Ufo: il deputato Gaetano Nastri di Fdi deposita interrogazione parlamentare

Il parlamento torna a occuparsi di Ufo. Almeno per rispondere all'interrogazione parlamentare presentata dal deputato di Fratelli D'Italia Gaetano Nastri, che ha presentato al Ministro della Difesa Roberta Pinotti un testo -cui si pretende risposta scritta-, rispetto all'atteggiamento che l'Italia ha adottato e intende adottore rispetto al fenomeno Ufo. Lo spunto che porta Nastri a chiedere "chiarezza" è la recente pubblicazione del libro inchiesta «Ufo i dossier italiani» secondo il quale nell'anno 2013, ci sono stati 7 avvistamenti registrati, per un totale di 56 negli ultimi 4 anni. Il deputato chiede delucidazioni sull'attività di indagine tecnica da parte dell'Aeronautica militare, finalizzata all'accertamento della spiegazione più plausibile sulle segnalazioni di Ovni. Per la verità i limiti e il modo di operare dell'Aeronautica sono abbastanza chiari, ma Nastri non la pensa in questo modo. A seguire il testo depositato in parlamento sugli Ufo.

Ecco il testo integrale dell'interrogazione parlamentare presentata dal Deputato Nastri, che potete leggere su Banchedati.Camera.it

 

 

Al Ministro della difesa. — Per sapere – premesso che: 

  • a seguito dell'ondata di avvistamenti di oggetti volanti non identificati (OVNI) avvenuta nel 1978, l'allora Presidente del Consiglio Giulio Andreotti designò l'Aeronautica militare quale organismo istituzionale deputato a raccogliere, verificare e monitorizzare le segnalazioni inerenti gli OVNI; 
  • l'attività di controllo e di osservazione costante, attualmente è svolta dal reparto generale sicurezza dello Stato Maggiore dell'Aeronautica, la cui struttura, si occupa di questa materia per garantire adeguati livelli di sicurezza del volo nazionale, custodendo al contempo, le segnalazioni degli avvistamenti, in genere quelli provenienti da testimoni che hanno denunciato l'avvenimento alle forze dell'ordine; 
  • il medesimo reparto, a seguito delle indicazioni ricevute, avvia con l'ausilio del servizio meteo e dei comandi operativi, un'indagine tecnica, al fine di verificare se l'oggetto misterioso avvistato, sia un pallone sonda meteorologico, un velivolo convenzionale, un aeroplano tracciato dai radar o, comunque un fenomeno noto, oppure un evento non conosciuto e pertanto classificato oggetto volante non identificato (OVNI), ovvero un UFO, dall'acronimo inglese unidentified flying object o unknown flying object; 
  • dai faldoni «declassificati» custoditi presso il suesposto reparto generale sicurezza, pubblicati recentemente da un libro, «Ufo i dossier italiani», emerge un quadro inedito, secondo il quale nell'anno 2013, ci sono stati 7 avvistamenti registrati, per un totale di 56 negli ultimi 4 anni e con una forte espansione di 22 casi nell'anno 2010 e un calo nell'anno 2011 pari a 17 avvistamenti, mentre 10 sono quelli registrati nell'anno 2012; 
  • l'attività di verifica e di indagine tecnica da parte dell'Aeronautica militare è finalizzata all'accertamento dell'esistenza di una correlazione con eventi umani e/o fenomeni naturali in grado, se necessario, di coinvolgere anche altri organi competenti presenti sul territorio nazionale; 
  • il compito di ricerca non intende stabilire se vi siano altre forme di vita intelligente provenienti da altri pianeti, ma si limita a individuare se è stata possibile, oppure no, una giustificazione tecnica o naturale ad un determinato avvistamento nello spazio aereo; 
  • l'Aeronautica militare, fornendo ulteriori precisazioni, ribadisce che non è previsto alcun compito da parte del reparto generale sicurezza dello Stato Maggiore, nell'esprimersi sull'attendibilità degli avvistamenti, avendo tuttavia riscontrato nello spazio aereo nazionale nel passato, oggetti volanti non identificati di varie forme, da semplici oggetti luminosi a vere e proprie «flottiglie» di OVNI, ricevendo addirittura la segnalazione di un «umanoide», presente nel nostro Paese; 
  • le fonti, secondo quanto riportato dalla stessa Aeronautica militare, rilevano che gli avvistamenti in tutta Italia, provengono da «privati cittadini», forze dell'ordine, piloti e perfino preti, i quali attraverso la compilazione di uno specifico e dettagliato modulo, determinano l'avvio dell'indagine; 
  • l'interrogante segnala che, oltre ai riferimenti numerici degli avvistamenti, in precedenza riportati, vi è tuttavia un ulteriore aspetto del fenomeno i cui dati raccolti dall'Aeronautica militare, andrebbero resi noti e riconducibili alle segnalazioni pervenute da piloti civili e militari e da militari dell'Esercito nonché, dai controllori di volo ed altre fonti attendibili di coinvolgimento di piloti civili e militari, di avvistamenti e addirittura inseguimenti per intercettazione di velivolo sconosciuto introdottosi negli spazi aerei italiani; 
  • nel corso del recente passato, gli organi di stampa hanno addirittura citato episodi in cui i velivoli della Aeronautica militare, sono stati inseguiti da OVNI o avvenimenti di mancata collisione denunciati dai piloti delle compagnie aeree italiane e straniere che operano sul territorio italiano, con oggetti volanti dalla natura sconosciuta; 
  • nella maggioranza dei casi, i piloti hanno segnalato dei velivoli aventi luci di posizione completamente differenti da quelle in uso da parte di aerei da trasporto passeggeri, aerei postali o militari ed hanno descritto evoluzioni effettuate da questi OVNI che nulla hanno a che vedere con l'odierna conoscenza in campo aeronautico; 
  • a giudizio dell'interrogante, occorre rendere noto all'opinione pubblica, eventuali ulteriori informazioni oltre a quelle di recente divulgate, al fine di far conoscere in modo completo e definito, anche attraverso il coinvolgimento della società della ricerca scientifica e accademica, la natura di un fenomeno, il cui mistero dura da decenni e che alla base pone la domanda dell'esistenza di altre civiltà extraterrestri –: 
  • quali orientamenti intenda esprimere con riferimento a quanto esposto in premessa; 
  • se intenda rivelare i documenti declassificati, ed in possesso presso il reparto generale sicurezza dell'Aeronautica militare, relativi agli avvistamenti di oggetti volanti non identificati – OVNI, avvenuti nel corso degli ultimi anni nel nostro Paese; 
  • se intenda altresì rendere noti ulteriori documenti relativi a segnalazioni, pervenute da parte di piloti militari o civili, di avvistamenti di OVNI, all'interno dello spazio aereo italiano, che stando a quanto pubblicato dagli organi di stampa nel corso del recente passato, hanno addirittura citato avvenimenti di mancata collisione; 

