Quel pianeta abitabile a "due passi" da noi per cercare la vita aliena

Forse ci siamo, un pianeta molto vecchio ma vicino a noi dal punto di vista delle distanze astronomiche, potrebbe ospitare acqua liquida e forse forme di vita. Lo scrive il sito Space.com e riprendono la notizia i principali quotidiani mondiali. Il pianeta orbita attorno alla stella di Kapteyn, un astro che ha 12 miliardi di anni e che si trova ad appena 13 anni luce di distanza dal Sole. Può sembrare una distanza infinita, ma astromicamente il pianeta si può considerare un nostro vicino di casa. La scoperta si deve a un team di astronomi della Queen Mary University of London (QMUL) che pubblicherano un articolo di prossima uscita alla “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society (MNRAS)”. I pianeti in realtà sono due, dai dati ottenuti con gli spettrometri ad alta precisione HIRES i ricercatori hanno stabilito che il pianeta Kapetyn b è 5 volte più massiccio della Terra, si trova nella zona abitabile della stella, compie una rotazione completa in 48 giorni finendo molto presto il suo anno. Basandosi sulle informazioni premilinari Kapteyn b dispone di tutte le caratteristiche essenziali per ipotizzare la presenza di vita, presupponendo che nella sua superficie si trovi acqua allo stato liquido. Il pianeta si trova in una condizione di stabilità prolungata con caratteristiche favorevoli, ed avrebbe avuto tutto il tempo di ospitare vita extraterrestre nelle sue forme più diverse.

La stabilità non è una condizione da sottovalutare. "Trovare un sistema planetario stabile con un pianeta potenzialmente abitabile attorno ad una stella molto vicina è strabiliante" ha detto Pamela Arriagada, uno degli autori della ricerca. "Questo - ha aggiunto - è un altro elemento che prova che quasi tutte le stelle hanno pianeti, e che quelli potenzialmente abitabili nella nostra galassia, sono così comuni come i granelli di sabbia su una spiaggia".

A tutto questo si aggiunge che l'ipotesi che Kapetyn b possa ospitare o aver ospitato forme di vita viene considerata possibile sulla base della storia di Kapteyn e dell'età del pianeta, circa 2,5 volte quella delle Terra. 

 

Poche speranze di trovare la vita invece per l'altro componente del sistema, Kapteyn c, sette volte più più massiccio della Terra ma troppo freddo per conservare acqua allo stato liquido a causa della poca radiazione che riceve dalla sua stella.

La storia della Stella Kapteyn

La stella di Kapteyn apparteneva un tempo a una delle più antiche galassie che si siano formate nell'universo, la galassia nana di Omega Centauri. Dopo diversi miliardi di anni, Omega Centauri ha incontrato sulla propria strada la più giovane e molto più massiccia Via Lattea, che l'ha assorbita e smembrata. In questo processo, molte delle sue stelle sono andate alla deriva e fra esse Kapteyn, che alla fine è arrivata in prossimità del nostro sistema solare: a soli 13 anni luce di distanza, Kapteyn è la venticinquesima stella più vicina a noi.



La notizia, che sta rimbalzando in tutto il mondo, non ha lasciato indifferenti gli scienziati, in considerazione del grande lavoro che ci aspetta in futuro con le prossime missioni per individuare e catalogare i pianeti extrasolari muniti di tecnologie sempre più sofisticate. “La scoperta è davvero eccitante – ha commentato Richard Nelson, direttore dell'Istituto di astronomia della QMUL, non coinvolto nella ricerca – perché fa pensare che grazie a osservatori spaziali come PLATO, nei prossimi anni potranno essere trovati molti altri mondi potenzialmente abitabili attorno a stelle vicine alla Terra.”


Al lato potete vedere un filmato che simula l'antico sistema stellare intorno alla stella Kapteyn. Altre informazioni qui.

