JF Kennedy, a 50 anni dell'attentato tornano di moda complotti, cover up e segreti alieni.

22 Novembre del 1963: l’allora presidente degli Stati Uniti JF Kennedy avrebbe dovuto tenere un discorso al Trade Mart di Dallas. Quel giorno Kennedy fu ucciso mentre sfilava fra la folla con la sua auto e con a fianco la moglie Jacqueline. Fra due giorni saranno passati cinquant'anni. Per l'anniversario della morte vecchi interrogativi tornano a galla: fu solo l’atto di un folle o esistono altre terribili verità dietro quell’inatteso omicidio?

L’anno prima, e precisamente l’1 Agosto del 1962, veniva trovata uccisa nella sua villa a Los Angeles, l’attrice Marylin Monroe che proprio con JF Kennedy cominciò una “scomoda” relazione sentimentale. La frequentazione cominciò nel 1954 e si svolgeva con incontri clandestini al Carlyle Hotel di New York. Le difficoltà di tale relazione erano,ovviamente, legate alla politica e all’immagine del presidente. Nel corso della sua relazione con l’attrice, Kennedy le rivelò inopportunamente moltissime informazioni top secret riguardanti il panorama politico mondiale e, soprattutto, la questione UFO. Ripercorriamo alcuni dei segreti del più famoso presidente degli Stati Uniti e il suo rapporto con gli Ufo.

Le rivelazioni di Dorothy Kilgallen e la morte di Marilyn Monroe

Nel 1994 un investigatore privato di Los Angeles, Milo Spiriglio ottenne una copia di ciò che appare un documento della CIA che sarebbe stato redatto il 3 Agosto del 1962, ovvero a due giorni dalla morte dell’attrice. In tale documento si parlava di una intercettazione telefonica tra la giornalista Dorothy Kilgallen e un suo amico intimo di Hollywood . In tale conversazione si parlò della imminente rottura fra la Monroe e i Kennedy e del fatto che l’attrice stava minacciando di raccontare tutti i segreti che il presidente le aveva confidato: in primis la questione UFO ed i viaggi del Presidente in una base segreta americana per visionare “oggetti venuti dallo spazio”.

La Kilgallen non fu troppo sorpresa di fronte a tali rivelazioni e rispose di conoscere il motivo di una visita di questo tipo da parte del presidente, e cioè in una base segreta che nascondeva i resti dello schianto di un veivolo extraterrestre nel New Mexico nel 47’. Già nel 1955 la Kilgallen aveva pubblicato un articolo che fece scalpore “Flying Saucer” (Dischi Volanti) in cui divulgava un operazione dei servizi segreti Britannici che riguardava il recupero di un disco volante e del suo equipaggio. La fonte, disse, era un ufficiale britannico che aveva preferito rimanere in incognito. Inoltre asseriva che il governo britannico occultava un rapporto ufficiale sulla verifica degli avvistamenti di UFO “fino ai giorni nostri”, forse per evitare uno stato di panico nella popolazione.

L’1 Agosto del 1962 Marylin Monroe fu trovata in stato di semicoma nella sua villa a Los Angeles, per aver assunto una massiccia dose di barbiturici (senza ingerire un goccio d’acqua) .Ufficialmente l’attrice morì alla mezzanotte, ma l’arrivo dell’ambulanza ci fu solo 3 ore e mezza dopo, cioè alle 3.30 del 2 Agosto. I paramedici le somministrarono l’ossigeno e sembrava che si stesse riprendendo da quel terribile semicoma in cui era caduta, ma quando si apprestarono a trasportarla in barella all’ospedale si presentò il prof. Greeson, psichiatra della donna, che fra lo stupore dei paramedici somministrò all’attrice una iniezione intracardiaca con tale violenza da spezzarle perfino una costola.

Nel certificato di morte firmato dal dott.Thomas Noguchi si attesterà che la morte fu causata dall’effetto letale dei barbiturici. Nelle camere della Monroe fu trovato un diario ,dove l’attrice appuntava tutto, e che conteneva ,con molta probabilità, numerosi segreti : anche quelli relativi alle rivelazioni del presidente sugli UFO. Il diario fu preso in custodia dal dott.Noguchi e riposto in una cassaforte, ma il giorno dopo era misteriosamente sparito.

 

Kennedy e gli Ufo

Che Kennedy fosse al corrente della questione UFO è comprovato da numerosi documenti non più TOP SECRET e da alcune interessanti testimonianze.

