Colonizzare Marte è una missione suicida? Infuria la polemica

Colonizzare Marte è una missione suicida. A dirlo non è uno qualsiasi ma Robert Thirsk, astronauta canadese che è stato per 204 giorni in orbita nello Spazio. La sua riflessione è venuta a galla a proposito del progetto Mars One di spedire sul Pianeta Rosso 24 persone fra dieci anni circa. Il punto è che "non siamo pronti , non abbiamo ancora una tecnologia affidabile capace di sostenere un viaggio di sola andata per Marte", ha detto Thirsk, che durante la sua missione di lunga durata a bordo della Stazione Spaziale Internazionale nel 2009 ha passato molto del suo tempo a riparare attrezzature come i depuratori di CO2 e i servizi igienici. Thirsk non ha molta fiducia nei piani di Mars One: "È ingenuo pensare che siamo pronti a colonizzare Marte, che sarebbe una missione suicida" ha tagliato corto. Ma non tutti sono d'accordo.

Di opinione diversa l'ingegnere elettrico Zac Trolley, 31enne che ha superato la prima selezione ed è fra i 705 aspiranti di Mars One. Definisce l'opinione di Thirsk "assolutamente ridicola" perché "parlare di missione suicida sembra voler dire che abbiamo intenzione di morire e nessuno vuole morire deliberatamente". Trolley ammette comunque che qualsiasi forma di viaggio nello Spazio comporta dei rischi, e dice di voler incontrare Thirsk per "capire i problemi che ha incontrato lavorando sulla Stazione Spaziale e trovarvi delle soluzioni". Difficile dire chi dei due abbia ragione, quel che è certo è che gli aspetti da valutare sono moltissimi e che forse quella di Mars One è una tempistica troppo ottimistica, tenuto conto che la NASA stessa ha questa idea come priorità, ma ha ancora una lunga serie di valutazioni da terminare per non mandare gli astronauti allo sbaraglio.

Molti esperimenti sono in corso proprio sulla ISS, e intanto fra i progetti c'è anche quello di costruire una piccola serra sul Pianeta Rosso, trasportata dallo stesso modulo che farà atterrare lì il prossimo rover. Le sperimentazioni con le piante dovrebbero farci capire quali problemi concreti comporterà una permanenza a lunga durata su Marte.

I batteri gli unici colonizzatori

Gli organismi terrestri potrebbero un giorno invadere Marte? È questa la domanda alla base di tre ricerche pubblicate recentemente sulla rivista Astrobiology Journal, che hanno indagato il rischio di contaminazione del pianeta rosso causata dallo sbarco accidentale di microbi terrestri. 
I microrganismi trasportati dalle navicelle spaziali, infatti, a determinate condizioni potrebbero colonizzare altri corpi celesti, rendendo in seguito complicato per gli scienziati discernere se essi siano specie autoctone o frutto dell’importazione degli esploratori. 
A questo scopo, i ricercatori hanno cercato di individuare quali organismi siano potenzialmente in grado di sopravvivere a un viaggio interspaziale e un’atmosfera diversa dalla nostra, osservando i batteri con una capacità di resistenza maggiore della media. Si è scoperto che le spore del Bacillus pumilus, in particolare, sopravvivono alle procedure di sterilizzazione standard previste per le missioni spaziali e potrebbero sopportare condizioni esterne molto difficili: mentre le spore comuni, se esposte ad un ambiente che simula quello di Marte, restano in vita per 30 secondi, queste sopravvivono per ben 30 minuti. Nell’European Technology Exposure Facility (EuTEF) - un impianto montato all’esterno del laboratorio europeo Columbus - alcune spore sono sopravvissute addirittura 18 mesi, come spiega Kasthuri J. Venkateswaran, ricercatore presso la NASA e co-autore dei tre studi. 


In un secondo esperimento, gli stessi batteri sono stati messi su lastre di alluminio uguali a quelle utilizzate per la costruzione dei veicoli spaziali e, per un anno e mezzo, sono stati esposti a radiazione solare cosmica e a grandi fluttuazioni di temperatura. Si è visto così che avrebbero il 50% di probabilità di sopravvivenza se protetti dalle radiazioni, ad esempio in una fessura sulla superficie della navicella. 
Nel terzo esperimento infine si è visto che alcuni organismi cellulari che vivono sulle rocce, capaci di resistere a condizioni estreme sulla Terra, sarebbero in grado di restare in vita anche nello spazio: una conferma della teoria della litopanspermia, secondo cui i massi espulsi da un pianeta in seguito alla collisione con un oggetto esterno, come una meteora, potrebbero viaggiare nello spazio fino a raggiungere un altro corpo celeste, portando con sé microbi potenzialmente in grado di colonizzarlo.
Grazie ai risultati ottenuti, dicono i ricercatori, in futuro si potranno in ogni caso adottare misure cautelari in modo da evitare di scambiare per extraterrestri organismi nativi del nostro mondo e da minimizzare i rischi di contaminazione interplanetaria. 

Repubblica.it & Agenzie

Scrivi commento

Commenti: 49
  • #1

    Franz (domenica, 18 maggio 2014 09:34)

    Thirsk potrebbe aver ragione questo a causa delle radiazioni a cui gli astronauti sarebbero esposti
    http://www.tomshw.it/cont/news/viaggi-su-marte-pericolosi-per-l-uomo-troppe-radiazioni/46270/1.html

  • #2

    El Paso (domenica, 18 maggio 2014 19:21)

    Abbiamo tempo per pensarci fino al 2030....

  • #3

    Alberto (lunedì, 19 maggio 2014 11:03)

    Da qui al 2030 la tecnologia e le conoscenze umane si evolveranno e svilupperanno... esistevano problemi del tutto similari per andare sulla Luna ma, EVIDENTEMENTE, furono tutti risolti. Ogni tanto viene fuori la dichiarazione assolutista del tipo "NON LO POTREMMO MAI FARE" o "E' IMPOSSIBILE". Chi la mette su questo piano non ha studiato bene la storia.

  • #4

    Alberto (lunedì, 19 maggio 2014 11:31)

    @Franz: è vero che le radiazioni adesso sarebbero un problema, ma visto che lo sappiamo penso che prima di spedirli qualcuno si sarà preso la briga di progettare un filtro per le radiazioni capace di proteggere il corpo e gli organi umani da queste. Del resto, ripeto, quando si pensò di andare sulla Luna ci si rese conto del problema delle fasce di Van Allen, del problema dell'assenza di atmosfera, e di moltissimi altri... tutti affrontati e risolti in meno di 10 anni.... adesso, con a disposizione nuove tecnologie e nuove teorie, mi state dicendo che il problema di un eventuale viaggio su Marte è che in 15 anni l'essere umano non riuscirà a progettare uno schermo, un filtro o chissà cos'altro per schermare queste radiazioni? per piacere! un po' di buon senso.

  • #5

    MM (lunedì, 19 maggio 2014 17:51)

    Andare su Marte è da pazzi ... SUICIDI!
    Troppi problemi sottovalutati dal Mars One, forse se ne renderanno conto presto o tardi

  • #6

    Fuffy's dreams (martedì, 20 maggio 2014 04:38)


    campi di forza deflettori...o "scudi" di protezione dello scafo?.. :)

    http://it.wikipedia.org/wiki/Campo_elettrico

    http://it.wikipedia.org/wiki/Campo_magnetico

    in Star Trek li conoscono dal 1964...in Star Wars dal 1977...

    http://web.ticino.com/starfleet/id/sistemi_tecnologie/scudi_deflettori.htm

    e forse anche le industrie aeronautiche Usa, impegnate nel R.&D. militare e spaziale in Area 51 sin dai primi anni '50, ci hanno lavorato! potete voi forse escluderlo?.. o_O

    http://punto-informatico.it/2766904/PI/News/scudi-deflettori-navi-spaziali.aspx

    http://www.ilnavigatorecurioso.it/2014/05/08/lo-scudo-deflettore-dellastronave-enterprise-sara-presto-realta/

    quello che è ancora fantascienza PRESTO sarà realtà...è inevitabile! la storia ce lo insegna... -_o

    INVIATO DA FABIOSKY63 ALLE 04.37 DEL 20.05.2014

  • #7

    Malles (martedì, 20 maggio 2014 09:58)

    Dopo aver risolto gli innumerevoli problemi, ne rimane ancora uno, la naturale discendenza su Ares. Al riguardo andrei sul sicuro, spedirei un degno rappresentante di seme terrestre: il Fuffy. Lo ritengo indispensabile affinchè nella galassia le fecondazioni cosmiche continuino a verificarsi e la gestione degli astri possa procedere sino al naturale esito

  • #8

    Daniele (martedì, 20 maggio 2014 17:45)

    Tra le varie ipotesi (riguardo della schermatura dalle radiazioni), ricordo che alcuni scienziati avevano proposto come idea, di realizzare un modulo a doppio scafo. L'intercapedine risultante di circa 20 cm avrebbe dovuto essere riempito d'acqua, e avrebbe dovuto schermare in maniera soddisfacente gli astronauti dalle radiazioni.
    L' acqua dell'intercapedine, sarebbe stata utilizzata dagli stronauti durante il viaggio, e dal momento che viene riciclata il volume sarebbe restato soddisfacente per la durata del viaggio
    Giunti su Marte si sarebbe utilizzata l'acqua estratta dal pianeta, mentre l'opzione migliore sarebbe stata quella di interrare il modulo abitativo.