se intenda infine confermare l'attenzione da parte del Governo, sul fenomeno degli oggetti volanti non identificati ed in caso affermativo, quale sia il sistema organizzativo operante in Italia. (4-03820)

Instancabile deputato.

Il deputato novarese Gaetano Nastri non è nuovo a presentare proposte di legge e interrogazioni parlamentari di tutti i tipi. In una recente classifica compilata dall’Huffinghton Post che tiene conto dell’attività tra il 15 marzo, inizio della legislatura, e il 7 gennaio scorso appare al 3° posto su 630 Deputati. Non è considerato il tasso di presenza alle votazioni, nel quale è piuttosto indietro, con l’82,2% (2369 su 2882). Piuttosto si valuta il numero di proposte di legge come primo firmatario. E Nastri, che ne ha depositate 36 (in realtà sono già 37, una si è aggiunta dopo il 7 gennaio), si piazza alle spalle solo del leghista Davide Caparini (77) e della forzista Maria Vittoria Brambilla (43). Non brilla il Movimento 5 Stelle: dai 106 deputati, 131 proposte. 

Tra gli atti più curiosi le «disposizioni per promozione della raccolta differenziata delle gomme da masticare nonché di una campagna di informazione sull’inquinamento ambientale e sui danni economici derivanti dalla loro dispersione nel suolo». 

Scrivi commento

Commenti: 20
  • #1

    Malles (giovedì, 06 marzo 2014 16:55)

    Molti pensano che la democrazia così come noi la conosciamo non è che uno show destinato agli elettori. Hanno torto?

    Il vero esercizio di potere si svolgerebbe al di fuori della macchina politica conosciuta, cioè al di fuori della "repubblica" intesa nella sua accezione etimologica. Si dice: "non si possono ingannare impunemente tutti i popoli". Questo a parer mio un atto di fede, riflettiamo, cosa abbiamo a disposizione, qual'è la nostra forza per lottare contro una cospirazione internazionale del silenzio attuata dai detentori del potere politico reale su questo pianeta?

    Il deputato Nastri fa bene a cercare delle risposte alle proprie domande, ma la storia ufologica, caro Gaetano, insegna che ....fin'ora....

    Nessun nuovo germoglio ha mai attecchito... Sperem, anche se per esempio nemmeno la richiesta di una sessantina di persone influenti smossero mai le acque. Racconto...Il 2 Febbraio 1967, un DC-4 della "Fawcett Peruvian Airlines" atterrò all'aeroporto di Lima, con 52 passeggeri e 7 membri dell'equipaggio ancora sotto l'effetto di una violenta emozione: per oltre 300 km. e fin nelle vicinanze dell'aeroporto, il loro aereo era stato seguito prima da uno e poi da due ufo a "trottola". Il primo verbale fu steso dal comandante Oswaldo Sanvitti, 40 anni, 22.000 ore di volo, nel quale tra l'altro si legge:" ...l'oggetto a forma di trottola rovesciata emanava un'intensa luce, volava alla stessa velocità dell'aereo, alla stessa altitudine e nella stessa direzione, ....mentre lo guardavo, gli vidi fare diversi movimenti, tutti a velocità fantastica, più volte si lanciò in verticale per poi ridiscendere subito dopo nella stessa posizione di prima..."

