Mars One: scelti i primi coloni da mandare su Marte nel 2025

Mars One, l'organizzazione no profit olandese, continua la sua avventura verso la conquista di Marte, non curandosi delle polemiche e dell'ironia di molti commentatori. La società ha annunciato di aver selezionato 1.058 aspiranti volontari per la prima missione di colonizzazione su Marte, in programma nel 2023. La scrematura è avvenuta su oltre 200mila domande: l'unico criterio chiesto ai candidati per questa prima fase di selezione era quello della maggiore età. Tra i candidati scelti nella preselezione ci sono 297 sono statunitensi, 75 canadesi, 62 indiani e 52 russi; il 77% dei selezionati ha un lavoro mentre il 15% sono studenti. Per finanziare le future missioni - la prima delle quali, nel 2018, prevede il lancio di un satellite e di un rover - Mars One ha intenzione di realizzare un reality sulla selezione e l'addestramento dei futuri coloni. Ecco tutte le novità.

Poco prima di divulgare la nazionalistà dei preselezionati la Fondazione Mars One aveva annunciato una partnership con Lockheed Martin e con il produttore di satelliti SSTL, per la missione esplorativa preliminare nel 2018. Lockheed Martin incasserà 250mila dollari per realizzare un rover. che avrà il compito di testare le tecnologie necessarie per rendere possibile l'insediamento umano.

Bas Lansdorp, amministratore delegato della futuristica azienda, ha confermato l'obiettivo di colonizzare Marte nel 2025. Quindi di fatto si slitta di due anni, rispetto ai sogni di sbarcare sul pianeta Rosso nel 2023.

Dubbi da più parti

Naturalmente le polemiche non sono mancate, le maggiori agenzie spaziali del mondo non nascondo il loro setticismo, ma evitano di entrare a gamba tesa sull'operazione. «Atterrare su Marte è molto complesso - spiega a New Scientist Bruce Banerdt, responsabile della missione InSight, - ma se la Lockheed Martin, che ha le tutte le competenze necessarie, crede nel progetto, sarà difficile non riuscirci». Diverso il giudizio sulla conquista del pianeta con una missione umana. 

L'Esa tramiste un suo delegato che vuole restare anonimo, fa sapere che si tratta di pubblicitù ingannevole e totalmente irrealistica
Per la NASA le tempistiche dettate da Lansdorp sembrano comunque eccessivamente ottimistiche: la missione InSight, prevista per il 2016, è in fase di studio dal 2010. E comunque Mars One avrà bisogno di competenze come la trasmissione dei segnali dallo spazio profondo o la mappatura ad alta risoluzione delle zone d’atterraggio che al momento si trovano solo nelle agenzie spaziali governative.

Intanto i più critici fanno notare che di concreto ci sono solo annunci ma l'unica cosa che funziona sarebbe il merchandising.

 

Mars One non si arrende e precisa che i motivi che hanno fatto fallire l'idea pionieristica su martte possono essere superati. Secondo l'Ong i progetti precedenti sono falliti per criticità semplici che loro vogliono superare. I punti cardine sono:

  • Emigrazione - Gli astronauti lasciano la Terra per un tempo indefinito e si stabiscono su Marte.
  • Pannelli solari - Una fonte semplice e robusta di energia, inesauribile. Non c'è bisogno di sviluppare e lanciare un reattore nucleare.
  • Rover semplici - I Rover esplorativi non sono complicati, ma sono estremamente resistenti ed efficaci.
  • Tecnologia attuale - Non ci sono nuovi sviluppi, tutto il piano ruota intorno a risorse esistenti, e tecnologia validata.
  • Niente politica - I Fornitori sono scelti in un equilibrio di prezzo e qualità, non attraverso le preferenze politiche o nazionali.

Scrivi commento

Commenti: 16
  • #1

    Boi (giovedì, 02 gennaio 2014 14:44)

    Nel 2025? ahahahaha prima degli Stati Uniti dell'Europa e della Cina senza nessuna esperienza pregressa e dietro finanziamenti dalla vendita dei cappellini. Che ridere Mars One come il grande fratello solo che non c'è la Marcuzzi.