  • #9

    Daniele (martedì, 20 maggio 2014 17:56)

    Dimenticavo.
    Chi volesse approfondire la questione "missione su Marte", potrebbe ricercare su internet Robert Zubrin e il suo progetto ossia il Mars Direct.
    Nonostante sia "datato" potrebbe valere la pena di rileggerlo poiche' e' il frutto di un lunghissimo studio da parte di uno scienziato veramente appassionato e che ha dedicato tutta la sua vita alla colonizzazione del pianeta rosso.
    Se ivece siete degli specialisti olimpionici in pigrizia (come il sottoscritto) potete vedervi tranquillamente il documentario in italiano

    http://www.youtube.com/watch?v=6e65HTIcCss

  • #10

    Franz (martedì, 20 maggio 2014 22:34)

    Alberto si stanno già facendo le selezioni per gli aspiranti colonizzatori di Marte senza che il problema della protezione dai raggi cosmici sia stato risolto.

  • #11

    Alberto (mercoledì, 21 maggio 2014 08:34)

    @Franz risolto in via definitiva non mi pare. tanto che è recente argomento di discussione. Si fanno le selezioni sì, ma per partire fra 15 anni. e non sono finite. probabilmente è più corretto dire "lo stanno risolvendo" o "stanno tentando di...". infatti è solo attraverso le recenti misurazioni effettuate da Curiosity sul suolo marziano che ci sono stati forniti i dati più importanti in nostro possesso per risolvere questa problematica (http://gaianews.it/scienza-e-tecnologia/fisica/curiosity-misura-le-radiazioni-potenzialmente-assorbite-dagli-astronauti-su-marte-49285.html#.U3xJl_l_tqU)

  • #12

    Franz (mercoledì, 21 maggio 2014 19:46)

    Non sappiamo quando questo problema dei raggi cosmici sara risolto esistono tante proposte.

  • #13

    Malles (mercoledì, 21 maggio 2014 21:03)

    Dal petulante See Threepio (C 3 PO) al suo compagno Artoo-Detoo (R 2-D)...

    L'errore è credere che gli studi sui raggi cosmici sia recente, da moolto tempo si fanno esperimenti, e ad alcuni dei quali spesso non si fa troppa pubblicità. In realtà si sono già usate manipolazioni genetiche con finalità di colonizzazioni spaziali. Si è a conoscenza di questo già dalla cinquantesima missione dello Space Shuttle effettuata nel 1992, ma tutto iniziò ancor prima.

    Per questi esperimenti la NASA e la NASDA ad occhi a mandorla affidarono la missione nello spazio a Mamoru Mohri, che tra le altre cose valutò con dei test la legge di gravità sulla distribuzione dei microfilamenti nelle cellule germinali di scimmia. Risultati a tutt'oggi certi sull'influenza dei raggi cosmici si hanno su sperimentazioni di sviluppo embrionale sulle rane e sulle loro uova, dopo aver iniettato ad esse l'ormone umano HCG (Human Chrionic Gonadotropin). Come già si sa, un grosso problema rappresenta il metabolismo del calcio e la formazione delle ossa nello spazio, in quanto è notorio che gli astronauti sono soggetti all'osteoporosi

  • #14

    Alberto (giovedì, 22 maggio 2014)

    @Franz penso di poter dire che se nel 2030 certe problematiche non saranno risolte certamente non li lasceranno partire. mi pare evidente. anche gli equipaggi delle prime missioni furono selezionati prima che addirittura venissero terminati i progetti e la realizzazione dello shuttle. E' prassi: ci si pone una scadenza e di conseguenza le varie task force si organizzano per far sì che giunti al termine della scadenza fissata tutti i problemi siano stati risolti. Se ciò non accade, come per un cantiere edile o altro, si fa slittare la data di consegna.... o, in questo caso specifico, la data della partenza. Soprattutto, come ho fatto notare anche al mensile Ufo Magazine, che già mesi fa aveva affrontato la questione utilizzando gli stessi toni di Thirsk, quando si arriva a determinate conclusioni vi si giunge attraverso un determinismo che non tiene conto di innumerevoli variabili.

  • #15

    Franz (giovedì, 22 maggio 2014 20:19)

    Ma i problemi per colonizzare Marte e non si fermano con i raggi cosmici un altro grosso problema sono le conseguenze psicologiche derivanti dalle condizioni di prigionia indefinita che comporta la permanenza su Marte.

  • #16

    Daniele (giovedì, 22 maggio 2014 20:23)

    Personalmente (anche se ovviamente mi dispiace) sono fermamente convinto, che non ci sara' nessuna missione su Marte prima del 2050 o oltre.
    2020-2025-2030 non sono previsioni realistiche per gli enti spaziali governativi. Mars One e' sicuramente lodevole come iniziativa privata che mira ad non attendere i capricci e la lentezza della politica. Ma credo che siano troppo ottimisti ed entusisti di bruciare le tappe, una grossa responsabilita' per una "piccola" compagnia privata.

  • #17

    FABIOSKY63 (venerdì, 23 maggio 2014 05:24)


    cit. Daniele
    "...2020-2025-2030 non sono previsioni realistiche..."

    dunque! con le tecnologie ufficiali...
    potevamo andarci dal 1972, partendo dalla Luna èh! con quelle "che NON esistono" ufficialmente, delle aziende che hanno lavorato per 50 anni in Area 51 con i fondi black, e con i fondi delle "coperture ufficiali" eh!eh! ai progetti governativi aeronautici, tòh!..anche domani mattina... o_O

    maaa non penserete che qualcuno ve lo dica èh? o...tanto meno eh!eh! lo faccia!?!... :D

  • #18

    Malles (venerdì, 23 maggio 2014 16:21)

    "maaa non penserete che qualcuno ve lo dica èh?"
    Diglielo tu caro vegliardo, sono anni e anni e...anni che conosco il tuo pensiero in proposito, ma qui c'è un mare che PULLULA di utenti interessati ad essere infarinati, pendono eh! eh! letteralmente uh! uh! dal tuo amo. Mi dicono che sono pronti a dedicarti un francobollo "ufologico"con le tue sembianze in...grigio. Spiega dunque alla gentile platea il tuo pensiero con partenza Luna - Marte. Io l'ho trovato interessantissimissimoalmassimo

  • #19

    Daniele (venerdì, 23 maggio 2014 19:26)

    In realta' la missione del 1972 fu un fallimento totale, gli astronauti si rifiutavano di fare il saluto militare optando per un informale "pace fratello", sull'atronave poi furono trovati 25 kg di marijuana su un "portapacchi" improvvisato. Il capomissione aveva sostituito il logo, Nasa con un simbolo della pace fluorescente.rimuovendo gran parte della strumentazione per far spazio ad un enorme impianto stereo,ed un poster di Hendrix con la scritta Are you "experienced" ?. Anche l'attrezzatura gravava di enormi pecche, i basettoni si ostinavano a spuntar fuori dai caschi, le tute a zampa d'elefante non erano a tenuta stagna, e Brown con quell'enorme capigliatuta afro non riusciva neppure a mettersi il casco. Fu progettato un casco enorme, ma una volta realizzato sbilanciava l'atronauta facendogli chinare violentemente il capo a terra. Durante un volo simulato l'equipaggio strafatto di lsd schianto il prototipo su una fattoria di Tulsa taumatizzando sette agricoltori e ferendo due mucche. Intervenne l' Nsa, il progetto fu fermato, e dell'accaduto furono incolpati i Russi che secondo il rapporto ufficiale, da una capsula Soyuz in orbita geostazionaria, accecarono gli astronauti utilizzando uno specchietto da barba fornito da Castro, e reliazzato appositamente in Corea del Nord, con materiale fornito dagli iraniani grazie all'appoggio dell'esercito nord vietnamita.

  • #20

    FABIOSKY63 (sabato, 24 maggio 2014 18:43)


    ..."pisimelli spaziali"...

