La storia dell'"Ufo" scoperto in un vecchio quadro in Romania, nella città natale di Dracula

Un istituto di ricerca UFO in Israele ha rivelato di aver ricevuto una segnalazione in merito a un dipinto murale in una chiesa del XIV secolo in Romania , che recherebbe la rappresentazione di un oggetto volante non identificato. Lo segnala il sito Open Minds. Gilli Schechter e Hannan Sabat che fanno parte di un ente per la ricerca extraterrestre israeliano -l'EURA- , dicono che a consegnare la foto del dipinto è stata Catalina Borta. La donna ha scattato la foto mentre era in visita alla "Biserica Manastirii", la Chiesa del Monastero Domenicano, nella città di Sighisoara. La località, chiamata "la perla della Transilvania" è patrimonio dell'UNESCO ma è nota soprattutto per essere la città natale del Principe della Valacchia Vlad Tepes(L’impalatore), ispiratore del famoso romanzo Dracula. Tutti questi elementi fanno assumere al quadro molteplici aspetti affascinanti. Ma cosa rappresenta davvero l'oggetto nel dipinto ?

La pittura murale a Sighișoara (Credit: Catalina Borta)
La pittura murale a Sighișoara (Credit: Catalina Borta)

Il dipinto murale raffigura un oggetto a forma di disco che sembra volare sopra un edificio in fiamme. Sopra il disco compare una scia di fumo. Nella didascalia in tedesco si legge "Israele, hoffe auf den Herrn", che tradotto significa "Israele, ripone la vostra speranza nel Signore".
I ricercatori spiegano che questa è una citazione dei Salmi dell'ascensione, c.130 v 7. Il dipinto sembra essere molto vecchio, ma è difficile datarlo esattamente. Il Monastero dove si trova l'opera, è stato costruito nel XIV secolo, ma fu distrutto e ricostruito tre secoli dopo. Ignoto anche l'autore del disegno. Tuttavia i ricercatori israeliani ipotizzano, osservando la didascalia del dipinto, che risalga a dopo il 1523, quando la Bibbia è stata tradotta in tedesco. Pur non essendo un'opera  tra quelle che si citano sempre quando si fa riferimento agli ufo nell'arte, l'oggetto è simile ad altri osservati per esempio nel Prodigiorum Liber il libro di Julius Obsequens sui misteri nell'epoca pre moderna. 

L'ipotesi dello scudo

In alcune monete francesi note come Jetons, un'immagine molto simile è rappresentativa di uno scudo che protegge da alcune frecce che piovono dal cielo. A rivelarlo ad Open Minds Marc Dantonio esperto analista del MUFON. L'oggetto potrebbe essere interpretato nella stessa maniera rispetto al dipinto: una difesa dagli attacchi di vario genere. Anche se, Dantonio spiega che l'oggetto possa essere uno scudo ammette che è ancora un mistero il motivo per cui questo venga raffigurato nel cielo. La domanda finale di Dantonio è infatti: "C'è stata una certa influenza ultraterrena radicata nella loro cultura (romana) che ha spinto a mettere lo scudo nel cielo? Una protezione o una tecnologia dall'alto, forse? Questo è ancora un mistero. " conclude. Le stesse domande si possono fare per l'oggetto raffigurato nel quadro. 


Scrivi commento

Commenti: 15
  • #1

    rmnd (venerdì, 20 giugno 2014 09:22)

    Dal sito di Diego Cuoghi:

    http://www.sprezzatura.it/Arte/Arte_UFO_7.htm

    "..Esso potrebbe infatti rappresentare l'Ancile, lo scudo sacro inviato da Giove al re di Roma Numa Pompilio...La leggenda è raccontata in diverse versioni, quella di Ovidio ("Fasti", libro III) narra di Numa Pompilio che avrebbe deciso di interrogare Giove per farsi svelare il segreto per difendersi dai suoi fulmini. Giove chiede in cambio un sacrificio umano, ma Numa che è un uomo pacifico rifiuta e riesce, con giochi di parole, a ingannare il dio. Numa teme l'ira di Giove, ma il dio invece di adirarsi ride per l'arguzia del re e gli promette per il giorno successivo la rivelazione del segreto. Il giorno dopo Numa Pompilio convoca i rappresentanti dei quartieri di Roma e a mezzogiorno, come promesso, ecco che dei fulmini squarciano il cielo dal quale cade uno scudo ovale proprio ai suoi piedi. Lo stesso Giove, lanciando dal cielo lo scudo, fa sapere che Roma non avrebbe avuto più niente da temere dai suoi nemici a patto che lo scudo fosse ben custodito..

    ..Oltre all'ancile donato da Giove a Numa Pompilio, nella mitologia classica troviamo un altro scudo sacro prodigioso. Si tratta dell'egida, lo scudo di Giove e, più tardi, di Minerva. In origine l'egida non era altro che un manto di nubi, scuotendo il quale uscivano procelle e tempeste; più tardi fu creduto un pettorale modellato con la pelle della capra Amaltea cinto tutt'intorno di serpenti, al centro del quale Giove aveva fissato l'orribile volto della Gòrgóne per atterrire i suoi avversari. In seguito divenne un vero e proprio scudo usato per disperdere i nemici, come recitano questi brani dell'Iliade e dell'Odissea..

