine a se stessa come mera potenza umana, ma la ricerca di vita oltre quella nel nostro pianeta. Negli anni Settanta tutto questo non era scontato. Come ha sottolineato Andrea Possenti direttore dell'Osservatorio Astronomico di Cagliari: “È stata una dimostrazione della capacità tecnologica del genere umano. Siamo in grado di palesarci con trasmissioni create appositamente, di fare vedere che ci siamo”. Aspetteremo pazientemente una risposta.

Commenti: 10 (Discussione conclusa)
  • #1

    chip (mercoledì, 19 novembre 2014 00:22)

    state attenti a quello che desiderate, perchè potrebbe avverarsi e poi probabilmente dopo non ci sarebbe peggior sordo di chi non vuol sentire.

  • #2

    Giotto (mercoledì, 19 novembre 2014 17:08)

    E il segnale WOW dove lo mettiamo ? Girava a frequenza stretta, con una lunghezza di banda inferiore ai 10 kHz. ogni segnale di origine naturale non può essere prodotto in quella banda.

  • #3

    Lorenzo (mercoledì, 19 novembre 2014 17:13)

    Non ci capisce niente nessuno in quel messaggio.
    Si è cercato di attribuire un'intelligenza pari alla nostra a qualcuno che supponiamo sia in grado di riconoscere il codice binario.
    Per comprendere la numerazione binaria (del tutto inutile senza codifica e conoscenza dell'elavazione a potenza in base alla posizione di sole due cifre), bisogna aver cultura ed è questa che manca a chiunque, persino sulla Terra.
    Prendete un laureato in lettere e fategli decifrare il messaggio...Ne sa poco o nulla di codice binario.
    Vi dirà che esiste una rappresentazione visiva di un omino (senza testa, persino) e poi (forse) di una navicella spaziale, (o una capanna), che dovrebbe essere la parabola di trasmissione !!!
    Il resto cos'è ? Largo alla fantasia signori !!!
    Invece, la rappresentazione di un uomo ed una donna fa il suo effetto.
    Chissà, poi, se sono in grado di sentire il suono ricavabile dai solchi tracciati sul disco...
    La risposta giunta, a cui si fa cenno, è sicuramente umana: Troppo facile da realizzare e da ricodificare, avendo già conoscenza di identica metodologia di rappresentazione.

  • #4

    Cesare Paolini (mercoledì, 19 novembre 2014 17:22)

    E' una battuta Lorenzo :OOO se no sarebbe grave per te :0
    Il messaggio è sviluppato con un codice binario, non di meno la matematica è un linguaggio universale.
    Una società avanzata è sicuramente in grado di decifrarlo, è richiesta una conoscenza di base, da parte dei corrispondenti astronomi di un altro pianeta.
    Le critiche al messaggio di Arecibo sono altre. Può rivelare la nostra posizione esatte nell'universo esponendoci ad una società malvagia, è mandato con un metodo ormai superato, ma nel 1974 era all'avanguardia.

    00000010101010000000000
    00101000001010000000100
    10001000100010010110010
    10101010101010100100100
    00000000000000000000000
    00000000000011000000000
    00000000001101000000000
    00000000001101000000000
    00000000010101000000000
    00000000011111000000000
    00000000000000000000000
    11000011100011000011000
    10000000000000110010000
    11010001100011000011010
    11111011111011111011111
    00000000000000000000000
    00010000000000000000010
    00000000000000000000000
    00001000000000000000001
    11111000000000000011111
    00000000000000000000000
    11000011000011100011000
    10000000100000000010000
    11010000110001110011010
    11111011111011111011111
    00000000000000000000000
    00010000001100000000010
    00000000001100000000000
    00001000001100000000001
    11111000001100000011111
    00000000001100000000000
    00100000000100000000100
    00010000001100000001000
    00001100001100000010000
    00000011000100001100000
    00000000001100110000000
    00000011000100001100000
    00001100001100000010000
    00010000001000000001000
    00100000001100000000100
    01000000001100000000100
    01000000000100000001000
    00100000001000000010000
    00010000000000001100000
    00001100000000110000000
    00100011101011000000000
    00100000001000000000000
    00100000111110000000000
    00100001011101001011011
    00000010011100100111111
    10111000011100000110111
    00000000010100000111011
    00100000010100000111111
    00100000010100000110000
    00100000110110000000000
    00000000000000000000000
    00111000001000000000000
    00111010100010101010101
    00111000000000101010100
    00000000000000101000000
    00000000111110000000000
    00000011111111100000000
    00001110000000111000000
    00011000000000001100000
    00110100000000010110000
    01100110000000110011000
    01000101000001010001000
    01000100100010010001000
    00000100010100010000000
    00000100001000010000000
    00000100000000010000000
    00000001001010000000000
    01111001111101001111000

  • #5

    I Belive (mercoledì, 19 novembre 2014 17:31)

    "In tutti questi anni nessuna risposta concreata è arrivata o forse non abbiamo saputo coglierla con i mezzi che abbiamo."

