Addio a Margherita Hack, l'astrofisica controcorrente si è spenta a 91 anni

L’astrofisica Margherita Hack è morta la notte scorsa all’ospedale di Cattinara, a Trieste, dove era ricoverata da una settimana. Aveva compiuto 91 anni il 12 giugno scorso. La causa della morte sarebbe da addebitare al riacutizzarsi di problemi cardiaci, che la affliggevano da tempo. Al suo capezzale il marito Aldo, compagno di un vita. La Hack era un'Astrofisica di fama mondiale, con idee ben precise su Dio, la politica e l'esistenza degli alieni, convinzioni che portava avanti senza remore o paura di risultare ingombrante. Oltre alle decine di studi pubblicati sulle principali riviste scientifiche di astronomia e astrofisica, la Hack scrisse numerosi libri di divulgazione scientifica. L'immediatezza del suo linguaggio semplice, il suo accento toscano quasi parossistico e la sua simpatia ne avevano fatto l'emblema della scienziata del popolo. 

Quando disse: Gli alieni esistono ma non li incontreremo mai

«Gli extraterrestri? È quasi certo che esistano». Così parlò nell'Ottobre 2011 Margherita Hack, che intervistata al festival della Scienza si mise a discernere di universo, extraterrestri e mondi lontani con una lucidità incredibile che sfidava l'età già avanzata, ormai vicina ai novanta inverni.

In una chiaccherata con i media genovesi, la scienziata fiorentina spiegava: «È assurdo pensare che non ci siano altre forme di vita all'interno della Galassia. O si è credenti e si ritiene che la Terra sia stata creata apposta per l'essere umano, oppure si è atei e ci si affida alla ragione e al calcolo delle probabilità. Perché la Terra dovrebbe ospitare l'unica forma di vita intelligente? Presumibilmente esistono altri esseri anche all'interno della nostra galassia, magari civiltà più evolute o che ci hanno preceduti». Se l'astrofisica si dimostrava fiduciosa nell'esistenza degli extraterrestri, lo era meno per quanto riguarda la possibilità di incontrarli: «Le distanze sono talmente enormi che è praticamente impossibile che avvenga un contattoBisognerebbe superare la velocità della luce.

Una vita per la ricerca

Nata da padre protestante e madre cattolica Hack si laurea nel 1945, con una tesi di astrofisica relativa a una ricerca sulle cefeidi, una classe di stelle variabili. Il lavoro viene condotto presso l’Osservatorio astronomico di Arcetri, dove inizia a occuparsi di spettroscopia stellare, che diventerà il suo principale campo di ricerca. Enorme lo sviluppo delle attività didattiche e di ricerca che Margherita Hack ha promosso all’università di Trieste, dove ha dato vita nel 1980 a un “Istituto di Astronomia” che è stato poi sostituito nel 1985 da un “Dipartimento di Astronomia”, che la scienziata ha diretto fino al 1990.

 

Dal 1982 Margherita Hack ha inoltre curato una stretta collaborazione con la sezione astrofisica della Scuola internazionale superiore di studi avanzati. La scienziata, inoltre, ha alternato la stesura di testi scientifici universitari, alla scrittura di testi a carattere divulgativo. Il trattato “Stellar Spettroscopy”, scritto a Berkeley nel 1959 assieme a Otto Struve (1897-1963) è considerato ancora oggi un testo fondamentale. Nel tempo Margherita Hack ha collaborato con numerosi giornali e periodici specializzati, fondando nel 1978 la rivista “L’Astronomia” di cui è stata a lungo direttore. Nel 1980 ha ricevuto il premio “Accademia dei Lincei” e nel 1987 il premio “Cultura della Presidenza del Consiglio”.

 

Ha lavorato in numerosi osservatori americani ed europei ed è stata per lungo tempo membro dei gruppi di lavoro dell’Esa e della Nasa. In Italia, dove ha fatto anche parte dell’Accademia Nazionale dei Lincei, con un’intensa opera di promozione ha ottenuto che la comunità astronomica italiana espandesse la sua attività nell’utilizzo di vari satelliti giungendo ad un livello di rinomanza internazionale. 

Discutine con noi nel forum: Addio Margherita Hack

Scrivi commento

Commenti: 40
  • #1

    El Paso (sabato, 29 giugno 2013 15:06)

    Addio Margherita, hai ragione tu non abbiamo bisogno di Dio per spiegare tutto, ma oggi più di ieri spero che Dio esista e ti accolga tra le sue braccia, portandoti lungo le galassie, ad accarezzare le stelle, per poi vivere in eterno in un enorme sole caldo e lucente.