Una di queste è quella di Bill Holden e risale alla primavera del 1963. Allora, Holden, era capo-carico dell’Air Force One e viaggiava con Kennedy; discorrendo con lui in merito ad una conferenza sugli Ufo tenutasi a Bonn (Germania) gli chiese: "Presidente, cosa ne pensa ,lei, degli UFO?" , il Presidente facendosi scuro in volto rispose: "Io vorrei parlare al pubblico della questione UFO, ma ho le mani legate."

E’ ovvio che tale affermazione implicava un’approfondita conoscenza dell’argomento.

In un rapporto firmato Allen W.Dulles (allora direttore della CIA) e datato 5 Novembre 1961 si parla esplicitamente delle intercettazioni di Ufo da parte dell’aviazione statunitense, del famoso Project Blue Book e di come il Majestic-12 intraprendesse alcune attività di sviluppo tecnologico per lo sfruttamento dell’Energia atomica sin dal 1954.

Proprio in quel periodo sembrava ci fosse un vero e proprio braccio di ferro tra Kennedy e la CIA, che iniziò proprio con la destituzione di Dulles da direttore della CIA. Era noto, infatti,che il presidente non era sulla stessa linea d’intenti dei dirigenti dei servizi segreti tant’è che un giorno dichiarò: "…Lo stesso ufficio del Presidente viene usato per sovvertire i diritti dei cittadini, ed è mio diritto renderlo noto….".

 

Da un memorandum scritto da Kennedy il 12 Novembre del 1963, dieci giorni prima del suo assassinio, indirizzato al direttore della CIA (allora James Angleton), avente per oggetto il “Riesame delle classificazioni di tutti i files del reparto spionaggio UFO riguardante la sicurezza nazionale”, si evince la volontà di Kennedy di divulgare ad una più ampia cerchia di funzionari del governo, e quindi in seguito al popolo, la verità sugli oggetti volanti non identificati. Inoltre, il riesame dei dati (cita il documento), avrebbe coinvolto anche la NASA.

In un altro documento datato sempre 12 Novembre 1963 ed indirizzato a James Webb (allora amministratore della Nasa), il presidente spiegava come gli Stati Uniti si dovessero impegnare a portare avanti un programma di esplorazione spaziale congiuntamente con le autorità sovietiche.

Nonostante non ci fossero riferimenti espliciti ad oggetti volanti o alieni, poteva sembrare quantomeno strana una collaborazione di questo tipo fra le due superpotenze mondiali.

Invece sappiamo con certezza da una intercettazione di una “Linea calda” dell’11/12/63, appena venti giorni dopo la morte di Kennedy, tra il nuovo presidente degli Stati Uniti Lyndon Johnson e il premier russo Nikita Kruscev, che tra gli Stati Uniti e la Russia si era già stabilito un certo contatto per poter eventualmente affrontare insieme il problema UFO: Johnson diceva: "Anche noi pensiamo che gli UFO siano un argomento di massima importanza per la sicurezza della nostra collettività..."

 

Le rivelazioni di Cooper

A riprova di quanto detto, John Lear, pilota aeronautico ed ex agente CIA, noto in ambiente ufologico per le sue rivelazioni sul Majestic-12 (MJ-12), fu contattato da un ufficiale della Marina USA, Milton William Cooper, che raccontò di aver visionato personalmente documenti militari sugli UFO. Nel 1988 Cooper fu allontanato dall’ambiente militare per aver divulgato informazioni coperte da segreto militare. Ma nei mesi a venire, divulgò tutte le altre informazioni che aveva appreso da documenti TOP SECRET.

Ma le rivelazioni di Cooper andavano oltre: disse che l’MJ-12 era stato il vero responsabile della morte di Kennedy e la motivazione fu la sua volontà di rendere pubbliche le informazioni riguardanti la presenza aliena sulla Terra. Più precisamente ,disse che ad uccidere Kennedy non fu solo l’uomo che sparò (Lee Harvey Oswald) ma anche un agente segreto che guidava la propria automobile e questo, secondo Cooper, sarebbe palese da un filmato girato dalla parte del pubblico il giorno dell’omicidio.