 

In basso una comparazione grafica tra il nostro pianeta e Kapteyn b



Scrivi commento

Commenti: 27
  • #1

    vradox (domenica, 08 giugno 2014 05:47)

    due passi? 13 anni luce? non ci arriveremo mai....

  • #2

    Franz (domenica, 08 giugno 2014 08:23)

    Un solo anno luce corrisponderebbe a circa 9.460.000.000.000 di chilometri.

  • #3

    Yale (domenica, 08 giugno 2014 09:14)

    Subito una sonda XD

  • #4

    FABIOSKY63 (domenica, 08 giugno 2014 09:54)


    cit. articolo
    "...Il pianeta orbita attorno alla stella di Kapteyn, un astro che ha 12 miliardi di anni e che si trova ad appena 13 anni luce di distanza dal Sole..."

    questa "condizione" è pressoché IMPOSSIBILE...in base alla semplicistica spiegazione data dai ricercatori! Omega Centauri è a 16.000 anni luce da Sol, ed ora è a 16 anni luce da Sol, il che significa che avrebbe DOVUTO viaggiare ad una velocità SPAVENTOSA da quando è stata lanciata verso il nostro sistema... o_O

    e ciò significherebbe che è ANCORA in viaggio! e, se fosse, "domani" potrebbe essere già qui...SEMPRE che non abbia trovato una stabilità di sistema lontana dal suo "buco nero" e VICINA a "qualcosa" di ANCHE molto vicino la nostro Sistema Solare... o_O

    "...e mi ritorna in mente..." o_O :D

  • #5

    Marziano (domenica, 08 giugno 2014 12:55)

    Due passi è un'iperbole esagerata

    Cit Yale
    Subito una sonda

    Impossibile la sonda più lontana dal sistema solare è voyager 1 lanciata il 5 settembre 1977 OLTRE TREN'TANNI entrata da poco nello spazio interstellare, 13 anni luce sono impossibili da coprire allo stato attuale, ci vorrebbero 13 anni con una sonda che viaggiasse alla velocità della luce solo per farla arrivare. Non sapremo mai nulla di questo pianeta che non sia ESCLUSIVAMENTE analizzato da progetti analisi sismica di stelle ospitanti pianeti permettendo di misurarne le masse. Ma non serve andare così lontano la vita esiste nel nostro sistema solare su Europa e su Titano.

  • #6

    Yale (domenica, 08 giugno 2014 14:05)

    ...Se non si manda non arriverà mai mi viene da risponde. Bisogna mettere in cantiere missioni che possono essere concluse dalle generazioni future. La Nasa deve puntare su questi esopianeti tutte le sue forze per una scoperta che io considero la più grande missione dell'umanità, senza perdere tempo a mandare uomini su un asteroide nel 2025

  • #7

    vradox (domenica, 08 giugno 2014 14:37)

    forse non vi rendete conto di quanto sia un anno luce... la luna dista un secondo luce (all'incirca) , il sole è a otto minuti luce... alla velocità di una sonda ci vorrebbero milioni di anni per arrivare! e una volta arrivata per trasmettere i dati alla terra ci vorrebbe una potenza di trasmissione inimmaginabile per far si che un segnale radio viaggi per tredici anni senza perdersi....

  • #8

    Yale (domenica, 08 giugno 2014 18:08)

    Secondo questo ragionamento non dobbiamo neanche studiare oltre il sistema solare tanto non serve a niente a prescindere.

  • #9

    vradox (domenica, 08 giugno 2014 23:59)

    @yale
    no, studiare si, io dicevo solo che una sonda è improponibile attualmente... purtroppo aggiungo.

  • #10

    Alfredo (lunedì, 09 giugno 2014 09:03)

    Affascinante senza ombra di dubbio. Di queste notizie, con la scoperta di esopianeti, ce ne saranno sempre di più nei prox anni, mi pare ovvio. Quello che mi pare anche altrettanto ovvio è che non siamo in grado attualmente (e penso ancora per un bel po di tempo) di verificare se effettivamente la vita su questi pianeti possa realmente esistere. La nostra attuale tecnologia ci permette al massimo di notarli e fare delle ipotesi in base alle informazioni che si riescono ad avere.