  • #2

    Eureka (sabato, 29 giugno 2013 20:25)

    Ben detto El Paso,molto ben detto.Anche se la teoria delle grandi distanze è ormai superata.

  • #3

    Cinese (sabato, 29 giugno 2013 20:45)

    Che chiudendo gli occhi tu possa aprirli finalmente sulla realtà, che la tua curiosità che ti ha spinto fino a farti conoscere le stelle possa essere soddisfatta.
    Buon viaggio

  • #4

    Fausto Teni (sabato, 29 giugno 2013 21:31)

    Ho riascoltato l'intervista sugli alieni nel video, devo dire che è leggermente superficiale come visione. Per il resto un'astrofisica che ha fatto della divulgazione per le masse la sua missione. Riposi in pace.

  • #5

    baal (sabato, 29 giugno 2013 22:29)

    Adesso almeno si è tolta finalmente il dubbio su Dio e l'aldilà. Qualunque sia la verità.

  • #6

    Elsa (sabato, 29 giugno 2013 22:38)

    Se Dio Esiste ci resterà molto male povera Hack.

  • #7

    Lau (sabato, 29 giugno 2013 23:19)

    Montalcini Hack Dulbecco. Se ne vanno tutti e noi ci sentiamo sempre più soli. Circondati dalle piccole menti di oggi dei salotti televisivi. Ovunque tu sia ti sia lieve e soffice il cammino Margherita.

  • #8

    Franz (sabato, 29 giugno 2013 23:35)

    L'intervista della Hack si basa sullo stato delle conoscenze scientifiche attuali e non sulla spazzatura mediatica.

  • #9

    Marzio (domenica, 30 giugno 2013 00:40)

    Mi ricorda la scrittrice Alda Merini. Due grandi donne. Che dio le abbia in gloria.

  • #10

    baal (domenica, 30 giugno 2013 04:00)

    @lau
    ...anche io non mi sento molto bene...

  • #11

    Elia (domenica, 30 giugno 2013 08:38)

    Dopo morti sono tutti bravi e santi! Ma anche la Hack non e' esente da critiche,a cominciare dalla sua adesione al Cicap e al fatto che sugli UFO
    era contro!

  • #12

    Sp (domenica, 30 giugno 2013)

    Anima splendente.ciaooooo

  • #13

    MM (domenica, 30 giugno 2013 12:31)

    Ora sa che Dio esiste e sarà finalmente una donna completa sotto tutti i punti di vista. Grande donna, tutto il rispetto da me che sono un cattolico!

  • #14

    Giotto (domenica, 30 giugno 2013 14:09)

    Scienza e Fede sono su due piani diversi e la Hack non ha mai negato una sua dignità alla religione, semplicemente non credeva. Ma ci sono fior di scienziati credenti, come atei, come agnostici. La scienza ha un linguaggio universale quello della verità che riassume tutti gli altri. E' vero che in questo paese essere atei è un delitto ormai, ma smettiamola di concentrarci su queste piccolezze e parliamo della vera impresa della Hack la divulgazione! Il suo modo di fare le ha permesso di parlare a tutti, anche ai bambini. Aveva fatto un programma sulle reti rai dei ragazzi in cui parlava di astronomia in modo semplice. Andava ai simposi, era anticonformista, alla mano, non se la tirava. Ci mancherà,.... almeno a me mancherà.

  • #15

    XXX (domenica, 30 giugno 2013 16:03)

    @Elia, anche fare un commento come il tuo è una cosa molto facile, tipico di chi vuole dire una cosa diversa dagli altri per sentirsi migliuori, sa tu mi somigli un pò a quelli che criticano lìattuale papa, quando in realtà c'è poco da criticare.

    In conclusione aderire al CICAP ed avere una propria idea sugli UFO non è di certo una colpa, ne tanto meno offusca ciò che ha rappresentato!!!

  • #16

    Franz (domenica, 30 giugno 2013 17:24)

    L'idea della Hack sugli ufo è basata sulle attuali conoscenze scientifiche.

