CUN a congresso: "Ufo avvistato da una famiglia sulle Alpi Apuane è l'IR più rilevante da 15 anni"

Un oggetto di forma circolare ellittica, di circa 8-10 metri di diametro, alto pochi metri da terra e che emanava della luce blu elettrico, avvistato lo scorso 5 aprile da un impiegato e dalla moglie casalinga sulle Alpi Apuane, è "il caso ufo più rilevante dell'ultima decade e non solo", secondo il Centro Ufologico nazionale. Il caso, già denunciato ai carabinieri di Massa, è stato reso noto nel corso del terzo congresso internazionale del Cun, che si è appena svolto a Roma. In realtà i giornali, in particolare la Nazione avevano già pubblicato degli articoli sull'avventura vissuta dalla famiglia toscana. Oltre al racconto non esistono prove fisiche o altri elementi che possano avvalolare la tesi dei testimoni, ma secondo Vladimiro Bibolotti, presidente del Cun, si tratta comunque di "uno degli avvistamenti più importanti degli ultimi quindici anni". A seguire il resto della storia.

L'avvistamento nei dettagli:

L'impiegato e la moglie, residenti in un comune della provincia di Massa, entrambi quarantenni, stavano tornando a casa dopo aver cenato da parenti. A bordo dell'auto anche il loro figlio di pochi anni, che dormiva. Mancavano pochi minuti alle 23.00. Giunti a ridosso di una curva, si accorgono che la ringhiera che delimita lo spazio dove si trova un'edicola votiva riflette della luce blu, ad intervalli regolari. Circostanza strana, pensano, considerato che la ringhiera è di ferro nero opaco. Dopo pochi metri di marcia il "disco volante" si materializza a circa cinque metri di quota, a non più di 10-15 metri dalla vettura. L'uomo racconta di essere stato investito da luci blu elettrico e poi di aver visto questa sorta di "anello", anch'esso blu, che girava. Lo stesso oggetto viene avvistato dalla moglie, che lo descrive negli stessi termini. Ai testimoni l'oggetto sembra un "tagadà", la giostra dei luna park, ma rovesciato, con settori verticali, che girava in modo vorticoso. La visione dell'Ufo terrorizza i due coniugi. L'uomo, ancora abbagliato, scappa a tutta velocità. Si ferma più avanti, scende dall'auto, ma dell'oggetto non c'è più traccia.

 

Sull'avvistamento hanno fatto una prima indagine i ricercatori del Cun, ma il testimone si è anche recato dai carabinieri per denunciare il fatto. Alla stazione dell'Arma di Massa gli è stato fatto compilare l'apposito Modulo di avvistamento di Oggetto volante non identificato, dove l'impiegato ha ricostruito l'episodio, disegnato e fatto uno schizzo dell' "anello" misterioso. La segnalazione è stata quindi girata al Reparto generale sicurezza dell'Aeronautica militare, che si occupa della materia.

 

I rilievi non hanno avuto seguito, e il caso è destinato a finire come tutti gli altri nelle carte che il nostro comporto militare utilizzerà, come ogni anno, per stilare delle statistiche annuali sui casi denunciati di avvistamenti di Oggetti non identificati. Non è dato sapere come e perchè il CUN abbia individuato in questo racconto il caso ufoologio più rilevante, a dispetto di altri casi ugualmente denunciati, che riportavano allegato anche materiale fotografico.

Ricostruzione grafica del presunto IR
Ricostruzione grafica del presunto IR

Per chi non avesse letto la testimonianza della famiglia toscana, questa era l'intervista rilasciata nel mese di Aprile al portale La Nazione.it:

 

Andrea, ci spiega esattamente cosa è accaduto?
«Tornando a casa sabato sera (5 aprile) passando come al solito per Pariana, siamo stati sorvolati da un oggetto volante non identificato, senza mezzi termini». 

L’avvistamento dove è avvenuto?
«Esattamente nel tratto tra il cimitero di Pariana e la curva del vecchio mulino, dopodiché si è spostato sul dritto per Pariana».

