La Nasa gioca a fare Star Trek: ecco le bolle spaziotemporali

Si può viaggiare più veloce della luce, con un approccio diverso sulla propulsione? La domanda suona blasfema ma qualcuno ci crede. La Nasa ha finanziato un piccolo progetto presentato da Harold White, fisico e specialista di sistemi di propulsione per la NASA che somiglia proprio al “time warp” che consente ai protagonisti di Star Trek di viaggiare tra passato e futuro sfruttando la curvatura dello spazio-tempo. White sta lavorando al Johnson Space Center, ad un sistema che crei in laboratorio quello che avvenne durante la prima fase di espansione dell’Universo: l’inflazione.  “L’Universo si è espanso nei 13 miliardi di anni dopo il Big bang” ha spiegato White al New York Times “e sappiamo che alcuni modelli cosmologici prevedono periodi di inflazione esplosiva, durante i quali due punti nello spazio potevano allontanarsi tra di loro a velocità superiore a quella della luce. La Natura può farlo, la domanda è: noi potremmo mai farlo?”.

 Nicola Nosengo dell'Instituto Nazionale di Astrofisica spiega in cosa consiste il progetto:

 

Usando un laser, una fotocamera, alcuni specchi e dei condensatori elettrici, White e i suoi collaboratori cercano di piegare leggermente la traiettoria dei fotoni che compongono la luce laser applicando un campo elettromagnetico. In poche parole, cercano di influenzare la curvatura dello spazio tempo lungo la traiettoria del fotone in modo che percorra una maggiore distanza, pur viaggiano sempre alla stessa velocità. Gli effetti che cercano di osservare sono talmente piccoli che qualunque vibrazione, comprese le auto di passaggio, disturbava gli esperimenti: da qui la necessità di usare quel laboratorio ammortizzato, isolato da qualunque vibrazione ambientale.

Ma si può viaggiare davvero più veloce della Luce ? Il primo che teorizzò la possibilità fu Miguel Alcubierre, che nel 1994 spiegò che si poteva andare oltre le velocità superluminali avendo un sistema di propulsione in grado di creare una bolla spazio temporale attorno all’immaginaria navicella spaziale:

 

Quanto veloce ?

Nel 2011 dei ricercatori australiani dell’Università di Adelaide il Professor Jim Hill e il Dottor Barry Cox della University’s School of Mathematical Sciences si occuparono di come fosse possibile superare la velocita delle luce intepretando in modo molto personale la Teoria della Relatività Speciale di Einstein del 1905 che sostiene che nulla potrebbe muoversi più veloce della velocità della luce.

 

Il 23 Settembre del 2011 un gruppo di ricercatori dell'esperimento OPERA, il cui portavoce è Antonio Ereditato, direttore del Laboratorio di alte energie all'Albert Einstein Center for Fundamental Physics dell'Università di Berna, aveva annunciato di aver rilevato che il fascio di neutrini inviato attraverso la crosta terrestre che separa il CERN di Ginevra dai Laboratori dell'INFN al Gran Sasso sarebbe arrivato a destinazione, secondo le stime, circa 60 nanosecondi prima del previsto.

Questa differenza tra il valore atteso e quello misurato implicava che nei 732 chilometri percorsi tra la Svizzera e l'Abruzzo i neutrini avrebbero viaggiato a una velocità superiore quella della luce nel vuoto. La notizia ebbe un eco enorme sulla stampa guadagnandosi le prime pagine dei giornali di tutto il mondo. Ma poi tutto venne ridimensionato a causa di un errore strumentale di rilevazione.

 

Scrivi commento

Commenti: 115
  • #1

    XXX (giovedì, 25 luglio 2013 13:09)

    Dove è Jhon Watson, è le sue cazzate sulle distanze iterstellari?

    Se l'uomo può iniziare a teorizzare i viaggi spaziotemporali, perchè una civiltà aliena non può già averlo sperimentato?

  • #2

    Giulio (giovedì, 25 luglio 2013 16:07)

    Dobbiamo dimenticarci dei preconcetti e pensare sempre che quello che oggi sembra impossibile domani sarà quotidianità

  • #3

    Franz (giovedì, 25 luglio 2013 17:42)

    I viaggi interstellari non sono ancora una realtà e non si sa se lo sarà in futuro non è stato ancora provato nulla per cui le cazzate di Jhon Watson, sulle distanze interstellari rimangono un fatto reale.

  • #4

    baal (giovedì, 25 luglio 2013 18:26)

    ... ma la velocità della luce pare essere un invalicabile limite fisico....

  • #5

    Lorenzo (giovedì, 25 luglio 2013 20:42)

    Certamente...lo è per qualunque particella che sia composta da massa.

  • #6

    Franco (giovedì, 25 luglio 2013 20:43)

    la penso uguale uguale a xxx.

  • #7

    IL CONDOTTIERO (giovedì, 25 luglio 2013 20:55)

    O la nasa vuole diventare veramente star trek , oppure ultimamente hanno comprata una partita di ottima grappa. Ma la fantasia vola , ma vola molto in alto a quanto vedo.Finanziassero progetti piu' utili alla umanità che é meglio, che sparare a zero su progetti costosi e impossibili da praticare.

  • #8

    Lorenzo (giovedì, 25 luglio 2013 21:08)

    Non si dovrebbe considerare la navicella spaziale come un mezzo a propulsione magnetica per percorrere lunghe distanze in un universo spazio-tempo...Bisognerebbe invece considerare un multiverso, cioè diversi universi separati da "membrane" che possono essere oltrepassate; L'UFO che noi intendiamo provenga da pianeti appartenenti al ns.universo e distanti anni luce, in realtà raggiungerebbe il ns. universo attraverso la membrana che divide i due universi; Il fatto è che anche nel suo universo esisterebbero distanze incolmabili, così come nel nostro. Il grande dilemma sarebbe come riuscire a mantenere coese la particelle massive nel passaggio in entrambi i sensi...
    Ora vi riporto alla mente il famoso esperimento di Philadelphia: Sempre che sia esistito davvero esso si basava sull'elettromagnetismo->gravità->scomposizione materia<-elettromagnetismo<-gravità<-ricomposizione materia.

  • #9

    Lorenzo (giovedì, 25 luglio 2013 21:17)

    ...Il fine ultimo dell'esperimento fu quello di ricreare le leggi fisiche che governavano la materia da un punto (spazio) ad un altro (spazio) nello stesso universo...Una traslazione di materia, "parole povere", quindi di tempo che poi è diretta conseguenza della materia (e gravità ed elettromagnetismo, ecc,ecc) perchè da essa influenzabile, tant'è che se lo si misura, lo si fa con la materia. (gli strumenti SONO di fatto materia)
    Ma qualcosa andò storto...Si era rusciti, forse, a fare il salto della membrana di solo una parte o di tutta la materia da un universo ad un altro ?
    Cosa capitò a quella materia (persone, anche) che scomparirono e non si trovarono più ?
    Magari esistono in un altro univrso, ma non possono tornare a quello che era il loro punto di partenza...

  • #10

    Lorenzo (giovedì, 25 luglio 2013 21:29)

    Non solo...supponendo che la gravità che tiene coese le loro particelle nell altro universo sia identica alla nostra, magari sono invecchiati tanto quanto lo sarebbero stati se fossero rimasti qui, quindi, adesso, sarebbero morti anche di la.
    Perchè invecchiamo ?

  • #11

    Superciuk (giovedì, 25 luglio 2013 22:25)

    Perchè invecchiamo????Ma ovvio perchè bevete acqua minerale.

  • #12

    gregrin (giovedì, 25 luglio 2013 22:42)

    I soliti uomini di scienza che annoveriamo tra i commentatori hanno già bollato come cazzate, come effetti dell'alcol o come spese inutili a scapito d'altro.
    Al lor Signori uomini di scienza, giova ricordare che la ricerca è sempre utile all'umanità.
    Eppur si muove ... pronunciò un uomo condannato dai vostri avi ... !!!

  • #13

    Giuseppe JO (venerdì, 26 luglio 2013 02:49)

    Tutto è possibile se lo si vuole...

    JO

  • #14

    axel (venerdì, 26 luglio 2013 14:10)

    Può essere fantascenza ma se ci fosse anche solo una piccolissima probabilità che possa diventare realtà ...

    Perchè non provare?

  • #15

    Slancio (venerdì, 26 luglio 2013 15:03)

    Secondo me la teoria della relatività è sbaglia perché si basa su dei presupporti sbagliati!
    Inoltre non tiene conto del mezzo "etere" ed ogni volta che un esperimento palesa un effetto in linea con la sua presenza i "relativisti" si esibiscono in assurde acrobazie matematiche volte a confutarne la validità.
    Sicuramente non sono intelligente come Einstein ma sono certo che esiste una teoria molto più semplice ed elegante che unifica tutte le leggi dell'universo e non la teoria della relatività non ne può far parte!

  • #16

    XXX (venerdì, 26 luglio 2013 15:46)

    Franz, tu scrivi quello che vuoi, ma forse non hai capito che la NASA ha finanziato un piccolo progetto, che somiglia al "time warp", quindi ribadisco quello che scrivo sopra

    "Se l'uomo può iniziare a teorizzare i viaggi spaziotemporali, perchè una civiltà aliena non può già averlo sperimentato?"

    Quindi caro Franz, anche se i viaggi interstellari non sono una realtà, tu non puoi asserire con la stessa certezza che non esistono razze aliene che l'abbiano sperimentata.

    Detto questo rimando al mittente il tuo post N°3, il bello è che e tu e Jhon basate le vostra certezza sul NIENTE!!!!!!!!!

    La prossima volta prima di replicare conta fino a 10.

  • #17

    Franz (venerdì, 26 luglio 2013 18:26)

    Il progetto della NASA è finalizzato a dimostrare tali teorie.
    Il mittente del post n°3 e Jhon: le loro certezze sono basate sulle conoscenze attuali.
    Mentre le certezze di XXX sono basate su teorie che non sono dimostrate.

  • #18

    IL CONDOTTIERO (venerdì, 26 luglio 2013 21:41)

    Ci sono molti progetti utili all'umanita' , si dedicassero a quelli. Oggi viviamo in un mono pieno di teorie e pochi fatti , questa è la verità.Non ho detto che la ricerca è inutile , ma che perder tempo su cose impossibili e impraticabili non è accettabile purtoppo.Se ci fossere altre civiltà secondo voi non ci avrebbero fatto visità.....probbilmente forse si o no,maaa se sposti una navicella con due persone a bordo , non ne vedo l'utilità di fare miliardi i chilometri a testimoniare chi o che cosa poi.Se mai mi dovessi spostare porterei via una flotta e non andrei via solo con pochi uomini e mezzi.Perchè uno contro tutti non regge.

  • #19

    IL CONDOTTIERO (venerdì, 26 luglio 2013 21:46)

    E poi aggiungo , ma non siamo in grado di andare su marte x i molti problemi tecnici che la cosa comporterebbe e adesso vogliono fare l'eroi e esplorare in quattro passi l'universo,ma fossere piu' concreti e sistemassero i problemi attuali anche nel campo dell'esploraione a medio termine.

  • #20

    IL CONDOTTIERO (venerdì, 26 luglio 2013 21:48)

    ....esplorazione a medio termine.

  • #21

    XXX (sabato, 27 luglio 2013 01:10)

    @Franz, credo di essere stato abbastanza chiaro al post N°1.....e sinceramente non mi va di rispondere alle tue cretinerie.

    E credo di essere stato abbastanza chiaro anche nel post N°16....quindi se dico che rimando al mittente il post N°3, vuol dire che lo rimando a te, e non ad altri.

    A cosa sia finalizzato il progetto lo so già, altrimenti no avrei scritto "Se l'uomo può iniziare a teorizzare i viaggi spaziotemporali" quindi è normale che è finalizzato a dimostrare, che scopri l'acqua calda?

    Dire che non esistano razze aliene capaci di compiere i viaggi interstellari è alla stregua di una teoria.