  • #17

    Margherito H (domenica, 30 giugno 2013 18:19)


    "Nella nostra galassia ci sono 400 MILIARDI (!) di stelle, e nell'universo ci sono più di 100 MILIARDI (!!!!) di galassie. Pensare di essere unici è molto improbabile."

    "Credo che scienza e fede operino su due piani completamente diversi....
    La fede è invece, per l'appunto, un atto di fede: la fede uno ce l'ha o non ce l'ha."


    "Il sole ha cinque miliardi di anni, e si valuta che resterà invariato - cioè irraggerà la stessa quantità di energia - per circa altri cinque miliardi di anni, e quindi la terra potrà ospitare la vita, se non ci distruggiamo prima, per altri cinque miliari di anni."


    "Nell'antichità l'uomo, ingannato dai propri sensi, riteneva che la Terra fosse il centro dell'universo. Poi ha capito che la Terra e i pianeti ruotavano attorno al Sole, posto al centro del sistema solare. In seguito ha compreso che il Sole è una stella come miliardi di altre, mentre l'inganno dei sensi aveva ancora fatto ritenere che il Sole si trovasse al centro della Via Lattea, e che questa abbracciasse tutto l'universo. Nel tempo, ha scoperto che il Sole occupa una posizione periferica nella Via Lattea, che questa è una galassia fra miliardi di altre, e che tutte insieme costituiscono il nostro universo. E ora ci domandiamo: ma questo è veramente tutto ciò che esiste, o è solo un universo fra infiniti altri?"


    "Credo che uccidere qualsiasi creatura vivente, sia un po' come uccidere noi stessi e non vedo differenze tra il dolore di un animale e quello di un essere umano."

    "L'idea di un Dio impersonale sarà più accettabile per la ragione, ma è pur sempre una scappatoia per spiegare quello che la scienza non sa ancora spiegare."

    "Le leggi morali non ce le ha date Dio, ma non per questo sono meno importanti."

    "Gli animali son creature di questa terra, sono nostri fratelli e quindi non è che si devon considerare oggetti a nostra disposizione. Sono esseri viventi che hanno capacità di amare e di soffrire e quindi dobbiamo trattarli proprio come fratelli, come fratelli minori."


    "Gli allevamenti intensivi rappresentano oggi la principale fonte di inquinamento. Ridurre il consumo di prodotti animali farebbe bene all’ambiente e agli animali, molti dei quali sono oramai ridotti a vere e proprie macchine da carne."


    "La spiritualità, per una come me che non crede a Dio, all’anima, all’aldilà, sta nella capacità di amare e comprendere gli altri − uomini e animali − “di non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te”."

    "Il divertimento della ricerca scientifica è anche trovare sempre altre frontiere da superare, costruire mezzi più potenti d'indagine, teorie più complesse, cercare sempre di progredire pur sapendo che probabilmente ci si avvicinerà sempre di più a comprendere la realtà, senza arrivare mai a capirla completamente."

    UNA GRANDE DONNA DI SCIENZA, UNA PENSATRICE FINE E CONCRETA.
    UNA DI QUELLE PERSONE CHE HANNO SPESO PAROLE E CONDIVISO MORALITA' ED ETICA IN NOME DELLA COMPRENSIONE E CONSAPEVOLEZZA DI CIO' CHE CI CIRCONDA.

    MOLTI, NEL MONDO, ED ALCUNI PURE IN QUESTE PAGINE, SAREBBE OPPORTUNO RIFLETTESSERO SUI "PRINCIPI ETICI" CHE QUESTA GRANDE MENTE HA VOLUTO PUNTUALIZZARE PIU' E PIU' VOLTE.
    pRINCIPI DI CUI IN TROPPI SONO SPROVVISTI, FACENDO DA ZAVORRA, NEL LORO COMPLESSO, PER L'INTERA UMANITA'.


    "Tutta la materia di cui siamo fatti noi l’hanno costruita le stelle...."

    ADDIO, PROFESSORESSA.
    UN SINCERO GRAZIE, PER TUTTO.

  • #18

    Franco (domenica, 30 giugno 2013 21:43)

    L'idea della Hack sugli ufo è basata sulle attuali $_$ INCOMPLETE conoscenze scientifiche.

  • #19

    Franz (domenica, 30 giugno 2013 22:17)

    La ricerca scientifica ha motivo di esistere proprio perchè le conoscenze scientifiche attuali sono INCOMPLETE.