Lungo il tratto di strada ci sono delle immagini sacre?
«Sì è successo tutto proprio davanti alla piccola maestà ricavata nella montagna, poco prima della curva del vecchio mulino, quella con le ringhiere nere rialzata dalla strada». 

Si ricorda l’orario preciso?
«L’orologio dell’auto segnava le 22.56».

C’è qualche dettaglio che le è rimasto impresso in modo particolare?
«Sì, nel momento in cui è apparso i miei occhi erano come attraversati da tanti segmenti blu intenso». 

In macchina insieme a lei chi c’era?
«Eravamo io, mia moglie e mio figlio di 5 anni». 

Sua moglie ha avuto la stessa percezione?
«Mia moglie dalla sua angolazione dell’auto lo ha visto quasi nella sua totalità, stimandolo in circa 8 metri di diametro». 

Ha temuto per l’incolumità della sua famiglia?
«Il fenomeno è stato breve, e in quel momento preso dal panico, non ho neanche avuto tempo di pensarci, ma solo di correre via. Solo dopo io e mia moglie a mente fredda abbiamo realizzato il potenziale pericolo a cui eravamo esposti».

Il primo pensiero per chi è stato?
«Per mio figlio, che fortunatamente dormiva dietro. Ho letto di rapimenti alieni e spesso di bambini, chissà cosa poteva capitarci...». 

Ha avuto paura?
«Paura? E’ strano descrivere cosa proviamo, un po’ paura un po’ fascino, pensando che quella cosa potesse essere sul nostro tetto o avesse “memorizzato” le nostre identità. Comunque sì, ho avuto paura». 

Come ha reagito all’accaduto sua moglie?
«Mia moglie è una donna che se non vede non crede, come tanti di noi, e vedere quella cosa in aria a forse 4 metri sopra la nostra auto l’ha turbata, perché improvvisamente ottieni una consapevolezza dell’esistenza di cose che non sono terrestri, e oltre la paura ti mette tanta confusione». 

Di notte riuscite a dormire?
«Le prime notti non dormimmo bene, perché sei invaso dai pensieri che quella cosa o “loro” tornino da te, siano intorno a te e non li puoi vedere. Solo dopo 3 o 4 giorni ci siamo calmati, ma rimani sempre un po’ in allerta...».

Ripassare sul quel tratto di strada cosa significa per voi?
«Guardi l’altra sera (il 12 aprile, ndr) è una settimana esatta dall’accaduto e siamo ripassati di lì alla stessa ora e fa un certo effetto, anche se sono certo che non può riaccadere nello stesso luogo, o spero...». 

Lei crede che possano esistere forme di vita oltre alla nostra?
«Sono una persona aperta e ho sempre immaginato che l’universo includa altri oltre noi, ma un conto è immaginare, vederli è una conferma che ti trasforma dentro, e mi fa rispondere “sì” ci sono altre forme di vita che ci visitano, e sono qui proprio dove viviamo». 

Ha raccontato quanto le è accaduto a qualche associazione specializzata in avvistamenti?
«Ho ritenuto importante il mio incontro ravvicinato perché classificato del terzo tipo e molto vicino a noi. Ho riferito tutto al Centro Ufologico Mediterraneo che collabora con l’Aviazione Militare Italiana e mi ha richiesto di compilare un fascicolo con tutte le informazioni possibili, tutti i dettagli». 

Ha mai pensato che tutto questo possa essere uno scherzo?
«In un primo momento durante l’accaduto, credevo di vedere quei laser blu tipo discoteca che venivano proiettati dal paese verso di noi, ma purtroppo non era così». 

In passato gli era mai capitato di assistere a fenomeni o episodi analoghi?
«A tutti capita di vedere in cielo lassù qualcosa di cui non sei sicuro ma dici mah sicuramente era un aereo o cosa, ma questa è in assoluto la prima volta e spero l’ultima di vederlo così vicino a me…».