  • #2

    Yale (venerdì, 20 giugno 2014 12:01)

    Oltre al link di rmnd...L'immagine dello scudo con i petali è simile a quella delle monete sono d'accordo ma il paragone con ossequente sono andato a guardare l'immagine lasciatelo stare non torna sembra un orologio da polso..che facciamo gli orologi volavano?....Piuttosto se ci fosse stata una pioggia di asteroidi e il quadro poteva essere un'opera propiziatoria per tenersi buone le divinità, Dio uno e trino che li protegge dall'apocalisse santa.

    In alternativa una pioggia di pietre http://www.antoniogramsci.com/angelamolteni/comete.htm
    "In età moderna questi fenomeni hanno avuto luogo a Ensishein, in Alsazia, nel 1492 e soprattutto ad Aigle, in Francia, il 26 aprile 1803. Le cronache riportano la descrizione di questi fenomeni con estrema precisione e dovizia di particolari: si parla di una nube di fuoco comparsa all'improvviso nel cielo, che si dissolve con forti detonazioni, provocando una pioggia di 30.000 pietre, ciascuna delle quali pesa diversi chili. Altrettanto famose furono le piogge di Stannern, nel Tirolo austriaco, e di Butsura, in India, nel XIX secolo. Talvolta sul suolo terrestre sono giunti massi di proporzioni considerevoli, come quello precipitato a Meissen, in Germania, nel 1664 e quello di circa 2 q caduto nei pressi di Brescia nel 1883. "

  • #3

    FABIOSKY63 (venerdì, 20 giugno 2014 12:04)


    certo che SE non è uno "scudo infuocato"...

    http://dariosoldani.interfree.it/antichi/dipinti.htm

    http://fratellidiluce.it/sottopagine/Casi%20storici/Avvistamenti%20UFO%20nella%20storia.html?vgrt67=ve56

    allora dev'essere una "capasanta" antigravitazionale! ah!ah!...sulla griglia... :D

  • #4

    Lau (venerdì, 20 giugno 2014 13:51)

    Il colore sembra metallico indizio in più :)

  • #5

    Malles (venerdì, 20 giugno 2014 14:01)

    #1 #2 #3
    Allora ditelo ragazzi che mi volete togliere il pane di bocca...e adesso cosa scrivo io??
    Riaffermo l'impossibilità di uno scudo di volare e di emettere fiamme. A parte che qualcuno, ne sono arciconvinto, volendo, sarebbe in grado per spacciarlo come una lanterna tirolese antesignana, o al più di un riflesso nell'occhio di vetro del pittore, materializzatosi sul muro.

    Dalla Romania, io allora passerò in Bulgaria e alla sua capitale Sofia-la città dei giardini-che dopo Atene è la città più antica d'Europa. in Via Rusky, si trova una grande basilica dedicata ad Alexsander Nevsky e viene considerata il simbolo di Sofia. Nell'interno, nella volta che sovrasta il grandioso altare maggiore, vi è un affresco in cui è raffigurato uno splendido disco volante d'oro, che fa parte di un affresco intitolato a "Dio onnipotente".

    Osservando l'affresco, si può notare sopra la mano sinistra dell'Onnipotente un oggetto volante dorato, la cui forma è (non ci sono dubbi) quella di un disco, che si staglia nettamente contro il cielo azzurro e l'aureola del Signore. Notevole è poi una vicina icona che raffigura la Trasfigurazione, in cui il Cristo, con un'astronave sale verso l'alto in mezzo a fiamme rossastre

  • #6

    abc (venerdì, 20 giugno 2014 17:56)

    Storia interessante. E' uno di quei episodi in cui la spiegazione UFO lascia spazio a un'infinità di congetture collegate a quell'unico Dio che qualcuno pensava di venerare. La spiegazione dello scudo è quasi paradossale tenendo conto che gli antichi romani vedendo cose inspiegabili nel cielo li definivano proprio "scudi volanti".

  • #7

    Teon (venerdì, 20 giugno 2014 21:01)

    Finalmente qualcosa di interessante meglio tardi che mai.

    Ci sono anche questi quadri misteriosi

    http://www.paid2write.org/images_articles/1/6/2/3/NARQ5115/Clipeologia_Arte_Ufo_Crocefissione_Mistero_Kosovo.jpg
    http://www.montalcinonews.com/wp-content/mpg/formats/big/immagini/arte/541_glorificazione_dell_eucarestia.jpg
    http://www.metapsichica.com/images/ufo%20arte.jpg

  • #8

    rmnd (venerdì, 20 giugno 2014 21:14)

    @Teon,
    anche x questi tre casi, il sito di Cuoghi offre una spiegazione.

