Edgar Mitchell a Bloomberg: il segreto sugli ufo deve cadere

Edgar Mitchell non è un astronauta qualsiasi. E' uno di quelli che hanno messo piede sulla Luna nella gloriosa missione Apollo 14. A differenza di altri suoi colleghi Mitchell è molto loquace e parla di argomenti scomodi senza scomporsi. Il pioniere Lunare affida a Bloomberg i suoi pensieri, sostenendo che esiste un velo di segretezza intollerabile sugli oggetti non identificati, frutto di pregiudizi e di cover up di Stato. Mitchell 82 anni, va oltre e confida anche di essere stato contattato da persone collegate ai fatti di Roswell, addirittura dal un uomo che recapitò le bare per sepellire i corpi degli alieni recuperati nel New Messico. Parole che stanno già facendo discutere.

Mitchell ritiene credibile che a Roswell si sia schiantato un disco volante, anche se precisa che lui non ha mai avuto a che fare direttamente con fenomeni ufologici o alieni. A Bloomberg conferma che l'opinione pubblica sia pronta a una consapevole verità sul fenomeno ufo nel suo insieme. "Il silenzio di chi sa, ammesso che esista qualcuno che sa, deve terminare" afferma l'astronauta. Nonostante questo precisa che non ha mai subito pressioni per mantenere il silenzio e se fosse successo non si sarebbe certamente fatto intimidire.

Gli argomenti trattati dal cosmonauta sono molti, si parla anche di Marte. 

"Non credo che ci sia molto valore nel cercare di utilizzare la Luna come base per andare su Marte. La Luna non ha molto da offrire come base di risorse. C'è qualcosa che potremmo  trovare scavando nel pianeta Rosso, ne sono sicuro, ma ci sono modi migliori per farlo che usare la Luna come base di lancio. Abbiamo bisogno di diversi tipi di propulsione per arrivare su Marte, ne scrissi nella tesi di primi dottorato già nel 1960"

 

Mitchell si concentra sulla ricerca di vita extraterrestre che deve essere portata a termine senza esitazione, e sul nostro futuro come colonizzatori dello spazio: "Dobbiamo continuare a sviluppare tecnologie per portare l'umanità su altri pianeti, ma dev'essere uno sforzo mondiale perché nessun Paese può farcela da solo. Le nazioni dovranno saper attraversare lo spazio perché prima o poi da questo pianeta dovremo andare via, il sole prima o poi finirà il suo ciclo vitale".

 

Infine nell'intervista con James Clash, l'autore di "The Right Stuff: Interviste con le icone degli anni 1960", Mitchell affronta il tema ufologico dal punto di vista tecnologico e del business citanto anche 

Eisenhower. Secondo l'astronauta i soldi che girano intorno all'industria militare sono molti, e gli interessi potrebbero condizionare un progresso onesto e trasparente. Eppure nonostante tutto questo da oltre 30 anni l'America ha abbandonato l'esplorazione spaziale umana, e la Luna non è mai stata così "lontanta". Mitchell fa fatica a farsene una ragione, e avverte: dobbiamo emigrare per non morire. Come dargli torto?

Serena Donvi per Ufoonline.it

Scrivi commento

Commenti: 16
  • #1

    vradox (sabato, 20 luglio 2013 18:55)

    sempre che mitchell non stia portando avanti un piano di "cover up" ; ovvero: se dici tante sciocchezze su un argomento alla fine anche quel poco di verità finirà per essere parte dello sciocchezzaio... tecnica consumata...

  • #2

    Cinese (sabato, 20 luglio 2013 20:34)

    Ma i cinesi ce li portiamo dietro vero?

  • #3

    luckystarr (domenica, 21 luglio 2013 00:35)

    Una cosa vera l'ha detta gli USA hanno abbandonato per 30 anni l'esplorazione spaziale umana ma solo perche'non avevano concorrenti, ora li hanno, cioe'la Cina (non certo l'Europa che non ha mezzi propri). Nonostante i progressi Cinesi gli USA continuano a tagliare i fondi alla NASA dove iniziano a chiedersi se non sarebbe il caso di tagliare la difesa anziche'la ricerca, inoltre fanno tagli al programma spaziale privato dove si inizia a dubitare di poter mandare qualche astronauta USA sulla iss senza che gli americani debbano chiedere il passaggio alle capsule russe o prima o poi a quelle Cinesi ;)


  • #4

    Werther (domenica, 21 luglio 2013 12:17)

    Dobbiamo andarcene dove? e perché? Chi è il cretino che può dargli ragione? Se non vogliono starci in questo lurido mondo basta sedersi in qualche razzo caraibico e farlo esplodere.

  • #5

    XXX (domenica, 21 luglio 2013 21:47)

    Ho sempre stimato Edgar Mitchell, ma non può uscirsene ogni santa volta con questa storia dei segreti sugli UFO, senza neanche portare un straccio di prova, tutto ciò che dice è molto fumoso, forse è ora che la finisca con questa storia.