A due anni dall’assassinio Kennedy, la Killgallen intervistò nella sua cella Jack Ruby, l’uomo che eliminò Lee Harvey Oswald, il “presunto” omicida di Kennedy. Dopo l’intervista, la Kilgallen si mise in contatto con il suo fidanzato Johnny Ray per dirgli che aveva fra le mani uno scoop incredibile, ma che non poteva parlarne al telefono: venne trovata morta nel suo appartamento di Los Angeles la mattina dopo, il 5 Novembre del 1965, uccisa da una miscela letale di alcool e barbiturici

Jack Ruby morì di cancro,in prigione, ancor prima che iniziasse il processo.

 

Numerosi ricercatori ed ufologi, oggi, pensano che l’omicidio Kennedy sia strettamente legato alle informazioni che avrebbe dovuto divulgare al popolo sugli accordi e sui piani stipulati da un governo ombra (MJ-12) con una delegazione di alieni “Grigi” che nel 1954 atterrò nella base aerea di Edwards alla presenza dell’allora presidente Eisenhower. A conferma di questa tesi vi sono ulteriori dichiarazioni di Cooper che, parlando dell’incontro con la delegazione aliena, descrive un cosiddetto “Patto scellerato” fra alieni e governo ombra in cui si stabiliva che “gli alieni non avrebbero interferito con i nostri affari e noi non avremmo interferito con i loro, mantenendo segreta la loro azione e presenza sulla Terra”. In cambio, i Grigi, avrebbero fornito nuove tecnologie per lo sviluppo scientifico. D’altra parte, gli alieni, avrebbero potuto prelevare periodicamente umani per alcune ricerche sul DNA, in quanto la loro razza si trovava in uno stato di decadenza.

Una citazione del presidente Roosvelt (1933-1945) dice:”Se devo scegliere fra ciò che è giusto e ciò che andava fatto, scelgo ciò che andava fatto…” e forse accadde proprio questo fra governo americano e alieni ?

Nella morte lo zampino degli alieni?

A conferma che tra gli ufo e il Presidente Americano ci fosse un legame lo proverebbero numerose inchieste che si sono succeute. Nel 2011 lo scrittore William Lester,sostenne che Kennedy aveva dei conti in sospeso con gli alieni. Scrisse dei dettagli nel suo libro A Celebration of Freedom: JFK and the New Frontier. Lo scrittore rivelò anche nel corso di un’intervista ad Aol News di avere trovato alcune lettere che appoggerebbero la sua tesi. Il presidente degli Stati Uniti aveva chiesto di poter accedere ai documenti sugli Ufo dei servizi segreti. In una nota al direttore della Cia, datata 12 novembre 1963, dieci giorni prima del suo assassinio a Dallas, Kennedy scrisse: «È importante fare una chiara distinzione fra quello che sappiamo e quello che non sappiamo nel caso in cui i sovietici interpretino la nostra cooperazione allargata come la copertura di un’azione dei servizi segreti». Parole che indicherebbero secondo Lester la volontà del presidente di evitare tensioni con l’Urss. «Una delle preoccupazioni di Kennedy», scrive, «era l’avvistamento di molti Ufo nei cieli dell’Urss. Era preoccupato che i russi potessero credere che si trattasse di una aggressione degli Usa, Credo sia una delle ragioni per cui voleva informazioni, in modo da dire ai sovietici: «Non siamo noi, non è una provocazione».

comments powered by Disqus

Scrivi commento

Commenti: 17
  • #1

    Malles (giovedì, 21 novembre 2013 10:27)

    That's the question!...Ovvero il potere di facciata di un ( grande ) presidente.

    L'USAF, per esempio ( che non è che un tentacolo della grande piovra ) è risaputo che ha mentito più volte, ma alla fine risulta niente più della punta dell'iceberg sommerso. Argomentare di debunkeraggi e di cover up risulta facile come di complottismo, restano comunque i fatti grandi e piccoli che siano.

    Per esempio All'inizio del1958 il maggiore Keyhoe fu invitato ad una trasmissione televisiva della CBS presso l'Amstrong Circle Theater di New York, dal titolo " UFO, enigmi del cielo ", la trasmissione avrebbe dovuto comprendere gli interventi di Ruppelt, ex capo del Blue Book, di K.Arnold, il protagonista del " primo!!!" avvistamento, del pilota Chiles, testimone oculare dei tanti avvistamenti aerei del 1948, di un rappresentante dell'Air Force e del prof. Menzel. ma l'USAF fece in modo di annullare gli interventi di Ruppelt, Arnold e Chiles, e di " purgare "il testo dell'intervento di Keyhoe (che conteneva una PRECISA allusione a quattro documenti SEGRETI).