  • #2

    Huru3 (giovedì, 02 gennaio 2014 15:36)

    un concorso dove bisognava essere maggiorenni va bene ma la quota di iscrizione di 70€ ? avevo provato a iscrivere ad agosto ma leggendo la cifra..100.000 iscritti si arriva a 35 milioni di euro

  • #3

    I Belive (giovedì, 02 gennaio 2014 16:49)

    Che noia sempre a criticare ogni iniziativa sempre a distruggere gente senza vita che si mette a fare le pulci a una bellissima iniziativa DI GRANDE VALORE ETICO E MORALE.

  • #4

    MM (giovedì, 02 gennaio 2014 16:52)

    Secondo me è tutta una grande buffonata!
    Per svariati motivi:
    - I costi esorbitanti
    - Il calcolo della traiettoria giusta per arrivare su Marte
    - NOVE mesi di viaggio chiusi in una navicella senza mai uscire
    - L'esaurimento nervoso di tutti i membri dell'equipaggio
    - L'entrata nell'atmosfera di Marte
    - L'atterraggio su Marte
    - Il riparo (dal freddo e per la notte)
    - I viveri
    - Le radiazioni nocive del Sole che Marte non filtra come sulla Terra
    - Il forte stress
    - Le improvvise tempeste di vento che danneggiano gli apparecchi
    - Possibile caduta di meteoriti di piccola ma distruttiva dimensione
    - La fragilità degli apparecchi
    - Il rientro (nei giusti tempi) da Marte calcolando la giusta traiettoria
    - Altri NOVE mesi di viaggio

    A me sembra abbastanza, tutto questo non può essere gestito da un reality o da buffoni simili! Saluti e buon 2014

  • #5

    *Ira Tenax* (giovedì, 02 gennaio 2014 17:30)

    Ne ha fatto un servizio anche Giacobbo il 30 dicembre con ospite in studio un ragazzo italiano che ha superato le preliminari per poter far parte del progetto.
    http://www.ilsussidiario.net/News/Cinema-Televisione-e-Media/2013/12/30/VOYAGER-Anticipazioni-i-sotterranei-del-Monte-Settepani-e-il-vulcano-Marsili-Puntata-30-dicembre-2013/455591/

  • #6

    Ticino (giovedì, 02 gennaio 2014 17:36)

    I fondi privati erano arrivati anche da Dennis Tito che voleva realizzare privatamente una missione umana su Marte entro il 2018.

  • #7

    Franz (giovedì, 02 gennaio 2014 18:04)

    MM bisogna aggiungere all'elenco la reclusione a vita dato che l'atmosfera non è respirabile e bisogna eliminare la voce rientro dalla lista dato che il biglietto è di sola andata.

  • #8

    Pirullo (giovedì, 02 gennaio 2014 20:55)

    A mio avviso questi fantadementi non sanno nemmeno di cosa parlano. Tanto per dirne una... "Pannelli solari - Una fonte semplice e robusta di energia, inesauribile. Non c'è bisogno di sviluppare e lanciare un reattore nucleare"... Su Marte, in base alle stagioni e alle condizioni meteo i pannelli solari sono un fonte molto improbabile, lo ha dimostrato bene uno dei rover che per lungo tempo e più volte è rimasto bloccato in attesa di condizioni meteo-climatiche migliori. I robot si possono mettere in standby, gli esseri umani no. Sarà bene fermare questi pazzi, oppure, meglio ancora, mandiamo al loro posto i nostri politici, i banchieri, gli speculatori finanziari, i massoni, etc... etc..., con un bel biglietto di sola andata!

  • #9

    Ibelive (venerdì, 03 gennaio 2014 00:51)

    Franz perché dici che il biglietto è di sola andata, se basta aspettare un nuovo allineamento favorevole per ripartire. Già oggi abbiamo il bagaglio tecnico per andare su marte manca solo la volontà.