  • #22

    Franz (sabato, 27 luglio 2013 08:42)

    Il post n°16 del CONDOTTIERO è molto sensato a differenza dei vostri post che di sensato non c'è nulla.
    Un conto è teorizzare e un altro è dimostrare vedo dai suoi post che lei XXX non riesce a capirne la differenza.
    A me non frega nulla dei suoi insulti, lei non sembra essere capace di fare altro.

  • #23

    MARIO (sabato, 27 luglio 2013 21:59)

    Franz, i tuoi scritti invece sono finalizzati a dimostrare " il cono di luce" huahuahuahuahu

    Em em scusate, un fatto indelebile nella storia di questo blog

  • #24

    Margherito H (domenica, 28 luglio 2013 18:10)

    "La Nasa gioca a fare Star Trek: ecco le bolle spaziotemporali
    nasa"

    Non è la NASA che "gioca a fare Star Trek". E' la supponenza e la presunzione che gioca a fare del giornalismo.

    Il percorso di ricerca dell'intero apparato scientifico che viene patrocinato dall'Agenzia Spaziale degli Stati Uniti, si avvale di un gran numero di strutture, laboratori, tecnologie al top e molte delle menti più brillanti uscite dalle Università di mezzo mondo.
    Questo specifico progetto, facente parte dell'ampio programma DARPA, ha già "sforato" il budget previsto e stanziato inizialmente dalla NASA stessa. Ciononostante sono stati stanziati ulteriori fondi, autorizzati con procedura straordinaria, già per l'anno ancora in corso.
    Questo "giocare a fare Star Trek", si colloca di fatto come uno dei progetti al vertice negli interessi della futura esplorazione spaziale. Altro che "giocare"!!!!

    "Si può viaggiare più veloce della luce, con un approccio diverso sulla propulsione? La domanda suona blasfema ma qualcuno ci crede."

    La domanda suona interessante, ma qualcuno che si crede arrogantemente depositario di superiore intelligenza, la ritiene blasfema.

    "La Nasa ha finanziato un piccolo progetto presentato da Harold White"

    Il "piccolo progetto" è talmente piccolo che impiega stanziamenti straordinari, e un'intera ala del Johnson Space Center.

    " White sta lavorando al Johnson Space Center, ad un sistema che crei in laboratorio quello che avvenne durante la prima fase di espansione dell’Universo: l’inflazione. La Natura può farlo, la domanda è: noi potremmo mai farlo?”."

    La fase inflazionaria del Big Bang, da pochi giorni avvalorata dall'osservazione dei "modi B" nella radiazione cosmica di fondo, prevede che TUTTO LO SPAZIO (e non solo "due punti"), si sia espanso ad una velocità ESPONENZIALMENTE maggiore a quella luminale. Personalmente sono da sempre propenso a ritenere questo "accomodamento antiscientifico" come un postulato che tra non molto verrà ridimensionato.

    Per l'esattezza la fase inflattiva è una forzatura obbligata che consente all'intera teoria del Big Bang di avere un senso. "In questa fase iniziale di espansione, detta Tempo di Planck, l'intera energia/materia nel suo stato primordiale, è andata ad occupare una quantità di spazio distante vari anni luce dal punto iniziale, in pochi milionesimi di secondo". Affermazione che contrasta ogni legge fisica conosciuta, quanto indispensabile assurto perchè l'intera Teoria stia in piedi.

    Inoltre, il superamento APPARENTE della velocità della luce, si verifica anche nel presente tra punti distanti miliardi di A.L. nell'Universo da noi conosciuto. Esso infatti è in una fase di espansione A PARTIRE DA OGNI SUO PUNTO; condizione che fa si che due punti in posizioni opposte rispetto alla nostra osservazione, si allontanino tra di loro ad una velocità maggiore di quella della luce. Ma questo è per l'appunto un fattore APPARENTE.

    "Ma si può viaggiare davvero più veloce della Luce....... bolla spazio temporale attorno all’IMMAGINARIA navicella spaziale:
    ..... INTERPRETANDO IN MODO MOLTO PERSONALE la Teoria della Relatività Speciale di Einstein..."

    Interpretazioni molto personali...perchè lo sostiene un redattore di Ufoonline?! WOW...un genio sprecato! Mai pensato di fare domanda d'assunzione all'ESA o alla NASA stessa?
    Una mente così geniale e sicura di se farebbe certamente comodo in quei covi d'inetti che sono le Agenzie Spaziali occidentali.....

    Un sito molto valido e sopra le parti, come lo era pochi anni fa, si è trasformato in un fazioso contenitore di saccenti articoletti scettico/polemici.
    Articoli, a mio modesto avviso, che nascono solo per interpretare e criticare in modo del tutto personale molti fatti ed argomentazioni in cui ci si arroga una cognizione di causa che palesemente non si possiede. Leggendo gli ultimi editoriali su Spazio ed esplorazione spaziale, si "disegnano" fior di scienziati al lavoro su progetti complicatissimi, come un insieme di "ragazzotti visionari".
    Non so se sono più contrariato o deluso da questa "evoluzione" del sito....

    (Continua)

  • #25

    Margherito H (domenica, 28 luglio 2013 18:11)

    @XXX
    "Dire che non esistano razze aliene capaci di compiere i viaggi interstellari è alla stregua di una teoria"

    Quoto pienamente. Affrontare una tematica come quella ufologica e dell'eventuale presenza aliena nei nostri cieli con l'ausilio della nostra scienza attuale è inadatto oltre che deprimente dell'intera ricerca. Ma alcuni sono più attenti ad avvalorare il proprio modus scettico ad oltranza piuttosto che ammettere d'utilizzare in maniera del tutto personale la "scienza", che fortunatamente si muove in maniera ben più "evoluzionistica" di quanto questi sapientoni ci vogliono far credere.

    Per l'ultima volta su questi lidi che mi ero già riproposto di abbandonare.
    See u Soon.

  • #26

    John Watson (domenica, 28 luglio 2013 21:30)

    Peccato avere poco tempo in questo momento. Si preannunciava una discussione divertente.

    Mi sembra che qualcuno, tra cui White stesso, confonda l'espansione dello spaziotempo con la propagazione dell'informazione. Che non sono la stessa cosa e nemmeno si escludono a vicenda.

    E mi sembra che qualcun altro, tra cui XXX, confonda "teorizzare" con "speculare". Nessuno su questa Terra ha nemmeno iniziato a teorizzare niente riguardo alla propulsione superluminale. Io posso speculare che il succo d'arancia curi la demenza senile (di cui inizio ad avere qualche sintomo), ma questo non significa che vi sia una teoria a supporto di cio'.

  • #27

    FABIOSKY63 (lunedì, 29 luglio 2013 08:19)


    ...teorie...

    parliamo di gnocca o volete "ascoltare" due righe?..o detto ascoltare èh!.:)

    se si deve viaggiare per giungere in altri sistemi "in tempi utili" è appurato che ci vuole una tecnologia NON convenzionale...l'attuale -UFFICIALE- defice per molti versi...

    una tecnologia propulsiva derivante dalla demodulazione dell'inversione della spinta gravitazionale ci permetterebbe di muoverci liberamente ed "in tempi utili" nel nostro Sistema Solare ma...diverrebbe "inutilizzabile" -ED INUTILE- ad una certa distanza da esso, come da qualsiasi altro sistema...

    urge quindi trovare un sistema di propulsione che -IL SISTEMA SOLARE PIU' VICINO E' A 4 ANNI LUCE- ci permetta di giungere a destinazione "in tempi utili" rispetto al nostro orologio vitale...

    per fare un esempio...se ci mettiamo 8 ore -OGGI- per andare in America ci dobbiamo mettere al massimo 8 giorni -E NON 8 MESI O 8 ANNI- per arrivare al sistema stellare più vicino...

    la soluzione NON è quindi nel viaggiare ad una velocità prossima o superiore a quella della luce ma nel trovare "un escamotage" che ci permetta di surclassare -E DI MOLTO- quel tipo di ipotetico viaggio "impossibile" che finora abbiamo solo fantasticato perché ci appare negato dall'attuale nostro livello scientifico...

    DI FATTO il problema principale sembra essere quello della massa, perché...più la velocità di un'ipotetica nave stellare cresce e più essa dovrebbe aumentare, e conseguentemente l'energia necessaria a spingerla...mmmh...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Velocit%C3%A0_superluminale

    viene quasi da pensare che meno massa ha e più velocemente si possa muovere in funzione dell'energia necessaria "a spingerla", a QUALSIASI velocità...nonostante "l'aumento" -E SE L'AUMENTO FOSSE 0?- della stessa massa...

    e mi viene in mente che -FORSE- invece di spingere alla velocità della luce una nave spaziale, che pesa ad esempio 1000 tons, sarebbe -POTREBBE ESSERE- più semplice "far sparire" eh!eh! la sua massa, NON farla "pesare" all'improvviso, al fine di raggiungere -E IMMEDIATAMENTE- quel tetto, quel limite "INVALICABILE" della velocità della luce, con un tipo di propulsione adeguata ed in pochi secondi, o attimi, anche meno...di UN SECONDO...

    giusto "il tempo e l'energia" che potrebbe occorrere per farla "saltare" -E QUI CI VUOLE UN'ALTRA TECNOLOGIA DI CONTROLLO BASATA SU COMPUTER IPERVELOCI- oltre la linea del continuum spazio-tempo che cavalchiamo...

    UNA LINK APERTA APPOSITAMENTE...

    se la nave è al di fuori del tempo e dello spazio NON consuma e viaggia "NO time e free energy"...OVVIAMENTE tranne i sistemi che mantengono "le memorie di viaggio" e "i clocks di rientro"...

    PER L'ON LINE...quello che è il nostro tempo lineare...


    e adesso vediamo un pò quante CAZZATE ho detto!..sono curioso di ascoltare ogni parere e critica...sbizzarritevi!.:)

  • #28

    angelo (venerdì, 02 agosto 2013 13:41)

    l'uomo è come un neonato che ha appena aperto gli occhi. La nostra scienza è giovane, la nostra scienza è terrestre....la scienza universale è un'altra cosa. Siamo i soliti egocentrici che crediamo di sapere gia tutto. Lasciateli provare, lasciateci sognare

  • #29

    Lorenzo (venerdì, 09 agosto 2013 17:32)

    Prendiamo come esempio una bolla d'aria che si muova all'interno di un fluido viscoso, ad esempio la bolla d'aria che vedete salire verso l'alto dentro allo shampoo all'interno di un contenitore trasparente. L'aria, essendo più leggera, sale verso l'alto, ma cio che conta è il fatto che davanti a se essa sposta la materia che va a colmare lo spazio che si lascia dietro: In questo caso, il riempimento è dovuto alla conseguenza del fatto che l'aria propelle di per se per differenza di densità all'interno di un liquido...Come si può spostare un oggetto al cui interno ed al cui esterno vige la legge della relatività generale, se l'intero universo risponde a tale legge e se la propulsione dovrebbe sovvertire tale legge ?
    Abbiamo visto che solo particelle prive di massa o al massimo con massa irrilevante possono essere spinte alla velocità prossima a quella della luce (e potrebbero anche superarla essendone prive), ma qui si parla di un'astronave che contiene al suo interno materia chiamata uomo.
    Sia l'astronave, sia l'uomo sono costituite da particelle massive coese grazie alla gravità.
    Sia l'astronave, sia l'uomo sono soggetti alla relatività generale di Einstein, il quale ha fatto i conti con la materia e con la gravità che è una sua diretta conseguenza: Nello spazio c'è gravità, anche se si vedono gli astronauti galleggiare. Se non ci fosse gravità, gli astronauti si dissolverebbero: La gravità non è mai la stessa in ogni condizione, proprio perchè bisogna considerare la relatività, quella relatività che fa si che gli astronauti siano ancora integri, ma che possano galleggiare perchè posti ad una distanza tale che l'attrazione gravitazionale terrestre diventi ininfluente.
    E si vorrebbe viaggare piegando lo spazio-tempo mantenendo la nave per quella che è con dentro gli astronauti per quelli che sono, facendosi beffe della relatività generale viaggiando nell'universo ?
    Come si può dimostrare che è possibile viaggiare a velocità prossime a quella della luce se lo si è fatto solo con particelle prive di massa ed inventarsi che possa funzionare anche per l'uomo o per una qualsiasi particella massiva ?
    Provate a sparare un uomo nell'acceleratore di particelle per ritrovarvelo integro a 200 Km di distanza...primo problema: Trovare la cavia e penso che nessuno si offrirebbe volontario.
    La scienza è lontana anni luce da aver trovato anche solo teoricamente la possibilità di farlo.
    Vogliamo accelerare lentamente fino a raggiungere una velocità superiore a quella dei razzi ?
    Lo si può anche fare, lentamente, ma alla fine ci ritroveremmo schiacciati sul sedile anche dopo lungo tempo.

