Il super vulcano Yellowstone minaccia il mondo

 Il vulcano presente sotto il parco nazionale dello Yellowstone è molto più grande di quanto finora si pensasse e una sua eruzione avrebbe un impatto devastante sul clima mondiale. Ad affermarlo sono gli scienziati dell'Università dello Utah (Usa).

Attraverso l'analisi dell'attività sismica, gli scienziati hanno determinato che il vulcano sotterraneo si estende per oltre 90 chilometri e raggiunge una profondità di circa 14 chilometri. Risultati che secondo i ricercatori portano ad affermare come la camera magmatica sia di 2,5 volte più grande rispetto alle stime precedenti. "Abbiamo lavorato sul luogo per un lungo periodo di tempo e fin da subito pensavamo che il vulcano fosse più grande di quanto stimato, ma questo risultato è stupefacente", ha spiegato Bob Smith dell'università dello Utah.

L'ultima eruzione del super vulcano dello Yellowstone risale a circa 640 mila anni fa e ha creato una nube di cenere in grado di coprire tutto il Nord America. I ricercatori avvertono che se il vulcano dovesse scoppiare oggi, con le attuali misure, "conseguenze devastanti colpirebbero il mondo intero" ed "influenzerebbe le sorti del clima": si ritiene infatti che le eruzioni precedenti del vulcano fossero 2.000 volte più potenti rispetto a quella avvenuta nel 1980 sul Monte St. Helens, nello stato di Washington.

Come nasce il mito del Super Vulcano

L'aggettivo supervulcano di Yellowstone, si deve alla BBC che le attribui questo nome in un documentario.

Per 17 milioni di anni la caldera ha continuato ad eruttare. Tra queste una dozzina  furono talmente violente da essere considerate supereruzioni.  Proprio questo tipo di fenomeni preoccupa gli scienziati e ne hanno fatto uno spauracchio per la sicurezza climatica del mondo.

In realtà il supervulcano non è formato da una sola caldera, ma da più caldere vicine tra di loro. La più antica di queste è quella a cavallo tra McDermitt, Nevada e Oregon. Progressivamente si vanno estendendo alcune caldere di più recente formazione, e comprendono parte del Nevada, dell'Oregon e l'area orientale dello Snake River Plain, per terminare nello Yellowstone Plateau.

Di queste, la caldera Bruneau-Jarbidge, nel sud dell'Idaho, si è formata tra i 10 e i 12 milioni di anni fa. L'eruzione che ne determinò la nascita uccise un altissimo numero di rinoceronti e altri animali che oggigiorno si trovano nell'area protetta di Ashfall Fossil Beds, a nord-est del Nebraska.

Da allora si conta che almeno altre 142 eruzioni (con la conseguente formazione di altre caldere) siano avvenute nella zona di Yellowstone.

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Franz (giovedì, 19 dicembre 2013 08:32)

    E purtroppo non è il solo supervulcano che stà minacciando il mondo.

  • #2

    Mad max (giovedì, 19 dicembre 2013 23:39)

    Supervulcani vicino alla Merkel niente?