  • #20

    Franco (domenica, 30 giugno 2013 23:42)

    La ricerca scientifica ha motivo di esistere proprio perchè le conoscenze scientifiche attuali sono INCOMPLETE.Molto vero però dovevi rimarcare INCOMPLETE ANCHE QUANDO SI OCCUPA DI UFOLOGIA.

  • #21

    Receptionist (lunedì, 01 luglio 2013 02:38)

    hmm...fermatelo!

  • #22

    Franz (lunedì, 01 luglio 2013 16:41)

    In ogni campo della scienza le conoscenze scientifiche sono incomplete.

  • #23

    Franco (lunedì, 01 luglio 2013 20:43)

    In ogni campo della scienza le conoscenze scientifiche sono incomplete.Giusto però ti sei ancora scordato di sottolineare che sono INCOMPLETE ANCHE IN AMBITO UFOLOGICO.QUINDI ANCORA NON ADATTE A DARE GIUDIZI SCIENTIFICI FINALI. $_$

  • #24

    C.A. (martedì, 02 luglio 2013 11:43)

    Dopo Stephen hawking, la Hack è la ricercatrice che ho più stimato.
    Ciao Margherita e buon riposo.

    C.A.

  • #25

    Franz (martedì, 02 luglio 2013 16:47)

    Nessuno può dare un giudizio finale dato che nessuno è depositario della verità assoluta.
    Le conclusioni della Hack sono state formulate sulla base delle conoscenze acquisite sino a d'oggi.

  • #26

    Franco (martedì, 02 luglio 2013 18:21)

    Le conclusioni della Hack sono state formulate sulla base delle conoscenze acquisite sino a oggi. PERFETTo $_$ disgraziatamente NON SONO ANCORA IN GRADO DI SPIEGARE NIENTE DEGLI UFO e non può dare nessun giudizio finale.

  • #27

    Margherito H (martedì, 02 luglio 2013 19:49)

    Nella mia lunga serie di citazioni ho dimenticato di puntualizzare che il mio pensiero sul Cosmo e sulle nostre possibilità di "accedere" ad esso, è diametralmente opposto a quello che fu il pensiero della Professoressa Hack.
    Ciononostante ne ho stimato e rispettato il lavoro, che ritengo abbia operato con passione e coscienza. Si spese mille volte in nome di un'etica umana più...umana. Questo soprattutto è motivo del mio apprezzamento nei suoi confronti.
    La sua visione del "tutto", a mio avviso piuttosto obsoleta, può essere condivisibile o meno. A prescindere da questo, è stata sicuramente una delle più valenti persone di scienza del panorama italiano.

    Una domanda, visti i commenti precedenti.
    Quand'è che si sarebbe occupata di ufologia?!

  • #28

    Diogene (martedì, 02 luglio 2013 20:24)

    X MargheritoH:

    si è occupata di ufologia prima di diventare molto famosa. Negli ultimi 20 anni rispondeva solo alle domande che gli facevano come astrofisica sulle possibilità che civiltà aliene arrivassero fino a noi. Lei negava ogni possibile contatto a causa delle distanza stellari troppo elevate. Negli ultimi tempi però non negava l'esistena degli alieni almeno teorica. Non si è mai occupata davvero di ufologia e le sue conoscenze erano scarse sulla tematica, diciamo che parlava con parole in libertà.

  • #29

    Franz (martedì, 02 luglio 2013 21:09)

    Degli ufo esistono solo racconti e immagini di difficile interpretazione.
    Secondo Dave Wood, presidente della ASSAP (Association for the Scientific Study of Anomalous Phenomena)l'ufologia sarebbe a rischio di estinzione per la mancanza di prove convincenti.
    La visione della Hack non è affatto obsoleta è in linea con le attuali conoscenze scientifiche per quanto incomplete.

  • #30

    FABIOSKY63 (martedì, 02 luglio 2013 21:15)


    ...scelte...

    della dottoressa Hack ha trasmesso la RAI una bella intervista, fatta molti anni fa da Marzullo, nella notte successiva alla sua dipartita...

    nelle risposte dell'astrofisica c'era il sunto, semplicemente dichiarato esposto, della sua vita e delle proprie motivazioni di scelta...

    il mio personale pensiero l'ho espresso nella specifica discussione del forum compreso "il particolare", se così si può dire, degli "ufo"...

    buon viaggio anche a lei!..Margherita..:)

  • #31

    Margherito H (martedì, 02 luglio 2013 23:17)

    @Diogene
    Grazie...non ne avevo idea.