  • #30

    Lorenzo (venerdì, 09 agosto 2013 17:51)

    Angelo...persino uno scienziato rivoluzionario, per quanto testardo possa essere nel perseguire la sua idea e dimostrarla, DEVE avere la testa sul collo.
    Nno c'è spazio per i sognatori; C'è spazio per i rivoluzionari.

  • #31

    Lorenzo (venerdì, 09 agosto 2013 17:54)

    Caparbietà, testardaggine e possibilità di sperimentare sono all'ordine del giorno: Sognare no.

  • #32

    XXX (venerdì, 09 agosto 2013 19:54)

    @Franz, Jhon.......io non faccio nessuna confusione, ne tra dimostrare e teorizzare, ne tra teorizzare e speculare.

    Io non ho mai affermato che sia possibile viaggiare nello spazio tempo.

    Quando sopra dicevo ""Dire che non esistano razze aliene capaci di compiere i viaggi interstellari è alla stregua di una teoria" so benissimo che non sto dimostrando nulla, e che sto solo teorizzando..........ma anche voi quando affermate che ciò non sia possibile, non avete prove per dimostrarlo, quindi state teorizzando, come vedete il mio ragionamento fila.

    E mentre voi potete continuare a scrivere quello che volete, la NASA ha finanziato un piccolo progetto, che somiglia al "time warp" e ribadisco nuovamente quello che dico sopra........

    "Se l'uomo può iniziare a teorizzare i viaggi spaziotemporali, perchè una civiltà aliena non può già averlo sperimentato?"

    E tu John Watson da qualche parte in questo sito, facendo una figura barbina, affermavi con assoluta certezza, e senza avere nessuna prova che ciò non fosse possibile.........e anche se si parla di un enorme quantitativo di energia, per espandere lo spazio tempo, forse un giorno sarà possibile.........se si calcola che già nel 2013 stiamo andando in quella direzione.

    Se poi volete continuare a venire qui a dire " questo non è vero " e " questo non è possibile"......per di più appellandosi alla scienza, che utilizzata come fate voi non dimostra un bel nulla, potete benissimo andare a scrivere solo nei siti di astronomia.......ma forse anche li scoprirete che si fanno discorsi che riguardano la teoria.


  • #33

    Marcy (venerdì, 09 agosto 2013 20:08)

    La teoria si basa su ipotesi, o anche speculazioni, quindi di per sè non supporta nulla.

    E' fondata su cose astratte rispetto alla normale realtà.

    Jhon Watson, non sai neanche cosa sia una teoria, e mi fai tutto il dotto.

  • #34

    Lorenzo (venerdì, 09 agosto 2013 20:17)

    Ragazzi...non prendetela sul personale.
    Se qualcuno afferma che si possa fare, quel qualcuno devi portare le prove di esserci riuscito.
    Se qualcun altro ti dice che non si può, fino a quando non viene smentito, ha ragione e tu torto.
    Non so se è chiaro il concetto.
    Il concetto è quello che Watson ha dalla sua parte e regge fino a che:
    1 - Si riesca a metterlo in dubbio
    2 - Si riesca a dimostrare la veridicità dell'asserzione con fatti e non parole.
    Solo a quel punto, si è giunti ad un risultato.

  • #35

    XXX (venerdì, 09 agosto 2013 22:27)

    @Lorenzo, i greci molto tempo fa ritenevano che la terra fosse piatta, mentre Galileo diceva fosse rotonda, e sostenne questo solo teorizzando.

    Quindi fammi capire, se Galileo non ti portava le prove avevano ragione i greci?......a proposito di teorie proprio bella la tua!!!

    Jhon Watson non può paragonare la storiella del succo d'arancia alla possibilità di viaggiare nello spazio tempo, per il semplice motivo che la prima è una cretineria (come quelle che dite voi) e la seconda, oggi, qualcuno sta cercando di attuarla.

    Quando affermi che il concetto di Watson regge fino a che si riesce a metterlo in dubbio, e a dimostrare la sua veridicità con fatti e non parole, DICI IL FALSO!!!!

    Se io leggo " White sta lavorando al Johnson Space Center, ad un sistema che crei in laboratorio quello che avvenne durante la prima fase di espansione dell’Universo: l’inflazione".........basta e avanza a mettere in dubbio ciò che asserisce l'amico Watson, quindi come vedi ciò che lui scrive inizia a non regge più.

    NON SO SE E' CHIARO IL CONCETTO!!!!!

  • #36

    XXX (venerdì, 09 agosto 2013 22:49)

    @Margherito H, anche io quoto il tuo 25......preciso e conciso

  • #37

    malles (venerdì, 09 agosto 2013 22:49)

    ....Bicarbonato nelle bolle d'aria...."Peccato che ho poco tempo in questo momento,si preannunciava una discussione divertente"....Questa frase merita un tatuaggio,che ne dici Margherito?....Tra una pizza e l'altra,s'intende...Margherito non ci lasciare.Guarda...son disposto a rifornirti di un'altra cassa di krug,va bene?Accetti dunque? Si? Perfetto.

    Rispondo ad una sciocchezza detta sopra e dico che chi sogna è già un rivoluzionario,il sognare ad occhi aperti equivale vedere il sole sorgere sopra nebbie stagnanti d'ignoranza....vabbè,'sò ppoeta...

    Il pensiero di fondo risulterà sempre sbagliato se andiamo sempre a sbattere la capoccia dei viaggi interstellari alla velocità massima di quella della luce.Anche a questa velocità i viaggi troverebbero delle immani difficoltà.A parte il fatto che la velocità della luce è stata in diverse occasioni superata. Nel suo laboratorio il premio Nobel Nikolay Basov mise a punto (con altri fisici russi)un laser in grado di raggiungere la velocità di 2.700.000 km. sec.

    Anche certe Quasar e pulsar hanno velocità doppie a quella della luce. Già nel 1934 lo scienziato russo Cerenkov si accorse che certe particelle elementari nell'acqua superavano la velocità della luce. Pure nei laboratori della Marina Americana,particelle subatomiche in speciali tubi catodici salutavano Eintein alla velocità di 322.000 km sec.Si potrebbe parlare pure dei Tachioni ma non vorrei prendermi del...minchione,in ogni caso queste enormi velocità riducono solo un pò l'enorme problema delle distanze siderali.Quindi...

    Quindi come fanno i nostri amici extra a venirci a trovare?Qual'è il loro sistema di propulsione nel nostro sistema solare?(non entro per ora...nella curvatura spazio-temporale atta a coprire,"accartocciandole"immense distanze)

    Bisogna partire da dati di fatto,cioè è neccessario tener conto del campo magnetico che esiste quando appare un ufo,sia della radiazione elettromagnetica che emette(visibile specie di notte)e che secondo il chimico Webb è luce polarizzata sia delle oscillazioni radiali che longitudinali.Questo tipo di propulsione(velocissimo)rimane valido soprattutto per pianeti come la nostra Terra che posseggono un'atmosfera.Secondo la teoria del nostro grande fisico Todeschini la gravità della Terra è dovuta ad una pressione dello spazio fluido che la circonda e che si muove compatto con essa.Non sevono sogni ...Pindarici pensare che civiltà più evolute sappiano questo e molto altro da millenni

  • #38

    Marcy (venerdì, 09 agosto 2013 22:58)

    @Malles, e quali sarebbero i tuoi dati di fatto, i campi magnetici che esistono quando appare un Ufo?.......e si,è proprio un dato di fatto. hahahahahaha


    @Lorenzo, le bolle d'aria sono proprio quelle che si formano nel tuo cervello. Il tuo post 34? pietoso.....

  • #39

    Malles (venerdì, 09 agosto 2013 23:49)

    Per tutte le bolle d'aria,Marcy...le tue risate mi fanno piangere,non hai proprio pietà,guarda che se insisti a farmi inzuppare i fazzoletti arriverò a dedicarti un'altra poesia,quindi ...stai attenta.

    Noto però che tu come tanti altri sei poco informata su chi segue seriamente la materia ufo e che i risultati dello studioso Webb non li conosci,consolati non sei la sola.Hai quindi piena facoltà di riderci sù pur non sapendo di cosa in realtà stiamo parlando.

    L'abbraccio da innamorato si riduce quindi ad una tiepida stretta di mano,in fondo l'hai voluto tu...

    Comunque...you can't rule the heart

  • #40

    Marcy (sabato, 10 agosto 2013 00:40)

    Quindi questo Webb ha scoperto che ci sono i campimagnetici quando appare un UFO,quindi ha scoperto che esistono gli Ufo.......mistero risolto quindi, gli Ufo esistono e li pilotano gli extraterrestri.....hahahahahaha

  • #41

    malles (sabato, 10 agosto 2013 00:49)

    OOOOOOOOOOOOOOOHHH!! che immensa gioia che provo nel renderla gioiosa.
    è paSSSa di me.ma già lo sapevo.le sue risate mi volteggiano intorno e si posano delicatamente su di me come note di violino.che meravglia l'amour,che belleSSSa...che belleSSSa...

  • #42

    Marcy (sabato, 10 agosto 2013 01:10)

    I suoi scritto invece, mi volteggiano intorno come fastidiose zanzare......che mi piace schiacciare

  • #43

    Lorenzo (sabato, 10 agosto 2013 10:54)

    @#33 e @#35
    Senza prove non c'è scienza.
    L'era scientifica ha avuto inizio con la ri-pro-du-ci-bi-li-tà dell'esperimento.
    La riproducibilità fornisce sempre identico risultato finale, e questo è fondamentale.
    Non tutta la teoria si fonda su cose astratte, tant'è che la teoria è alla base della realizzazione pratica: Quella serve perchè la realizzazione sia riproducibile da chiunque.
    Per vostra informazione, quando si dice riproducubile, si da per certo di aver compreso ed assodato e non ha compreso solo colui che ha dimostrato di aver ragione, hanno compreso tutti. Tutti.
    Watson ed il succo d'arancia: Non capite neppure quando una persona fa dell'ironia.
    La scienza utilizzata non dimostra un bel nulla...Sinceramente, XXX, mi chiedo se ci sei o ci fai.
    Marcy, preferirei che argomentassi.

  • #44

    FABIOSKY63 (sabato, 10 agosto 2013 13:15)


    ...prove...

    @Lorenzo
    perfettamente d'accordo sul contesto di riproducibilità ma NON dimentichiamoci che è "l'anomalia" che fa "la statistica"...e l'insieme dei dati disponibili..:)

    e se NON proviamo ad esperimentare -ANCHE L'IMPOSSIBILE- sarà dura che si arrivi a risultati ed obbiettivi "complessi" come "la velocità iperluminale" -O MEGLIO "IL VIAGGIO" AL DI LA DELLO SPAZIOTEMPO- dove OLTRE la teoria, sperimentazione, riproducibilità, occorre che -ALLA FONTE- ci sia "l'idea" -LA LAMPADINA CHE SI ACCENDE ALLA ARCHIMEDE PITAGORICO- eh!eh! e che generalmente assurge "dal genio e\o dalla fantasia" del ricercatore e\o scienziato...COME "dall'uomo della strada" e\o "dal vicino di casa", NON dimentichiamolo...

    certo che Watson ironizza, anche il Cinese e Malles lo fanno, XXX non è da meno...anche la margheritina Marcy, nel suo "dolce essere" eh!eh! lo fa "schiacciando"...

    maaa mi domando, avete letto bene quel che ho scritto nel mio #27? o era...così banale?.:)

  • #45

    XXX (sabato, 10 agosto 2013)

    Senti Lorenzo, ma figurati se non avevo capito l'ironia.