  • #11

    FABIOSKY63 (lunedì, 09 giugno 2014 12:19)


    @Alfredo
    "...se effettivamente la vita su questi pianeti possa realmente esistere..."

    non è esattamente così...quando avremo -molto presto- "sensori" adeguati ed algoritmi (sufficientemente efficienti in accoppiata) di calibrazione e decodifica delle bande spettrali planetarie avremo TUTTE le risposte che cerchiamo... :)

    ovviamente la luce decodificata è da rapportare temporalmente ad ogni singola distanza del sistema...13 anni luce vuol dire 13 anni fa! cioè se -OGGI- "leggiamo" la vita, da luminanza e crominanza (anche IR e UV) dell'atmosfera e del pianeta, essa è APPUNTO relativa a X anni fa, tanti anni-luce quanti ne dista il sistema in esame dal nostro Sol... o_O

    http://it.wikipedia.org/wiki/Crominanza

    http://it.wikipedia.org/wiki/Spettroscopia_infrarossa

    se c'è vita si vede!..basta avere "gli occhiali" giusti... :)

  • #12

    Lau (lunedì, 09 giugno 2014 14:11)

    ovviamente la luce decodificata è da rapportare temporalmente ad ogni singola distanza del sistema...13 anni luce vuol dire 13 anni fa!

    Fabiosky ti dispiace se ti uso come professore personale... quindi se il sole si spegne restano 8 minuti prima di morire giusto...se il sole smettesse improvvisamente di di inviare energia e si spegnesse moriremo tutti o noi ragazze potremmo indossare qualcosa per l'occasione :) Noi vediamo le galassie e gli altri oggetti nel cosmo come sono nel passato e non sappiamo se esistono ancora quando riceviamo la luce perché quella è vecchia di miliardi di anni... dimmi che ho capito bene eheheh Quindi noi possiamo guardare nel passato in un certo senso :)

  • #13

    Daniele (lunedì, 09 giugno 2014 17:43)

    Gia', il problema e' che la luce e' lenta.
    In un fumetto avere la possibilita' di muoversi alla velocita' della luce (si lo so, diciamo allora prossima alla velocita' della luce, per chi non capisse questo ultimo commento, ho semplicemente anticipato la possibile critica che alla velocita' della luce, la massa diventa infinita) e' un vero superpotere, ma per chi volesse viaggiare nelle infinita' cosmiche la velocita' della luce e' veramente troppo lenta.
    Lentissima, gia' nel sistema solare occorrerebero ben 45 minuti per comunicare tra la Terra e l'ipotetico Discovery di 2001 odissea nello spazio in orbita su giove. Insomma "ciao come state ?" e circa 45 minuti dopo "bene grazie e voi?"........
    I problemi poi aumentano esponenzialmente in missioni interstellari, 4 anni per la stella piu' vicina e 13 anni per il pianeta in questione....paradossalmente se la moglie dell'ipotetico astronauta scoprisse di essere incinta, egli una volta informato "tua moglie aspetta un figlio" alla risposta "e' magnifico tesoro come lo chiamiamo ?" il figlio/a avrebbe gia' 13 anni !
    Stessa cosa per le osservazioni che facciamo, tutto cio' che noi vediamo sono i fotoni che partirono dalla stella per giungere fino a noi, in pratica noi vediamo una fotografia al momento dello scatto e "congelata" per il tragitto fino a noi.
    In realta' cio' vale per tutto cio che vediamo, ma per oggetti vicini la differenza e' praticamente infinitesimale, ma per le lunghe distanze cio' che vediamo, potrebbe gia' non esistere piu'. Tra 5 milardi di anni la luce del nostro sole vaghera' ancora per il cosmo,ma egli non esistera' piu'.
    Se un alieno che dista 65 milioni di anni luce puntasse il suo supertelescopio sulla Terra vedrebbe la Terra abitata dai dinosauri e forse ne scoprirebbe la causa dell'estinzione, mentre un altro alieno che dista 2014 anni luce da noi puntando il suo telescopio vedrebbe la cocifissione di Cristo, e ancora un alieno distante 70 anni luce dalla Terra potrebbe vedere l'ascesa della Germania e la seconda guerra mondiale.....se qualche alieno di passaggio fosse a due anni luce dalla Terra potrebbe dirmi per favore chi e' venuto due anni fa a rubare incasa mia ?