    1) http://www.sprezzatura.it/Arte/Arte_UFO_2.htm
    2) http://www.sprezzatura.it/Arte/Arte_UFO_1.htm
    3) http://www.sprezzatura.it/Arte/Arte_UFO_8.htm

  • #9

    FABIOSKY63 (sabato, 21 giugno 2014 00:21)


    @Teon
    gli oggetti del primo e il terzo link sono già compresi in quello di Soldani del mio post#3...dello Sputnik potremmo discutere qualche giorno ma tale E'! e tale RESTA... o_O

    http://it.wikipedia.org/wiki/Sputnik_1

    Odino aveva "due corvi neri" che "volando" intorno al mondo "in lungo e in largo" ogni sera RIPORTAVANO alle sue "orecchie" TUTTO ciò che VEDEVANO ed UDIVANO dell'umanità terrestre...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Huginn_e_Muninn

    @rmnd
    dei tre casi citati sopra, nella trattazione del Cuoghi... :)

    concordo con l'interpretazione Sole-Luna, i 2(due) simboli legati all'iconografia nella crocefissione!..restano comunque "strane e particolari" -ABBASTANZA DIVERSE- le 2(due) rappresentazioni a mo "di navetta" con veloce -RAPPRESENTATO- movimento sx-dx... o_O

    concordo anche con l'interpretazione del copricapo rosso da cardinale che è riconducibile, anche se pur per diverse funzioni e stemma, all'altro verde rappresentato nel dipinto riproposto da Teon...del secondo ho QUALCHE dubbio in più... o_O

    consono anche l'accostamento alla "sfera celeste" o "globo del creato" presente in innumerevoli dipinti ed affreschi...ciò non di meno le molte "strane" particolarità di questo "globo" di Montalcino, in parte assimilabili ed in parte no con le altre opere di confronto, mi lasciano ancora MOLTI dubbi... o_O

    è vero che NON gli assomiglia ma...potrebbe comunque essere "un bel corvo" di Odino... -_o

  • #10

    65C02 (sabato, 21 giugno 2014 09:34)

    catapultato dal titolo del website, perche' non apriamo un thread sul forum dentro ENIGMI NELLA STORIA?

    Circa le monete coniate ed il quadro mi trova daccordo con la fantastica ricerca di Cuoghi, e' corretta la interpretazione dello scudo di giove. Infatti il quadro del 1523 e la moneta coniata e' del 1680. La moneta non puo' valere come reperto "What They Saw Was What They Drew" perche' e' fuori dall'intervallo allargato 1500dc+e ossia 1500<=t<1600dc con cui usare le stesse tecniche di ricerca del t<=1500dc oltre il 1600dc occorre pesare e non contare gli avvistamenti, per cui la lettura di Cuoghi e' corretta. Per il periodo esteso 1500dc+e ossia 1500dc<=t<1600dc si puo' estendere le tecniche di ricerca del periodo t<1500dc solo se c'e' una interpretazione religiosa che fu data all'epoca. Ora del quadro sappiamo poco ma se fosse vero che e' del 1523dc si potrebbe supporre un inserimento di un potenziale avvistamento UFO. Leggendo pero' il quadro in modo letterale ed applciando "What They Saw Was What They Drew" si capisce subito che trattasi di mito e non di vero UFO. Le fiamme vanno dal basso verso l'alto e non dall'alto verso il basso (del quadro) sostendando l'UFO. Ovviamente cio' e' aereodinamicamente impossibile e tale contraddizione lascerebbe persino intuire un'ipotesi di un potenziale UFO crash (che noi sappiamo essere, una fenomenologia patacca in ogni tempo ed in ogni luogo). Trattasi di mito inserito nel quadro, in quanto aereodinamicamente il presunto UFO non ha le stesse caratteristiche aereodinamiche dell'UFO con bambino a san giovannino oppure del quadro di Aert de Gelder battesimo del Cristo.

  • #11

    Lorenzo (sabato, 21 giugno 2014 09:46)

    Scusate ma qui ci vuole un critico d'arte: Contattate Sgarbi.

  • #12

    Receptionist (sabato, 21 giugno 2014 13:28)

    Credo sia una delle tante rappresentazioni del Gran Turchese siderale, dove le citazioni di tutte le antiche culture che parlano di "esseri venuti dal cielo, si riferiscono ovviamente ai Maestri Mugnai Celesti.

  • #13

    FABIOSKY63 (domenica, 22 giugno 2014 00:27)


    ah!ah!ah! questa Rec mi piace!..ma non vorrai mica competere con "i mei biccotti tel pollaio apena sfonati!?!"... :D

    http://www.youtube.com/watch?v=dzW2wB-CqVA

  • #14

    nim (martedì, 24 giugno 2014 03:23)

    se è un ufo romeno ed è come le Dacia dovrebbe essere precipitato poco dopo...

  • #15

    Delta Force (martedì, 24 giugno 2014 18:51)

    Malles, c'è da qualche parte una foto del disco della cattedrale di Alexsandr Nevsky?