    Ma fare ironia su argomenti seri solo per screditare l'argomento, ed utilizzarla solo per portare avanti le proprie tesi non va bene affatto, l'ironia la si può fare sui fuffaroli e gli anunnaki eil pianeta X, non so se intendo.

    Sopra parli di ri-pro-du-ci-bi-li-tà, e non capisci neanche che quello che scrivi ti si ritorce come un boomerang.

    Se io leggo "Usando un laser, una fotocamera, alcuni specchi e dei condensatori elettrici, White e i suoi collaboratori cercano di piegare leggermente la traiettoria dei fotoni che compongono la luce laser applicando un campo elettromagnetico. In poche parole, cercano di influenzare la curvatura dello spazio tempo lungo la traiettoria del fotone in modo che percorra una maggiore distanza, pur viaggiano sempre alla stessa velocità. Gli effetti che cercano di osservare sono talmente piccoli che qualunque vibrazione, comprese le auto di passaggio, disturbava gli esperimenti: da qui la necessità di usare quel laboratorio ammortizzato, isolato da qualunque vibrazione ambientale.".....vuol dire che forse è un esperimento..... ri-pro-du-ci-bi-le, ma forse a questa parolina devi aggiungere ve-ri-fi-ca-bi-li-tà dell'esperimento, dopo di tutto quanti esperimenti dove si dava per certo di aver compreso tutto sono andati in fumo?

    Se si sta iniziando con questo esperimento, dire che forse un giorno sarà possibile e ragionare in quella direzione non è affatto sbagliato.......dire che non è possibile solo perchè ancora non riproducibile, è troppo facile oltre ad avere scoperto l'acqua calda.


    Forse il concetto del mio 35 non era molto chiaro......e ripeto, Se io leggo " White sta lavorando al Johnson Space Center, ad un sistema che crei in laboratorio quello che avvenne durante la prima fase di espansione dell’Universo: l’inflazione".........basta e avanza a mettere in dubbio ciò che asserisce l'amico Watson, quindi come vedi ciò che lui scrive inizia a non regge più.

    NON SO SE E' RICHIARO IL CONCETTO......ma lasciamo perdere va, dopo di tutto mi hai ggià dato prova del tuo QI in occasione dell'articolo su Carla Lonardi.


  • #46

    Marcy (sabato, 10 agosto 2013 14:37)

    @FABYOSKY63, forse il tuo 27 più che banale era kilometrico.

    @Lorenzo ma che mi devo argomentare, se ti si continuano a fare le bolle d'aria nel cervello?

    Sei di una banalità assurda, e ti appelli alla scienza senza concludere nulla......un giorno l'uomo costruirà incredibili sistemi di propulsione, e riuscirà anche a saltare fra le dimensioni.......e tu avrai scritto un sacco di panzanate, ti saluto

  • #47

    Malles (sabato, 10 agosto 2013 15:12)

    I limiti di velocità e i divieti di parcheggio....

    I limiti di velocità e di moto nell'etere sono stati posti ad emblema da una specie di codice spaziale da parte di scienziati bene assisi sui loro troni che ebbero a traballare dai confronti avuti con un certo TODESCHINI da Bergamo...il quale dimostrò coi fatti...fatti di numeri e di formule che LOR SIGNORI stavano pigliando in massa dei granchi(cOzzate).Il Todeschini ebbe anche modo di dimostrare il SIGNIFICATO FISICO della formula di Einstein,la quale si noti bene esige la spiegazione del superamento della velocità della luce.

    IL FIGLIO DEGENERE del limite della velocità della luce è il concetto CHIUSO e FINITO (così non sempre è) dello spazio - tempo come un tutto unico e in ogni circostanza.Il prof.Sadeh direttore del radiotelescopio di Washington,dette già molti anni fa diverse dimostrazioni che la luce si "stanca".Il vuoto che noi conosciamo NON è l'unico vuoto possibile,e White lo sà bene.

    Te la dò io la velocità della luce AH! AH! ...(scusa Fabiosky).Nel 1965 Maarten Schmidt appurò che la radiosorgente 3C9 si spostava a 600.ooo km.sec.Più o meno alla stessa velocità di altri corpi celesti denominati HS 1946-7658 e PKS2126-158.

    La Galassia Seyfert 3C 120 ha i contorni che si espandono alla velocità 6(sei)volte maggiore di quella della luce.C'è poi la 3C 345 la quale viaggia a 7(sette) volte la luce.Si prenda nota pure della 3C 273 che sfreccia a ben 10 (dieci) volte la nostra Speedy Gonzales. O come la FAMIGERATA 3C 279 che supera per ben 19 (diciannove)volte la velocità della luce.

    Infine vorrei tanto sapere perchè l'astronomo KARLSSON che poneva il mondo a meditare di fronte a queste velocità,non trovò più lavoro in astronomia e dovette dedicarsi alla medicina.Coincidenze si dirà,sicuramente sarà così,provate però ad andarlo a chiedere a lui. Che il mio amico scienziato Johnny non c'habbia messo lo zampone?....sarebbe così più facile da spiegare

  • #48

    XXX (domenica, 11 agosto 2013 00:47)

    @Malles, i dati che riporti della 3C 279 non sono del tutto esatti, quando parli dei contorni che si espandono ad una velocità maggiore di quella della luce, non staai parlando altro che di un'inlusione ottica........per dirla in breve, non vi è nessun movimento superluminale.

  • #49

    John Watson (domenica, 11 agosto 2013 09:25)

    @ XXX, Marcy, et al.,

    forse e' a voialtri che sfugge il significato di teoria. Se io mi sveglio una mattina e dico che si puo' volare tra una stella e l'altra mangiando un biscotto non e' che questa affermazione diventa automaticamente una teoria valida. Ne' significa che bisogna investigare tale possibilita'.

    Una teoria non e' nient'altro che un modello che descrive certi fenomeni osservati e ne predice altri non ancora osservati. E la tua sparata sui greci e su Galileo, caro XXX, la dice lunga su quanto ignori il concetto di teoria. I greci lo sapevano benissimo che la Terra fosse sferica, e nonostante la credenza comune, questa idea e' rimasta diffusa anche durante tutto il medioevo (hai mai letto la Divina Commedia?), fatti salvi alcuni circoli ristretti.

    Che la Terra sia sferica non e' una teoria nel senso che la intendi tu, ovvero di qualcuno che si e' svegliato una mattina e ha detto "secondo me la Terra e' sferica". E' una teoria nel senso che ci sono millemila osservazioni che puntano tutte in quella direzione.

    La propulsione a curvatura e' un'idea bellissima, magnifica. Ma rimane un'idea. Non un modello e nemmeno una teoria. Non esiste nessuna prova che sia realizzabile, ma anzi ogni evidenza sperimentale e calcolo teorico puntano nella direzione che non sia realizzabile. D'altronde se prima mi dici che ci vuole un quantitativo di energia spropositato per piegare lo spaziotempo dopo non puoi venirmi a raccontare che cerchi di farlo con uno specchio e due laser. Significa che e' impossibile? Certo che no. Niente e' impossibile al 100%. Anche che sul lato nascosto della Luna ci siano unicorni rosa non e' impossibile. Perche' non mandare una sonda, anzi meglio una missione umana, ad investigare la cosa?

    Ultima cosa, e questo e' un complimento, mi congratulo con XXX per aver giustamente fatto notare a Malles una delle sue solite castronerie. I moti superluminali dei quasar sono in effetti solo apparenti, e figli di un effetto della relativita' speciale che si chiama Relativistic Beaming. Suggerisco una lettura veloce su Wikipedia prima di venire qui a farci credere che un effetto ben noto e studiato in astronomia sia in contraddizione con tutto cio' che oggi sappiamo dell'Universo.

  • #50

    XXX (domenica, 11 agosto 2013 14:29)

    Caro Watson, nel periodo arcaico i Greci credevano che la terra fosse piatta, non so le tue fonti, ma la mia non è di sicuro una sparata.

    Se tu affermi che una teoria, è anche predire dati non ancora osservati, allora Galileo, in qualche modo, predette che essa fosse rotonda. Quindi fai tu la sparata, tanto per controbattere.

    Per me la propulsione a curvatura è una teoria, dopo di tutto l'espansione dell'universo è qualcosa che è avvenuta in natura.

    Per quanto riguarda lo specchio e il laser, non è altro che riprodurre qualcosa su scala ridotta, come è avvenuto anche per il cerm.

    Ti faccio un esempio, si può teorizzare il ponte sullo stretto nel periodo del medioevo?

    Secondo me si, sarebbe bastato progettarlo e magari costruirlo su scala ridotta..........alla fine avremmo avuto solo un plastico che riproduce il ponte nel periodo del medioevo, ma si sarebbe potuto ipotizzare che proiettata in futuro l'idea fosse realizzabile.

    Per quanto riguarda il pascolo di unicorna rosa, abbiamo già avuto questa discussione, ma la intendo come per il succo d'arancia che cura la demenza senile. E' soltanto un esempio stupido il tuo....

    E mentre tu utilizzi gli unicorni rosa per deridere argomenti seri, la scienza, anche se solo agli inizi, prova a fare quello che tu dici non si possa neanche teorizzare.

    Per fortuna, come dice Margherito H, la scienza si muove in maniera ben più "evoluzionistica" di quanto voi sapientoni ci volete far credere.

    Saluti

  • #51

    Malles (domenica, 11 agosto 2013 14:36)

    UHELLA!!! Amico Johnny,

    Che felicità (!?!?!?)sapere che sei ancora qui a farci da insegnante e che non ti eri dato alla MACCHIA,noi siamo tutti pronti ad immergerci nel mare della tua subliminale conoscenza nel quale tu navighi meglio di Bering e di Colombo messi assieme,evviva!!!

    Pensa che stavo mettendo via un gruzzoletto per venirti a trovare ,ricavandolo(dopo una dura giornata di lavoro da barcarolo) agli incroci suonando il BOMBARDINO,non sarà più necessario,meno male.

    Mi ha fatto però dispiacere(sto ancora lacrimando)RIcostatare che cavilli ed estrapoli solo quello che (come al solito) più ti aggrada,resto sì contento di farti contento perchè sò che ti esalti,ma siccome tutto il tuo pubblico sà che sei una persona onesta(...)si aspetta che FABULI anche del premio nobel Nikolay Besv,del prof.Sadeh,di Todeschini,del prof Cerenkov ecc.i quali sono tutti luminari QUASI par tuo,degnali di un cenno.

    Ora mi trovo a Cervinia e con sorpresa ho notato all'inizio del paese a sinistra,all'entrata di un giardinetto un busto dorato alla memoria di Mike Bongiorno.Ho chiesto al sindaco se sarà concesso ad un capoccione par tuo pur essendo in vita un onore simile,non un busto,ma un'intera statua,non in oro ma in platAno.Purtroppo mi ha risposto :à aucun prix

    ALLEGRIAAAAA ALLEGRIAAAA

  • #52

    @ (domenica, 11 agosto 2013 15:21)

    Malles, non ci girare intorno....non è questione di estrapolare solo quello che fa comodo, tu sui quasar hai detto una panzanata, punto e asta

  • #53

    John Watson (domenica, 11 agosto 2013 19:53)

    @ XXX

    "Caro Watson, nel periodo arcaico i Greci credevano che la terra fosse piatta, non so le tue fonti, ma la mia non è di sicuro una sparata."

    Nel periodo MOLTO arcaico si, ma nel periodo ellenistico era ormai ben noto che la Terra fosse sferica, e non certo grazie a Galileo che e' venuto quasi due millenni dopo.

    "Se tu affermi che una teoria, è anche predire dati non ancora osservati, allora Galileo, in qualche modo, predette che essa fosse rotonda. Quindi fai tu la sparata, tanto per controbattere."

    Di nuovo, non e' Galileo che ha formulato, e nemmeno dimostrato, il fatto che la Terra sia sferica. Gia' nell'antica Grecia esistevano innumerevoli fatti osservativi che venivano spiegati benissimo con una Terra sferica e malissimo con una Terra piatta. Il concetto di Terra sferica e' venuto in seguito ai fatti, non viceversa.

