La Cina è sulla Luna: “Coniglio di Giada” atterra sul nostro Satellite

La Cina si prende la Luna e lo fa in modo perentorio. Sabato 14 dicembre la televisione di stato cinese CCTV ha mostrato le immagini della missione spaziale Chang’e-3. La BBC riporta i dettagli del successo l’allunaggio  della  sonda sulla superficie del satellite della Terra. La Cina diventa quindi il terzo paese del Mondo a mandare un robot sul nostro satellite. L’ultima sonda ad allunare fu la sovietica “Luna 24″, 37 anni fa. Il rover del gigante orientale si chama Yutu in cinese  “Coniglio di Giada”, una figura mitologica legata alla Luna.

Ma questo non è che il primo passo verso una conquista più ampia del cosmo. Pechino sta facendo enormi passi in avanti anche nella realizzazione della stazione spaziale cinese che sarà in orbita dal 2022 al 2032, al termine della missione della Stazione Spaziale Internazionale.

Foto, video e altri dettagli a seguire.

Il missile che trasportava la sonda era partito domenica 1 dicembre dalla stazione di lancio della città di Xichang, nella provincia di Sichuan, nel sud della Cina. La televisione cinese ha mostrato alcune immagini dell’allunaggio, ritenuta dai tecnici responsabili del programma la parte più complicata di tutta la missione: il modulo ha ridotto la velocità della sonda utilizzando dei propulsori inversi quando si trovava a circa 15 chilometri di distanza dalla superficie lunare, per poi spegnere del tutto i propulsori a circa 4 metri dall’impatto. “Coniglio di Giada” scenderà dalla rampa della sonda nelle prossime ore.

 

 “Coniglio di Giada” pesa circa 120 chilogrammi, è in grado di superare dislivelli fino a 30 gradi di inclinazione e di coprire una distanza di 200 metri in un’ora.

Il curioso termine“Coniglio di Giada” è stato scelto tramite un sondaggio su internet che ha raccolto 3,4 milioni di voti e si riferisce a una tradizione mitologica cinese. Il Coniglio di Giada per i cinesi rappresenta un coniglio che vivrebbe sulla Luna, la cui sagoma è riconoscibile a occhio nudo e sarebbe l’animale domestico della divinità Chang’e.

Secondo Dean Cheng della Heritage Foundation, un istituto di ricerca statunitense con sede a Washington, questo programma spaziale è una prova significativa della forza economica e delle possibilità della Cina: «l’esplorazione spaziale riflette il potere economico di una nazione – ha detto aBBC – e ha anche implicazioni sul piano militare, perché questa tecnologia spaziale ha un duplice scopo, da un lato riflette le tue capacità scientifiche e tecnologiche, e dall’altro ti fa apparire forte nelle relazioni internazionali». L’Agenzia Spaziale Europea (ESA) ha detto che supporterà la missione cinese, ricostruendo la traiettoria di allunaggio per localizzare con precisione la sonda.

 

Scrivi commento

Commenti: 4
  • #1

    FABIOSKY63 (lunedì, 16 dicembre 2013 09:39)


    dunque, NON so se mi è permesso scrivere qui, dato che di là ah!ah! sono stato bannato...e con "100 e lode"..:D

    ..."il dio coniglio"...
    è quello che scava i buchi sulla Terra e sulla Luna, dove vive, nel sottosuolo...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Coniglio_lunare

    da circa 4000 anni! e cioè più o meno da quando ha acquisito "l'immortalità", donatagli dalla dea, in precedenza ragazza mortale, Ch’ang Ô...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Ch'ang_%C3%94

    leggenda cinese, giapponese, indiana (Veda) questa accennata sopra che corrisponde ad almeno un'altra ventina di miti, leggende, tradizioni, racconti, fiabe, sparse in tutti i continenti, comprese quelle che coinvolgono i popoli amerindi del centro e del Sud...e ne trovate qui un BUON excursus, di una buona parte delle suddette storie, con alcuni riferimenti utili...

    http://insidetheobsidianmirror.blogspot.it/2012/08/la-fiaba-del-coniglio-sulla-luna.html

    particolari di cui ho accennato più volte tra gli articoli queste pagine e nel forum, oltre ad averlo fatto antecedentemente e più volte anche in quest'altro blog...

    http://www.extremamente.it/2011/12/27/cerchiamo-sulla-luna-e-troveremo-tracce-di-una-civilta-aliena/

    "il dio coniglio"...ho trovato interessante che la Cina abbia dedicato un nome così "adatto e ispirato" proprio al suo rover che passeggerà e scaverà "buchi sulla Luna", proprio come quelli eh!eh! solo un pò più piccoli èh! che lo stesso Tecuciztecatl cominciò a scavare per costruire la sua tana "di guardiano notturno"...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Tecciztecatl

    "il dio", ex umanoide mortale, è uno di quei "soggetti" che eh!eh! nonostante fosse stato lasciato (dagli dei creatori) come "guardiano dell'evoluzione dell'umanità", è "sparito" dalla nostra storia ufficiale...per ricomparire "precipitando" (ma che caso) nella moderna mitologia ufo-logica...

    http://digilander.libero.it/aliendream/grigio-11.jpg

    certo, NON è proprio uguale, ma ad un esempio terrestre bisognava comunque associarlo...

    http://d2ipumls0u12t5.cloudfront.net/wp-content/uploads/2011/06/coniglio-rabbit.jpg

    affinché NON sparisse anche dalla mitologia e\o dalla leggenda...oltre che dalla storia ufficiale...


    mi sa che ne vedremo delle belle, con i cinesi che fanno visita ai "fratelli" coniglietti, lassù! ORDUNQUE, dato che NON so se ci risentiremo...approfitto per fare gli auguri di buon Natale e buone feste a tutti!..staff compreso..:)

  • #2

    Franz (martedì, 17 dicembre 2013 08:32)

    Il coniglio lunare cinese è una fiaba inspirata da un illusione ottica.
    http://it.wikipedia.org/wiki/Illusioni_ottiche
    http://it.wikipedia.org/wiki/Pareidolia

  • #3

    Amir B. (mercoledì, 18 dicembre 2013 19:17)

    Ma la luna non era mica grigia??Perchè una foto la fa vedere con il classico colore "terriccio"??
    Allora cosa devo pensare delle foto delle missioni della Nasa??
    A questo punto i complottisti tornano ad avere ragione??
    E perchè ad occhio nudo la vedo grigia??

  • #4

    Franz (giovedì, 19 dicembre 2013 13:08)

    Le foto colorate della luna dipendono dalla correzione della tonalità e dalla saturazione del colore dell'apparecchio fotografico.
    In realtà la luna ha diversi colori che dipendono dalla composizione chimica del suolo.