    @Malles
    se ti riferisci a questo, se invece ad altro dillo....vedere nei commenti di "fabio" e fabiosky63 del link seguente e il rispettivo rimando ai commenti del blog di Sabrina...

    http://ilnavigatorecurioso.myblog.it/2013/05/08/progetto-redsun-gia-siamo-stati-su-marte-secondo-un-giornali/

    @Daniele
    della missione del '72 io NON detto nulla...ma tu (come Chip\Cazzaro) "la messa" hai imparato a dirla molto bene... :D -_-

    @...
    la gravità lunare (1,622 m\s) permette un consumo al lancio "minimo" di carburante rispetto a quello necessario con la gravità terrestre (9,78 m\s), quindi quello immagazzinato nei serbatoi sarebbe sufficiente per il lancio del viaggio di ritorno da Marte...considerando ANCHE che quest'ultimo ha una gravità inferiore (3,711 m\s) alla terrestre di circa due terzi... -_o

    http://it.wikipedia.org/wiki/Interazione_gravitazionale

    elettroniche, processori, e software dell'epoca erano sufficienti a gestire le migliaia\milioni di operazioni "gestionali" dei sistemi automatizzati ancora in gran parte meccanici...naturalmente ci sarebbe voluto "un aiuto fisico" in più (Urss) per la costruzione di una prima base lunare "Alfa" che facesse da appoggio per l'operazione Marte, e di fatto "i russi" hanno "abbandonato" -pur essendo stati avanti nella ricerca spaziale- la corsa alla Luna... o_O

    e chi ci dice che tutto quanto ciò -i progetti di W. von Braun- NON sia stato fatto proprio negli anni '60 e '70?..progetti, scienziati, know-how, tecnologie, aziende, servizi, militari, black project, "guerre ad hoc", finanziamenti (e relativi scandali) a progetti ufficiali, leadership dietro i governi, eliminazioni fisiche di personalità illustri! è mancato qualcosa a quel periodo storico per poter "far partire un razzetto" dalla Luna eh!eh! e senza che nessuno lo vedesse?.. o_O

    lo stesso von Braun abbandonò la Nasa quando UFFICIALMENTE terminarono le missioni Apollo! cos'era cambiato -nello status delle cose- da indurre -O COSTRINGERE- il più grande "scienziato dello spazio" ad "abbandonare" apparentemente i suoi progetti spaziali?.. o_O

    http://it.wikipedia.org/wiki/Wernher_von_Braun

    DEL DOPO è certo che, dalla fine degli anni '70, entrano "in discussione" i nuovi processori veloci e le tecnologie -ufficialmente inesistenti- dell'inversione gravitazionale...e a questo punto i carburanti NON servono più! ma per la velocità imprimibile (e il relativo grande impatto con le particele cosmiche) gli scudi deflettori (di protezione) divengono, sin dalla progettazione delle "navi", PIU' CHE necessari... -_o

    ma questa è "storia" -NON ANCORA TALE- moderna...questa... :)

  • #21

    Daniele (domenica, 25 maggio 2014 04:50)

    @ Fabiosky (parte 1)
    Appurato il poco senso dell' umorismo del sito (ragiunge i -40 e oltre)
    rimangono un paio di cosucce, se rimaniamo sulla scienza ufficiale la gravita' non e' del tutto compresa, non si sa se sia legata ad una particella (gravitone) oppure se esista una nuova forza dell'atomo che creauna attrazione tra le particelle (maggiore massa maggiore gravita') oppure se lo stesso spazio sia soggetto alla gravita dell'universo che lo contiene (multiverso).....cmq sia l'antigravita' per ora e' piu' lontana del teletrasporto.
    Se come si pensa gli Stati Uniti abbiano tecnologia aliena avanzatissima, rimane il dubbio su come mai sia ancora celata e relegata ai black project da piu' di 60 anni, col rischio che a forza di aspettare, altri paesi potrebbero "bruciarli" presentano nuove scoperte e molto importante brevettandole !!! costringendo gli USA paradossalmente a pagare i diritti per cose che avevano gia' nei cassetti da 60 anni.
    Alcuni direbbero che se lo facessero questo distruggerebbe l'economia degli armamenti tradizionali made in USA perdendo un buon 40% di pil nazionale, cmq sia la faccenda assume risvolti paradossali cmq la si voglia vedere.
    Altra cosa, gli scudi deflettori, anche qui la scienza ufficiale e' ben lontana, i produttori di Tank cercano disperatamente una tecnologia simile,ma per ora l'unica barriera deflettore consiste di un doppio scafo elettrizzato capace di far eveporare i colpi incassati (una volta oltrepassati si crea un arco elettrico ad altissimo voltaggio ossia il colpo funge da interruttore mettendo a contatto le due parti dello scafo) e cmq sia si tratta di prototipi per carroarmati ben lontani dall'uso in astronautica.
    Altro problema, come alimentare uno scudo deflettore ? (anche in Star Trek questo componente assorbe la maggior parte dell'energia prodotta dai motori a curvatura) visto che non disponiamo di motori ad antimateria l'unica cosa per alimentarli sarebbe un generatore nucleare. e qui si apre un altro problema, a differenza delle sonde che usano piccoli generatori a isotopi, qui essi non basterebbero, ci vorrebbe un genratore molto piu' potente, il problema e' che se la missione fallisce e il razzo esplode ci sarebbe contaminazione nucleare su vasta scala a (seconda dell'altezza) per la ricaduta a terra di materiale radioattivo (generalmente Plutonio).
    Se invece come dici tu gli Usa hanno gia' tutto, e forse hanno gia' la base segreta su Marte, il risultato nn cambia perche' noi non lo sapremo mai, e quindi nuovamente dobbiamo aspettare la scienza ufficiale, e una missione ufficiale.
    Dal momento che la crisi e' in realta un cambio di sistema dove i produttori vanno in paesi poveri a produrre e qui lasciano solo disoccupazione, ne consegue che i governi occidentali non hanno piu' gettito per sostenere le politiche sociali (scuole,sanita',strade ecc,ecc) e quindi taglieranno le spese spaziali e la ricerca pura per far "quadrare" i conti qui sulla Terra.
    Ecco perche sono convinto che bisognera' aspettare oltre il 2050-60 per una missione su marte. Anzi io sono ancora piu' pessimista, perche' fu Bush padre a parlare di rilancio nella corsa nello spazio, e non si fece niente,poi fu Bush figlio, e non si fece nuovamente niente. E sono passati piu' di 20 anni.....Quindi realisticamente io penserei per la fine del secolo o anche il 2110 !!!

  • #22

    Daniele (domenica, 25 maggio 2014 04:52)

    a Fabiosky (parte due)

    Se poi pensate che dipende piu da una decisione politica che tecnologica.....seeeee stiamo "freschi"..visto che in 30 anni non sono ancora riusciti a mettersi d'accordo neppure sull'esistenza del riscaldamento globale e continuano a discutere, figuriamoci mettersi daccordo su una missione che potrebbe costare anche 100 miliardi di dollari (minimo 30 in configurazione low cost)
    Tra sovrappopolazione, poverta' diffusa,crisi economica, tagli in ricerca, ecc potrebbe anche accadere che il tempo utile per l'uomo di conquistare lo spazio sia esaurito ossia la "finestra evolutiva per lo spazio" potrebbe gia' essersi chiusa visto che tra un secolo saremo 15-20 miliardi e i problemi saranno apocalittici. Qualcuno dira' si, ma tra 50-60 anni cissa' che tecnoligia ci sara'.....ma qui torniamo al punto di partenza, la tecnologia non avanza per inerzia, occorrono fondi e tanto tanto tempo (alle volte anche 20 anni per passare da un prototipo al modello finale e per ottenerei brevetti) e siamo rimasti fermi al palo da 20 anni anzi da 45 ! se partiamo dall'ultimo uomo fuori dall'orbita terrestre, e la Nasa e' ancora ferma, anzi rispolvera le capsule apollo ammodernandole (progetto orion) insomma hai voglia di parlare di basi marziane a tempi brevi....in piu' alla politica non frega nulla di Marte...manco sanno dove si trova,non hanno nessuna cultura scientifica, basta vederli in Tv ! e all'estero non e' che sia poi molto diverso...ricordate il senatore americano la cui moglie ebbe un malore in aereo,e lui chiese ufficialmente perche' i finestrini degli aerei di linea erano sigillati e non si poterssero aprire per fornire un po' di aria fresca ? anzi voleva perfino denunciare la compagnia aerea !
    con sti' qui ma dove credete che si possa andare ?????
    Insomma non mi fraintendere anche io smanio per la conquista spaziale, ma sinceramente non credo che la vedro visto che ho piu' di 40 anni....

  • #23

    Franz (domenica, 25 maggio 2014 09:02)

    Inoltre se gli americani fossero in possesso di una tecnologia avanzata ho avessero già una base segreta su Marte non spiegherebbe i tanti costosi fallimenti occorsi nell'esplorazione marziana.
    Gli Americani in quanto a cultura scientifica non sono molto diversi dagli italiani basti pensare che un giudice italiano è arrivato a sentenziare (fuori da ogni base scientifica) la prevedibilità del terremoto.