    "Per me la propulsione a curvatura è una teoria, dopo di tutto l'espansione dell'universo è qualcosa che è avvenuta in natura."

    E ancora avviene. Peccato che non c'entri niente con la propulsione a curvatura che, lo ripeto, non e' una teoria o un'osservazione. E' una speculazione.

    "Ti faccio un esempio, si può teorizzare il ponte sullo stretto nel periodo del medioevo?"

    Certo, come no. Ma come al solito stai mescolando due cose che non c'entrano niente l'una con l'altra. Nel medioevo non esisteva alcuna barriera fisica (nel senso di leggi della fisica) o teorica alla costruzione di un ponte sullo stretto. Era solo una questione tecnologica. Non si sapevano ancora produrre i materiali giusti, o non si sapevano lavorare nel modo giusto, o non c'erano le risorse, o semplicemente non era una cosa cosi' fondamentale da costruire. Ma era plausibile pensare che un giorno fosse realizzabile. Cosi' come oggi e' possibile pensare che si potra' costruire un ascensore spaziale se un giorno ci saranno i materiali, i mezzi, le risorse, e la volonta'. Non esiste alcuna barriera fisica (nel senso di leggi della fisica) o teorica.

    Tutt'altro discorso per il volo interstellare. Esistono leggi della fisica ben documentate e barriere teoriche fondamentali che si oppongono al viaggio superluminale. E' un problema ben piu' grosso di un semplice limite tecnologico. Puo' essere superato? Forse. Ma oggi come oggi nessuno ha idea di come fare, proprio perche' non esiste una teoria al riguardo. Esistono speculazioni. Ma le speculazioni non sono teorie.

    "Per quanto riguarda il pascolo di unicorna rosa, abbiamo già avuto questa discussione, ma la intendo come per il succo d'arancia che cura la demenza senile. E' soltanto un esempio stupido il tuo...."

    Perche'? Sono affermazioni prive di evidenze a supporto e prive di una giustificazione teorica, ma che, sebbene improbabili, sono comunque possibili. Esattamente come la propulsione a curvatura.

    "E mentre tu utilizzi gli unicorni rosa per deridere argomenti seri, la scienza, anche se solo agli inizi, prova a fare quello che tu dici non si possa neanche teorizzare."

    Non sono io che lo dico. Forse si puo' teorizzare. Ma non e' stata ancora teorizzata, e nessuno ci sta andando nemmeno vicino. E non sto ridicolizzando niente. Sto solo mettendo le cose sul loro piano di appartenenza.

    "Per fortuna, come dice Margherito H, la scienza si muove in maniera ben più "evoluzionistica" di quanto voi sapientoni ci volete far credere."

    Se Margherito H e' quello stesso mio ammiratore che sostiene che un satellite orbitante intorno a Marte possa, sotto certe condizioni, avere una velocita' superluminale allora stai fresco.

    In ogni caso, risparmiami la retorica proto-ufologica del "vedrete che un giorno anche la scienza ci dara' ragione". Non ha funzionato in 70 anni, e non iniziera' certo adesso. Il fatto che qualche volta un'idea giusta sia stata considerata una cretinata non significa che tutti i cretini abbiano idee giuste.

  • #54

    Franz (domenica, 11 agosto 2013 22:36)

    XXX io non ho detto che non siano possibili i viaggi interstellari in futuro ho solo detto che nessuno può dire se saranno possibili del futuro nessuno può dire nulla con certezza neanche lei.
    Se esiste questo progetto della nasa finalizzato a provare la fattibilità dei viaggi superluminali non puo essere più considerata solo una speculazione dato che una speculazione non ha finalità pratiche.

  • #55

    XXX (lunedì, 12 agosto 2013 10:53)

    @John Watson

    Io nel mio 35 ho scritto " i greci molto tempo fa ritenevano che la terra fosse piatta"

    Allora che mi contraddici a fare?

    "non e' Galileo che ha formulato, e nemmeno dimostrato"

    Sicuramente ha contribuito

    Cmq se proprio vuoi fare il pignolo, allora ti riformulo la domanda che ho posto a Lorenzzo......."I GRECI NEL PERIODO MOLTO ARCAICO CREDEVANO CHE LA TERRA FOSSE PIATTA, MENTRE I GRECI DEL PERIODO ELLENISTICO PROVARONO CHE FOSSE ROTONDA
    QUINDI FAMMI CAPIRE, SE I GRECI DEL PERIODO ELLENISTICO NON FACEVANO QUESTA SCOPERTA, AVEVANO RAGIONE I GRECI DEL PERIODO ARCAICO?............BELLA TEORIA LA TUA!

    "E ancora avviene. Peccato che non c'entri niente con la propulsione a curvatura che, lo ripeto, non e' una teoria o un'osservazione. E' una speculazione."

    Alla luce di quello che è scritto nell'articolo, la propulsione a curvatura E' UNA TEORIA!!!.......basta leggere------>White sta lavorando al Johnson Space Center, ad un sistema che crei in laboratorio quello che avvenne durante la prima fase di espansione dell’Universo: l’inflazione.

    Per quanto riguarda l'esempio del ponte nel medioevo, l'esempio è mooooolto attinente, infatti, è proprio " la questione tecnologica" il parallelo con " la barriera fisica"
    Quindi, come per te era plausibile pensare che un giorno il ponte fosse realizzabile, per me forse un giorno si potrà costruire un motore a curvatura.........forse a te sfugge il particolare , che una teoria non per forza deve essere confermata sperimentalmente.

    Per quanto riguarda gli unicorna rosa neanche ti rispondo, e questo in base a quello che ho scritto sopra riguardo alla propulsione a curvatura.

    Cosa abbia scritto Margherito H in altre occasioni, poco importa, io ti ho fatto un copia e incolla di quel pensiero che condivido.

    Per quanto riguarda la retorica, se qui c'è qualcuno che la fa quello sei tu......parli bene ma non dici nulla. Questa volta ti saluto davvero e credo anche che la chiudo quà, visto che la penso così.






  • #56

    XXX (lunedì, 12 agosto 2013)

    @Franz, anche per me i viaggi superluminali non si possono più considerare una speculazione. Ma forse Jhon Watson di contradirà.

  • #57

    Malles (lunedì, 12 agosto 2013 12:04)

    L'amore del mio amico Jonny per gli unicorni rosa è veramente sconfinato: Ha deciso di farsi catapultare nella faccia oscura della Luna dove ritiene vivano in branchi,lo scopo? Giocare con loro al salto della cavallina...

  • #58

    XXX (lunedì, 12 agosto 2013 15:58)

    errata corrige * contraddirà

  • #59

    Franz (lunedì, 12 agosto 2013 17:42)

    Non temo nessuno.

  • #60

    Lorenzo (lunedì, 12 agosto 2013 17:48)

    #45
    Su Carla Lonardi non si riesce ad andare oltre il 45° commento.
    Forse piegare la luce ha maggior siginificato per quanto attiene l'invisibilità, non i viaggi in curvatura spazio-tempo, anche perchè il fotone, si sa, è privo di massa (massa risibile, a dire il vero)...
    Come ho già cercato di spiegare, il viaggio spazio-tempo è già possibile, ma il problema è la massa (astronave+equipaggio).
    Il tuo QI è così basso che basta una notizia che parli di time-warp per non capire la differenza.
    Per quanto riguarda l'inflazione, è altamente probabile che in assenza di gravità, quindi di massa, le particelle pre-atomo abbiano viaggiato nell'espansione dell'universo a velocità superluminali: Il rallentamento di tali particelle, ha dato vita alla massa (o materia) ed alla gravità.

  • #61

    XXX (lunedì, 12 agosto 2013 18:43)

    Lorenzo approposito di QI, ancora una volta dici castronerie,ma non starò qui a corregerti.........chiedi pure a Watson dove sbagli, qui è lui l'esperto.

  • #62

    Franz (martedì, 13 agosto 2013 16:02)

    Lorenzo come tanti altri dovrebbe prima di scrivere informarsi da fonti serie.

  • #63

    John Watson (martedì, 13 agosto 2013 16:25)

    @ XXX

    "Sicuramente ha contribuito"

    No. Ha contribuito all'eliocentrismo. Che la Terra non fosse piatta era risaputo da duemila anni.

    "I GRECI NEL PERIODO MOLTO ARCAICO CREDEVANO CHE LA TERRA FOSSE PIATTA, MENTRE I GRECI DEL PERIODO ELLENISTICO PROVARONO CHE FOSSE ROTONDA
    QUINDI FAMMI CAPIRE, SE I GRECI DEL PERIODO ELLENISTICO NON FACEVANO QUESTA SCOPERTA, AVEVANO RAGIONE I GRECI DEL PERIODO ARCAICO?............BELLA TEORIA LA TUA!

    No. I greci del periodo ellensitico hanno SCOPERTO che la Terra e' sferica, non lo hanno TEORIZZATO senza prova alcuna, come vorresti dare a bere tu.

    "Alla luce di quello che è scritto nell'articolo, la propulsione a curvatura E' UNA TEORIA!!!"

    Nell'articolo ci potrebbe anche essere scritto che la Luna e' fatta di formaggio. Il che non lo rende vero. La propulsione a curvatura NON E' una teoria. E per inciso, durante l'inflazione non vi e' stata alcuna propagazione di informazione a velocita' superluminale.

    "Quindi, come per te era plausibile pensare che un giorno il ponte fosse realizzabile, per me forse un giorno si potrà costruire un motore a curvatura"

    No. Perche' nel medioevo sapevano come costruire un ponte. Non sapevano come farlo lungo tre chilometri. Mentre tu adesso non sai come propagare NIENTE a velocita' superluminali e non conosci NIENTE della propulsione a curvatura, a parte il nome.

    ".........forse a te sfugge il particolare , che una teoria non per forza deve essere confermata sperimentalmente."

    Assurdita' completa. Certo che deve. Altrimenti si getta nella spazzatura. Ogni teoria ha pari dignita' PRIMA della prova sperimentale. DOPO la prova sperimentale la teoria che non e' confermata viene scartata. Deve essere scartata. La scienza non e' una democrazia dove ogni teoria campata in aria ha lo stesso valore delle altre. Altrimenti si torna agli unicorni rosa.

  • #64

    XXX (martedì, 13 agosto 2013 17:14)

    Watson, che insulse risposte che dai, e non sai più dove attaccarti.....

    Quando mai ho scritto che i greci nel periodo ellenistico hanno teorizzato, io ho scritto che hanno PROVATO.
    Ad ongni modo, non hai capito neanche il senso della domanda, e ti attacchi alle virgole per sviare.......MA PERFAVORE!!!!!

    Salutami gli unicoirni rosa che pascolano sulla luna di formaggio.................Quanta Ignoranza

    Questo è l'inizio di un grande esperimento......e lui parla di lune di formaggio, queste stronzate con me non funzionano.

    LA CHIUDO QUI.

  • #65

    XXX (martedì, 13 agosto 2013 17:41)

    Dimenticavo.......

    @Jhon Watson cosa fai mi rispondi con le mie stesse domande?

    Tu sopra mi rispondo così......"Assurdita' completa. Certo che deve. Altrimenti si getta nella spazzatura. Ogni teoria ha pari dignita' PRIMA della prova sperimentale"

    Come al solito deformi tutto a tuo piacimento, io non ho mai detto che una teoria dopo che sia fallita sperimentalmente continua a rimanere tale.

    Ma quando scrivevo ".........forse a te sfugge il particolare , che una teoria non per forza deve essere confermata sperimentalmente." INTENDEVO CHE PUO' ACCADERE CHE UNA TEORIA FALLISCA NEL MOMENTO DELL'ESPERIMENTO, MA FINA A PRIMA DELL'ESPERIMENTO MANTIENE LA SUA DIGNITA'

    Ho scritto questo perchè tu stai blaterando prima che l'esperimento venga compiuto, quindi fino a quando il processo di sperimentazione non sarà completato, la teoria mantiene la sua validità teorica.