    Tutti sull'aereo videro i due ufo, fra i passeggeri si trovava pure Jorge santa Maria Calderon, decano della facoltà d'ingegneria all'Università di Piura, in Perù, Che rilasciò scritto: "...Sembrava che l'oggetto giocasse con il nostro DC-4. Era comico e proiettava delle luci intermittenti di vario colore, dal bianco al verde, blu, rosso e arancione..." . Le testimonianze di valore non mancarono, come quella di Elmer Nunez, a capo di un giornale Peruviano, o come il colonnello Alberto Rosell, che disse tra l'altro: "...tutti i passeggeri e l'equipaggio ebbero tempo di vedere quanto stava succedendo e tutti descrivemmo nei dettagli l'ooggetto di origine sconosciuta..."

    Il tutto fu confermato dall'addetto alla torre di controllo Edwin Boris. In breve dopo TUTTE le deposizioni, il colonnello Rosell e l'ing. Calderon sollecitarono una rigorosa inchiesta da parte delle autorità. Le firme raccolte per il sollecito NON ebbero seguito. Se inchiesta ci fu, e sembra difficile pensare di no, le sue conclusioni rimasero segrete. Evidentemente, quando si tratta di ufo, tutto il mondo è paese: le autorità TACCIONO! Quelle peruviane non fecero eccezione. Buona fortuna a lei dunque, caro deputato Nastri

  • #2

    Daniele (giovedì, 06 marzo 2014 18:09)

    Al post di Malles aggiungo che non e' la prima volta che un politico italiano si occupa della faccenda.
    Di recente,pochi sanno che anche l'on Borghezio (si avete letto bene,proprio lui) aveva sollevato ufficialmente la faccenda, sia in ambito parlamentare nazionale che europeo.

  • #3

    Sabatino (giovedì, 06 marzo 2014 22:04)

    Non si sta occupando di niente non fatevi ingannare. Prima di tutto dovrebbe documentarsi meglio perchè i dati forniti sono solo di casi che hanno fatto ridere i polli alcuni non sono neanche ufo, uno di un alieno alto 3 metri. Sicuramente l'Aeronautica non ha fatto nessun controlla ma li ha tenuti nel suo database, come avrebbe fatto a passare cose del genere. Esistono un'organismo europeo quello francese che fa controlli di merito e indagini, gli italiani non fanno niente. Daniele ha ragione questo parlamentare non è il primo anche Barbato ha fatto interrogazioni, Borghezio è al parlamento europeo. Le interrogazioni non servono a nulla restano sempre lettera morta. L'interrogazione parlamentare è la domanda che uno o più parlamentari rivolgono al governo nel suo complesso o a un singolo ministro per essere informati sulla veridicità di un fatto o di una notizia e sui provvedimenti che il Governo intende adottare o ha già adottato in merito. La domanda viene formulata per iscritto e la risposta del Ministro interpellato potrà essere in forma scritta o orale secondo quanto richiesto dal parlamentare interrogante che indica pure se intende ottenere risposta in commissione o in aula. Il governo ha la facoltà di non rispondere alla singola interrogazione indicando però il motivo. Una volta ottenuta la risposta l'interrogante può a sua volta replicare per dirsi o meno soddisfatto....capirai. Aspettiamo di vedere cosa risponde Pinotti ...che fa di cognome come l'ex presidente del CUN ! O.o

  • #4

    Damiano (giovedì, 06 marzo 2014 22:26)

    Li pagano per fare interrogazioni parlamentari su questa minc°°°°e mentre la gente non ha lavoro questi politici pensano agli ufo....

  • #5

    Fidelio (giovedì, 06 marzo 2014 23:44)

    Molto è già stato detto e non credo che basti un'interrogazione parlamentare a far si che chi detiene certi livelli di segretezza li divulghi al mondo intero ben conscio che farebbe la fine di JFK. Forse non sarete d'accordo ma credo che un'ammissione dell'esistenza aliena getterebbe nel panico buona parte dell'umanità ed è forse meglio che i più restino nell'incertezza fino a tempi più maturi che non è detto siano molto lontani... Del resto chi ha avuto modo di approfondire su questi argomenti è ben conscio della verità e del fatto che quando ci sono insabbiamenti e depistaggi ad un certo livello vuol dire che qualcosa di grosso c'è.

  • #6

    Malles (venerdì, 07 marzo 2014 00:08)

    Ovviamente nessuno si aspetta dei ribaltoni ufologici italiani, non ci sono riusciti i contribuenti americani che ormai statisticamente credono agli ufo in relazione del 50%. Ne sono consapevole, rimanendo molto scettico sulle possibilità di progresso nella rivelazione della verità da parte del potere, ammenochè non si verifichino avvenimenti esterni gravi (ma gli stessi et non sembrano desiderosi di affrettare le cose).