    Keyhoe decise di NON piegarsi, Quando fu il suo turno di parlare, attaccò :" ed ora io dirò qualcosa che non è mai stato rivelato!". Furono le uniche parole che i teleascoltatori poterono udire: il regista aveva subito tolto l'audio su espressa censura militare. I documenti segreti che Keyhoe voleva rivelare erano : 1) La lettera datata 23-9 1947 nella quale il generale Nathan Twining, allora capo dell'AMC ( Air Material Command ), informava il comandante dell'Air Force che il fenomeno UFO era reale e che occorreva istituire una commissione permanente per studiarlo.

    2) Il rapporto " top secret " datato 5-8-1948, intitolato " Estimate of the Situation "( stima della situazione ) nel quale i funzionari dell'ATIC ( Air Technical Intelligence Center ) concludeva che gli ufo erano NON terrestri.

    3) Il rapporto preparato nel 1952 dal maggiore Dewey Fournet, allora ufficiale di collegamento tra il Blue Book e il Pentagono, nel quale si individuava nelle manovre degli ufo un comportamento intelligente, con conseguente suggerimento dell'ipotesi interplanetaria.

    4 Il rapporto del giurì Robertson, la commissione di cinque scienziati presieduta dal Dr. H.P.Robertson (da cui il nome ) che per incarico dell'ATIC si era riunita a Washington nel gennaio del 1953 per esprimere un parere sugli ufo in base alla documentazione raccolta fino ad allora dal Blue Book.

    Questa naturalmente per i debunkeroni è una sciocchezza. Risulta però che l'USAF aveva ripetutamente NEGATO l'esistenza di questi documenti...

  • #2

    FABIOSKY63 (giovedì, 21 novembre 2013 18:29)


    aaalleluja! alleluja! aaallelujaaa!.:D

    questo è un bell'articolo! bravi, ma NON solo perché parla di "fuffa" eh!eh! ma perché chi l'ha messo insieme NON l'ha fatto unendo dei "dati e date" su "nomi e luoghi" e basta...ma il tutto è coeso da un insieme di piccoli ragionamenti, semplici è, niente di arzigogolato, ma che hanno, NELL'INSIEME della architettura e degli abbozzi teoretici, delle proposte di discussione INSITE interessanti e che possono portarci a "sviluppi" e a "ragionamenti", proprio tra queste pagine, che INVECE sono solitamente "preclusi" nelle dinamiche successive all'articolo dall'impostazione e dal taglio...

    e poi, come disse un amico, quando ci siamo conosciuti circa 2 anni e mezzo fa ad un convegno, mentre parlavamo di un ricercatore di settore..."certo che quando uno le cose le sa...si vede proprio che le sa!.." ah!ah! esatto!..gli feci eco sorridendo..:)

    giusti anche i tuoi 4 dell'Apocalisse Malles! eh!eh! adesso bisognerebbe tirar su un pò di amalgama, qualche "pezzetto di puzzle" alla volta, per unirli all'articolo e al relativo "picture" che si va appena delineando "all'interno di questa cornice" giornalistica...la strada è buona, cominciate voi, intanto che mi attrezzo, NON prima di essermi riposato un pò èh!..con "i pezzi da 90"..:D

    salute e prosperità..:)

  • #3

    Malles (giovedì, 21 novembre 2013 22:40)

    Chiedo scusa alla mamma... ma vorrei far notare le concomitanti disavventure di chi in quegli anni aveva riscontri e scontri con i poteri forti. Tragedie che colpirono NON solo il presidente Kennedy.

    Inizio con quello che nel 1961 toccò al capitano Edward J. Ruppelt, per qualche anno responsabile delle Commissioni governetive di ricerca ufologica, deceduto per crisi cardiaca. la sua fine fu molto discussa, per il fatto che le indagini di Ruppelt in seno all'USAF furono contrastate in tutti i modi. Forse ( si disse ) per il suo convincimento che alla base del fenomeno ufo si nascondessero delle intelligenze extra. Questa sua idea la espresse nel suo unico libro " The Report on the UFO ",per il quale subì critiche feroci che ne fiaccarono animo e spirito, portandolo al collasso finale.