  • #66

    TOE (martedì, 13 agosto 2013 18:07)

    Due scienziati americani, Gerald Cleaver e Richard Obousy della Baylor University, teorizzano la propulsione a curvatura.
    Cleaver e Obousy teorizzano di poter manipolare, utilizzando una grandissima quantità di energia, le dimensioni dello spazio-tempo che circondano una navicella spaziale, allo scopo di creare una "bolla", che lancerebbe il veicolo ad una velocità maggiore di quella della luce.
    Per creare la "bolla" , i ricercatori dovrebbero, innanzitutto, come riporta oggi il Science daily, creare energia oscura intervenendo sull'11ma dimensione prevista dalla M-teoria o Teoria del Tutto (TOE), un perfezionamento della teoria delle stringhe, che si manifesta , appunto, in 11 dimensioni.
    Per i ricercatori, è questa undicesima dimensione che può far viaggiare la navicella più velocemente della luce.
    I fisici hanno valutato che la quantità di energia necessaria per "manipolare" l'11ma dimensione e trasformare in realtà Star Trek, è equivalente all'intera massa di Giove convertita in energia.
    Troppo difficile ammettono i due scienziati, a meno che non si riesca a realizzare tecnologie che possano sfruttare energie infinite o molto, molto grandi.
    Come vedi caro Jhon Watson c'è molta carne al fuoco per considerarla una teoria a tutti gli effetti!!! e quando non si parla piu di barriera fisica ma di limite tecnologico forse ci siamo vicini.

  • #67

    TOE (martedì, 13 agosto 2013 18:12)

    Scusate, in parte dell'articolo che ho copieincollato sopra, compare ", come riporta oggi il Science daily"

    Invece l'estrapolato è del 2009.

  • #68

    Lorenzo (martedì, 13 agosto 2013 19:44)

    @#62
    Cominciamo da te Franz.

    Riporto:
    "Usando un laser, una fotocamera, alcuni specchi e dei condensatori elettrici, White e i suoi collaboratori cercano di piegare leggermente la traiettoria dei fotoni che compongono la luce laser applicando un campo elettromagnetico. In poche parole, cercano di influenzare la curvatura dello spazio tempo lungo la traiettoria del fotone in modo che percorra una maggiore distanza, pur viaggiano sempre alla stessa velocità"

    Si parla di fotoni
    Si parla di campi elettromagnetici
    Si parla di curvatura dello spazio percorso dai fotoni...fotoni, fotoni, fotoni

    La domanda che sorge spontanea è:
    Un fotone equivale ad una astronave ?
    Un elettrone, equivale ad una astronave ?

    Spiega per favore.
    Posta se vuoi, anche link, ma mi piacerebbe che tu spiegassi cosa hai capito in modo che poi io ti dica cosa ho capito io, grazie.

  • #69

    Malles (martedì, 13 agosto 2013 22:13)

    @Amico Johnny

    Ma dico io,dopo aver giocato sulla luna con loro,i tuoi unicorni rosa si aspettavano da te un pò di foraggio,non del formaggio CACIOCAVALLO...suvvia

  • #70

    TOE (mercoledì, 14 agosto 2013 01:31)

    Lorenzo ha appena scoperto che la luce va alla velocità della luce, e che il problema è la massa (astronave+equipaggio). E che un'astronave non equivale ad un fotone......ma che grande scoperta che ha fatto.

    Ma ancora non ha ben capito che se mai si riuscisse a costruire una propulsione a curvatura non sarebbe l'astronave a muoversi, ma l'universo a deformarsi, scorrendo sotto di essa.

  • #71

    John Watson (mercoledì, 14 agosto 2013 08:42)

    @ XXX

    "Quando mai ho scritto che i greci nel periodo ellenistico hanno teorizzato, io ho scritto che hanno PROVATO."

    Lo hai scritto nel tuo #35: "i greci molto tempo fa ritenevano che la terra fosse piatta, mentre Galileo diceva fosse rotonda, e sostenne questo solo teorizzando." Visto che secondo te era stato Galilelo a TEORIZZARE la sfericita' della Terra ho pensato che, nella tua linea di ragionamento, i greci antichi non potessero averlo PROVATO duemila anni prima. Certo, ho fatto l'assunzione che le tue affermazioni siano autoconsistenti, e forse ho sbagliato li.

    "Questo è l'inizio di un grande esperimento......e lui parla di lune di formaggio, queste stronzate con me non funzionano."

    Come preferisci. Quando morirai e la propulsione a curvatura sara' ancora solo Chris Pine che dice "punch it!", non ci rimanere male pero'.

    "Come al solito deformi tutto a tuo piacimento, io non ho mai detto che una teoria dopo che sia fallita sperimentalmente continua a rimanere tale."

    Io deformo tutto? Secondo te che la Terra e' sferica prima l'ha teorizzato Galileo, poi lo hanno teorizzato gli antichi Greci, poi non lo hanno teorizzato, lo hanno provato, poi? La distorsione mi sembra che sia nella tua mente.

    "Ma quando scrivevo ".........forse a te sfugge il particolare , che una teoria non per forza deve essere confermata sperimentalmente." INTENDEVO CHE PUO' ACCADERE CHE UNA TEORIA FALLISCA NEL MOMENTO DELL'ESPERIMENTO, MA FINA A PRIMA DELL'ESPERIMENTO MANTIENE LA SUA DIGNITA'"

    Giustissimo. Cosi' come la mia teoria degli unicorni rosa mantiene la sua dignita' fino all'esperimento, ovvero finche' qualcuno non andra' lassu' a vedere.

    Vedi amico mio, se e' vero che tutte le teorie hanno pari dignita' prima dell'esperimento, e' anche vero che nessuna di esse deve essere presa per buona PRIMA dell'esperimento. E la propulsione a curvatura non e' nemmeno una teoria.

    E se non sei convinto ancora su questo punto, guarda a questo link che cosa ne pensa la NASA della propulsione a curvatura: http://www.nasa.gov/centers/glenn/technology/warp/warpstat.html

    Guarda un po'. SPECULATION. Chissa' cosa vuol dire.

    Best wishes

  • #72

    Franz (mercoledì, 14 agosto 2013 11:12)

    Se vai nella pagina relativa a Alcubierre’s "Warp Drive" dello stesso link della NASA vengono invece definite come teorie a correzione dell'errore nella definizione precedente relativo al motore a curvatura di Alcubierre.

  • #73

    XXX (mercoledì, 14 agosto 2013 12:37)

    Jhon Watson, se hai fatti il ragionamento dell'affermazione autocosistente, allora prova anche a rispondere alla domanda

    Il tuo commento "Quando morirai e la propulsione a curvatura sara' ancora solo Chris Pine che dice "punch it!", non ci rimanere male pero'." è il rovescio della medaglia di quello di Marcy quando risponde a Lorenzo dicendo....."un giorno l'uomo costruirà incredibili sistemi di propulsione, e riuscirà anche a saltare fra le dimensioni.......e tu avrai scritto un sacco di panzanate"........e sinceramente mi sembra molto profetica la battuta di Marcy.....non te la prendere però

    Io confusione non ne faccio, e la domanda e molto chiara......."I GRECI NEL PERIODO MOLTO ARCAICO CREDEVANO CHE LA TERRA FOSSE PIATTA, MENTRE I GRECI DEL PERIODO ELLENISTICO PROVARONO CHE FOSSE ROTONDA
    QUINDI FAMMI CAPIRE, SE I GRECI DEL PERIODO ELLENISTICO NON FACEVANO QUESTA SCOPERTA, AVEVANO RAGIONE I GRECI DEL PERIODO ARCAICO?

    Parli tanto di scienza e alla fine porti tutti a parlare del sesso degli angeli

  • #74

    XXX (mercoledì, 14 agosto 2013 12:42)

    Errata corrige *Molto più profetica della tua la battuta di Marcy

  • #75

    Franz (mercoledì, 14 agosto 2013 15:24)

    Lorenzo Questa propulsione si baserebbe sull'espansione e la contrazione dello spazio tempo.
    qui c'è un link che spiega la teoria Warp Drive di Alcubierre http://www.andersoninstitute.com/alcubierre-warp-drive.html.
    Harold White pensa di aver trovato un modo per aggirare il problema della enorme quantità di energia che ci vorrebbe per curvare lo spazio.


  • #76

    Lorenzo (mercoledì, 14 agosto 2013 16:37)

    La percezione dell'occhio umano è una cosa, eliminarla e provare che le cose sono differenti è un altra: Se guardi l'orizzonte, ti sembra piatto o no ?
    Un fulmine è lanciato da Zeus, secondo te ?
    Oggigiorno con le conoscenze attuali e la tecnologia moderna, la tua domanda non ha senso.

    Come non ha senso asserire "un giorno l'uomo costruirà incredibili sistemi di propulsione, e riuscirà anche a saltare fra le dimensioni.......e tu avrai scritto un sacco di panzanate".
    Un giorno...Scientificamente è inaccettabile non sapere quando.

    Fa bene alla scienza teorizzare, non fa bene sognare.
    Però, se teorizzi, poi devi mettere in pratica.
    Nelle formule matematiche, si può agire sulle grandezze, farle tendere a zero, ad infinito, renderle pari a 1 (se moltiplicano, è come se non esistessero), ma alla fine tutte queste operazioni a lato pratico cosa comportano ?

    Franz, leggerò sicuramente con interesse, ma già c'è scritto che "espansione e la contrazione dello spazio tempo", sarebbe fuorviante come spiegazione della propulsione...

    TOE, io non ho scoperto iente.
    Tu mi devi spiegare cosa c'entra il fotone con il time-warp.

  • #77

    TOE (mercoledì, 14 agosto 2013 17:18)

    Lorenzo, ma cosa vuoi che risponda, hai appena detto che l' uomo ha difficoltà a costruire un astronave più equipaggio che vada a velocità superluminale......OVVIETA'

    E che i fotoni vanno velocità superluminali..........OVVIETA'

  • #78

    Marcy (mercoledì, 14 agosto 2013 17:23)

    Lorenzo ma basta!!!

    "Però, se teorizzi, poi devi mettere in pratica."

    Ma va, davvero!?!?!? E tu cosa vuoi che riescano a costruire un “time warp" dopodomani?

    Questi scienziati stanno teorizzando una cosa, ed oggi è l'inizio della sperimentazione domani si vedrà

  • #79

    Lorenzo (mercoledì, 14 agosto 2013 18:56)

    Certo Marcy, basta.
    Basta avere fede negli altri e tutto si realizza: Abbi fede.
    Abbi dubbi ?
    Ti garba Bennato ?

  • #80

    Lorenzo (mercoledì, 14 agosto 2013 19:00)

    @#27
    Mi sfugge la funzione dei supercomputer.
    Cosa dovrebbero calcolare per il controllo ?

  • #81

    Franz (mercoledì, 14 agosto 2013 19:38)

    "Might be misleading" potrebbe essere fuorviante.
    I fotoni dovrebbero servire White a dimostrare la fattibilità della bolla spazio-tempo prevista da Alcubiere facendoli percorrere una maggiore distanza con la stessa velocità.

  • #82

    Marcy (mercoledì, 14 agosto 2013 19:45)

    Che babbeo!!!

  • #83

    Lorenzo (mercoledì, 14 agosto 2013 20:39)

    ...ma la curvatura non serviva a ridurlo lo spazio ?
    Se io prendo un foglio di carta ed avvicino i due lembi, piegando lo spazio che li separa, percorro più o meno spazio ?

  • #84

    Lorenzo (mercoledì, 14 agosto 2013 20:44)

    Marcy, FABIOSKY dice che fai ironia.
    Io non avevo capito, quindi grazie FABIOSKY.

  • #85

    Lorenzo (mercoledì, 14 agosto 2013 21:44)

    Se S=V*t, per aumentare S, essendo V una costante per il fotone, deve aumentare t essendo un fattore. Se il fotone percorre più spazio, come fa a farlo mantenendo la velocità costante ?
    Ogni secondo,cioè a tempo costante, percorre circa 300.000 Km. Sono costanti sia spazio sia tempo per il fotone.