  • #10

    FUFFASKY63 (venerdì, 03 gennaio 2014 03:47)


    cit. Ibelive
    "... perché dici che il biglietto è di sola andata..."

    se NON partono dalla Luna lo stoccaggio di propellente è insufficiente per il lancio di ritorno, l'atmosfera marziana sarebbe "quasi" respirabile e basterebbe aggiungerci un pò d'ossigeno! il problema REALE invece è negli UV e negli IR...come li filtriamo? o si va sottoterra (come i marzianini eh!eh!) o si circola solo di notte...o_O

    mi sa che la L.M. "gli ha detto di si eh!eh! e pagato da bere"! mmmh, lassù si va SOLO con tecnologie NON convenzionali...e loro lo sanno bene..;)

  • #11

    diogene (venerdì, 03 gennaio 2014 07:17)

    Ľatmosfera di marte è letale pochissimo ozono che non filtra i raggi ultravioletti.
    Il problema di una missione non lo direste mai ma è psicologico e relazionale non tecnico. Il problema è la noia e la vita di relazione.
    Marte è conquistabile in una trentina di anni, mars one sposterà la data di anno in anno e mollerà al momento giusto.
    Il pianeta è totalmente inospitale ma rimane l'unico avamposto tecnologico che potremmo prendere non si sono pianeti rocciosi conquistabili a distanze ragionevoli.

  • #12

    Franz (venerdì, 03 gennaio 2014 09:12)

    Il programma è spiegato sopra "Emigrazione - Gli astronauti lasciano la Terra per un tempo indefinito e si stabiliscono su Marte." significa con il solo biglietto d'andata.
    L'atmosfera di Marte è estremamente rarefatta ed è composta al 95% di anidride carbonica che è un gas asfissiante per l'organismo umano.
    Marte non può trattenere un'atmosfera densa a causa della scarsa gravità.
    "basterebbe aggiungerci un pò d'ossigeno!" buona la battuta umoristica.

  • #13

    MM (venerdì, 03 gennaio 2014 09:39)

    Franz, ovviamente!
    Ho cercato di sintetizzare tutti i concetti in base ad una missione di andata-ritorno. Però credo che in realtà nessuno se la sentirà di partire un attimo prima della partenza sapendo che andrà a morire nello spazio!

  • #14

    Franz (venerdì, 03 gennaio 2014)

    Ci sono già 1.058 volontari a morire non si sa ma la cosa certa è la prigionia.

  • #15

    Scettico (venerdì, 03 gennaio 2014 13:14)

    "basterebbe aggiungerci un pò d'ossigeno!" buona la battuta umoristica.


    Prova a portarcelo o a produrlo in loco, armati di buona volontà e tra un miliardo di anni ci sarà un terraforming marziano

  • #16

    FUFFASKY63 (martedì, 07 gennaio 2014 06:32)


    visioni troppo cupe...avete provato a guardare qualche cartone animato in più..:)

    se qualche piantina ha cambiato la Terra, NON potrebbe cambiare anche Marte?..l'acqua è sotto la superficie, l'anidride carbonica c'è dice Franz, la buona volontà i 1.058 garibaldini (scettici o no) ce l'hanno, e qualche serra a pannelli in scatola di montaggio ce la possiamo spedire da qui! no?..e "i trattorini per arare" uh!oh!-uh!oh! (questa me la plaudo tutta da solo :D) li mandiamo su dopo, no?.:D

    eeeh ci metterei dentro anche delle istruzioni per l'uso ah!ah! olografiche, 3D, con voce ed immagini di Piero Angela! così, stile documentario ma un pò scettiche èh!?!...che spiega come montare le serre "fai da te" modello ikea2022\23..."e vivi il tuo sogno su Marte"!ah!ah! fantastico...

    quando arrivi, per primo piazzi l'ombrellone, poi "scarti le scatole", quindi premi il bottone verde, e si aprono le istruzioni ah!ah! di montaggio (con tutti i link codificati di Calimero :D)...ma sai che figata!?!..:D

    mmh! per fare le cose BISOGNA CREDERCI! oltre "a poterle" fare, naturalmente...JFK ce lo insegnò, 50 anni fa! NON dimentichiamolo...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Atto_di_forza

    "basterebbe" SOLO "riaccendere" oh!oh! il nucleo del pianeta...o no?.:)