    Non ci riuscì Hynek che pure divenne un punto di riferimento avendo imposto al mondo scientifico la sua classificazione del fenomeno passando dall'iniziale scetticismo oltranzista alla contestazione della realtà ed importanza del problema. Non ci riuscì nemmeno la clamorosa "ondata" di avvistamenti (ed apparizioni) del 1952 (culminata con il ripetuto sorvolo di Washington e di zone della capitale INTERDETTE al traffico aereo, come la Casa Bianca ed il Campidoglio, da parte di formazioni di ufo segnalate dai RADAR) a seguito della quale, per bocca del Genarale Samford, le autorità tentarono invano di ridimensionare il clima di psicosi derivatone, venne infatti indetta al Pentagono la cosidetta "commissione Robertson", occhio della CIA per le ricerche sugli ufo.

    Troppo importante risulta l'occultamento, non bastarono le promesse pre-elettorali per la carica presidenziale americana. I presidenti, una volta eletti furono messi in silenzio, questa è storia. Il silenzio si inasprì allorchè ci si rese conto dalla quantità di testimonianze coerenti e concordanti, che certi Stati hanno recuperato relitti di ufo e corpi dei relativi occupanti, non è più sufficiente proclamare una simile presa di coscienza intorno a se. Il silenzio dei governanti pone un problema maggiore e distinto da quello degli ufo in quanto tali.

    Ovviamente parliamo di realtà oggettive, NON di quell'enorme quantità di casi che si spiegano con forme del tutto benigne di confusione. Sulla derivante confusione ebbe buon gioco la CIA che sfruttò a VOLTE questo "mito" per un duplice scopo: mascherare gli esperimenti militari segreti e mettere a punto, attraverso la menzogna (adossando le colpe di anomali insuccessi militari) dell'arma di guerra psicologica. Per mascherare le carte in tavola (dando la colpa) negli anni 1949/50/51 , la Marina Usa arrivò a costruire il Flyng Flapjack, esperimento che NON ebbe successo, in quanto non riuscì minimamente ad emulare i piatti volanti che sempre più si andavano ad avvistare

  • #7

    Enea (venerdì, 07 marzo 2014 00:35)

    Unica via italiana alla trasparenza è il FOIA sul modello americano, per iniziare. Ammiro questi deputati che rischiano il linciaggio...parlare di ufo non è più di moda come negli anni80, e ti rovinano la carriera o ti umiliano. Ma cosa ci possiamo aspettare dalla risposta di un ministro che poi si è insediato da un mese??

  • #8

    the voice of Fabiosky63's phantom (venerdì, 07 marzo 2014 11:16)


    "...Non ci riuscì Hynek..."

    gli echi delle voci dei fantasmi dei miei amici Josef e James ANCORA si rincorrono cercando pace per "ragioni e scelte" SUBITE..."una giostra", prigioniera del tempo che fu, specchio e TESTIMONE immemore del divenire di una prossima VERITA' manifesta...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Josef_Allen_Hynek

    http://it.wikipedia.org/wiki/James_McDonald

    un estratto...
    "...accusò l'astronomo Josef Allen Hynek di non avere avvisato la comunità scientifica che il Progetto Blue Book, di cui era consulente, stava trascurando alcuni dei più anomali rapporti di avvistamenti UFO. Hynek rispose che se lo avesse fatto sarebbe stato escluso dalla Commissione, IN CUI ERA L'UNICO SCIENZIATO; questo fatto causò tra i due uomini una frattura che non si sarebbe più sanata..."

    e CHI erano -CHI RAPPRESENTAVANO- gli altri ALTI membri della Commissione se il mio amico Josef era L'UNICO scienziato? un sussurro urlato che ormai si confonde nel vento del tempo..."poooliiitcaaa...fiiinaaanzaaa...iiiistiiituuuziiioooniiireeeliiigiiioooseee...miiiliiitaaariiii...seeerviiiziii"... -_-

    http://it.wikipedia.org/wiki/Progetto_Blue_Book

    sssvvvoooossshshshhhh...

  • #9

    Fidelio (venerdì, 07 marzo 2014 12:52)

    Buona giornata,
    personalmente sono fermamente convinto che la chiave di tutto è nell'incidente di Roswell per cui tutto ciò che viene segnalato a decorrere da quell'evento per me ha rilevanza assai relativa. Vi sono dei fatti accettabili o no che se vengono studiati dal saggio osservatore nella giusta prospettiva svelano molte cose. E' inutile a mio avviso rimanere stupiti da tutto ciò che i media o i singoli riportano, talvolta con l'aggiunta di elementi di pura fantasia e voglia di protagonismo o per nulla attinenti all'attività extraterrestre. Più che altro io m'interrogo sul motivo di tali presenze e sul numero di razze aliene effettivamente esistenti e capaci di farci visita, ovvero con quale scopo, (leggasi ricerche ed esperimenti ovvero con finalità benefiche o nefaste per l'umanità?). Una cosa mi lascia ben sperare ed è legata alla loro superiorità tecnologica che li avrebbe messi nelle condizioni di sottometterci senza particolari problemi e non avrebbe senso a questo punto una conquista a distanza di tanto tempo a meno che gli stessi visitatori di Roswell non abbiano a fare i conti con altre razze aventi finalità differenti, allora la cosa sarebbe più complessa.