  • #86

    Margherito H (mercoledì, 14 agosto 2013 23:07)

    @John Watson
    (domenica, 11 agosto 2013 19:53)
    "Se Margherito H e' quello stesso mio ammiratore che sostiene che un satellite orbitante intorno a Marte possa, sotto certe condizioni, avere una velocita' superluminale allora stai fresco."

    Si, sono lo stesso Margherito H che asserì che un corpo delle dimensioni di Phobos necessiterebbe di una velocità FORSE superluminale per poter mantenere un'orbita stabile attorno a Marte ad 1 METRO dalla superficie.
    Frase da lei confutata con una citazione della gravitazione newtoniana e relativo calcolo "accademico" dalla quale risulta una velocità necessaria di 3000 e rotti metri al secondo.
    Mi limito a far notare che:
    "Se i corpi in questione hanno un'estensione spaziale (piuttosto che essere dei punti materiali teorici), allora la forza gravitazionale tra loro viene calcolata sommando i contributi dei punti materiali che costituiscono i corpi..."

    L'utilizzo della "scienza spicciola" sarebbe trascurabile se a parlare fosse un Margherito H come me, che dal basso della sua licenza media inferiore, è semplice appassionato senza titolo accademico.
    Ma lei, come già le feci presente, oltre che essere laureato IN ASTROFICA, ha costantemente un modo saccente di criticare le altrui affermazioni.

    Non mi sembra così spropositato aspettarsi da chi si pone nel web come "Un blogger intenzionato a distruggere la pseudo-scienza", una relativa estrema affidabilità delle affermazioni.

    Nei suoi PROCLAMI si trovano inesattezze a profusione, verificabili da chiunque ben oltre le 3 o 4 che le feci velenosamente notare tempo addietro, alcune delle quali giustificate da lei come chiunque può leggere nel suo blog.

    Aggiungo, per tornare in topic:

    John Watson
    (mercoledì, 14 agosto 2013 08:42)
    "E se non sei convinto ancora su questo punto, guarda a questo link che cosa ne pensa la NASA della propulsione a curvatura: http://www.nasa.gov/centers/glenn/technology/warp/warpstat.html
    Guarda un po'. SPECULATION. Chissa' cosa vuol dire."

    Innanzitutto, come Franz le ha già fatto notare, in pagine più recenti la stessa NASA fa "marcia indietro". Ciò che veniva definito "speculation" si è infatti trasformato in un progetto di studio. Inoltre, quello che lei afferma essere "cosa NE PENSA la NASA", è un'estratto che riporta queste date:

    --Page Last Updated: May 2, 2008--

    Cosa NE PENSAVA la NASA..."caro" Uozzon...
    Tendenzioso come suo solito, eh?!

    Il progetto è infatti tutt'altro che speculazione, come lei invece vorrebbe far credere.
    Qui sotto ci sono i link alle pagine NASA che descrivono L'UFFICIALITA' del progetto "Time Warp", dove si trovano anche tutti i rimandi che confermano la messa in atto già da tempo, finanziamenti "governativi" compresi.

    http://ntrs.nasa.gov/search.jsp?R=20110023492

    http://ntrs.nasa.gov/archive/nasa/casi.ntrs.nasa.gov/20110015936_2011016932.pdf


    Per concludere, vorrei capire cosa intende per "propagazione di informazione". Sempre umilmente dal basso della mia licenza media inferiore, prostrato al suo Astrofisico cospetto.

    " E per inciso, durante l'inflazione non vi e' stata alcuna propagazione di informazione a velocita' superluminale"....

    Non mi è chiaro, esimio Gion...


    (Scusatemi se avevo affermato di aver intenzione di non partecipare più alle discussioni su questo sito. Watson è ciò che per me rientra nel concetto "A tutto posso resistere, tranne che alle tentazioni" [cit.] )

    sii iu suun....

  • #87

    Franz (mercoledì, 14 agosto 2013 23:13)

    No serviva a ridurre il tempo di percorrenza dello spazio.
    Lo spazio circostante sposta l'oggetto in modo che arrivi a destinazione più velocemente della luce tramite la sua contrazione.

  • #88

    XXX (giovedì, 15 agosto 2013 03:53)

    Quello di qui parla lorenzo nel suo 83, è una cosa diversa della propulsione a curvatura, consisterebbe nell'aprirsi un varco, creando uno squarcio nel tessuto spazio temporale, in modo da percorrere lunghe distanze in poco tempo......una sorta di galleria, per dirla in soldoni.

    Invece la velocità a curvatura si rifà al peincipio della scala mobile, e cioè arivare da un capo all'altro stando fermi. La scala che scorre rappresenta lo spazio, e la persona che viene trasportata l'ipotetico equipaggio.....................la navetta sta ferma e lo spazio scorre sotto di essa come un tapis.

  • #89

    FABIOSKY63 (giovedì, 15 agosto 2013 05:29)


    ...particolari...

    @Margherito
    solita grinta, arguzia, intelligenza ed intendimento...bentornato dalle vacanze..:)

    @Lorenzo
    riguardo alla Marcy facevo solo notare che anche lei, come tutti noi, fa dell'ironia...ognuno a suo modo, nulla di più, tranquilli..:)

    riguardo alla domanda al tuo #80 relativa al mio #27...ipotizzammo, molti anni fa, che per un controllo efficiente, dal momento di uscita dalla nostra linea spazio temporale (salto nella [link no-time] aperta appositamente) al relativo rientro nel continuum, l'operazione NON potesse essere condotta da un normale computer di bordo, ne tanto meno manualmente, poiché di tal precisione dovrebbe essere il calcolo -DEVE ESSERE FATTO ANTECEDENTEMENTE ALL'OPERAZIONE "e ripercorso out of the time" DALLO STESSO- che frazioni di centesimi di secondo, "in apertura e chiusura della link", porterebbero l'oggetto del "viaggio-teletrasporto" distante anni luce dal punto di arrivo voluto...o spazialmente o temporalmente, o in entrambe le variabili...

    il super computer serve a NON sbagliare i tempi di "accensione e spegnimento" di quello che in Star Trek è "il bottone" della velocità Warp...e che nella realtà del nostro futuro è compreso in un sistema automatizzato gestito "dalla macchina" in oggetto -VERO CUORE DELLA NAVE- fino a quando, un giorno lontano, l'uomo NON sarà in grado (capacità acquisite) di farlo al suo posto..:)

    ma questo è un altro futuro...al momento ancora inconcepibile per la nostra specie così come la conosciamo..:)

    @...
    l'energia necessaria NON DEVE essere quella "per spingere" una massa nel continuum -COSA IMPOSSIBILE- "per tutto il viaggio" qualsiasi che sia...ma per far scivolare (apertura) nella link "NO-time\NO space" l'oggetto "del viaggio" -CHE SIA UN FOTONE (O UN SEGNALE RADIO) O UN ASTRONAVE NON CAMBIA- per poi riportarlo (con la chiusura della link) al tempo prestabilito -IN FRAZIONI DI SECONDO- di rientro nel continuum...

    a presto..:)

  • #90

    John Watson (giovedì, 15 agosto 2013 23:04)

    @Margherito H

    "Si, sono lo stesso Margherito H che asserì che un corpo delle dimensioni di Phobos necessiterebbe di una velocità FORSE superluminale per poter mantenere un'orbita stabile attorno a Marte ad 1 METRO dalla superficie."

    Era una corbelleria immane allora ed e' una corbelleria immane adesso. Risparmiati il FORSE messo li apposta per proteggerti le terga. Un tale corpo sarebbe SEMPRE ALTAMENTE NON SUPERLUMINALE.

    "Frase da lei confutata con una citazione della gravitazione newtoniana e relativo calcolo "accademico" dalla quale risulta una velocità necessaria di 3000 e rotti metri al secondo."

    Confermo

    "Se i corpi in questione hanno un'estensione spaziale (piuttosto che essere dei punti materiali teorici), allora la forza gravitazionale tra loro viene calcolata sommando i contributi dei punti materiali che costituiscono i corpi..."

    Eccellentemente corretto. Peccato che non c'entri niente con il punto del contendere. Non stavamo parlando di forze ma di velocita'. E la velocita' di un corpo in un campo gravitazionale non dipende dalla sua massa (= dal numero di punti materiali che lo compongono), vedi Galileo e i gravi che cadono dalla torre di Pisa. Certo, a patto che il corpo in questione non contribuisca significativamente al campo gravitazionale stesso, cosa che nel caso di Phobos e' certamente vera.

    "Ma lei, come già le feci presente, oltre che essere laureato IN ASTROFICA, ha costantemente un modo saccente di criticare le altrui affermazioni."

    Vediamo se ho capito bene. Tu, siccome non hai titoli puoi dire tutte le castronerie che ti passano per la mente, e quando ti correggo io, siccome ho una vaga idea di quello di cui sto parlando, sono saccente. In altri termini, quello che dico io anche se corretto e' saccente, quello che dici tu anche se sbagliato va bene. E io che pensavo che chi non sapeva dovesse tacere. Si vede che sono di vecchia scuola.

    "Non mi sembra così spropositato aspettarsi da chi si pone nel web come "Un blogger intenzionato a distruggere la pseudo-scienza", una relativa estrema affidabilità delle affermazioni."

    Forse ti daro' un dispiacere, ma le tue aspettative non sono la forza propulsiva della mia vita.

    "Nei suoi PROCLAMI si trovano inesattezze a profusione, verificabili da chiunque ben oltre le 3 o 4 che le feci velenosamente notare tempo addietro."

    Le 3 o 4 che mi hai fatto notare tu tempo addietro erano in realta' una inesattezza dovuta ad un mio errore di interpretazione prontamente ammesso, e una sequela di estrapolazioni assurde e vere e proprie corbellerie che avevano lo scopo deliberato di ingannare chi non avesse avuto la voglia di rileggersi il contesto. Tutto il resto di questa "profusione" io non l'ho mai visto, ne' da te ne' da altri. Anche perche' le mie repliche sono state da te prontamente ignorate e la tua ambiziosa rubrica ufologico-nazionale e' implosa come una stella di neutroni. Simultaneamente ho assistito invece ad una sequenza ben assortita di panzane da parte tua, da "velocita' superluminali" a oscure "forze magnetiche", passando per altrettanto misteriose "fughe orbitali". Per tacere poi di trafiletti pescati qui e li dalla rete che secondo te erano la prova incontrovertibile della correlazione tra attivita' solare e terremoti mentre in realta' non la menzionavano nemmeno, prova inconfutabile di cialtroneria.

    continua...

  • #91

    John Watson (venerdì, 16 agosto 2013 08:26)

    "Cosa NE PENSAVA la NASA..."caro" Uozzon... Tendenzioso come suo solito, eh?!"

    Ma il fatto che quella pagina non sia mai stata aggiornata e/o rimossa dal 2008 non ti fa scattare almeno un allarmino nel cervello? Non ti fa accendere nemmeno una lampadina piccolina piccolina? Non ti fa venire nemmeno un piccolo dubbio che in realta' la situazione sia rimasta la stessa dal 2008? No?

    "Il progetto è infatti tutt'altro che speculazione, come lei invece vorrebbe far credere.
    Qui sotto ci sono i link alle pagine NASA che descrivono L'UFFICIALITA' del progetto "Time Warp", dove si trovano anche tutti i rimandi che confermano la messa in atto già da tempo, finanziamenti "governativi" compresi."

    Io non voglio far credere niente. Io ti ho fatto vedere quello che c'e' scritto sul sito ufficiale della NASA. Il fatto che ci siano soldi (pochi) che vengono investiti in qualcosa di vagamente collegato alla propulsione a curvatura non significa che non sia una speculazione. Alla fine dell'articoletto da te brillantemente menzionato si legge chiaramente che gli studi di White fanno parte di uno sforzo prolungato per mettere giusto qualche soldino ("modest funding") in qualcosa che forse, un giorno, se siamo fortunati, condurra' ad una "breakthrough technology". Traduzione: "sappiamo che molto probabilmente non funzionera' mai ma mettiamoci giusto qualche spicciolo perche' non si sa mai che la roulette si fermi sul numero giusto. E anche perche' questo ci rende fighi agli occhi dell'uomo della strada".