  • #24

    "i vantaggi" di Fabiosky63 (domenica, 25 maggio 2014 18:10)


    ..."tecnologie per pochi...e quelle per tutti"... :D

    cit. Daniele
    "...con sti' qui ma dove credete che si possa andare ?????..."

    tu che te ne sei accorto -OGGI- credi di essere l'unico? non pensi che magari "qualcuno" 40 o 50 anni fa possa "semplicemente", e LINEARMENTE come te e il doctor Franz, aver ragionato allo stesso modo?..se così fosse, non credi che "costoro" si siano "premuniti" di dare un futuro, una certezza "minima" di futuro, perlomeno ad una "piccola parte" (quella "giusta"? o_O ah!ah! :D ) dell'umanità? BEN CONOSCENDO, ne abbiamo parlato in altre discussioni ANCHE tra queste pagine, DOVE ci avrebbe INEVITABILMENTE condotto il nostro ATTUALE (come di 50 anni fa) sistema social-industrial-produttivo BASATO "sull'energia" e sui mezzi di locomozione ENTRAMBI DIPENDENTI al 90%, direttamente od indirettamente, dagli idrocarburi e relativi derivati?..

    tu, come l'egregio doctor Franz, pensi che tale futura "free energy" possa essere stata PREDISPOSTA e riservata, da questa presupponibile -MA PER MILLE RAGIONI ESISTENTE- leadership di "custodi del R&D" del futuro -E OPERANTE DA SEMPRE DIETRO I GOVERNI UFFICIALI- per TUTTI i 15 miliardi di esseri umani "razzolanti" ah!ah! da te indicati?!?...e COME faresti ad attuarla in tempi utili BEN CONOSCENDO, tu leadership operante dietro le quinte, che siamo destinati a tornare sotto l'acqua eh!eh! in breve tempo (50 anni dall'epoca, fine anni '60) e quindi anche a subire il tracollo di questa finestra tecnologica, dovuto alla perdita di controllo di TUTTI i sistemi complessi -CHE CI SUPPORTANO- oggi interlacciati?!?... o_O

    cit. Franz
    "...non spiegherebbe i tanti costosi fallimenti occorsi nell'esplorazione marziana..."

    se lei sapesse (50 anni fa, NON oggi!) che NUOVE "tecnologie" -E UNA NUOVA SCIENZA-, e "diverse" extraterrestri ma ANCHE allogene REALTA', potessero un giorno "costare" l'equilibrio del mondo (così come lo conosciamo) non lo nasconderebbe all'umanità?..e non spingerebbe "sull'acceleratore del mondo" per avere "i fondi" per CREARSI e POI sostenere quegli ORMAI SUOI (della leadership, tra l'altro "mista"!) "vantaggi"?..ci rifletta... o_O

    i "vantaggi" NON sono MAI per tutti! COME gli "imprevisti" d'altronde...e d'altro canto NON siamo tutti "bravi" eh!eh! e tanto meno ci può venire concesso di "giocare al Monopoli"... o_O

    è triste...ma -PER CHI LA PREFERISCE- ciò NON è lontano dalla verità... o_O

  • #25

    Daniele (domenica, 25 maggio 2014 19:48)

    @Fabiosky parte 1
    Scusa Fabiosky, ma sinceramente non mi piace un certo tipo di accostamento, e di etichettatura personale da supermercato.
    quanto mi scrivi "tu te ne sei accorto OGGI...."
    ma che ne sai del mio grado di conoscienza sull'argomento ?????
    Ho 45 anni e leggo di queste tematiche da quando ne avevo 16, ho la cantina piena di articoli di giornali,vecchi libri delle edizioni mediterranee,e centinaia di riviste ufologiche (tutte quelle disponibili in Italia" dagli anni 90 ad oggi, tutti i documentari e i film, e per un certo periodo avevo una vera fissazione per l'argomento, in piu' per anni sono stato un astrofilo dilettante.
    La differenza e' che io sono possibilista !!!! ma non mi sento di affermare nulla con la certezza granitica e matematica biblica che hai tu !
    Una specie di "vangelo da diffondere"....e guai ai miscredenti.
    Credo abbastanza certamente, che gli extraterrestri siano qui !!!! che compiano esperimenti di cui non abbiamo ancora capito il vero scopo....
    ma non credo che collaborino con nessun governo, Non ne hanno nessun bisogno, con la loro tecnologia sono semplicemente in grado di fare tutto quello che vogliono ! quando lo vogliono e come lo vogliono ! rispetto alla ns tecnologia e conoscienza della fisica, sono DEI a tutti gli effetti, non per volonta' divina,ma per divario tecnologico culturale.
    Sarebbe come se una Compagnia multimiliardaria chiedesse aiuto ai boscimani per la realizzazione tecnologica di un impianto petrolifero !!!!
    o si avesse bisogno del loro aiuto per la creazione di un nuovo chip (con tutto il rispetto per i boscimani o altra etnia non consona alla tecnologia "occidentale"...intendiamoci bene ! )
    Che cosa ha mai da offrire il governo americano ad una civilta' galattica ? un bel nulla ! ne puo' opporsi !E cosa sarebbe in grado di fare ?....gli manda una squdriglia di F-22 raptor con missili aria aria che viaggiano a mach 5 contro un astronave in grado di volare nello spazio a velocita' forse iperluce ? gli spedisce Will Smith o Jeff Goldblum con un mach a infettare la cpu madre ?
    sai che paura per gli alieni.......
    Credo che tutte queste chiacchiere americane siano solo propaganda e basta. Tutte le volte che cade un aereo per guasto tecnico c'e' sempre qualche fazione terroristica pronta a rivendicare l'attentato,sciacallandosene la paternita',ostentando cosi la sua presunta potenza, allo stesso modo ogni volta che si parla di Ufo il governo americano diffonde voci tramite canali indiretti che si tratterebbe di collaborazione tra alieni e i grandissimi e potentissimi (anzi superpotenza) Stati Uniti d'America....(maddeche' !!!)
    Forse una parte della superiorita' americana potrebbe anche provenire da tecnologia aliena recuperata, ma dubito fortemente che qualsiasi scienziato terrestre abbia le capacita' per comprendere un manufatto tecnologico di una civilta' cosi avanzata, non solo,probabilmente manca addirittura la conoscienza di base per una fisica cosi avanzata.
    Uno scienziato aeronautico della prima guerra mondiale,specializzato in pistoni ali di legno e seta, che cavolo capirebbe dei sistemi di bordo di un F.14 tomcat o di un Awacs,o di un bombardiere b2 ??? nulla ! non avrebbe le basi (fisica dei materiali,informatica,fibre ottiche,gsm,sistemi di puntamento satellitari,comunicazioni a ultrafrequenza eccc.....non capirebbe neppure i materiali come il plutonio impoverito del munizionamento, che non esisteva neppure come il 99% dei materiali dell'apparecchio.

  • #26

    Daniele (domenica, 25 maggio 2014 19:48)

    @ Fabiosky parte due

    Potrebbe studiarlo,certo che si, ma non avrebbe nessun supporto o aiuto dalle industrie, perche neppure loro ci capirebbero nulla, o non avrebbero la tecnologia necessaria per la duplicazione (per esempio replicare un chip, realizzare leghe pure ecc).
    Insomma dovrebbero studiarlo per 70 anni e per giungere alla comprensione (arrivando cosi ai tempi nostri, data di origine del prodotto e sviluppo)
    E ho preso solo 100 anni di divario tecnologico !!!! e se fossero 1000 ? o 10.000 ? o un milione ? hai provato a rifletterci veramente,ma veramente intendo.
    Che cosa capirebbe un uomo dell'eta'dela pietra della ns attuale tecnologia ? e un antico romano ? e un barone del 500 ? o del 700 ?
    Poco o nulla ! per quanto geniale non avrebbe le basi.
    Al max gli scienziati odierni potrebbero capire cose piu' basilari, come nuovi materiali,la composizione chimica delle leghe,e forse qualche rudimento complementare.
    Ma replicare i sistemi di navigazione,la propulsione......dubito, al max potrebbero capire se si tratta di elettromagnetismo, o il tipo di energia utilizzata, ma prima devono sviluppare una nuova fisica per capirne i principi che permettono il funzionamento, ma occorrerebbero tempi piu' lunghi di soli 50 anni.
    Insomma per farla breve mi sembri troppo entusiasta, la fai troppo facile....basta un generatore di antigravita' qui, uno scudo deflettore la...e il gioco e' fatto......Per me non abbiamo ancora la fisica per comprendere tali funzionamenti....fuguriamoci la tecnologia
    Per esempio 8terra,terra) non basta replicare un computer per averne due !
    e il software ???? che linguaggio usa un eventuale "pc" alieno? su cosa si basa ? fisica quantistica ? cosa sappiamo noi della fisica quantistica ? positroni ? quanti positroni abbiamo creato fin'ora ? e' un compiuter biolgico ? e su quale biologia ? quella aliena ? e su che basi funziona una biologia aliena ? e come trasmette le informazioni ? su schermo?e a quali frequenze?gli alieni potrebbero vedere i raggi x,l'ultravioletto,o l'infrarosso,spettri che noi, non siamo in grado di vedere,e per noi lo schermo sarebbe "spento", e in che lingua ? e se fosse telepatico ? come funziona un cervello alieno ? cos'e' la telepatia e come funziona ? come potremmo capire le informazioni telepatiche di un computer di bordo progettato per un cervello alieno, se non sappiamo neppure come diavolo funziona il nostro ? e tutto questo in soli 50 anni ?
    Caro Fabiosky,non ti sono nemico, ma se fossi il sig Spock ti direi che le tue valutazioni si basano su poche pochissime veramente poche variabili !!
    e non prendi in considerazione l'intera complessita' della cosa, devi vedere la cosa a 360 gradi e non solo la parte che piu' ti affascina.
    Anche io vorrei che domani annunciassero al Tg che esiste il teletrasporto, l'antigravita',i motori a curvatura e ci sono stati tenuti nascosti....ma la realta' e incredibilmente piu' sfaccettata complessa,piena di risvolti.