    Thoo Questa frase racchiude il senso di quello che predico da anni. Vedere/Non Vedere occultamento volontario o involontario.
    Passo indietro...siamo nel medioevo gli uomini ricevono un segnale radio alieno? Il segnale esiste ma la tecnologia non permette di riceverlo.
    Passo avanti...siamo nel 2014 gli uomini sono pieni di segnali alieni ma la tecnologia non permette di riceverli.
    Vale per i segnali e per altre forme di comunicazione.

  • #6

    Radiorama (mercoledì, 19 novembre 2014 17:53)

    Ciao a tutti leggete questo

    http://air-radiorama.blogspot.it/2014/09/segnali-alieni-captati-135-mhz-con-sdr.html

  • #7

    Franz (mercoledì, 19 novembre 2014 21:24)

    Se gli alieni rispondessero al segnale inviatogli da Arecibo non utilizzerebbero di certo tecnologie incompatibili con la nostra.
    In quanto al segnale wow rimane ancora un mistero.

  • #8

    Daniele (giovedì, 20 novembre 2014 10:31)

    Non si tratta solo del messaggio di Arecibo, in realta' e' dalla nascita della tecnologia a onde radio che dalla Terra si emettono messaggi e comunicazioni che finiscono nello spazio.
    I primi segnali Terrestri ora si trovano a circa 113 anni luce se poniamo con inizio i primi messaggi radio di Marconi.
    Il problema e' sempre lo stesso ossia la velocita' della luce e' lenta lentissima paragonata alle distanze cosmiche, sia per comunicare che per viaggiare.
    Se una civilta' extraterrestre con capacita' tecnologiche paragonabili alle nostre fosse in ascolto come noi ed ad una distanza di 200 anni luce da noi,
    pur essendo in ascolto e pronta non avrebbe ancora sentito nessun segnale proveniente dal pianeta Terra.
    Addirittura forse i loro telescopi sanno dell'esistenza della Terra e di come sia possibile l'esistenza di vita intelligente, e magari hanno subito puntato il loro radiotelescopi per ascoltare evidenti segnali radio, e chissa' forse non ricevendo nulla sono passati ad ascoltare altrove.
    Riceveranno i nostri primi segnali tra circa 87 anni, e nel caso ci rispondessero dovremmo aspettare 200 anni (saremo nell'anno 2301 !!!)
    Se pensiamo alle infinita' del cosmo, i nostri segnali potrebbero essere captati quando la Terra non esistera' neppure piu'.
    Per fare un po' di ironia pensiate che
    un civilta' che forsse a 14 anni luce dalla Terra, ora sta ricevendo il grande fratello edizione italiana......voi cosa rispondereste ???

  • #9

    Cinese (giovedì, 20 novembre 2014 21:37)

    @Daniele

    Non risponderei.

    Ordinerei:"Fuoco a volontà!"

  • #10

    infoufo (domenica, 23 novembre 2014 10:44)

    CITAZIONI:

    I SEGNALI ALIENI NEGATI!

    Quanto segue, viene riportato in una puntata del programma
    in serie "Alieni nuove rivelazioni" trasmessi
    da Focus, Camale 56, relativamente
    alle ricerche di segnali alieni
    fatte dal S.E.T.I. :

    "Hanno ricevuto numerosi segnali
    extraterrestri" "i segnali erano cosi'
    tanti che hanno ricevuto disturbi
    esterni" "da parte di una organizza-
    zione umana che non voleva che
    quei segnali continuassero ad
    essere ricevuti!"

    OSSERVAZIONI:

    Il ###, riadisce di nuovo la sua
    precisa convinzione, che i segnali
    alieni siano stati gia' intecettati e
    registrati dal SETI e da altre
    fonti, ma che sono stati occultati
    e nascosti volutamente sotto la
    pressione di certe agenzie di
    intelligence come la NSA, CIA
    e altre organizzazione pari-
    tetiche. Non si deve sapere
    che la' fuori le comunicazioni
    di civilta' aliene ci sono e che il contatto
    palese di fatto sarebbe stato fattibile, ma
    devono mantenere lo status-quo' e
    il silenzio a tutti i costi, SIC!