Rosetta, il lander Philae è atterrato con successo sulla cometa: cronaca e immagini

Il mondo con il fiato sospeso ha aspettato questa sera la buona riuscita di una delle missioni spaziali più difficili della storia: il primo "robot" umano su una cometa. A questo si deve la reazione entusiasta dalla sala controllo di Darmstadt, dove i tecnici dell'Agenzia spaziale europea hanno confermato che il lander Philae è atterrato sulla superficie della cometa Churyumov-Gerasimenko e stava inviando segnali a Terra. Le trivelle da ghiaccio sulle zampe del lander hanno penetrato la superficie della cometa. Dopo che il lander si è sganciato dalla sonda Rosetta, sono seguite sette ore di trepidazione, visto che la discesa doveva avvenire in automatico ePhilae non poteva inviare segnali. Poi, alle 17.04, l'annuncio - "Philae è sulla superficie e ci sta parlando" - accolto da abbracci, festeggiamenti e qualche lacrima. Ci sono alcune preoccupazioni sulla sua stabilità perché nel sistema di ancoraggio qualcosa non è andata come previsto Le viti che si trovano all’interno dei piedi del lander -secondo l'ESA- sono comunque penetrate nel ghiaccio. A seguire le immagini, i video e gli aggiornamenti.

Questa la prima serie di immagini inviate da OSIRIS, la fotocamera grandangolare di Rosetta, che ha catturato il momento della separazione del lander Philae dal corpo della sonda. Nei prossimi giorni le immagini e i dati raccolti da Philae saranno preziosissimi per capire la struttura e composizione del nucleo delle comete. 

Il Lander continuerà a operare fino alla prossima primavera, facendo una cronaca dettagliata dei cambiamenti della cometa, man mano che si avvicina al Sole.

 

L’ESA darà nuove informazioni ufficiali giovedì, durante una conferenza stampa alle 14:00, ora italiana.

Credit: ESA / Rosetta / MPS per OSIRIS team MPS / UPD / LAM / IAA / SSO / INTA / UPM / DASP / IDA

La gioia e poi la doccia fredda del piccolo problema tecnico

Come anticipato Philae non è perfettamente ancorata alla cometa 67P con il rischio quindi di un suo eventuale distacco. Lo ha riferito l'Agenzia spaziale europea comunicando l'esito di indagini telemetriche. Lo staff del centro di controllo, riferisce l'account Twitter dell'Agenzia, sta cercando di comprendere il motivo del mancato pieno ancoraggio. All'origine del problema un malfunzionamento dell'arpione di ancoraggio di Philae: "Ci sono indicazioni che (l'arpione) non sia stato sparato (sulla superficie della cometa) il che potrebbe significare che sia atterrata su materiale soffice e non sia quindi ancorata a nulla di solido", ha spiegato Stephan Ulamec, il manager della missione.

La sonda accompagnerà la cometa per tutto il 2015 - L'obiettivo della missione è quello di acquisire nuove conoscenze sull'evoluzione del Sistema Solare grazie all'analisi della cometa - che ha un diametro di appena quattro chilometri .


"Confermiamo che il lander è sulla superficie della cometa'', ha detto il responsabile delle operazioni della missione Rosetta, Andrea Accomazzo. "L'atterraggio è stato delicato e dolce'', hanno detto da Colonia i responsabili delle operazione di Philae.
Philae è ora su Agilkia, il sito di atterraggio. Ora comincia la vera missione.


Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    XXX (giovedì, 13 novembre 2014 16:06)

    Ma non ci sono immagini dell'atterraggio?