Tutti gli alieni di Paul Hellyer: dalle federazione galattiche alle 80 razze extraterrestri

L'ex ministro della Difesa canadese Paul Hellyer intervistato dall'emittente Russian Tv, ha affermato ancora una volta la sua convinzione che gli alieni siano parte della nostra civiltà e che vivano praticamente in mezzo a noi. L'anziano politico ormai novant'enne, che ha presieduto il ministero della Difesa dal 1963 al 1967, sotto il governo liberale di Lester B. Pearson, non ha mai fatto mistero di credere fermamente negli extraterrestri. La razze conosciute sarebbero oltre 80 e vivrebbero mischiate con gli esseri umani, alcune talmente similare da non poter essere scoperte. 

"Abbiamo una lunga storia di UFO e la loro attività è aumentata da quando abbiamo inventato la bomba atomica", ha spiegato Hellyer alla conduttrice. A seguire il video e altri dettagli.

Ma cos'ha detto davvero Hellyer?

"Gli alieni sono molto preoccupati per questo e per il fatto che potremmo essere abbastanza stupidi da voler utilizzare nuovamente la bomba atomica. Passiamo troppo tempo a combattere tra di noi .Spendiamo troppi soldi per le spese militari e non per nutrire i poveri e curare i senzatetto e chi ne ha davvero bisogno. Gli alieni vorrebbero aiutarci e insegnarci modi migliori per vivere, ma solo con il nostro consenso."

 

I pensieri degli extraterrestri

"Pensano che non stiamo gestendo bene il nostro pianeta. Stiamo disboscando le nostre foreste ed inquinando i fiumi e i laghi. Riversiamo liquami negli oceani. Stiamo facendo una serie di cose che non andrebbero fatte se tenessimo veramente al nostro pianeta".

 

Nessun incontro ravvicinato

Hellyer ha detto di non aver mai avuto un IR3 ma di aver avvistato un Ufo nei pressi del lago Muskoka, in Ontario.


Tante razze

L'uomo individua 80 possibile razze tra cui i "Tall Whites" che lavorarebbero con gli Stati Uniti, in Nevada. Ci sarebbero poi gli "Short Greys", i Grigi, con braccia e gambe molto sottili, grandi teste e sarebbero alti circa un metro e mezzo. Infine, i mitici  "Nordici", pressoché impossibili da distinguere dai cittadini scandinavi.

Il precedente del 2005

L'ex politico, che aveva già ammesso dell'esistenza degli extraterrestri nel 2005, ha parlato anche di una "federazione di alieni" che si sarebbe imposta di non interferire con le attività umane. "Il futuro della nostra specie e di tutte le altre presenti sulla Terra è a rischio se non cerchiamo di capire cosa sta succedendo e non lavoriamo con i vicini degli altri pianeti", ha esplicato, ricordando come, a suo dire, gli extraterrestri ci abbiano permesso di inventare alcune nostre tecnologie, come i chip, la luce LED e il giubbotto in kevlar.

A cosa credere?

Il ruolo di Paul Hellyer non è mai stato secondario. A differenza di Nick Pope, indicato erroneamente dagli appasionati ufo come ninistro inglese, Hellyer di potere ne ha avuto molto. Come ministro della difesa, tra il 1963 ed il 1967 partecipò alle segretissime riunioni dell'Alleanza Atlantica, ed inoltre, per il ruolo istituzionale svolto, era a conoscenza dei segreti del NORAD, il comando aereo americano-canadese. Tuttavia le rivelazioni non sono quasi mai inserite nel contesto del suo ruolo, ma piuttosto riemergono come un concentrato di sociologia estraterrestre, basata su riflessioni che non hanno niente da invidiare ai comunicati web della Federazione Galattica della Luce. 

La descrizione degli alieni che camminano per strada vestiti come le suore demolisce l'immagine di Hellyer come affidabile testimone del suo tempo, almeno in questa ultima fase. Probabilmente il suo ruolo poteva essere più importante se avesse messo a frutto la sua competenza per rendere note carte del ministero che controllava, sui casi ufo rimasti negli archivi. Quali cose tenere e quale rivedere delle sue interviste rimane nella capacità di analisi di ognuno.

Scrivi commento

Commenti: 6
  • #1

    Lorenzo (sabato, 18 gennaio 2014 18:19)

    Gli alieni come noi, indistinguibili, che vivono in mezzo a noi e che hanno a cuore il destino del nostro pianeta: Gli ambientalisti voi li distinguereste da voi stessi ?
    A modo suo, questo signore dice la verità ed è innegabile che ci siano persone più sensibili di altre sul tema vituperazione della natura; Chiamarli alieni è facile, poichè quasi ogni giorno ascoltiamo notizie allarmanti riguardo all'inquinamento, lo sfruttamento scellerato delle risorse ambientali, la desertificazione ed il cambiamento climatico,come se cio fosse ormai la normalità; Chiunque abbia a ridire, si identifichi come anticonformista e punti il dito contro il criminale che pensa solo al proprio tornaconto, infischiandosene di tutto e di tutti, è un alieno...Il suo pensiero, non appartiene a questo mondo.
    Gli alieni sono tali non nell'aspetto, ma nel pensiero.
    Su questo pianeta ci siamo solo noi uomini, ma tra di noi ci sono differenze e queste differenze costituiscono speranze di cambiamento, un cambiamento necessario che solo noi stessi possiamo mettere in pratica ed è sempre con altri noi stessi che ci dobbiamo confrontare, per capire dove abbiamo sbagliato e come possiamo rimediare per non sbagliare più.
    Pensate davvero che ci voglia l'alieno che viene da Venere o da Orione o da chissà quale altro posto sperduto nel cosmo per insegnarci come fare ad evolvere ?
    Evolvere significa migliorare, non il contrario.
    L'intelligenza per riflettere ce l'abbiamo, forse è la volontà che manca e quella non ce la inculca ET, questo è sicuro.
    Il cambiamento è necessario, ma è nel modo di pensare prima di agire la chiave per aprire nuove porte.

  • #2

    Maurone (sabato, 18 gennaio 2014 20:13)

    Caspita che storie! Mah... questo qua ha 90 anni suonati? Aaaaaah.... capito tutto! Auguri per i 120 anni! Però senza interviste, per favore!

  • #3

    Giotto (domenica, 19 gennaio 2014 07:02)

    E questo signore è stato ministro della Difesa. Poveri canadesi meno male che in quel periodo non sono stati avvistati droni, questo avrebbe dichiarato guerra a Zeta Reticuli.

  • #4

    Ciccio (domenica, 19 gennaio 2014 07:29)

    E bravo Maurone tu si che tieni un cervello possibilista.

  • #5

    Yale (domenica, 19 gennaio 2014 08:32)

    Un bell'articolo e delle considerazioni condivisibili ma non butto il bambino e l'acqua sporca...nell'ultima parte della sua vita sicuramente segni di demenza senile ci sono tutti, ma qualcosa bisogna recuperarlo. Come mai quest'uomo dentro le istituzioni crede agli ufo e negli alieni , probabilmente avrà avuto accesso a documenti che noi non vedremmo mai.

  • #6

    xfort7 (domenica, 19 gennaio 2014 19:48)

    Essere stato il ministro della difesa canadese, per i super scettici/insabbiatori di questo bel sito, è roba da niente, come dire faceva il fruttivendolo, cosa può capire questo vecchietto? cosa ci sta a rccontare?