    A rileggervi

  • #10

    Malles (venerdì, 07 marzo 2014 15:25)

    Non solo Roswell caro Fidelio, NON solo Roswell...

    Gli ufo - crash ormai non si contano più sulle dita di una...decina di mani. Se così fosse la CIA e la DIA non avrebbero in cassa un 200 ml. di dollari per finanziare ricerche sui fenomeni ufo e paranormali. Soldi che servono anche per tenere sotto controllo il CUFOS, il FUFOR e in parte anche il MUFON. Tutta la priorità delle priorità è da sempre imperniata sul discredito, il ridicolo e la confusione (in questo sono dei veri professionisti, basta vedere la confusione prodotta sul crash Roswell che citi.

    Come altra astuzia è stata quella dell'affare "Majestic 12", una pista QUASI completamente falsa su cui si sono avventurati, lasciandoci le penne, ricercatori come W. Moore e S. Friedman, resi ciechi da una cortina di spessa e confusa nebbia. La tesi del pallone sonda in avaria a Roswell è chiaramente di comodo, primo, perchè la descrizione dei rottami, e la loro quantità, NON risultano coerenti con la disintegrazione di un pallone. Secondo, perchè l'atteggiamento dell'Air Force sulla questione Roswell è sempre stato fin dall'inizio DECISAMENTE ambiguo.

    Basti pensare al fatto che il presunto pallone protagonista del "crash" è stato identificato, nel tempo, in maniera DIVERSA: nel 1947 si parlò di un pallone Rawin, dopo 50 anni di " un pallone a grappolo", sperimentato nell'ambito di un progetto militare allora segreto (Progetto Mogul). Il problema è che NEMMENO il pallone a grappolo può rendere conto della natura straordinaria,nè della quantità dei rottami recuperati. Questi rottami furono BEN descritti dai testimoni oculari come ASSOLUTAMENTE straordinari. E alùra?

    Certamente, è ragionevole pensare che nel 1947 l'Air Force sia stata costretta a nascondere dietro la spiegazione " pallone ", qualche esperimento segreto, Ma NON è altrettanto ragionevole pensare che debba farlo oggi, NON esistono infatti armi o apparecchi "segreti" del 1947 che siano rimasti tali a distanza di 67 anni. La deduzione logica è che le autorità militari e governative americane abbiano fin'ora tenuto nascosto una verità scomoda.

    Quel pò di documentazione seria che si può consultare ci dice che gli ufo crash sono innumerevoli, qui si parla di esseri,NON di dei, con quel che ne consegue, alta tecnologia o no. Un'intelligenza superiore, NON necessariamente originaria di un lontano pianeta nè appartenente al nostro piano fisico, debba per forza manipolare le leggi fisiche di un pianeta, e non rendersi a volte vittima dello stesso. L'interessante e MAI spiegato caso di VARGINHA ne è una prova

  • #11

    Fidelio (venerdì, 07 marzo 2014 16:00)

    Ciao Malles, ti ringrazio per mettere a disposizione della Comunità le tue ampie conoscenze in materia. Ti faccio replica rilanciando su una questione della quale mi piacerebbe leggere la tua opinione: Fede e Alieni. Si è fatto gran parlare anche da parte della Chiesa che ultimamente sembra accettare la vita su altri pianeti. Ordunque, ma Dio non aveva creato l'Uomo a sua immagine e somiglianza? Allora dovrei immaginare che vo è stata un'altra Passione anche su altri pianeti? Non mi pare che i Grigi di Roswell abbiano ne immagine ne tantomeno somiglianza. Da buon credente ho già immense difficoltà ad approfondire sulla Santissima Trinità e altrettante in questo caso. Mi rendo tuttavia conto delle difficoltà umane a comprendere o solo ad addentrarsi in certi "Misteri".

    Quanto agli esperimenti segreti ce ne sono stati e ce ne saranno sempre ma sono due cose distinte e separate dalla presenza di altre razze. Le "menti raffinate" non sono solo quelle citate da Falcone e Borsellino, quelle delle Stay Behind, Ustica et similia, il meccanismo è un po lo stesso che gioca con astuzia e mezzi a cambiare le carte in tavola ottenendo di volta in volta con la forza o con l'astuzia il medesimo risultato ovvero il mantenimento del segreto.

  • #12

    Malles (venerdì, 07 marzo 2014 21:45)

    Fede e alieni ...gran bella domanda, davvero. Per esporre la mia opinione in questa fondamentale tematica, mi dovrò dilungare, chiedo venia.

    Sarai a conoscenza anche tu che negli ultimi anni il Vaticano e quindi la dottrina cattolica non si è espressa contro all'esistenza di altre forme di vita nell'universo, dando di conseguenza piena libertà di ricerca, di opinione e di discussione, NON respingendo l'ipotesi di un contatto futuro.