  • #27

    Franz (domenica, 25 maggio 2014 21:47)

    "i vantaggi" di Fabiosky63 se ci fossero gli alieni questi non avrebbero certo bisogno di stare nascosti dietro i governanti dato il loro livello tecnologico superiore.
    Daniele ammettendo che gli alieni siano qui sorgerebbe spontaneamente una domanda: dove sono questi alieni?

  • #28

    Daniele (domenica, 25 maggio 2014 22:49)

    Franz,abbiamo discusso all'infinito su questo quesito, che rimanda al paradosso di fermi,e sai benissimo che la pensiamo diversamente.
    Io potrei concederti che non esistono o non sono qui, ma tu dovresti concedermi,che una civilta' galattica con una tecnologia in grado di viaggiare tra le stelle, dovrebbe avere lo stesso livello tecnologico anche in fatto di "occultamento" o "discrezione",come gia' detto se noi stessi siamo in grado di realizzare aerei a ridotta visibilita' radar,a ridotta visibilita' termica,e gia' ci sono i primi prototipi di "invisibilita'"ottica....Dio solo sa' di cosa sarebbe capace una civilta' 1000 anni avanti a noi....su dai....
    Possiamo anche filosofeggiare amabilmente coi paradossi. Per esempio a febbraio 2013 tornando a casa ho trovato la porta forzata e l'appartamento spazzolato dai ladri. Ho chiamato i vicini,i negozianti confinanti,conoscenti e amici,ma nessuno ha visto niente,nessuno ha sentito niente,ergo i ladri non sono venuti. Non ho nessuna prova oggettiva che siano stati i ladri. Se mi attengo alle prove e considero solo la verita' oggettiva, ne consegue che sono stato per forza io a rompere la porta,far sparire le cose e poi dare la colpa ai fantomatici ladri. Non vi e' altra spiegazione nessun fatto oggettivo o prova supporta la mia affermazione "ho avuto i ladri in casa".
    Ne possiamo pensare sempre in maniera antroprocentrica e giungere alla conclusione che, se gli alieni esistono e sono qui, allora per forza sono obbligati a venirci a citofonare a casa per annunciarsi,altrimenti non esistono. Per anni gli antropologi hanno cercato di filmare di nascosto le ultime popolazioni amazzoniche, che non erano ancora entrate a contatto con "l uomo bianco". Di certo non sono attrerrati con un elicottero in centro al villaggio iniziando a filmare,stringere mani,distribuendo bigliettini da visita con tanto di cellulare e mail.
    Insomma per 50 anni hanno scritto libri sull'argomento di certo non lo risolveremo io e te battibeccandoci sul blog.
    Magari agli alieni gli facciamo pure schifo, e non vorrebbero avere contatti ufficiali con noi,neppure a pagarli :)))))
    Non ci capiamo neppure tra esseri umani, e spesso non comprendiamo neppure il modo di agire di persone care, figuriamoci metterci a discutere del perche' e percome gli alieni ci sono,non ci sono,perche' non si fanno vedere.
    Insomma cari alieni Franz non chiede poi molto, almeno una cartolina,un colpo di telefono,un bigliettino per Natale...insomma fatevi setire,anche un ciao con la manina fuori dall'oblo' va bene.

  • #29

    Franz (lunedì, 26 maggio 2014 00:15)

    Ma una civiltà galattica super-tecnologica che bisogno avrebbe di occultarsi?
    Se gli "ufo" provenissero dallo spazio perchè non sono mai stati avvistati dai telescopi?
    Anche a me piacerebbe credere nell'esistenza degli alieni ma ci sono interrogativi che metterebbero in dubbio la loro esistenza.

  • #30

    Daniele (lunedì, 26 maggio 2014 00:58)

    Dai,Franz...fai il bravo....
    Perche' gli Stati uniti che sono la nazione con l'esercito piu' potente al mondo hanno speso miliardi di dollari in aerei e satelliti spia ? e aerei stealt ?
    perche' tengono segreti i loro prototipi ? se sono cosi forti e avanzati perche' spiano paesi del terzo mondo privi di altrettanta tecnologia ?
    Come hanno fatto gli scienziati a scoprire la materia oscura ? e perche' i telescopi nn l'hanno mai vista ? (esempio puerile)
    Per quale motivo gli alieni sarebbero obbligati a mostrarsi per forza ? perche' alcune nazioni inviano spie in incognito o mandano commando a scorazzare in territori altrui in gransegreto,senza mostrine,e segni identificativi.
    Se tu avessi per esempio il dono dell'invisibilita' e volessi fare una rapina in banca, opteresti per usarla... oppure preferiresti essere ripreso e identificato come ladro,piuttorsto che usarla e rendere il fatto per gli inquirenti assolutamente misterioso e privo di spiegazioni plausibili ?.
    E.....se tu ! fossi un alieno a capo di una flotta opteresti per materializzare le astronavi sopra le citta' occidentali, rischiando di terrorizzare una popolazione il cui il 50% non crede neppure all'esistenza degli alieni o di altre forme di vita ? mentre almeno un miliardo di persone in zone remote penserebbe addirittura che siete una manifestazione divina ?come eviteresti il caos derivante ? come spiegheresti la vostra esistenza a migliaia di tribu primitive sparse nel pianeta che vivono in capanne e usano ancora gli animali per la locomozione ? quale referente terrestre useresti per comunicare ? come faresti a dissipare i sospetti e l'isteria inculcata in 50 anni di film hollywoodiani di invasioni extraterrestri ? quale lingua tra le migliaia compresi i dialetti useresti per comunicare con i terrestri ? come potresti essere certo che un tuo dono tecnologico all'umanita' non venga impiegato per scopi bellici o peggio contro di te (per esempio la free enrgy) ? che misure applicheresti per esempio per impedirlo ? la forza ? se si allora ti saresti gia' trasformato in una sorta di forza di occupazione.
    Come faresti a prevenire il crollo dell economia derivante dalla nuova tecnologia introdotta ? Come affronteresti il tema religioso nel caso la tua specie credesse per esempio nella Forza ?. come ti comporteresti nei confronti di milioni di malati che tu potessi curare e guarire ? lo faresti oppure non interferiresti con la selezione naturale ? quali scoperte sveleresti ai terrestri ? se tu fossi qui perche' la tua civilta' sta morendo (per esempio ipotetico) e devi ibridare alcune terrestri con materiale genetico alieno per poi portare via i feti, anche facendolo in vitro come faresti a far passare questo aberrante abominio ad una civilta' come la nostra dove ancora si dibatte su embrioni e staminali umane ?
    Io al tuo posto avrei gia' il mal di testa e avrei ordinato all'ufficiale di bordo...."modalita' invisibile please...e avanti in modalita' silenziosa" anzi giriamo al largo da sti terrestri.
    Anche tu Franz se ti estranei dalle tue idee preconcette e butti sul tavolo due kg di variabili in piu' vedrai che, non tutto e' ancora cosi chiaro come pensavi prima.

  • #31

    FABIOSKY63 (lunedì, 26 maggio 2014 05:57)


    ..."i viaggi nel tempo di Prapapappo"...PRIMA PARTE...

    @Daniele
    premesse più o meno giuste, analisi e sintesi ancora semplicistiche...conosco BENE, come te, la complessità dell'esistenza e NON ho mai pensato, NE' detto (leggi bene quello che ho scritto), che non conosci "il mondo del paranormale"... :)

    poi, ma non è un rimprovero, se metti li una, o due, o tòh, tre cose alla volta mi riesce di essere anche un po' più "preciso"...tutto insieme, vista la mole degli argomenti, tutto il tuo discorso mi piglia di polpettone ah!ah! in crosta! più che di saporite "polpettine alle mele" aromatizzate al curry... :D