  • #14

    Daniele (lunedì, 09 giugno 2014 18:04)

    @Yale
    credo che ora avrai meggiori strumenti per capire il perche' allo stato attuale delle cose lanciare una sonda verso il pianeta sarebbe un non senso.
    con la nostra tecnologia potremmo lanciarla anche domani mattina, ma arriverebbe nei pressi del pianeta soltanto tra circa 400.000 anni. (millennio piu' millennio meno).
    Anche ammettendo di essere cocciuti e di procedere al lancio, il fallimento e' garantito. Pur ricorrendo a generatori al plutonio la sonda sarebbe gia' in carenza energetitca dopo circa 40.000 anni visto che esso dimezza la sua radioattivita' entro 24.000 anni circa e avrebbe percorso appena il 5-10% del tragitto. Prima che essa arrivi passeranno 400.000 anni, e visto che sulla Terra gli abitanti continueranno ad evolversi, paradossalmente quando il nostro ormai rottame spaziali giungerebbe alla fatidica meta potrebbe scoprire che gli umani hanno colonizzato tale pianeta gia' 350.000 anni fa'.
    ops.....mi sa che fara' tardi.

  • #15

    Giulio (martedì, 10 giugno 2014 00:05)

    Io sono esterrefatto.

  • #16

    Daniele (martedì, 10 giugno 2014 00:34)

    Precisazione:
    nel mio intervento ho fatto i calcoli (a naso). Ora,vorrei essere un po' piu' preciso tanto per dare qualche stumento in piu'.
    Prendendo come esempio la sonda Voyager 2 ed una velocita media stimata di circa 50.000 km/h ci vorrebbero circa 21.600 anni per percorrere un anno luce, di conseguenza la nostra ipotetica sonda arriverebbe sul pianeta dell'articolo in circa 280.800 mila anni.
    Una correzione puerile la mia visto che il risultato non cambia ossia e' impensabile qualsiasi missione !!!!

  • #17

    Yale (martedì, 10 giugno 2014 00:37)

    Daniele mi hai rovinato l'entusiamo ma ti devo dare ragione

  • #18

    Daniele (martedì, 10 giugno 2014 00:47)

    Non era mia intenzione toglieti l'entusiasmo credimi, anche io vorrei fosse possibile.Cresciuto a pane e Star Trek, mi ritrovo a fare i conti con l'arretratezza del 21esimo secolo. Comunque anche senza l' Enterprise abbiamo viaggiato nello spazio con la mente, e come se fossimo dei piccoli Scotty abbiamo buttato giu' un paio di calcoli per vedere di pianificare la missione.
    Purtroppo per ora e' rimandata.