    Analoga fine toccò all'inglese Waveney Girvan,già direttore e cofondatore della della Flyng Saucers Review, la più famosa rivista ufologica di quei tempi. Nel novembre del 1962, malgrado la ancora giovane età, scomparve pure l'ingegnere Wilbert Smith, per anni direttore responsabile del progetto canadese di ricerca ufologica denominato Project Magnet. dapprima anch'egli convinto della scaturigine extra dei dischi volanti, al punto di tentare di realizzarne uno, a propulsione elettromagnetica, in laboratorio. Ebbe poi a ricredersi , puntando poi progressivamente nella sua ricerca su direzioni parafisiche. Sempre nel 1962 morì altrettanto stranamente , la contattista americana Gloria Lee, il cui nome completo era Gloria Lee Bird, coinvolta in un evento contattistico ad alta emotività, fino a perdere la ragione.

    Una fine del tutto simile ed impietosa fu anche quella di Douglas Hancock, un ricercatore americano trovato cadavere nella sua abitazione di Redland nel sud Dakota con accanto un fucile da caccia. Un'altra morte eccellente di quel periodo fu quella dell'autore dell'archeologia spaziale ed antropologo Dr. George Hunt Williamson che perì nel 1965 mentre stava svolgendo alcune ricerche archeologiche particolarmente sconvolgenti. Sempre nelle magiche terre di questo continente scomparve il Dr. Raymond Barnard,massimo propugnatore contemporaneo dell'ipotesi della terra cava( all'interno della quale egli trovava la giustificazione degli ufo.

    Nell'Ottobre del 1965, i giornali americani si occuparono del triste caso di Della Larson, una ufologa trovata cadavere nella sua camera da letto. Si parlò come sempre di suicidio, ma molte ombre aleggiarono, ancora una volta, sullo strano caso.Del 1968 menziono tre morti misteriose, tutte concentrate nella prima parte dell'anno e che interessarono personaggi di notevole spicco in ambito ufologico, come il Dr. Olavo T. Fiontes, emerito ricercatore brasiliano, ( notevole il suo rapporto sul caso di Antonio Villas Boas). Quindi fu la volta del generale francese Aileret perito in uno stranissimo incidente aereo, appena quattro giorni dopo avere pubblicamente annunciato di voler creare una commissione UFFICIALE di studi sugli ufo. Per completare il trio cito l'americano Damon Runion jr. ricercatore e pubblicista , noto per avere pubblicato una lunga serie di articoli ufologici su un giornale di grande tiratura, trovato morto il 14 Aprile e ritenuto ( tanto per cambiare ) suicida.

    Nel Gennaio 1969 toccò a Bernard Cox, australiano, perire in circostanze ritenute sconosciute dagli inquirenti. Poco tempo prima Cox indagò sulla morte di una coppia di sposi, dovuta, secondo Cox all'intervento distruttivo di un ufo. Ma fu nel giugno del 1971 che l'ufologia subì forse la sua più grave perdita, quella misteriosissima del Prof. McDonald, perfettamente allineato all'interno della ricerca scientifica riconosciuta, docente universitario di chiara fama, unitamente ad altri studiosi come Hynek, Vallèe, Saunders, Poher...Su binari decisamente scientifici, lottò con accanimento contro i pregiudizi e i preconcetti avversi all'ufologia, fino a portare lo scottante argomento ufo sui banchi dell'ONU. MacDonald venne trovato morto nel deserto dell'Arizona con accanto una pistola.

    Potrei annoiare ma l'elenco ALLA MEMORIA è veramente lungo, cito ancora brevemente: H.T.Wilkins,scrittore e autore di fama, R.Loftin, militare addetto alla ricerca, H.F.Koch, Mark Probert, medium e veggente in contatto con SEDICENTI esseri extra, B. Hill, moglie di Barney Hill, protagonista del più noto caso di abduction di quei tempi. C. Manei, F. Halstead, C. Roberts, R. Holland, W. Miller, tutte personalità strettamente collegate agli ufo e perite in modo strano o singolare, ne avrei sottomano un'altra quindicina, ma penso di avere reso l'idea. Non do giudizi, mi limito a riportare

  • #4

    //dj// (giovedì, 21 novembre 2013 22:48)

    William Lester, lo scrittore, che ha affermato che la CIA gli avrebbe rilasciato il documento in base al Freedom of Information Act (FOIA), dopo averne fatto precisa richiesta è un bugiardo. Lester è il fondatore e presidente dell’American Institute of Metaphysics, un sito che si occupa di scienze paranormali e metafisiche , stracolmo di bufale ampiamente riconosciute, che offriva fino al 2012 lezioni sulla “profezia Maya 2012″ a soli $ 59,99 + spese di spedizione e 600 dollari per salvarsi!