    @Franz
    dove sono? OVUNQUE! attorno a noi...e se NON siamo in grado di vederli ciò NON è equivalente al fatto che non ci siano! tra l'altro svariate etnie di allogeni VIVONO qui da tempo! e tutte, comprese le etnie aliene in vacanza eh!eh! o profughe, sembrano aver BEN compreso "la direttiva" -DAL 1999 PIU' O MENO IN VIGORE- che qualsiasi "attività" deve essere svolta (nei limiti del possibile) "in regime di occultamento"... o_O -_o

    ed è proprio per questo motivo che vediamo in cielo cose MOLTO strane, raramente facilmente identificabili se non con forzature interpretative! è perché spesso sono DISTORTE, nelle forme e nei croma, sfocate e traballanti, non assimilabili a fenomeni naturali, o che ne CONTRADDICONO (vedi Hessdalen, poi scrivo anche di là, per la parte più tecnica) le leggi della fisica e della chimica...è NORMALE! se queste tecnologie -DI OCCULTAMENTO- usano "ricostruzioni grafiche", "ologrammi digitali", software di elaborazione "on real time" (dell'immagine nel RGB), e tanto "di altro" che potrei solamente indicare -UNO ALLA VOLTA- con esempi singoli, "il massimo" che possiamo vedere o REGISTRARE sono transienti distorti o parziali, e quindi NON REALI o solo PARZIALMENTE tali, di quello che c'è sotto la mimetizzazione... o_O

    questo di seguito è un esempio in natura che può dare una VAGA idea di quello che si può fare ANCHE elettronicamente...che POI con 16 milioni di colori a disposizione (nel RGB grafico) è una cosa praticamente infinita! ma guardate le due immagini, che belle! e che PERFEZIONE di mimetismo... ;)

    http://www.immaginidivertenti.org/wp-content/uploads/2013/03/camaleonte-con-il-colore-della-foglia.jpg

    http://media-cdn.tripadvisor.com/media/photo-s/03/e9/4b/7a/camaleonte-mimetizzato.jpg

    http://it.wikipedia.org/wiki/Chamaeleonidae

    l'esempio nel film Predator del 1987, dell'alieno che usa una tecnologia di occultamento, per il quale RISULTA alla vista QUASI completamente TRASPARENTE, è quantomai calzante! un soggetto di cui a malapena si riesce a cogliere "un contorno" della figura umanoide -TRASLUCIDA E SFOCATAMENTE SEMITRASPARENTE, è quantomai MOLTO difficilmente configurabile nella sua VERA realtà fisica umanoide -O DI IFO ALIENO SE E' UN OGGETTO VOLANTE- e tanto più se nella registrazione (vedi Predator 2) si riescono a cogliere SOLO le "distorsioni armoniche" nel segnale video RGB!..e se vi dico che di un "soggetto" del genere -UMANOIDE TRASPARENTE- ho una foto NOSTRA, scattata nel 2005, qui nelle nostre zone? voi cosa pensate?... o_O

    http://it.wikipedia.org/wiki/Predator_(film) http://it.wikipedia.org/wiki/Predator_2

  • #32

    FABIOSKY63 (lunedì, 26 maggio 2014 06:01)


    ..."i viaggi nel tempo di Prapapappo"...SECONDA PARTE...

    @...
    il tempo per sviluppare tecnologia, anche da retro ingegneria, ce lo abbiamo avuto...abbiamo iniziato negli anni '20 con Tesla, "recuperi" e relativi studi dagli anni '30 in Italia e Germania, "R&D" di Inghilterra e Canada già da PRIMA della fine della guerra, Esperimento Filadelfia nel '43 e poi gli Usa dal '47 hanno "accelerato" -esperimenti e progetti- in Area 51, e ad oggi sono trascorsi quasi 70 anni -di ricerca moderna- dal solo dopoguerra! NON basta? eppure tutto ciò è iniziato ANCORA molto prima... -_o

    già il comandante Byrd aveva relazionato al presidente Usa, dopo la sua missione del '28, sulla presenza degli allogeni in Antartide...poi -ovviamente- quello che viene detto -E SCRITTO- sui libri di storia difficilmente corrisponde NELL'INTEREZZA a quanto è stato nella realtà... o_O

    http://www.treccani.it/enciclopedia/tag/little-america/

    http://it.wikipedia.org/wiki/Richard_Evelyn_Byrd

    ci sono foto (ne ho una -IN ANALISI- da 10 anni!), scattate sul pack antartico (1928) dal comandante, che lasciano "pochi" dubbi sulla realtà delle tecnologie di occultamento e mimetizzazione da parte di culture allogene presenti ed operanti (all'epoca) ATTIVAMENTE a contatto con la nostra società...da una di queste foto si evince che, "personaggi", date, e luoghi, di fatti ed avvenimenti, sono stati scelti con cura da "costoro" al fine di portare avanti i propri programmi di "REGISTRAZIONE" e "CONSERVAZIONE", della "vita" -E DELLA STORIA- sulla Terra, e di PRINCIPIO (incipit) evolutivo delle specie "intelligenti" presenti, compresa la nostra... o_O

    che ci crediate o no c'è sempre "un dio", chiamatelo come preferite, che salva eh!eh! qualcosa e\o qualcuno...con o senza "arca" che sia... ;)

    a presto... :)

  • #33

    Malles (lunedì, 26 maggio 2014 10:41)

    Ha perfettamente ragione il Dott. Franz quando si chiede perchè se gli extra esistono NON si fanno vedere. Gli faccio cortesemente presente però che anche quando lo fanno in maniera più o meno eclatante, si cercano a tutti i costi spiegazioni alternative, ignorando testimoni, radar e quant'altro. Roba da far diventare ancora più verde dalla rabbia il marziano clorofilliano...

    Porto un piccolo es: in data 23 09 1969, un aereo da trasporto C-119 (vagone volante) dell' A.Mi. si trovava in "holding" (in attesa di permesso di atterraggio) a circa 5000 piedi sull'aeroporto di Pisa. Il suo equipaggio era composto da un primo pilota (un colonnello) dal suo secondo (un capitano) e dal motorista (un maresciallo). La torre di controllo comunicò che sulla verticale del radiofaro di Calambrone (3 Km. da Livorno) si trovava immobile un oggetto volante non identificato. Si pregò il comandante-colonnello di identificarlo, erano le ore 12,15.

    L'equipaggio lo avvistò dopo che la torre di controllo ebbe comunicato i dati rilevati dal radar: "...sta esattamente alle vostre ore 12, (cioè davanti e in alto) a circa 9.000 piedi di quota. L'oggetto appariva di dimensioni notevoli, con le estremità arrotondate (una specie di salsiccione). Aveva due luci azzurre molto forti, l'aereo prese quota dirigendosi verso l'obbiettivo, questo, come se si fosse accorto dell'avvicinarsi del velivolo, cominciò a muoversi verso sud-ovest. Ebbe così inizio l'inseguimento, ma l'ufo non si fece avvicinare, pareva che regolasse la propria velocità su quella del C.119, che procedeva a circa 380 Km. orari.

    Il comandante fece in modo d'inquadrare l'oggetto entro un rettangolo formato dal riquadro del finestrino superiore del tettuccio. Ebbene, incredibilmente, mantenendo la stessa velocità, l'oggetto rimase sempre inquadrato entro il rettangolo visuale del finestrino, nonostante che il crescente aumento di altitudine determinasse una continua variazione di prospettiva: era come se l'ufo stesso cercasse di mantenersi di proposito all'interno del rettangolo. L'inseguimento proseguì fin quasi all'isola di Gorgona, ma vista l'impossibilità di raggiungere l'oggetto, il comandante del C-119 decise di rientrare alla base.

    L'aereo tornò indietro, mentre l'ufo continuò la sua "fuga" e dopo una decina di min. il C-119 fu di nuovo sull'aeroporto di Pisa apprestandosi ad atterrare. Ma ecco una nuova sorpresa, il motorista che si era affacciato alla cupoletta posta sul dorso del velivolo, con una visuale di 360°, gridò concitato: "rieccolo", l'ufo in effetti era tornato indietro, ricomparendo all'improvviso come se avesse percorso il tragitto in un istante, lo stesso per il quale l'aereo impiegò 10 minuti. Si riposizionò, immobilizzandosi nello stesso punto di prima, sul radiofaro del Calambrone, ore 12,45, li rimase sotto lo sguardo stupito di tutti fino alle ore 15,08. la sua partenza fu improvvisa, allontanandosi in direzione dell'isola d'Elba (a sud) con un'accelerazione incredibile, a una velocità valutata in 3,5 Mach, nessun essere umano avrebbe potuto sopportare un'accelerazione del genere.

    Faccio notare che il cielo era sereno e che il personale dell'aeroporto lo potè comodamente osservare con il binocolo. Il primo pilota si recò dal comandante dell'aerroporto per fare rapporto, il quale stava tranquillamente seduto alla sua scrivania intento al lavoro di routine, si girò e chiese con ostentata indifferenza:"è successo qualcosa?" Ovviamente il pilota comprese che l'episodio sarebbe stato censurato, in quel momento l'ufo era ancora sull'aeroporto, affacciandosi alla finestra il comandante lo avrebbe potuto vedere bene, ma "ufficialmente" NON c'era, "ufficialmente" quello che tutti avevano osservato e stavano osservando era solo un "pallone sonda".

    Inutile dunque obbiettare che un pallone sonda non può restare immobile in aria per ore con un vento che soffiava a 18 Km. orari, che NON può "scappare" all'avvicinarsi di un aereo inviato per identificarlo, che NON può mettersi a "giocare" con un aereo come il gatto con il topo e che non può volare a velocità supersoniche (tre volte e mezzo la velocità del suono).

    In questi casi, quando si getta discredito sui piloti che sperimentano personalmente questi avvistamenti, non si fa altro che indurre i malcapitati a giurare a se stessi che non avrebbero più dichiarato nulla su eventuali altri avvistamenti, scoraggiando così anche i colleghi dal denunciarne. Così stanno le cose, meglio un riflesso oggi di un ufo domani. Così stanno le cose caro Dott. Franz, ci sono casi per i quali cercare di farli passare per lanterne ruandesi ci si arrampica solo sugli specchi, in questi sforzi c'è la consolazione di non essere mai soli, ma in cordata.