    L'idea non è nuova, e cito anzitutto Tommaso d'Aquino (XIII sec.) il quale, pur vivendo sotto l'agemonia tolemaica, riuscì a ventilare l'ipotesi di più mondi abitati e perciò bisognosi di redenzione (III libro delle Sentenze, distinzione1,2,5). L'esistenza di altri esseri intelligenti, non è accettata da Tommaso in modo accidentale, la sua argomentazione è ricavata dalla perfezione dell'universo (il Contra gentiles, 11, 92) e la credente logica implica che l'universo contenga altri esseri intelligenti. Se l'Aquinate è nel vero, bisognerebbe dire che nel cosmo vi sono altri esseri razionali.

    Oltre Tommaso d'Aquino, altri teologi, nel corso della storia, si sono pronunciati a favore dell'esistenza di altri mondi, non solo Giordano Bruno, ma anche il cardinale Niccolò Cusano, angelo Secchi, il Monsabrè, il Gregory (teologo protestante), Giuseppe Pohle, ecc. Se certe loro argomentazioni NON possono soddisfare la scienza, nessuno può impedire al fedele cristiano di credere all'esistenza di altri mondi e alla possibilità che vi siano visite extra provenienti anche da universi paralleli, senza per questo sentirsi in colpa con il proprio credo.

    La tua domanda verte se queste "visite" sono compatibili con la dottrina cristiana, ebbene questa (ripeto) ci lascia completa libertà di pensare che ci siano altri mondi abitati e ...usino i dischi volanti. Per quanto gli esseri siano creati ad immagine e somiglianza di Dio, ovviamente si parla di spirito, essendo il Creatore pura essenza spirituale...

    Sul Cristo Salvatore, una delle ipotesi più ingegnose ha collegato la parabola della pecora smarrita con l'ipotesi dell'esistenza di altri mondi abitati. L'uomo che aveva 100 pecore (Matteo 18,20-14), Luca (15,4-10) è il Verbo di Dio, il buon pastore; la pecora smarrita era l'umanità caduta nel peccato e perduta per Dio. Per essa il Verbo di Dio ha lasciato le altre 99 pecore, ossia le ALTRE specie viventi che abitano altri mondi. Questi sono simboli che vanno interpretati.

    Comunque sia la religione che la teologia non subirebbero alcun contraccolpo, anzi, ne ricaverebbero nuove illuminazioni e arricchimenti del patrimonio rivelato. Verrebbe messo in risalto il Cristo quale Signore di tutto l'universo, unico mezzo senza il quale non vi è salvezza.
    Quanto poi alla domanda se Cristo sia un extraterrestre, bisogna distinguere. Se per extraterrestre si intende un Essere proveniente "non da questo mondo", in quanto Dio (Giovanni 8,23), "io non sono di questo mondo).

    La chiesa, perà, respinge in forma decisa l'interpretazione ufologica dei testi sacri e dei miracoli accaduti più o meno recentemente. Lo stesso S.Paolo diceva che bisogna essere sapienti con sobrietà. Non si può interpretare la parola di Dio secondo il gusto dell'ispirazione del momento.

    Si stringe, ma alla fine ci si dilunga lo stesso, mi si perdoni.

  • #13

    Fidelio (venerdì, 07 marzo 2014 23:26)

    Ti ringrazio per l'esaudiente risposta, resta comunque insoddisfatto l'interrogativo sul perché Dio si è incarnato nel nostro mondo e non in un altro, (a meno che egli non abbia fatto altrettanto da altre parti...). Ad ogni modo mi risulta che fu proprio Carol Wojtyla a dichiarare di non escludere altre forme di vita, (avrà letto i "Vatican Ufo Files"??...magari esistono anche quelli oltre a Bluebook, Majestic12 etc.), e non è certo l'unico uomo di Chiesa a pronunciarsi in tal modo. Di certo sia il SETI-Vaticano che il VATT (Vatican Advanced Technology Telescope), così come la Cattedra sugli Studi Ufologici del Vaticano sono realtà che non vanno proprio a braccetto con la loro sistematica strategia della confusione.

  • #14

    saturn_3 (sabato, 08 marzo 2014 15:59)

    L'uscita del libro coi 54 casi di avvistamenti con disegnini annessi mi fa un po' sorridere. Sono solo testimonianze di persone spesso in buona fede (anche con una certa qualifica), in altri casi si tratta di burloni o cialtroni. Questi rapporti raccolti nei faldoni dei vari Governi purtroppo non provano nulla. Gli avvistamenti di lucine, lucette, filmati, foto e racconti servono alle indagini ma purtroppo non a risolvere il caso. Secondo me se l'Aeronautica Militare ha messo a disposizione questi files, non è perché questi provino un certo tipo di attività extraterrestre. Ormai siamo invasi da lanterne cinesi, droni, sacchetti volanti, piumini di pioppi nella stagione primaverile-estiva....spero che se dovesse nascere un centro di studi ed indagini su ipotetici velivoli extraterrestri, lo si costituisca con personale qualificato e non auto-qualificatosi. Le indagini secondo me dovrebbero essere svolte su tracciati radar. I piloti che dichiarano di aver visto qualcosa di anomalo nei cieli sono parecchi. Molti dei quali dicono di essere stati seguiti a lungo da questi oggetti. Bene, perché non dotare i piloti di fotocamere o videocamera professionali o almeno "serie" in modo che, oltre ad avvistare questi oggetti e registrarli sui radar, possano portare anche un documento più concreto (insieme al tracciato radar ovviamente). Poi ci sarebbe da fare uno studio serio sui presunti addotti con personale qualificato non di parte e cioè né scettico né credente (alla Derrel Sims per intenderci), aperto ad ogni evenienza. Ma questo è un altro discorso...

