Ennesima fine del mondo virale: Il 10 novembre 2014 la presunta apocalisse che "arriva" dagli Usa

Non bastava la fine del mondo in salsa Maya e le infinite catastrofi annunciate e mai verificate per fermare la passione virale del web per l'annuncio dell'apocalisse globale. Una sola regola, fonti non verificabili e particolari superficiali per aumentare la curiosità e insieme il panico. Queste caratteristiche le ritroviamo in un notizia che sta girando da qualche giorno sui media italiani: La fine del mondo o comunque una catastrofe dalle proporzioni gigantesche si abbatterà sul nostro pianeta il 10 Novembre 2014. La notizia ha invaso la rete, conoscendo una condivisione esponenziale nelle ultime ore. Difficile per ora trovare la fonte originale della notizia, ma sono molti i siti che riportano l'annuncio profetico: da Affari Italiani, Exite ItaliaBlitz Quotidiano fino al Mattino di Napoli. Solo per citarne alcuni.

Nel mezzo nessuna conferma, neanche di quale tipo di fine ci attende. Nonostante si dica che la notizia provenga dagli Stati Uniti non si trovano siti in lingua inglese che ne facciano cenno. Potrebbe essere una bufala virale tutta Made in Italy. Nonostante i falsi allarmi le ricerche serie su cosa causerà la "fine del mondo" esistono.

Qualcuno alla fine del mondo ci pensa davvero.

La fine del mondo non è solo un tema di speculazione ma di inchieste serie dai criteri rigorosi. A Luglio di quest'anno il Cambridge Centre for the Study of Existential Risk ha riunito un gruppo di 27 ricercatori provenienti da Oxford, Imperial College, Harvard e Berkeley che hanno eleborato una  lista di possibilità che ci potrebbero portare all'apocalisse“Anche se il pericolo di un annientamento nucleare o di un gigantesco asteroide è concreto, siamo convinti che le principali minacce per l’uomo arrivino da lui stesso piuttosto che dalla natura“, ha spiegato Lord Rees al British Science Festival all’Università di Newcastle.


Dispositivi intelligenti

La tecnologia intelligente? E’ possibile. L’umanità potrebbe finire subito se una rete di computer sviluppasse una mente propria e usasse così le risorse per i propri scopi, a spese dei bisogni dell’umanità.

 

Terrorismo informatico

Gli attacchi informatici sono all’ordine del giorno e non ne siamo stupiti. Il terrorismo informatico potrebbe uccidere l’umanità. Il nostro tempo è caratterizzato da un fitto sistema d’interconnessioni e se queste dovessero collassare a causa di un attacco terroristico, la paralisi sarebbe totale.

 

Bioterrorismo

C’è chi pensa che alcuni virus che circolano nel mondo provocando morte e distruzione siano stati rilasciati dai laboratori di ricerca delle multinazionali del farmaco, in collaborazione con i governi locali. Al di là di ciò che può sembrare fantascienza, se un virus o un super-batterio – per il quale non c’è antidoto – sfuggisse al controllo di un laboratorio o venisse rilasciato dai terroristi, porterebbe in breve tempo alla morte di milioni di persone.

 

Pandemia

Storicamente abbiamo assistito ciclicamente a numerose pandemie, ovvero epidemie contagiose, la cui diffusione interessa più aree geografiche del mondo provocando mortalità elevata. Nella storia si sono verificate numerose pandemie, fra le più recenti si ricordano l’influenza spagnola nel 1918, l’influenza asiatica nel 1957, l’influenza di Hong Kong nel 1968. Anche i viaggi aerei sempre più frequenti rischiano di scatenare una rapida diffusione di nuovi virus-killer, mutati dagli animali, che possono spazzare via milioni di persone prima che venga scoperto un vaccino per fermarli.

 

Scorte alimentari

Se ci fosse un sabotaggio dell’approvvigionamento alimentare, scoppierebbe un disastro in poche ore. Il motivo? Attualmente non si tende più a fare scorte di cibo in abbondanza, quindi il rischio potrebbe essere la carestia se ci fossero problemi alle reti che controllano la distribuzione degli alimenti.

 

Cambio del clima

L’eccessivo e continuo riscaldamento della Terra è uno dei fattori che più preoccupano gli esperti, che temono che presto si arriverà al punto di non ritorno, con conseguenze facilmente immaginabili e catastrofiche. Teniamo conto che rispetto alla fine dell’Ottocento, la Terra è oggi più calda di circa 0,7 gradi. Mai, almeno nei tempi recenti, una simile variazione è avvenuta in così breve tempo.

 

Guerre per mancanza di risorse primarie

Dopo il 2025 sarà il disastro, dicono gli esperti. Gli esseri umani stanno consumando una quantità sempre maggiore di risorse della Terra. Entro qualche decennio la capacità produttiva del nostro pianeta dovrà essere destinata per metà alle sole necessità umane. La crescita demografica che non cenna a diminuire, sta mettendo in pericolo le risorse di ciboe acqua disponibili, e così le nazioni andranno in guerra per difenderle o conquistarle.

 

Bomba atomica

Esistono nazioni che dispongono della bomba atomica e potrebbero lanciare attacchi mirati con milioni di perdite umane. Ma il pericolo più grave, probabilmente, è il fatto che tali testate nucleari possano finire nelle mani di terroristi, che saprebbero cosa fare con in mano un’arma di distruzione di massa di tale portata.

 

Asteroide sulla Terra

L’impatto di un enorme asteroide sulla nostra Terra potrebbe provocare l’estinzione della specie umana. D’altronde già in passato è accaduto (o per lo meno così dicono gli scienziati), che un gigantesco asteroide sia stato responsabile dell’estinzione dei dinosauri sulla Terra.

Scrivi commento

Commenti: 5
  • #1

    Franz (mercoledì, 05 novembre 2014 16:30)

    Questa notizia si rifarebbe ad una presunta profezzia di Nostradamus c'è chi parla di un asteroide e c'è chi parla di un terremoto ma la cosa più certa è che si tratta dell'ennesima bufala.

  • #2

    Toir (mercoledì, 05 novembre 2014 16:55)

    Perchè ne parlate allora? tutti i siti fanno la stessa cosa bufala bufala ma la rilanciano ROFLMAO XD Queste cagate escono appositamente per questo!

  • #3

    Giotto (mercoledì, 05 novembre 2014 18:45)

    E' sempre l'ultima prima della fine ;)

  • #4

    franco (mercoledì, 05 novembre 2014 21:44)

    come la bufalaccia che girava qualche settimana fa.....il direttore della nasa annunciava ci sarebbero stati tre giorni di buio nel mese di dicembre 2014......ma finiamola,se un giorno accadrà non ce ne accorgeremo nemmeno,siamo troppo occupati con cellulari e altre diavolerie di ultima generazione,abbiamo perso il contatto con la natura ,non e la natura che si deve adattare a noi come sta succedendo, ma noi a lei ,non ci vuole un genio a capire che il nostro pianeta è al collasso,prima o poi qualcosa accadrà, chi vivrà vedrà....pace e amore a tutti.

  • #5

    geppo (sabato, 08 novembre 2014 15:23)

    il 10? dopodomani?? E' un Lunedi, meno male che non capita di Venerdi....