I Dati del Centro Ufologico Italiano

Come sempre accade durante le sue riunioni, il CUN ha diffuso i dati sui suoi cinquanta anni di ricerca: mezzo secolo durante il quale sono stati raccolti 12.365 dossier relativi ad avvistamenti di Ufo, risalenti fino al lontano 1901. Dei 12.365 X-files raccolti e indagati dal CUN, 8.804 riguardano segnalazioni di Oggetti volanti non identificati ad alte quote (sopra i 150 metri); 1.440 a basse quote (sotto i 150 metri); 376 Ufo a terra; 368 riguardanti "presenze di entità", cioè i famosi "incontri ravvicinati del terzo tipo"; 93 Ufo a pelo d'acqua (mare o lago); 40 USO, cioè oggetti non identificati sotto il livello dell'acqua; 1.240 segnalazioni inserite in altre tipologie minori.

 

Durante il congresso - nel quale sono stati anche presentati i "Protocolli di Contatto", un modus operandi per l'eventuale arrivo di visitatori extraterrestri - sono stati proclamati i vincitori del Premio Giornalistico Nazionale "J. A. Hynek" per i migliori articoli, servizi ed inchieste ufologiche svolte nel mondo della comunicazione. I giornalisti premiati sono stati Fabio Fazio, Maria Antonietta Calabrò del Corriere della Sera, Ivano Pasqualino della Repubblica e gli autori del polemico libro-inchiesta "UFO i dossier italiani" (Mursia), Lao Petrilli e Vincenzo Sinapi.

Scrivi commento

Commenti: 23
  • #1

    UfoDrome (lunedì, 13 ottobre 2014 14:57)

    Gli alieni esistono e sono già fra noi ...

    ... basta osservare il cielo notturno e di oggetti strani (satelliti esclusi) ne trovate quanti ne volete ...

    ... ne ho personalmente osservato uno questa estate, era un enorme oggetto ellissoidale ... che viaggiava nella penombra del cielo notturno, come un'auto a fari spenti ... altezza stimata: la stessa quota dei jet di linea ... grandezza stimata a parità di altezza: almeno 3 volte un 747 ...

    ... la cosa più sconvolgente era il fatto che se la filasse a velocità pari ad almeno 4 volte quella di un jet di linea IN UN SILENZIO ASSURDO ... a malapena ho seguito una traiettoria di svariati km in appena 9/10 secondi (nemmeno il tempo di attivare la telecamera del cellulare) ...

    ... non un sibilo di turbina, non un rumore, quasi fosse un fantasma ...

    ... non avrei mai potuto notarlo se non stessi osservando attentamente la volta stellata ... praticamente l'occhio c'è caduto per puro caso ...

    Questi fanno come gli pare sia di giorno che soprattutto di notte .... E QUELLI DEL SETI ANCORA CERCANO IMPROBABILI SEGNALI RADIO PEGGIO DI UN MIOPE CHE CERCHI GLI OCCHIALI ... POVERACCI !!!

  • #2

    IBelive (lunedì, 13 ottobre 2014 17:03)

    Questi racconti sono uguali dalla notte dei tempi e gli elementi simili fanno pensare che siano reali. Il caso di Franco Premi o di Zanfretta che non avevano niente da guadagnare a parlare dei loro incontri. Portatori di un messaggio che nessuno vuole ascoltare ma che prima o poi dovremmo comprendere.

  • #3

    El Paso (lunedì, 13 ottobre 2014 18:39)

    Ma sempre il seti in bocca avete?

  • #4

    Maurone (lunedì, 13 ottobre 2014 21:00)

    C'è qualcosa che non mi convince, non ci credo!

  • #5

    Daniele (lunedì, 13 ottobre 2014 23:58)

    sono sicuro che tra qualche giorno ci verranno a dire che era il solito drone a cui il "padrone e' sfuggito il giunzaglio".

  • #6

    chip (martedì, 14 ottobre 2014 09:22)

    non e' un caso reale e misurabile!