    "Per concludere, vorrei capire cosa intende per "propagazione di informazione". Sempre umilmente dal basso della mia licenza media inferiore, prostrato al suo Astrofisico cospetto."

    Intendo dire che e' vero che lo spazio si e' espanso con velocita' superluminali durante l'inflazione, ovvero due punti dello spazio si sono allontanati tra di loro a velocita' superluminali. Ma in nessun modo questo significa che questi due punti abbiano potuto mai trasmettersi informazione a velocita' superluminali. In effetti l'espansione dello spazio non trasporta informazione, che e' poi tutto quello che conta, sia essa fatta di fotoni oppure di astronavi. L'informazione continua sempre a propagarsi alla velocita' della luce, e sempre lo fara'.

    Cio' detto, con vostra somma gioia sono costretto a prendermi una pausa, spero solo provvisoria. Attenti a non rivoluzionare la fisica in mia assenza.

  • #92

    Franz (venerdì, 16 agosto 2013 09:35)

    Non è lo spazio che si è espanso ma è l'universo che si espanso.
    L'attuale teoria dell'inflazione non è un fatto acquisito dato che stanno sorgendo dei dubbi sulla sua validità, si stà pensando ad una sua correzione o al suo superamento.
    Lo spazio non trasporta l'informazione ma la conduce.


  • #93

    Eureka (venerdì, 16 agosto 2013 13:55)

    Rooon-Rooon,Prrrr-Prrrr-Bzzzz-zzz - Bzzzz-zzzz.andate a dormire anche voi sapientoni.E chiudete la porta a John Watson.)))

  • #94

    Margherito H (venerdì, 16 agosto 2013 16:41)

    @Gion Uozzon

    Credo che, come per il mio velenoso 3ad su Ufonetwork, non ci sia bisogno di replicare ulteriormente. Ci sono affermazioni da parte mia e da parte sua più che bastanti per concedere a chiunque ne fosse interessato di "sposare" il modo di essere di uno dei due. O di nessuno dei due.
    Non credo sinceramente mi serva aggiungere nulla, se non..."controllate le affermazioni di entrambi". E controllate anche tutto il resto, se volete essere certi su chi sia tra i due il più biasimabile.

    @Franz
    "L'attuale teoria dell'inflazione non è un fatto acquisito dato che stanno sorgendo dei dubbi sulla sua validità, si stà pensando ad una sua correzione o al suo superamento."

    Ma non era una TEORIA?!
    Quindi...acclarata in termini scientifici?
    Hihihihi.... :-)

    Bah...sarò stupido io che da sempre non la tengo in considerazione.
    Anzi, colgo spunti continui per attaccarla, in quanto essa è frutto di falsità ideologica e null'altro. 3:-)

    Lo sostengo da una ventina d'anni.
    Teoria inflattiva = Mirror climbing

    Ripeto ciò che ho già scritto altrove:

    "E' l'ennesimo accomodamento del mondo accademico pur di non non ammettere i limiti del proprio pensiero scientifico, da tempo malinterpretato e tradito nei suoi scopi più alti, per sola colpa del continuo vociare ad minchiam dell'ego di alcuni."
    (I miserrimi come quello lì che "distrugge la pseudo-scienza")

    @Fabiosky
    "Margherito
    solita grinta, arguzia, intelligenza ed intendimento...bentornato dalle vacanze..:)"

    La ringrazio per l'immeritata attestazione di stima...riguardo alle vacanze, ehm, non sarei ancora andato. Nimmanco tornato, quindi.
    Sono ancora schiavo di fugaci tentazioni , le quali mi portano a palesarmi sporadicamente su queste pagine, da me un dì amate.

    Vedo che lei è sempre accompagnato dalla sua sottile ironia, mentre ci sorvola in pindarico volo...a volte anche convincente, come in parte il contributo stesso che sto quotando.

    La saluto con amichevole invito. Mi trova in terra catalana per buona parte del mese di Settembre. Se passasse di lì...faccia un fischio. :-)

    @TOE

    Noto che mi sono dimenticato in precedenza di quotarla.
    Riguardo l'Universo/i che ci circonda, sono molto più appagato e convinto, data la "modernità" nella costruzione dell'intera teoria, proprio dalla M Theory che lei cita.
    Una fase di studio ai suoi primi vagiti, ma decisamente più coerente di ciò che l'ha preceduta.
    Un nuovo modo di studiare "il tutto", che fà tesoro di ogni valida teoria fino ad oggi formulata, cercando di trovarne un utilizzo globale per spiegare veramente TUTTO.
    Credo sia una base che verrà consegnata agli onori delle cronache come il primo vero "grande passo" verso la comprensione del "ciò che veramente" che ci circonda. Ben oltre il piano dimensionale da noi percepito, e già più che ben spiegato dal genio di Einstein.


    Saluti, bella gente.

  • #95

    Franz (venerdì, 16 agosto 2013 18:07)

    Una teoria non è necessariamente un fatto acclarato.
    Il mondo scientifico ammette sempre i limiti della conoscenza scientifica.
    Pseudo-scienza significa falsa scienza perchè non applica il metodo scientifico.

  • #96

    John Watson (sabato, 17 agosto 2013 08:05)

    Un piccolo P.S.:

    l'inflazione e' un modello che ha al suo attivo innumerevoli successi. Spiega la fomazione delle fluttuazioni primordiali di densita', spiega la CMB (inclusi i nuovissimi dati di Planck), e spiega molte altre cose.

    Certo non e' perfetta, ne' conclusiva, e nemmeno fondamentale (nel senso che non segue da leggi fondamentali della Natura). Ma e' quanto di meglio abbiamo oggi. Ogni altra teoria che voglia spiegare l'Universo primordiale deve COME MINIMO ottenere gli stessi successi dell'inflazione, e possibilmente andare anche oltre. Per adesso questo non e' successo, ne' con la M-theory ne' con altre.

    Non basta dire "secondo me l'inflazione e' falsa" per non schiantarsi contro trent'anni di studi e successi sperimentali. Questo dovrebbe entrare bene nella testa degli arroganti, soprattutto quello li che non sa distinguere un sasso da un pianeta ma si sente in diritto di insegnare il mestiere ai migliori fisici teorici del mondo che contro i problemi dell'Universo primordiale ci sbattono la testa da decenni.

    Ave

  • #97

    Scazzato (sabato, 17 agosto 2013 10:45)

    BAAAAAAAAASTA JOHN VATSON VAI A ZAPPARE,SMETTILA DI ROMPERE;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;S

  • #98

    Franz (sabato, 17 agosto 2013 14:18)

    Intanto qui nessuno ha detto che la teoria inflazionaria sia falsa.
    I dati del satellite planck a confermato il modello standard ma ha anche messo in luce la necessità di nuove teorie.
    La teoria inflazzionaria ha avuto molto successo perchè risolve alcuni problemi del big beng e rende conto di molte osservazioni; però rimane ancora irrisolti alcuni problemi come quello della singolarità.
    Per un maggior approfondimento rimando all'articolo di Paul J.Steinhardt" La teoria fondamentale della cosmologia moderna è sbagliata?"

  • #99

    Un astronomo (sabato, 17 agosto 2013 17:45)

    l'inflazione è falsa!

  • #100

    Un commercialista (sabato, 17 agosto 2013 20:34)


    come falsa?!? casso!..ho sbagliato tutte le denunce!.:D

    by Fuffasky63

  • #101

    Franz (sabato, 17 agosto 2013 22:54)

    L'inflazione non è falsa i dati fin qui ottenuti sono in eccellente accordo con le previsioni diciamo che non è ancora completamente consolidata dato che ci sono ancora dei problemi da risolvere.

  • #102

    Un astronomo (domenica, 18 agosto 2013 01:23)

    Franz, vuoi saperne più di un astronomo?

  • #103

    Il commercialista di prima (domenica, 18 agosto 2013 01:33)


    ah! meno male!..
    per un attimo ho pensato che tutti "i numeri" che mi hanno insegnato a scuola e che ho messo nelle denunce dei redditi fossero sbagliati!.:D

    http://it.wikipedia.org/wiki/Inflazione_(cosmologia)

    esci con "10 euro in tasca" eh!eh! e ti ritrovi con "un pugno di mosche"..."nel portafogli"...

    vita grama..:D

  • #104

    Un astronomo (domenica, 18 agosto 2013 01:39)

    Quello che dice John Watson ormai è inflazionato!

  • #105

    Franz (domenica, 18 agosto 2013 08:22)

    In questo caso sembra di si.

  • #106

    Malles (domenica, 18 agosto 2013 12:04)

    Un Astronomo e un Commercialista,meritate il premio NO-BEL,bravissimi,questa è la giusta maniera di affontare il grande Yohnny e i suoi argomenti. Siete GUSTOSISSIMI!!!!meglio delle tagliatelle alla TRIFOLA. CIAO

  • #107

    La segretaria del commercialista di prima (lunedì, 19 agosto 2013 01:51)


    http://merendasinoira.wordpress.com/2011/11/21/quando-trifola-significa-semplicita/

  • #108

    La sorella dell'astronomo (lunedì, 19 agosto 2013 02:17)

    mmmmmm, buone le tagliatelle alla trifola

  • #109

    @@ (lunedì, 19 agosto 2013 17:54)

    Watson, perchè ti fai prendere per il culo da tutti

  • #110

    www. (lunedì, 19 agosto 2013 18:03)

    Contento lui:()

  • #111

    giovanni (sabato, 24 agosto 2013 01:52)

    non c'e' alcun dubbio che nell'universo fisico la velocita' della luce e' la massima esistente, soltanto uscendo dal mondo fisico puo' essere superata, e questo si potra' fare solo quando la tecnologia consentira' di creare dei tunnel dimensionali di universo non fisico all'interno dell'universo fisico ad esempio con laser antimateria collimati ad alta energia si potrbbereo creare dei veri e propri buchi nell'universo fisico attraverso i quali si potrebbe viaggiare a velocita infinite

  • #112

    Franz (sabato, 24 agosto 2013 14:16)

    I tunnel dimensionali sono un fatto ipotetico ancora da dimostrare.

  • #113

    ? (martedì, 18 marzo 2014 00:55)

    se la forza di gravità di una massa riesce a curvare lo spazio circostante,
    allora, maggiore sarà la forza di gravità della massa e maggiore sarà la curvatura dello spazio.
    Dunque, se ci fosse una forza tale da piegare l'universo fino ad un'incognita x, forse si potrebbero creare i varchi temporali..
    Plausibile?

  • #114

    LordFletcher (giovedì, 08 maggio 2014 01:33)

    più o meno tutti hanno una preferenza riguardante i vari modi che ha un'ipotetica macchina del tempo di viaggiare, comunque io preferisco l'utilizzo dei wormhole per viaggiare, ma resta sempre il dilemma su come tornare indietro certo una teoria rilevante potrebbe essere quella sull'utilizzo dei tachioni,
    anche se ancora per noi questa particella non è del tutto conosciuta.

  • #115

    Yoda_2036 (martedì, 28 aprile 2015 18:05)

    Il problema dei viaggi nello spazio tempo non è nel conceto di peso o grandezza, ne quello dell'energia necessaria. Il "periodo" inflazionario, nella formazione dell'universo o del multiuniverso, non ha nulla a che fare con la materia (che non esisteva ancora) ma con l'energia " incommensurabile " della gravitazione quantistica. Quindi se si riuscisse a creare una " BOLLA TEMPORALE " (dove il tempo non ha senso) tale da contenere ciò che vorremmo traslare, non sarebbe la bolla con il suo contenuto a muoversi ma bensì lo spasio-tempo attorno o difronte a lei. Pensare in modo negativo o pregiudizievole non ha mai portato da nessuna parte: è il condividere che determina un avanzamento verso la " CONOSCENZA ". Presuntuoso è colui che pensa di sapere piu degli altri per affermare una supremazia e non per condividere con altri o tutti il frutto del Suo sapere. Ricordiamoci di chi affermo "... più Io so più mi rendo conto di non sapere ... ". Comunque, anche se si riuscisse a creare una " Bolla Temporale ", i problemi del Viaggio nello spazio-tempo sarebbero solo all'inizio per le implicazioni che ne comporterebbe.