    @Fabiosky

    ...obblighi...

    ...ma non ne sia così certo...



  • #32

    Margherito H (martedì, 02 luglio 2013 23:35)

    @Franz

    Lei dice:

    "La visione della Hack non è affatto obsoleta è in linea con le attuali conoscenze scientifiche per quanto incomplete."

    Ma qui non parliamo di visione in linea con le attuali eccetera eccetera.
    La Hack si espresse più e più volte in termini DEFINITIVI, inerenti anche IL FUTURO.

    Un esempio lo trova nell'articolo stesso:

    "Le distanze sono talmente enormi che è praticamente impossibile che avvenga un contatto. Bisognerebbe superare la velocità della luce."

    Noi Terrestri, civiltà infante, stiamo lavorando a progetti in grado di "affrontare le distanze spaziali" in modi, con mezzi e tecnologie che "eludano" il problema, invece che affrontarlo come la "scienza del popolino" ci prospetterebbe.
    All'alba dei nostri primi vagiti spaziali, mai s'immaginava una così varia e massiccia presenza di pianeti nel Cosmo.
    Eppure si è costruito il mezzo per averne "l'inaspettata" evidenza.
    Questi sono i termini di pensiero che risultano vincenti nella storia della nostra conoscenza dell'Universo/i.

    Ritenere il superamento della velocità della luce imprescindibilmente legato al potersi muovere nello Spazio, ieri oggi e per sempre.... beh, scusi se ribadisco, ma lo ritengo "pensiero obsoleto".

    Nella testa della Hack è una risibile fisima...comunque.
    Ed è mia opinione personale, ancora una volta.
    La prenda come tale, Franz.

  • #33

    cippo (mercoledì, 03 luglio 2013 04:26)

    intelligente ma sgradevole, mai piaciuta,
    non basta arrivarci, bisogna vedere come..
    r.i.p.

  • #34

    Franco (mercoledì, 03 luglio 2013 09:50)

    Signor Margherito H come fare per diventare suo discepolo? $_$

  • #35

    Franz (mercoledì, 03 luglio 2013 15:36)

    Il problema delle enormi distanze spaziali è stato risolto solo nella finzione cinematografica, nella realtà ci sono solo speculazioni teoriche.

  • #36

    Franco (mercoledì, 03 luglio 2013 15:49)

    La realtà,la nostra realtà è una speculazione commisurata al nostro modo di esistere.Questa è vera speculazione,lo facciamo ogni volta che guardiamo l'ora. $_$

  • #37

    Franz (giovedì, 04 luglio 2013 16:36)

    La realtà è commisurata alla nostra percezione.

  • #38

    Franco (giovedì, 04 luglio 2013 19:49)

    La realtà è commisurata alla nostra percezione.
    OK.Già,tenendo sempre in conto della labile percezione umana inferiore a quella degli insetti.La nostra è una misera percezione in percentuale di TUTTA LA REALTà CHE CI CIRCONDA. $_$

  • #39

    Margherito H (giovedì, 04 luglio 2013 21:40)

    "Franz
    (mercoledì, 03 luglio 2013 15:36)
    Il problema delle enormi distanze spaziali è stato risolto solo nella finzione cinematografica, nella realtà ci sono solo speculazioni teoriche."

    Sarei felice se desse un'occhiata a questo indirizzo:

    http://ufoonline.freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=10574907

    E' una discussione sul forum di questo sito, da me aperta qualche tempo fa.
    Vi si parla di finanziamenti NASA ai progetti DARPA.

    La DARPA è un'agenzia governativa statunitense. Si occupa, in apparente libertà, di operare ricerche esattamente in linea con quelle che lei definisce "speculazioni teoriche".

    A-ri-mi-perdoni...Franz.
    Mi viene naturale pensare a "ricerca scientifica ai più alti livelli".
    "Speculazioni teoriche" lo trovo decisamente inadatto.

    @Franco
    Come diventare un mio discepolo?
    Dunque...
    Humm...

    Ci penso su...le faccio sapere. ^_^




  • #40

    Franz (giovedì, 04 luglio 2013 22:31)

    Attualmente il motore a curvatura esiste solo nella fantascienza e nella teoria matematica di Miguel Alcubierre e che il professor White vorrebbe dimostrarne la fattibilità.