    -l'avvistamento e' stato fatto da marito e moglie, due persone che gia' si conoscevano!

    questo lo rende un caso non misurabile e non reale infatti

    -manca una foto con un fotofonino! il che e' strano!
    -manca un testimone diretto che non conoscesse gia' la coppia
    -mancano testimoni (che non conoscessero la coppia) che abbiano fatto un avvistamento da remoto
    -mancano altre foto o disegni da remoto dell'oggetto
    -si puo' far a meno di dati radar, ma se ce ne fossero sarebbero meglio.

    in piu' lo shape puzza pure di DRONE
    in piu' lo shape non e' compatibile con uno shape UFO genuine

  • #7

    UfoDrome (martedì, 14 ottobre 2014 09:48)

    Sempre il Seti in bocca ?

    Ti credo ... sono dei c@zz@ri (spacciati per scienziatoni) che sperperano risorse pubbliche da 30/40 anni ... cercando improbabilissimi segnali radio ... come se gli alieni (che magari saltano da una dimensione all'altra) fossero rimasti fermi a Marconi ... :O:O:O

    Ora cercano improbabili raggi laser ... domani cercheranno onde gravitazionali anomale :O:O:O

    Sai le risate che si stanno facendo ? Risuonano fra Orione, Betelgeuse e Alpha Centauri ... :O:O:O

  • #8

    Malles (martedì, 14 ottobre 2014 10:57)

    Certamente è un caso che non convince, soprattutto perchè non è una lanterna giapponese, nè un drone di 10 mt.(?) Comunque per freeforumzone il caso è ripetitivo nelle dinamiche (?) e quindi non ha valenza di prova. Itestimoni (?). Ma certo, sono i soliti burloni che ci mettono la faccia per esibizionismo. Dunque ??? Ma è ovvio, risolto!!!

  • #9

    toir (martedì, 14 ottobre 2014 14:35)

    Ci pigliano per il culo, un disco di 8 metri sopra la macchina e nessuna foto. Chissà come mai..

  • #10

    UniversalMan (martedì, 14 ottobre 2014 16:44)

    " Dunque ??? Ma è ovvio, risolto!!!"

    Aaah Malles non devi far trasparire la rabbia LOL La data del 5 Aprile era coincidente con un evento per ingannare gli ignari passanti "the project big ufo"

    http://www.ufoonline.it/2014/03/04/the-project-big-ufo-il-5-aprile-2014-programmata-l-invasione/

    Ironia della sorte la famiglia e il pargoletto potrebbero aver visto un ufo con luci blu tipicamente led ed esserci confusi.
    Che colpa ha freeforumzone LOL se i testimoni hanno scelto la data sbagliata.
    Chiedi al cun in base a quale criterio ha bollato il caso come il migliore degli ultimi 15 anni, e non 19, 22, 55. Mistero...
    I testimoni non hanno fatto foto, si comprassero cellulari che non si bloccano nei momenti topici della vita di un uomo, come quando incontri un ufo in strada e puta caso ti si blocca lo smartphone. Ma dimmi tu che sfiga. Comunque sei simpatico perchè rosichi con classe.

    Fra 5 anni nel nuovo libro di Petrilli & Sinapi la premiata ditta che si arricchisce con i dati pubblici degli italiani, potrai vedere il caso nel posto che si merita, il più grande incontro ravvicinato della storia italia del dopoguerra, un pelino sotto Roswell.

  • #11

    Receptionist (martedì, 14 ottobre 2014 18:05)

    Cmq pure se lo avessero filmato sarebbe un drone per gli specialisti.
    Aggiungo che sicuramente diventeranno ricchi e famosi com tutti gli altri malcapitati che hanno incontri ravvicinati, che rabbia, che invidia.
    Il pargolo potra' finalmente studiare nei migliori colleggi svizzeri e pleiadiani.
    Che invidia, lo ripeto.

  • #12

    chip (martedì, 14 ottobre 2014 18:18)

    @ universalman
    ti sei scordato l'avvistamentissimo dello struzzo di mortigliano, come eventissimo ufo del millennio! X-D

  • #13

    Malles (martedì, 14 ottobre 2014 21:08)

    Mi fa veramente piacere sentirti, che tu ci creda o no, Universalone tuo. Anzi colgo l'occasione per un saluto. Parti da un estremo e arrivi al ...solito estremo con la solita noncuranza. In certi siti, che non nomino, sembra che abbiano il diritto laico alla "infallibilità", una specie di "papato" in ufologia. In questi luoghi, ogni caso viene ritenuto spiegato non appena si dichiara che la personalità dei testimoni o dei giornalisti o degli investigatori viene ritenuta "inaffidabile", il che equivale a dire che solo le persone "affidabili"possono vedere cose "incredibili", agli altri queste cose sono proibite.