  • #5

    john rapper (venerdì, 22 novembre 2013 13:25)

    seiceto euri è la stessa somma che chiedeva anche il cicap.

  • #6

    FAui93 (venerdì, 22 novembre 2013 13:37)

    @john rapper
    con la differenza che il cicap non diceva stronzate.

  • #7

    iohn rapper (venerdì, 22 novembre 2013 13:50)

    vedo vedo il cicap insegna a dire stronzate.

  • #8

    !/(.!.)/! (venerdì, 22 novembre 2013 19:54)

    Il titolo dell'articolo è fuorviante. La tesi del complotto è una realtà. Oscura e mai svelata, ma reale. Una commissione governativa che in barba all'evidenza dice che a uccidere il Presidente è stato Oswald e nessun altro, dimentica del fatto che a sparare sono stati più tiratori ( e gli angoli di penetrazione dei proiettili sul corpo del Presidente e del Governatore Connelly parlano chiaro )la dice lunga sulle coperture di cui hanno goduto i reali mandanti. Chiunque essi fossero. Qualcuno ha detto che una coincidenza è una coincidenza. Due coincidenze sono un indizio. Tre coincidenze sono una prova. Nel caso dei Kennedy, e mi riferisco anche al caso dell'omicidio di Bob, le coincidenze si sprecano. Se le indagini sono state volutamente deviate e insabbiate, ciò è dovuto al fatto che anche parte dell enstablishment governativo era coinvolto. Nella migliore delle ipotesi che almeno Sapeva e ha taciuto. Oggi alla tv mi ha colpito una frase detta da un signore americano di una certa età, che alla domanda postagli se John Kennedy gli mancasse ha risposto : " Certo che mi manca. E mi manca quello che avrebbe potuto fare " Uno dei più Grandi condottieri dell'antichità classica e non solo, Alessandro Magno è stato con tutta probabilità avvelenato dai suoi stessi luogotenenti. E una caratteristica che li accomuna a tanti altri grandi. Cesare in primis, ma anche Napoleone. Li uccidiamo perchè sono pericolosi ? Si certo. Ma sopratutto li uccidiamo perchè sono il Nuovo. Sono Orizzonti Grandi e troppo sterminati per gli uomini comuni. Che non hanno bisogno di sfide all'Ignoto, ma solo di certezze rassicuranti. Meglio vivere come sciacalli che seguire il Leone in battaglia. Con tutto il rispetto per gli sciacalli a quattro zampe.

  • #9

    Ciro (sabato, 23 novembre 2013)

    @malles sei fuori, ma chi poteva fare uccidere il presidente e gli ufologi, mi pare fantascienza, bò! Che prove tieni??.

  • #10

    Malles (domenica, 24 novembre 2013 11:13)

    @ Scusa il ritardo caro Ciro ma stavo postando altrove sotto le MENTITE spoglie del Dr. Fabioky e dell'illuminato Margherito H...

    Questo è un campo oltremodo minato ed io NON ho tutte le risposte, ci mancherebbe altro, io mi limito a riportare notizie e a volte ESAGERO dando pure il mio parere. Quando ESONDO riesco pure a chiedermi il perchè il presidente Carter ( o Reagan, o Ford o Obama) NON abbiano dato seguito alle promesse fatte ( restando ...solo in ambito ufologico ) prima e anche dopo la loro campagna elettorale.

    Per esempio il 5 Dic. 1985, Il presidente Ronald Reagan durante il summit di Ginevra aveva invitato il presidente russo Gorbaciov a riflettere sull'eventualità di una minaccia extraterrestre e sulla riconciliazione americano-sovietica come sua conseguenza. Forse, ( anche senza forse ) il nocciolo di tutto sta proprio qui: l'implicazione che un'informazione di massa dell'esistenza degli E.T. sul suolo terrestre comporterebbe.