  • #15

    Malles (sabato, 08 marzo 2014 16:34)

    Senza polemica caro Saturn, anche perchè tu su luci, lucine e lucette puoi senz'altro dire la tua. Perfettamente d'accordo anche su studi con personale qualificato non di parte e cioè non scettico e credente, solo che NON dovrebbe essere richiesto da te, ben indirizzato come sei. Mi chiedo come mai si faccia falsa retorica anche su queste pagine quando certi giudizi sono notoriamente preconcetti. Non è vero? Basterebbe perdere qualche minuto nel leggerti di "la". Ne val la pena? Bè, io questo non lo so

  • #16

    Hiver (sabato, 08 marzo 2014 17:12)

    Malles riesci ad argomentare un pensiero senza pensare a di la, di qua, o dove si va. Chi ti legge ha capito liberati da questo complesso dell'accerchiamento o diventerai vecchio parlando di queste cose. Aspettiamo di leggere la risposta della signora Pinotti, lei è libera da condizionamenti e vediamo cosa dice.... il deputato di Fdi è il nuovo paladino ufologico nazionale.

  • #17

    saturn_3 (sabato, 08 marzo 2014 17:29)

    Scusa Malles, ma chi starebbe facendo falsa retorica? Io ho sempre detto di essere possibilista. Al contrario degli scettici. Ho avuto due avvistamenti che sinceramente non so spiegarmi. "Di là" si valutano gli avvistamenti in base a delle analisi svolte da gente competente. Io non mi ritengo tale. Non sono all' altezza. Ma per quanto riguarda i filmati vecchi e nuovi (così come le foto) pubblicati su youtube o da forum o testate on line, non bisogna necessariamente essere esperti. Basta avere un occhio un po' più allenato ed avere un po' di buon senso. Cosa che non avevo quattro anni fa quando facevo parte dei believers seguaci di Meier. Non mi vergogno a dirlo. Anzi... sono fiero del mio percorso. Almeno mi sono tolto il prosciutto dagl' occhi. A differenza di altri sedicenti esperti che partecipano a trasmissioni in TV, sia sulla RAI che su MEDIASET. Guarda che figure stanno facendo gli ufologi/contattisti in Italia ed all'estero... Se ne salvano ben pochi...

  • #18

    l'eco di Fabiosky63 (sabato, 08 marzo 2014 19:30)


    cit. Fidelio
    "..."Vatican Ufo Files"??...magari esistono anche quelli..."

    se ci sono i Servizi del Vaticano -e ci sono- da qualche parte saranno custoditi anche gli X-flles relativi agli Ufo...ed i relativi occupanti..:)

    "...perché Dio si è incarnato nel nostro mondo..."

    senza entrare in particolari in cui ci perderemmo ed il tempo avrebbe ragione di noi...dovrebbe essere "sufficiente" dire che una società si evolve quando l'uomo -O L'UMANOIDE COME UN'ALTRO ESSERE SENZIENTE DI DIVERSA FORMA- si evolve in una forma-pensiero ove NON è più la sola cultura, conoscenza, tecnologia, razionalità COME SOLO la propria spiritualità, bontà d'animo, sesto senso, capacità ESP, a guidarlo ma bensì un mix ben -NATURALMENTE- dosato ed equilibrato tale da permettergli di potersi definire come "Uomo Consapevole"...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Herbert_Spencer

    http://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_del_caos

    NON più quindi la società al servizio dell'uomo ma l'Uomo -NUOVO- al servizio della "società"...ciò che abbiamo vissuto "positivisticamente" fino alla metà del secolo scorso è stato oramai IMPLEMENTATO, nella vita come nell'essere umano, da tutto "il pensiero" e dalla "nuova" scienza che nella seconda metà del novecento -SOLO CON UNA FARFALLA- ci ha posto, oggi -ANCORA- solo uomini, come trait d'union di NON PIU' SOLO fantastiche ed irraggiungibili REALTA' ma bensì di un terzo millennio che, vada come vada in questo momento storico, PROMETTE la risoluzione di molti dei "mali del mondo" e la salita di "quel gradino" che può -OGGI DIVERSAMENTE DA 2000 ANNI FA- avvicinarci veramente al "concetto di dio"...

    avevamo BISOGNO di Gesù! si, proprio di QUEL Gesù!..l'umanità doveva DI FATTO -LETTERALMENTE- AVVICINARSI alla realtà e CONCETTO di divinità...chi meglio di "un uomo dio" poteva interpretare PROPRIO quel ruolo di trait d'union di cui la società dell'epoca NECESSITAVA per poter, attraverso le trasformazioni subite nei secoli a venire -PROPRIO GRAZIE A QUELLA GRANDE SPINTA EVOLUTIVA- arrivare -OGGI- ad essere dove siamo?..