    Tu caro Universal hai il potere di rendermi più allegro di quanto già non sia, ma quale rosicare, suvvia, dovrei essere anch'io un ometto eddaje. Mi viene in mente il grande Walter Matthau quando disse a Barbara Stanwjck che lei rosicava per i suoi successi, al che lei rispose: "Ho più talento io in un alluce che tu in tutta la tua persona"...si scherza vecchio mio, si scherza...Tornando a noi, le persone di cui sopra, vengono naturalmente descritte SEMPRE inaffidabili proprio perchè riferiscono cose incredibili, ti par serio? Così il buonsenso è nullo. La colpa vostra, in ogni caso io la minimizzo, perchè l'accettazione del fenomeno ufo richiederebbe oggi un salto troppo grande nella scala sia delle conoscenze e sia in apertura mentale, e questa tu lo sai, difetta.

    Non può essere? Allora non è, e avanti così che si va bene. Avvistamenti se non proprio simili, convergenti, a'gnè un spatass (a iosa), per come li ricordo posso citare un caso nel barese, nel West Virginia, di Viareggio, di Mundrabilla (Australia), pensi che i loro avvistamenti, poi denunciati, abbiano avuto miglior sorte ? Assolutamente no. Si arriva a screditare in toto dei professionisti, fino ad insinuare che interi aeroporti sono affidati a gente soggetta a deliri mentali, solo perchè hanno avuto avvistamenti, sia visivi che di radar, la comica è che arrivano ad accusarli di aver scambiato Marte, Giove, Venere e (alleluia) la Luna per ufo. Questi si che sono psico - riduzionisti con la loro deux ex machina = Luna.

    L'unico corpo celeste, oltre al Sole che chiunque riconosce è proprio la luna, ciò appare ovviamente ridicolo, questi psico - riduzionisti ragionano come il Dr. Condon quando nel suo famigerato "rapporto" scriveva: "Se un avvistamento ufo è suscettibile di spiegazione convenzionale, questa deve essere accertata anche se non esiste sufficiente evidenza a provarla al di là di ogni dubbio". Come dire che è sufficiente che nella direzione in cui è stato avvistato l'ufo , sia localizzabile un qualsiasi corpo celeste (Luna, pianeta, stella brillante), questo si chiama opportunismo, cioè IFO, oggetti volanti identificati. Mi faccI il piacere direbbe il mitico Totò. Un saluto sincero vecchio. Me lo permetto (il vecchio) perchè in verità ho qualche anno meno di quanto ti risulta. Ciao e alla prossima

  • #14

    Jove (martedì, 14 ottobre 2014 23:06)

    Palle sono palle

  • #15

    chip (mercoledì, 15 ottobre 2014 10:51)

    @ Malles
    fai confusione tra REALTA' di un evento e sua MISURABILITA (che e' condizione necessaria per poter studiare qualcosa altrimenti non c'e' niente da studiare se non la fuffa) ed eventi soggettivi che molte persone dichiarano di aver vissuto, ma che non sono misurabili e quindi non sono eventi reali per un osservatore.

    Gli eventi non reali e non misurabili sono eventi rilevanti per le religioni oppure per la ufologia classica.
    Gli eventi non reali e non misurabili non sono pertinenti per la paleoufologia razionale che non e' una disciplina che appartiene all'insieme delle religioni.

    8-D

  • #16

    Malles (mercoledì, 15 ottobre 2014 15:28)

    Credo caro Dr. Chip che la fuffa e le considerazioni che derivano dagli aspetti ufologici non siano assolutamente unilaterali, su questo mi permetterai di esortarti alla sveglia. Da quando sono qui non sono quasi mai entrato in termini tecnici o scientifici, perchè certe questioni non possono essere ridotte in piccoli spazi, e questa logicamente non può essere la sede ideale, ma solo un supporto per incontri e scambi di opinioni più o meno amichevoli. Vedrò in futuro se nel breve potrò comunque entrare in dettaglio tecnico, per quanto me ne concerne. Il vero cammino ufologico vecchio chip, è un lavoro sfibrante ed è illusorio tirare delle somme come fai tu. Inutile che mi ripeta.

