Ufo a San Giorgio di Piano, il sindaco conferma ma fotografa un lens flare

Il Resto del Carlino riporta nelle sue pagine la notizia di un presunto ufo, avvistato a San Giorgio di Piano, in provincia di Bologna. L'oggetto viene descritto come "silenzioso, a forma di disco, infuocato", secondo le testimonianze puntuali di alcuni cittadini, che avrebbero intasato il centralino dell’osservatorio astronomico di Persiceto. Lo stesso giornale afferma che su Facebook, girerebbero delle foto pubblicate in vari profili di oggetti non identificati, fotografati nella zona tra San Giorgio di Piano, Bentivoglio e Argelato. Intanto l'ex sindaco, che nei giorni precedenti aveva pubblicato una foto del tramonto con annesso riflesso all'interno del sistema ottico della macchina fotografica, è sicuro di aver fotografato gli "extraterrestri in arrivo".

Il Resto del Carlino ha contattato gli studiosi Stelio Montebugnoli, ex responsabile del radio telescopio di Medicina, e Romano Serra dell’osservatorio di Persiceto che hanno ipotizzato una serie di mini bolidi che sono riusciti ad oltrepassare l'atmosfera producendosi in piccoli bagliori, che hanno "allarmato" la popolazione. 

L’ex sindaco di San Giorgio e attualmente assessore nello stesso Comune Valerio Gualandi, autore della foto pubblicata sul Resto del Carlino, ha dichiarato:


"Non abbiamo avuto segnalazioni in Comune, ma vicino alla mia casa mi sono accorto di quei bagliori. Li ho fotografati perché mi incuriosivano. La stessa cosa si è verificata una ventina di giorni fa. Non sono Ufo, ma il fenomeno era così bello che ho voluto immortalarlo".

Immagini ©Valerio Gualandi

L'unica anomalia fotografata dal sindaco sono dei "lens flares", riflessi indesiderati che si formano all’interno di un sistema ottico come l’obiettivo della macchina fotografica, a causa della riflessione e della dispersione della luce dovute alla disomogeneità dei materiali con cui il sistema stesso è costruito (plastica, vetro, metallo, ecc.). Fotografando in controluce, sia una luce artificiale che naturale, il problema si presenta frequentemente, e con le macchine digitali il fenomeno è aumentato esponenzialmente.

Sciame meteorico o bolide  ?

Rimangono i dubbi sulla vera consistenza del fenomeno. Oltre la foto del sindaco - che afferma di aver fatto la foto per testimoninare la presenza dei bagliori- ci sarebbero le numerose chiamate giunte all'osservatorio astronomico di Perniceto, di cui per ora non si trova riscontro nel loro profilo Facebook. 

 

Gli esperti del centro sembrano abbastanza sicuri "Succede in estate soprattutto in questo periodo  spiegano Montebugnoli e Serra — che si verifichino la cadute di piccole parti di cometa che a contatto con la nostra atmosfera bruciano creando quel colore arancione. L’effetto è quello che un po’ siamo abituati a vedere nei film che raccontano di Ufo. In realtà, è una cosa abbastanza normale".

Per ora nessun bolide è stato segnalato nella pagina di riferimento dell'Unione Astrofili Italiani, che monitora i nostri cieli archiviando le meteore più brillanti.

 

 

Tutti gli sviluppi e ulteriori dettagli nel Forum: Resto del Carlino: Abbiamo appena visto un Ufo (ma si tratta di un meteoroide)

*Si ringraziano gli utenti Miro72, Insider e F.Pernigotti per la segnalazione del caso e le relative informazioni.

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    FABIOSKY63 (mercoledì, 02 luglio 2014 02:42)


    "...c'era una volta la ricerca..."

    eaammappete che galleria di contro-sole! ah!ah! con questi lo sblurfopuffotrentinensis ci fa un'expo d'arte moderna..."flowers of lights" e il futuro dell'anti-fuffa applicata! eh!eh! ed "il pubblico" partecipa numeroso... o_O :D

    sarà "una buona scusa" per fare qualche corso "d'istruzione fotografica" a prezzi modici?..e magari partecipa anche il sindaco... :)

  • #2

    65C02 (mercoledì, 02 luglio 2014 09:01)

    Se si fanno le foto in contro luce, specie al tramonto e' normale che spuntino i lens flares :-D

    Dove sono le altre fotografie degli avvistamenti che la gente avrebbe visto, chiamando il centralino dell'osservatorio astronomico di Persiceto?