  • #34

    FABIOSKY63 (lunedì, 26 maggio 2014 18:12)


    @Franz @Daniele
    quando ho scritto il mio #31 e #32 NON avevo letto i vostri #29 e #30... :)

    tutto "il papier" di Daniele è giusto! quando nutri ancora dei dubbi sulla presenza sono proprio quelle domande ed un'altra kilata ah!ah! di SIMILI quesiti che ti poni...poi, quando passi al gradino SOPRA, perché sei ormai CERTO della presenza FISICA e delle INTERFERENZE (non palesi quest'ultime come costatato da chi fa ricerca) nella nostra vita privata e nella società, è allora che alla GRAN PARTE di quelle domande (di Daniele) ha cui hai risposto fugando i dubbi SI SOSTITUISCONO circa una mezza tonnellata -PERCHE' IL PESO DIVENTA QUESTO SE NON IMPARI AD AFFRONTARLO- di nuovi quesiti ai quali NON saresti MAI giunto "se continuavi a farti le pippe mentali" ah!ah! sui precedenti quesiti...purtroppo è così, "s'il vous plait"... :D

    resta il fatto che l'esperienza DIRETTA (anche fotografica e filmica) è spesso DETERMINANTE per il superamento di quel gradino! POI puoi riuscire ANCHE a scherzarci sopra ah!ah! tanto -DOPO- solo "la filosofia" ti dà "respiro"! e un po' di sana propria ilarità...OLTRE quella donata ah!ah! dalle asserzioni -ormai gratuite- dei "circapini" e degli oltranzisti scettici... :D :D :D

    all'inizio un po' di mal di testa è normale doctor Franz...consiglio "un earl grey", leggero, non troppo infuso... ;)

    l'Apprendista tutto questo lo sa già... -_-

  • #35

    FABIOSKY63 (lunedì, 26 maggio 2014 18:18)


    ...correzione refuso... "a cui", terza riga del 1° periodo, del mio #34...

  • #36

    Franz (lunedì, 26 maggio 2014 20:53)

    Daniele gli alieni in caso d'infiltrazione umana a scopo di spionaggio se ne accorgerebbero subito dato che noi non siamo loro simili.
    Se gli alieni fossero nascosti non lo saprebbe nemmeno lei della loro esistenza?
    La materia oscura viene individuata per i suoi effetti gravitazionali.
    Se io fossi un alieno non me ne fregherebbe nulla degli esseri umani.
    Malles "anche quando lo fanno in maniera più o meno eclatante, si cercano a tutti i costi spiegazioni alternative"
    Forse dipende dal fatto che gli avvistamenti non si prestano ad una interpretazione univoca.
    Lei conosce per esempio qualche foto che ritrae un ufo atterrato?
    FABIOSKY63 io vedo che attorno a noi esiste troppa gente aliena alla realtà vale a dire aliena alla scienza.

  • #37

    Malles (martedì, 27 maggio 2014 12:10)

    Caro Dr. Franz, rinuncio ad una ulteriore passata di cera, n'vedi mai che poi mi scivoli.

    Ovvio che NON si deve negare a nessuno il diritto di avere una opinione, però si ha il diritto di dibattere con chi ha una opinione informata. Nessuno ha il diritto di essere ignorante, in materie poi che richiedono un'apertura mentale a 360°

  • #38

    Daniele (martedì, 27 maggio 2014 14:27)

    Si anch io abbandono la discussione con Franz (abbandono di campo, per stanchezza fisica e morale).
    Preciso che la mia affermazione sulla materia oscura e'telescopi era un ovvio paradosso (puerile ho pure scritto) alla tua affermazione "perche i telescopi non vedono gli ufo ? " (del resto non sono in grado di vedere neppure il Voyager eppure esiste e si potrebbe continuara all'infinito ma cmq....)
    Riguardo al fatto che ce ne accorgeremmo, anche qui lascio perdere, un generale della 1 guerra mondiale, manda gli osservatori in ogni dove e non vede nulla e ha la certezza di essere al sicuro, mentre un satellite odierno potrebbe fotografare perfino la forfora sulla sua giubba, e lui, non solo non lo saprebbe mai, ma giustizierebbe un sacco di poveracci innocenti accusati per forza di cose di essere delle spie e certo che e' impossibile qulasialsi altra spiegazione....ma anche qui mi fermo.
    Giusta o possibile l'affermazione che ad un alieno potrebbe non fregare nulla dei terrestri....sul pianeta Terra gli uomini mangiano forme di vita meno intelligenti, il maiale,il polpo,il cavallo,scimmie ecc,ecc sono tutti animali intelligenti (possono comunicare,contare,superare diversi test) ma lo sono meno di noi, e finiscono in pentola. Ora, il quoziente di intelligenza dell'uomo e' superiore a 100 (di base)....ne consegue che magari su un pianeta alieno gli alieni hanno un quoziente di intelligenza di chesso'... 500, per fare un esempio, e l'animale da cui ricavano le loro bistechhe, potrebbe avere un q.i di 300...Ergo le loro mucche potrebbero battere un nostro campione di scacchi a muso bendato, e dare dell'ignoarante ad un nobel di fisica....di conseguenza l'uomo nella dieta aliena avrebbe lo stesso valore di un "contorno" poco piu' di una patata a sangue caldo, o di un sedano dalla pelle rosa.
    Do' ragione a Malles, le discussioni con Franz ricordano la scenetta di non ci resta che piangere tra Troisi,Benigni,e Leonardo.
    E' un po' come se invitassi Rubbia a casa mia e quando lui dicesse che il mio pc e' fatto di piccoli atomi io continuassi a ribadire che non li vedo e chiedo prove contrete come una foto o un elettrone da inquadrare in salotto....oppure chiedessi a Bill Gates di veder materialmente il software ! prima di crederci voglio vedere un bit ! toccarlo,accarezzarlo,e farlo vedere agli amici altrimenti son tutte fuffole....e che dire dei pianeti extrasolari ? io vedo solo in puntino miscroscopico su una foto nera, per crederci voglio un sassolino,una foto di una vallata,e campioni di dna...altrimente' e' solo in puntino a capocchia di spillo...forse forfora su lasta nera....ecc,ecc.
    Insomma una cosa e' capire, un' altra e' legare la propria identita proprio al fatto di non voler capire.
    Ma ricordati Franz...se un giorno vedrai un Ufo...saremo noi questa volta a pretendere:
    1 Foto in hd con firma aliena e documento al seguito
    2 parafango stronave con numero di matricola aliena e la dicitura made in Zeta Reticuli.
    3 Campioni di dna di tutti gli organi e fluidi,comprese eventuali squame o tentacoli.
    4 Tracciato radar chiaro !!! e testimonianza scritta dell'ufficiale della torre di controllo avvalorata dal ministero della difesa.
    5 Campioni di suolo con evidenti anomalie non riscontrabili in natura.
    6 Almeno 100 testimoni che confermino la tua storia senza nessuna incongruenza tra loro.
    7 Vogliamo vederlo anche tutti noi.
    Se non riesci a portarci tutto cio, allora anche tu sarai arruolato nella fitta schiera di visionari, e ti diremio che hai visto solo un pallone sonda.

  • #39

    Franz (martedì, 27 maggio 2014 20:19)

    Malles lei con quest'ultimo post mi è già scivolato dimostrando implicitamente l'assenza di prove concrete riguardante il fenomeno ufo.
    Daniele con i telescopi però si possono osservare i satelliti e la stazione spaziale.
    Io se vedessi un ufo ne sarei felice ma non avendo prove concrete come per esempio una foto con significato evidente e univoco da mostrare questo fatto me lo terrei per me.
    Io invece non sono per niente stanco della discussione.

  • #40

    Daniele (martedì, 27 maggio 2014 21:59)

    @ Franz
    Raga, scusate ma......ora glielo dico.
    Franz non esistono gli UFO, non sono mai esisititi !!!
    In realta' ti abbiamo fatto uno scherzo.
    Hai presente il film the Truman Show ?
    Stessa cosa, tutto cio' che hai letto visto,tutti i siti come questo, fanno in realta' di un mega scherzo ai tuoi danni.
    Ci siamo inventati tutto, tutto faceva parte di uno scherzo mondiale per prenderti in giro.
    Scusaci.