    Il mio pensiero verte ad una programmata mistificazione governativa sul dilemma ufologico. Ben poco di vero viene messo in piazza, a questo proposito posso fare riferimento anche alle documentazioni ufficiali di enti governativi americani, finalmente rilasciati ( tsè...) agli ufologi USA dopo le azioni legali di quest'ultimi, promosse contro il Governo Federale USA grazie il FOIA ( Freedom of Information Act ). Ebbene, la censura governativa vi andò giù UGUALMENTE pesante, si è potuto apprendere che vi sono pagine e pagine ( di materiale sugli ufo ) proveniente dal National Securiti Council, nelle quali l'85% del contenuto è stato deliberatamente cancellato prima che tali documenti fossero rilasciati.

    La conseguente e logica domanda del perchè di tale comportamento e che cosa hanno voluto nascondere, NON mi risulta fuori luogo. A parte le congetture, trovo giusto ricollegare a queste reiterate censure anche ( purtroppo ) le morti sospette di ben 163 ufologi morti ( soppressi?) solo nell'anno 1965. Questo fu un anno disastroso per l'ufologia, ma questi, ripeto, sono numeri derivati da ricerche. NON bubbole.

    Per rientrare nell'articolo di Ufoonline, molto completo tra l'altro, che accenna anche al famigerato MJ-12 ( Majestic 12 ) la qual sigla, ai fatti, rivela un documento top secret esteso e firmato dall'ammiraglio R.Hillenkoetter nel dicembre 1952, ritrovato casualmente nell'Archivio nazionale USA, il quale fa menzione anche ai componenti ( li elenca per nome ) di un fantomatico governo ombra che agisce come una piovra sui destini degli Stati Uniti e conseguentemente sui destini del resto del globo.

    Es ist trauring, eine ausnahme zusein, aber noch viel trauriger ist es keine zu sein. Buenas dias y hasta despues

  • #11

    Il figlio di Targhet (domenica, 24 novembre 2013 13:50)

    Per esempio il 5 Dic. 1985, Il presidente Ronald Reagan durante il summit di Ginevra aveva invitato il presidente russo Gorbaciov a riflettere sull'eventualità di una minaccia extraterrestre.................ma cosa dici?

    Detta come la scrivi tu sembra che ci sia la possibilità di una minaccia extraterrestre, quando invece Regan la utilizzava come una metafora per spingere il mondo ad unirsi.

  • #12

    FABIOSKY63 (mercoledì, 27 novembre 2013 18:23)


    cit. Il figlio di Targhet
    "...Regan la utilizzava come una metafora per spingere il mondo ad unirsi..."

    si, certamente...resta il fatto che il contesto della frase, l'intonazione, e le parole così come scandite, sottolineavano il concetto della NECESSITA' che avrebbe avuto il mondo di fronte ad una "minaccia" aliena...

    cioè quella di unirsi per fronteggiarla...ipotesi NON peregrina, visto che qui qualcuno ci para il cuculo eh!eh! da 2500 anni, in attesa che siamo pronti a farlo da soli -UFFICIALMENTE- e come UNITA' mondiale...

    all'epoca di DDE NON eravamo pronti, ovviamente, e sotto ogni aspetto!..ora, e ne sono certo, le nostre "macchinine" son già lassù, "a difenderci" da chi viola accordi e trattati a noi "poveri mortali" eh!eh! del tutto sconosciuti...

    potrebbe essere diversamente?..meditate gente, meditate..;)

  • #13

    Il figlio di Targhet (giovedì, 28 novembre 2013 13:15)

    @FABIOSKY63, è decaduto berlusconi, e tutto pensi agli accordi sconosciuti del tutto inesistenti, e all'intonazione delle parole ben scandite..............anche ieri berlusconi durante il suo comizio ha detto un sacco di cazzate , però le ha ben scandite,!!!

    medita medita

  • #14

    Mary (giovedì, 28 novembre 2013 15:31)

    Sarà che Fabiosky63 è un agente ET infiltrato?.?.?.?

  • #15

    XXX (giovedì, 28 novembre 2013 21:59)

    credo che Fabiosky sia un babbazzo!!!!!

  • #16

    Lorenzo (venerdì, 06 dicembre 2013 18:28)

    Se avesse voluto unire i popoli per far fronte ad una minaccia comune, avrebbe dovuto per forza chiamare in causa gli alieni; se le due superpotenze mondiali di allora, avessero deciso di unirsi, a chi avrebbero fatto la guerra ?
    Per coprire malefatte che hanno poco di extra e molto di terrestre, gli alieni sono un'ottima copertura...Da anni, ormai.

  • #17

    Mary (sabato, 07 dicembre 2013 17:27)

    xxx non è un pareggio è una perdita.