  • #19

    FABIOSKY63 (martedì, 10 giugno 2014 02:33)


    @Lau
    no, affatto! c'ho fatto l'abitudine ormai :D ...si, circa 8 minuti e mezzo... o_o si, maa con o senza allietereste i momenti... ;) ...si, per il primo periodo e si per il secondo periodo MA la luce che vediamo "è vecchia" di tanti anni QUANTO dista da noi il sistema in osservazione (es: 1000 anni luce = vecchia di 1000 anni)...si, TUTTO quello che guardiamo nel cosmo è passato, anche la vita, che PRESTO TROVEREMO in un pianeta, sarà relativa a QUELLA distanza-luce e quindi a QUEL tempo... -_o

    cit. Daniele post#13
    "...vediamo una fotografia al momento dello scatto e "congelata" per il tragitto fino a noi..."

    in realtà NON è una foto ma un insieme di fotogrammi, come quelli di un film, ma che dura 13 anni...e noi, mentre ci poniamo in osservazione, vediamo l'inizio del film... =_=

    "...potrebbe dirmi per favore chi e' venuto due anni fa a rubare incasa mia ?.."

    ah!ah! perché!?!...era casa tua!?!... :D

    INVIATO ALLE 02.31 DEL 10.06.2014 DA FABIOSKY63

  • #20

    Daniele (martedì, 10 giugno 2014 10:20)

    @Fabiosky
    1)Daiiiiii......ho scritto "una foto" per semplificare il concetto a chi si affaccia a queste tematiche......non ricomplicare il tutto ahahahha
    che pignoooolooooo....ahahahaahahahahaha
    2)Si,si, due anni fa e' venuta la "banda bassotti" e si son spazzolati via tutto.....GRRRRRRRRRRRRRR

  • #21

    FABIOSKY63 (martedì, 10 giugno 2014 11:15)


    @Daniele
    si, lo visto che l'hai semplificata, e perché, infatti non era per fare... :)

    e non ho fatto "il professore"! :D è solo il mio ascendente Virgo che rompe l'anima! ah!ah! anche a me èh! prova un pò a conviverci?..la prossima volta che scendo LO SCELGO in Sagittario ah!ah! così la rompo solo agli altri... :D

    .1 qualche "input" in più, pochi e NON tecnici, a chi è pronto comunque NON guasta...altrimenti tutti "i link" e "teste di ponte" che ho "predisposto" negli ultimi tre anni a che servono? OKKEI! ah!ah! la dico così, per semplificare :D se il contadino "fa cascare" TUTTE le pere "dall'albero" (conus) va a finire che "la frutta" -POI- si rovina ANCHE sulla pianta... -_o

    mmh! e per favore NON cercate di spiegarla (gli "antibiotici" NON sufficiono) al doctor Franz e al Trittico ah!ah! che così dopo "il mais" ci vengono a mancare anche "le pere"!.. :D

    .2 si, certo! è ovvio ah!ah! volevano TUTTE le tue foto e TUTTE le tue relazioni tecniche (le prove) comprovanti LE realtà EXTRA-terresti! e te le han fottute... :D

  • #22

    Daniele (martedì, 10 giugno 2014 12:31)

    1)Vabbe' allora faccio il "pignuoolo" anch io, e rilancio.
    Quando avvisterete un pianeta lontano e deciderete di tracciarne la rotta, assicuratevi che la luce che transita nel vosto "supertelescopio" non sia passata nei pressi di oggetti "celesti massicci" questo perche' la luce non sempre viaggia in linea retta, ma subisce anch essa l'influenza della gravita',"piegandosi". Il caso piu' eclatante lo si trova nei buchi neri, se voi foste sulla superficie di un buco nero con una torcia in mano,all'aumentare della gravita' vedreste un fenomeno bizzarro, puntando la torcia all'orizzonte vedrete la luce piegarsi sempre piu' veso il suolo, fino ad arrivare al paradosso che puntando la torcia in alto, finireste per venirne abbagliati voi stessi, poiche la luce si piegherebbe su se stessa.
    Ma cio vale anche per oggetti meno imponenti da punto di vista gravitazionale,e la luce che dovesse transitarne nei pressi verrebbe deviata a seconda della gravita.
    Ciapa' li Fabiosky ahahahahahaahhaa ora abbiamo fatto una confusione totale ai poveri lettori, presto dovremmo fornire un aspirina previa lettura degli scritti.
    2)In realta' i ladri hanno preso oggetti molto piu' materiali, oro,orologi,ecc, e pure la mia playstation portatile......(esigo vendetta per questo grave sgarro). Insomma il furto e' un crimine, ma appropriarsi della mia Play e' uno sgarro personale GRRRRRRRR