    Cosa tutt'ora possiamo affermare senza essere ulteriormente criticati? Sottovoce, (senza gridarlo neppure ai 4 venti) possiamo affermare che: 1) Esistono precise testimonianze e un'ampia documentazione in cui sta scritto che "qualcuno" ha visto "qualcosa". 2) Questo "qualcosa"non ha a volte spiegazione plausibile. Cosa ci dicono queste due ...meravigliose certezze? Che SICURAMENTE sono più che sufficienti per un attento studio psico - sociologico. Come diceva Jung (all'inizio dei suoi studi), anche se tutto sto popò di problemone si riducesse ad una mera influenza psichica, nondimeno il problema non va diminuito e ridicolizzato. Non devi caro Chip usare sempre il tuo metro di valutazione personale, altrimenti mi vai in secca... Ti prometto che se fai il bravo spenderò qualche buona parola per un tuo reintegro, tu sai dove.
    Per finire SORRIDIAMO un pò, con l'adesione dell'amica Maria Grazia Asso.
    Autorità e
    testimoni ufo
    (Poesiola con morale
    finale per i testimoni)

    Nel cielo limpido di quel mattino
    eccoti un UFO molto vicino
    è grande, tondo e splendente
    ma di rumore non se ne sente!
    Gira, volteggia, plana e risale
    e giù la gente tutta a guardare
    ci sono uomini, donne e bambini
    tre militari, due netturbini.
    Tutti si chiedono: "Cosa sarà?
    Bisogna dirlo alle AUTORITà!"
    "QUESTE" li ascoltano, parlan fra loro
    poi tutto a un tratto dicono in coro:
    "Di certo la-cosa- doveva esser bella,
    ma era solo una splendida stella!"

  • #17

    Il Forestiero (mercoledì, 15 ottobre 2014 15:51)

    Chiedo al Cun ma l'avete letta l'intervista?

    -pensando che quella cosa potesse essere sul nostro tetto o avesse “memorizzato” le nostre identità.
    -perché sei invaso dai pensieri che quella cosa o “loro” tornino da te, siano intorno a te e non li puoi vedere
    -i miei occhi erano come attraversati da tanti segmenti blu intenso
    -ottieni una consapevolezza dell’esistenza di cose che non sono terrestri, e oltre la paura ti mette tanta confusione

    Porca miseria ne sa più lui di Bibolotti di ufologia.

  • #18

    Lorenzo (mercoledì, 15 ottobre 2014 16:58)

    Avvistato oggetto da due coniugi che non sanno identificarlo ne a posteriori, ne in presenza dell'oggetto stesso: Hanno visto un UFO. Punto.
    Inutile pensare che non abbiano visto nulla, o un drone: Se neanche il drone fosse da loro conosciuto, allora anche il drone sarebbe un UFO.
    Il fatto è che solo un "esperto" può affermare di aver visto un oggetto non identificato di matrice non umana...vallo a trovare l'esperto: Nessuno lo è, tranne colui che ha partecipato alla progettazione/realizzazione del velivolo.
    Di fatto resta un UFO: Nessuno, però, può essere certo che fosse pilotato da alieni, tantomeno che provenisse dallo spazio.

  • #19

    chip (mercoledì, 15 ottobre 2014 17:33)

    @ Malles
    bla, bla, bla... resta il fatto che la nuova notiziona mediatica non e' un caso reale e misurabile.