    sono certo che ogni società -NELL'UNIVERSO- che si evolva fino al nostro ATTUALE gradino sociale debba passare attraverso "una catarsi cristica" di questo genere, e NON importa attraverso "quale" religione né con quale nome essa sia appellata, per poter RISORGERE letteralmente a NUOVA "vita" e a NUOVI "credo", guidata da una BEN PIU' ALTA "scienza e consapevolezza" umana... -_o

    http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_complesso

    http://it.wikipedia.org/wiki/Irreversibilit%C3%A0

    http://it.wikipedia.org/wiki/Entropia

    scienza e metafisica dove "il fattore irreversibile" è lo stesso Cristo, l'Unto atteso, "il catalizzatore", colui che determina -NEL TEMPO E QUANDO SARA' "IL TEMPO"- il cambiamento, così come "altri inviati" lo furono in altre culture ed in altri tempi, di un INTERO mondo...sulla Terra COME in altre "terre" nell'Universo...

    il prossimo passo SPETTA A NOI, come individui, nei confronti di altri individui con i quali SIAMO -COMUNQUE- un tutt'uno! individui ANCHE di altri mondi, OLTRE che "del nostro"...e ricordiamoci NON SOLO "nostro"... -_-

    @"Apprendista"
    il Saturnico è "un credente" che attraverso lo scetticismo PERCORRE "la strada del dubbio"...la polemica con lui come con altri NON -CI- occorre, credimi... -_o

    @Saturnico
    giusti tutti i ragionamenti...e a proposito di questo "...se dovesse nascere un centro di studi..."

    bèh, credimi! ma puoi vederlo da solo, DOVRA' essere qualcosa di UN PO' di più di -SOLO- "studi e ufo", anche perché QUELLO l'abbiamo fatto fino a ieri e NON ci serve più!..di sicuro NON solamente come e perché è stato fatto e\o NON fatto... o_O

    arrivederci...vederci...ci-ci..:)

  • #19

    Malles (domenica, 09 marzo 2014 17:18)

    Caro Hiver, in tutta tranquillità posso assicurarti che non ho nessun complesso di accerchiamento, e chi sarebbero poi gli accerchianti, i Fox? Scherzo.
    Quello che (seriamente) NON mi garba sono le demagogiche centinaia di lucette sbufalate, ormai unte e bisunte, possibile, ti chiedo, tra le migliaia (davvero) di interessantissimi casi proposti a tutte le latitudini, non trovino di meglio di "la" che trovare i ricambi delle lampadine dei lampioni? Questo e solo questo caro Hiver è il mio cruccio. Sbaglio? Può darsi, ma le lampadine io le lascio dove stanno, c'è ben altro.

    Vabbè, vabbè, per una volta farò anch'io lo sbufalatore, Non per riflesso ai riflessi però. Menzionerò il falso relitto UFO di Wright Patterson. Nell'Ottobre 1995 Giorgio Bongiovanni si trovava a Los Angeles, fu contattato da una persona amica che aveva accesso agli archivi di grandi network TV americane e di uffici militari del Ministero della Difesa USA.Previa richiesta di anonimato, questa persona consegnò in dono a Bongiovanni la videocassetta con l'ufo di Wright Patterson, con la raccomandazione di divulgarla. Il video era in bianco e nero e la pellicola 16 mm.

    All'inizio della pellicola appare la scritta: "original Footage Ufo Crash 1947 hangar 18 USAF Base". Il filmato parte con la veduta aerea di una base militare, presumibilmente Wright Patterson, quindi l'ingresso dell'angar, il 18, nel quale si nota una grossa struttura discoidale apparentemente metallica. Per farla breve era tutto falso, prodotto tramite effetti speciali grazie alla collaborazione di un esperto, tale John Tindall (che confessò in seguito, mostrando addirittura il modellino ufo in questione).

    Avrei finito qui? Eh no! Caro Hiver, consentimi di concludere. Perchè la tecnica è SEMPRE la stessa: fonte anonima e comunque NON rintracciabile, ricerca di sensazionalismo su scala mondiale, totale assenza di smentita o conferma ufficiale, EMERSIONE di elementi capaci di suscitare LEGITTIMI dubbi di autenticità. resta una tipica tecnica di DISINFORMAZIONE: DEPISTAGGIO da una verità scomoda mediante diffusione di falsi dati suscettibili di indebolirne o distruggerne la credibilità.

    Il gioco insomma, sarebbe quello di affidare la propagazione di informazioni autentiche a persone NON attendibili, affinchè si "SAPPIA" ma NON si creda. Ti garantisco che fatti di questo genere assommano più o meno alle tanto decantate ed indagate luci. Potrei anche parlarti del falso ufo-crash avvenuto in prov. di Savona, ma so che detesti le lungaggini. Un saluto

  • #20

    Cinese (martedì, 11 marzo 2014 07:10)

    E come disse l'uomo che fumava:"Mulder, sono solo lanterne cinesi, quella di Dana è una gravidanza isterica".