  • #41

    FABIOSKY63 (mercoledì, 28 maggio 2014 11:04)


    @Franz
    "...gente aliena alla realtà vale a dire aliena alla scienza..." :)

    una definizione di Scienza, quella con la "S" maiuscola, sicuramente considera (la nostra ancora NON può) ed interpreta ogni parte (anche "l'oscura") della Realtà, quella intesa con la "R" maiuscola...dobbiamo quindi ragionare -E CERCARE DI SENTIRE- in termini abbastanza arcaici e simbolicamente rappresentativi, e quindi, forse, alcune parole scritte circa 4000 anni fa, proprio a tal proposito, potrebbero ora tornare utilmente indicative ed esplicative... o_O

    dalla "Genesi", il primo dei libri biblici, Paoline '68...riduco solo ai passi che ci interessano, in maiuscolo le essenzialità... o_O

    cap2 vers17 siamo nell'Eden e dio disse ad Adamo _"...tu puoi mangiare liberamente di OGNI albero del giardino ma dell'albero della CONOSCENZA DEL BENE E DEL MALE non mangiare! poiché il giorno in cui ne mangiassi, di certo morresti..."_

    vers25 il narratore dice "...or, Adamo e sua moglie erano ambedue NUDI, e NON avevano vergogna l'uno dell'altro..."
    cap3 vers1 il narratore dice "...il serpente era IL PIU' ASTUTO di tutti gli animali della campagna, che il Signore Iddio aveva formato...egli (il serpente) chiese alla donna": _"è vero che Iddio vi ha detto: non mangiate del frutto DI TUTTI gli alberi del giardino?"_

    vers2 la donna rispose al serpente: _"noi possiamo mangiare del frutto degli alberi del giardino; (vers3) solo del frutto dell'albero che è NEL MEZZO del giardino, Iddio ha detto: non ne mangiate, anzi non lo toccate, altrimenti morrete!"_

    vers4 allora il serpente disse alla donna: _"no, voi non morrete: anzi il Signore SA che qualora ne mangiaste, si APRIREBBERO gli occhi vostri e diventereste COME Dio, CONOSCITORI del bene e del male"_

    vers6 il narratore dice: "...la donna intanto aveva osservato che l'albero era buono a mangiarsi, piacevole all'occhio e desiderabile PER ACQUISTARE IL SAPERE. Colse quindi del frutto, ne mangiò e ne dette anche a suo marito che stava con lei ed egli ne mangiò..."

    vers7 il narratore dice: "...Si aprirono allora gli occhi di tutti e due e S'AVVIDERO che erano NUDI..."
    vers8 il narratore prosegue: "...e Adamo e sua moglie si nascosero..."
    vers9 il Signore Iddio chiamò Adamo e gli domandò: _"dove sei?"_
    vers10 egli rispose: _ "ho sentito la tua presenza nel giardino ED HO AVUTO PAURA, perché ero nudo e mi sono nascosto"_
    vers11 il Signore riprese: _"CHI TI HA FATTO CONOSCERE che eri nudo? non hai forse mangiato dell'albero che ti avevo proibito di mangiare?"_
    vers12 Adamo rispose: _"è stata la donna che mi hai dato per compagna che mi ha presentato del frutto dell'albero ed io ne ho mangiato"_
    vers13 il Signore Iddio domandò alla donna: _"che hai fatto?"_ e la donna rispose: _"il serpente MI HA INGANNATA ed io ho mangiato"_

    vers22 poi il Signore Iddio disse: _"ecco, l'uomo è divenuto COME UNO DI NOI, avendo la conoscenza del bene e del male: che NON stenda ora la sua mano e NON colga dell'albero della vita, per MANGIARNE e VIVERE IN ETERNO"_
    vers24 il narratore dice: "...e DOPO averlo cacciato, pose davanti al giardino di Eden i Cherubini e la fiamma della SPADA GUIZZANTE, per impedire l'accesso all'albero della vita..."

    BREVE sintesi...i due "infanti", perché tali sono, acquisiscono nozioni che NON dovrebbero poiché NON sono ANCORA pronti per riceverle! qui, "l'animale" (che tale NON è) più vecchio e astuto dell'Eden, che sta ANCHE per sapiente ed intelligente, è il serpente che VIVE arrotolato "al tronco" dell'albero "del bene e del male", che è ANCHE "l'albero della Scienza" (conus=albero), MA quella con la "S" grande, perché TUTTO ciò che è bene PIU' tutto ciò che è male -I DUE OPPOSTI- ci danno la TOTALITA' del "creato"! quella di un Tao, che in movimento è anche svastica indiana, mentre statica diviene croce (X) o palo (T), anche detto "totem" di là del mar... -_o

    http://www.favis.org/favis2/images/stories/svastica%20falun.png

    ...FINE PRIMA PARTE...

  • #42

    FABIOSKY63 (mercoledì, 28 maggio 2014 11:08)


    ...SECONDA PARTE...

    ed è proprio lui, "il serpente biblico", il più ANTICO e all'epoca di Genesi evoluto (e qui Darwin ci sta TUTTO eh!eh! in compagnia dei Sauri evoluti :D) degli "animali" creati, che nulla ha a che fare con l'animaletto rettile che conosciamo, poiché ISTRUISCE "i due idioti" (donna e uomo) eh!eh! animali adamici, perché tali -NUDI DI SAPIENZA- sono, "donandogli" o se si preferisce INCULCANDO loro "il seme del peccato", INSITO nella perdita della fanciullesca INNOCENZA, poiché essa è priva di OGNI conoscenza e relativa malizia, vergogna, paura, ecc.! "peccati" che sono -DOPO L'UPGRADE- eh!eh! i primi sintomi della "venuta al mondo"...una figura, quella del serpente, che ritroviamo ANCORA ai nostri giorni "arrotolato" al caduceo che fu di Mercurio, di Ermes, e di Esculapio, e che fregia il simbolo della "farmacia e medicina" moderna...

    http://nuke.farmacasa.it/Portals/0/caduceo.gif

    quindi il serpente è "l'essere scienziato", il conoscitore della realtà, colui che se pur ANCORA "animale" si avvicina di più a "dio" ma, per UN qualsiasi motivo che -PER ORA- non ci interessa, commette UN ERRORE, e\o contraddice L'AUTORITA' del suo "creatore", e\o SUPERIORE, del quale è -NELL'EDEN- per certo un sottoposto...tanto da subire -INSIEME AL TUTTA LA SUA DISCENDENZA- la STESSA "punizione", DOVENDO CONTINUARE a svolgere il suo compito di custode\guardiano (della vita dell'Adam) SUL PIANETA Terra, toccata alla stessa umanità che perdette BEN ALTRI privilegi... o_O

    poiché "l'uomo" NON doveva divenire "COME NOI"! disse "Elohim" (plurale, "Signori del cielo"), "dio" del Vecchio Testamento (dei\dio "guerrafondaio" e geloso OLTRE l'evidenza), e TANTO MENO ora (all'epoca di Genesi) potrà divenire (attraverso la conoscenza) un IMMORTALE...gen-etica-mente "come noi" (poiché NON è pronto)... o_O

    http://it.wikipedia.org/wiki/Elohim

    MORALE di sintesi...quando PUOI "vedere" OGNI Realtà (R) che ti compete, perché sei CONSAPEVOLE di te e di quello che hai attorno, puoi anche "salire" quel gradino "Scientifico" (che dice Franz :) che ti aspetta! ma NON per "donazione", e\o eredità, e\o discendenza, né per SOLO merito, ma bensì perché E' "il tuo turno"!..il tuo GIUSTO tempo "evolutivo"... -_o

    così vale per tutto (o quasi) nella vita...salute e prosperità... :)

  • #43

    Franz (mercoledì, 28 maggio 2014 20:17)

    FABIOSKY63 il sapere scientifico non è altro che realtà anche se incompleta per cui chi rifiuta la scienza si rende alieno alla realtà.

  • #44

    Malles (giovedì, 29 maggio 2014 09:15)

    Ahhh...La scienza, non quella perduta s'intende, ma quella che possiede Herr Doctor Franz, questa è sublime.
    Franz (o Frate Mauro) è incoruttibile, è uno sciamano della scienza. Solo mi chiedo: maaa, trascorrere la vita attorcigliato ad un albero di mele, non gli risulta riduttivo e monotono?

  • #45

    Alberto (giovedì, 29 maggio 2014 11:33)

    Se fossimo su facebook avrei messo "like" al commento # 40.....

  • #46

    FABIOSKY63 (giovedì, 29 maggio 2014 20:11)


    @Franziskaner
    "...chi rifiuta la scienza si rende alieno alla realtà..."

    ah bèh! non lo dica a me! eh!eh! ci torno da non so "quanto tempo" qua...mmh! ha presente Thot?.. o_O

    se ritrovo "il cavalluccio"...glielo metto da parte èh... ;)

  • #47

    Malles (venerdì, 30 maggio 2014 11:25)

    Grrraaande Fabioski36

  • #48

    Franz (venerdì, 30 maggio 2014 20:04)

    FABIOSKY63 e Malles adesso state trolleggiando.

  • #49

    alessio (giovedì, 26 novembre 2015 21:18)

    Forse sono obbligati a mandare qualcuno perchè sanno che qua sulla Terra il tempo sta scadendo. O forse sono andati da molto tempo su Marte e ora è arrivato il momento che lo sappiano tutti. Poi della vita degli astronauti non gliene frega niente (come della nostra d'altronde). Se hanno qualche scrupolo è perchè temono ripercussioni dell'opinione pubblica (ma oramai neanche più quello ,visto che ci manipolano come vogliono secondo me)