    -perche' l'avvistamento e' stato fatto da marito e moglie, due persone che gia' si conoscevano!
    -manca una foto con un fotofonino! il che e' strano!
    -manca almeno un testimone diretto che non conoscesse gia' la coppia, e che confermi l'evento
    -manca almeno un testimone (che non conosca la coppia) che abbia fatto un avvistamento da remoto, contestuale.
    -mancano altre foto o disegni da remoto dell'oggetto di altri testimoni
    -si puo' far a meno di dati radar, ma se ce ne fossero sarebbero meglio.
    -lo shape puzza pure di DRONE WiFi a luci Led, ad elica intubata
    -lo shape non e' compatibile con uno shape UFO genuine

    Non c'e' molto da discutere, l'evento non e' reale e non e' misurabile. Gli eventi non reali e non misurabili non sono eventi pertinenti per la paleoufologia razionale, la quale non e' una disciplina che appartiene all'insieme delle religioni.

  • #20

    Tunghuska (mercoledì, 15 ottobre 2014 17:51)

    nessuna prova potrà bastare agli scettici fanno parte del sistema.. Stanton Friedman, uno degli scienziati ufologici più importanti ha sempre parlato di una cospirazione internazione...leggete science was wrong - La scienza si sbagliava

  • #21

    Lau (mercoledì, 15 ottobre 2014 18:25)

    Malles sei anche poeta :** che bella filastrocca !
    Io non sono esperta di ufologia come voi, ma so una cosa, gli esseri umani hanno pensato e pensano tutt'ora di essere il centro del mondo. Il loro egoismo li ha portati a non curarsi del cielo, della Terra a considerarsi immortali. Hanno cambiato gli equilibri naturali, alterato il corso dei fiumi, sventrato le montagne, inquinato l'aria, invertito le leggi naturali. Come possiamo pretendere da quegli stessi uomini che si fidino tra loro, dei loro racconti? ^_^ Se cominciamo a fidarsi di noi stessi la parola avrà un altro significato, non solo in ufologia ma in generale! ^_^

  • #22

    Malles (mercoledì, 15 ottobre 2014 23:24)

    Prima un saluto con un inchino con tanto di baciamano, avrambraccio e gomito alla tenera Lau. d'accordo su tutta la_________________ Ciao.
    Chip vecchio fulmine, così mi fai perdere tempo, vabbè, allora non metterò una parolina buona per te con chi sai...Comunque,,,
    1)-secondo te allora, per essere preso in considerazione un avvistamento deve essere composto da persone che NON si conoscono? ma va là, giocherellone.
    2)-manca una foto con telefonino? Ohibò! Prova a metterti in situazioni tipo dei 4 occupanti in quel di Mundrabilla, vorrei proprio vedere quante foto faresti.
    3)-io sono un tipo allegro, permettimi di ridere...solo un pò.
    4)-a ridalle, ma allora dillo che mi vuoi far scombisciare...
    5)-altri testimoni? Embè, qualcuno c'è, e forse altri due, vedremo in seguito
    6)-vuoi registri radar? Perchè, da quando fanno testo in questioni ufologiche? Devo ricordarti (vado a memoria) i fatti di Treviso, Pisa, Caselle, Linate, Chicago, Theheran, Lakenheath, Washington, New York, Piedmont, Edmonton, Claut, Mosca, Pechino, Hebei, Fiumicino, Pratica di Mare, ecc. sono mai stati considerati e validanti? Ma a che gioco stai giocando, informati e poi ne riparliamo.
    7)-non ho mai detto che non fosse un calabrone (drone), certo che con quelle descrizioni di aspetto e di misure, deborda dai soliti. Cosa faceva poi in quel posto senza pretese militari e a quell'ora me lo dirai un'altra volta
    8) lo shape non è compatibile con uno shape UFO genuine? LOL (prendo in prestito la ritrita espressione di casa Watson) ho capito, solo tu puoi decidere i parametri di shape. Bè in effetti con il paleocontattone non si scherza...sei divertente e quindi mi sei simpatico. La finiamo qui? Meglio. Ciao

  • #23

    Angelo (giovedì, 16 ottobre 2014 16:32)

    Come mai per il CUN nella persona del BIBOLOTTI questo caso è "uno degli avvistamenti più importanti degli ultimi quindici anni" non essendoci materiale a comprova ma solo dichiarazioni verbali, mentre altri casi analoghi erano "BUFALE"?