  • #6

    IL CONDOTTIERO (lunedì, 22 luglio 2013 21:55)

    Concordo con i vostri commenti, é ora di finirla con questi piagnistei a 82 anni , poteva parlare prima , ma evidentemente di sente solo e vuole farsi pubblicità.É poco credibile, é la sua credibilità sta lentamente scemando del tutto.Dispiace é un personaggio che fa parte della nostra storia, poteva tacere e lasciare intatto il ricordo che tutti abbiamo di lui fino ad ora.Poi oggi vi é un problema enorme non si hanno fondi x fare qualcosa di interspaziale decente,snzi la cosa é ancora insormontabile e la speranza di fare qualcosa richiederà molti anni.

  • #7

    FABIOSKY63 (martedì, 23 luglio 2013 02:15)


    vorrei vedere voi ah!ah! ad 82 anni!..

    con il pannolone, la dentiera ed il bastone, ove non la sedia a rotelle, sbandierare la scatola delle pasticche mentre vi cadono "gli occhiali"!..chiamiamoli così..:D

    quest'uomo è -ANCORA- uno di quelli che ha fatto la storia dell'astronautica! e secondo me può permettersi di avere qualche trigliceride in più in circolazione mentre noi dovremmo controllarli più spesso, invece...prevenire eh!eh! è meglio che curare..:D

    se fosse mio nonno sarei MOLTO contento che mi dicesse "di cercare, di guardare oltre le apparenze"...piuttosto che vederlo occuparsi -SOLO- di "due pacche e un 31"!..

    e poi si fa e si dice quel che si può! VOLENDOLO!..e anche questo NON è da tutti..:)

  • #8

    mich (martedì, 23 luglio 2013 07:51)

    Difficile credere che siano state utulizzate delle bare x delle EBEE. Che nn sono reali esseri viventi e ke potrebbero.essere ritrovati. Piu facili ke siano stati cremati

  • #9

    Mich (martedì, 23 luglio 2013 07:54)

    Oltretutto nn ha senso andare su marte a scavare, ormai e un pianeta sterile confronto al nostro. Pensiamo a salvaguardare questo pianeta che nel giro di milioni di anni luce è l'unico non sterile

  • #10

    XXX (martedì, 23 luglio 2013 14:03)

    fabyosky ma che vuol dire " ammesso che esista qualcuno che sa" sembra quasi che voglia dire, per me a Roswell è successo qualcosa, ma non ne sono tanto sicuro.

    In questo modo non si va da nessuna parte, e il nostro amico astronauta piano piano sta diventando come Giovanna Podda o Chiumento.

  • #11

    jhonni (martedì, 23 luglio 2013 14:08)

    @xx
    vuoi dire che mitchell è stato ingravidato di un coniglio in una rotonda di treviso?!?!?!

  • #12

    XXX (martedì, 23 luglio 2013 17:36)

    No Jhonni , intendevo che ingravidato da un grigio in una rotonda lunare.......sai quella che porta al mare della tramquillità!!!

  • #13

    FABIOSKY63 (martedì, 23 luglio 2013 19:47)


    ...particolari...

    @mich o Mich
    le bare furono utilizzate per il trasporto, poi furono posti in celle frigorifere...

    @XXX
    quella generazione di astronauti provenivano -TUTTI- dall'accademia militare, piloti Top Gun, ufficiali di aviazione con inclinazione e forma mentis volta all'obbedienza, e giurare fedeltà alla nazione e agli obblighi che ne conseguono NON erano intese come quisquilie, anche con il pensionamento...che sappia più o meno -E LO SA COME TUTTI QUELLI CHE SONO ANDATI LASSU'- NON dirà di più di quello che chiosa ed ammicca!..

    @jhonni
    quello della rotonda di Mortegliano era un pollo, bipede tri-artigliato, e NON "un coniglio"...che invece è "il dio lunare" (ebe grigio meso-sudamericano) che "scava i buchi sulla Luna" e sulla Terra...

    birichini! birichini!.:D

  • #14

    XXX (martedì, 23 luglio 2013 20:19)

    Fabiosky la tua correzione è errata.......perchè il coniglio era fiferito alla Podda hahahaha

  • #15

    XXX (venerdì, 09 agosto 2013 23:07)

    Fabyosky ma cosa mi ammicca?......se appartiene a quella generazione volta all'obbedienza, allora che obbedisca e stia zitto, è molto meglio per tutti.

    Il suo ammiccare è veramente deprimente. Specialmente se si pensa che stiamo parlando di Mitchell......una volta che parli, la gente vuole sapere si più, altrimenti alla lunga farai la figura del fakkettaro

  • #16

    moon (mercoledì, 21 agosto 2013)

    82 anni ,beato lui che riesce ancora a farsi ascoltare ..mio nonno non lo caga nessuno..