  • #23

    Chang He (martedì, 10 giugno 2014 14:12)

    Il mondo è pieno di ragazzini ebbri di film di fantascienza! Tutti a sdottorare collezionando una scemenza dopo l'altra su cose che perfino una scimmia si vergognerebbe di dire, se però gli proponi una serata osservativa con il telescopio (cioè vera scienza) si defilano subito. Chi deve andare dalla morosetta, chi ha sonno, chi si annoia, chi preferisce la playstation, chi il filmetto porno... Qua uno dice perfino che... "la vita esiste nel nostro sistema solare su Europa e su Titano". Ah si? E dove l'hai visto? A striscia la notizia? Perché alla NASA ancora non ne sanno niente! Eh sì, i giovani italiani in genere in fatto di scienza fanno un po' cilecca, molto meglio la fantascienza, vero? Mi sa che fra poco saranno soppiantati dai giovani cinesi, meno scemi, più disciplinati e laboriosi e più amanti dello studio. Ciao ciao!

  • #24

    Daniele (martedì, 10 giugno 2014 14:38)

    @Chang He
    Dissento !
    I ragazzini assorbono e riflettono l'ambiente dove crescono e si formano.
    Se i ragazzini italiani sono decisamente un po' scemotti la colpa e' nostra e di tutto il ciarpame che gli rifiliamo a dosi da cavallo (come la DeFilippi...colei che ridusse il cervello in marmelltata a ben due generazioni di italiani,i vari reality a tonnellate,e le onnipresenti chiappe al vento che aprono le porte del successo in ogni campo) ecc,ecc,ecc.
    Del resto se io stesso fossi nato in qualche tribu sperduta, oggi invece di parlare di lenti gravitazionali, starei a starnazzare alla luna con le chiappe verniciate e piume di uccello infilate tra i "ditini" dei piedi (con tutto il rispetto per le tradizioni culturali indigene).
    Insomma le colpe sono molteplici, del resto oggi mamma e papa devono lavorare tutto il giorno per far quadrare i conti,e i figli crescono raccattando cio' che trovano nella cosiddetta "societa'".
    Non ci stupiamo allora se una lezione di fisica su you tube fa 2 ascolti,mentre il gattino che la fa in bagno e tira pure lo sciacquone visualizza dieci milioni di spettatori !!!
    miaooooo!

  • #25

    Lau (martedì, 10 giugno 2014 14:41)

    Daniele si copra "starei a starnazzare alla luna con le chiappe verniciate e piume di uccello infilate tra i "ditini" dei piedi"


    O______________________________________O"

  • #26

    Daniele (martedì, 10 giugno 2014 15:15)

    Ahahahahahahhaha allora oserei anche un....
    "Attenti al Bunga...Bunga !!!! "
    Lei Lau in realta' e' solo invidiosissima delle mie piume colorate e Sciccosissime !!!!
    va' che roba.... fanno pure pendant con i miei meravigliosi occhi verdi !!!
    Non ti scomodar.......e mi son gia' dato da solo il cartellino rosso,4 giornate di squalifica,e una bacchettata sui "diti".
    Ahahahahahaha
    Ora riprendo la danza....tranquilli ho messo un pereo a coprire i ciapet' tutto azzurro con struzzi viola e elefantini rosa.....
    ...da Sooogno....

  • #27

    Omero (mercoledì, 11 giugno 2014 07:45)

    penso che faremo prima a costruire potenti telescopi in grado di verificare "con sicurezza" la vita sui pianeti che andare noi di persona o mediante sonde o robot.