Una tempesta solare lascerà al buio l'occidente nei prossimi anni ?

Il catastrofico rischio di una tempesta solare potrebbe lasciare nel 2015 interi Paesi, tra cui gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, senza luce per giorni o addirittura mesi.  A lanciare l'allarme è stato uno studio di alcuni ricercatori americani dell'Atmospheric and Environmental Research (AER), insieme a quelli del Lloyd's di Londra. Il Telegraph che riporta la notizia spiega che la ricerca ha confermato che i periodi di picco delle attività solari avvengono di consueto ogni 150 anni data che coincide con l'inizio dell'anno 2015. Interi paesi potrebbero collassare tecnologicamente. L'allarme non è nuovo, ma siamo oggi indifesi più ma mai.

Le tempeste solari sono un disturbo della magnetosfera terrestre, di carattere temporaneo, causato dall'attività solare e rilevabile dai magnetometri in ogni punto della Terra. Durante la loro attività la nostra stella emette alte emissioni di materia coronale, che generano un forte vento solare, le cui particelle ad alta energia vanno ad impattare il campo magnetico terrestre dalle 24 alle 36 ore successive all'emissione. Più forti sono queste esplusioni più alto è il pericolo che le nostre tecnologie vadano in tilt provocando un collasso globale, visto che il nostro livello di sviluppo è ormai interdipendente dall'elettricità e delle automatizzazione dei sistemi.

Non è la prima volta che allarmi su una tenuta del nostro sistema tecnologico vengono lanciati. Spesso si fa riferimento a un concreto pericolo di ritorno al Medioevo. Ma ad ogni nuovo ricerca il pericolo ritrova spazio tra le pagine dei giorni.

 

Possiamo proteggerci?

ll modello utilizzato per mappare gli effetti di una tempesta solare estrema è quello del cosiddetto "Carrington Event" del 1859Nel mese di agosto dello stesso anno, una tempesta solare distrusse i fili del telegrafo in Nord America e in Europa, causando agli operatori scosse elettriche e buttando giù la rete telegrafica di paesi lontani come Australia e Asia per due giorni. Tuttavia, questo succedeva in un periodo in cui pochi aspetti della nostra vita dipendenvano dall'energia elettrica. Secondo il rapporto, la durata di tali interruzioni dipenderà in gran parte dalla disponibilità di trasformatori di backup.


"Bisogna ordinare presto i nuovi trasformatori e far partire l'installazione visti i tempi molto lunghi di attesa."


Neil Smith, responsabile della ricerca presso il Lloyd di Londra, ha spiegato: "La presenza dei trasformatori è ancora molto limitata. Per prepararli e montarli ci vogliono almeno due anni. La costruzione e il trasporto sono lavori enormi. Rimettere in sesto i trasformatori in caso di tempesta solare di una certa entita potrebbe richiedere settimane, anche anni, in casi estremi. Ci sarebbe un diffuso malcontento sociale, potrebbe seguire un rivolta sociali nelle nostre citta. Uno scenario spaventoso", ha aggiunto.


Nel caso di una tempesta solare di grandi dimensioni, i sistemi di controllo della traiettoria di volo degli aerei si fermeranno, lasciando potenzialmente a terra intere flotte. I satelliti che alimentano le reti di telecomunicazioni mondiali saranno spenti, e un numero sufficiente generatori di elettricità andrebbe distrutto lasciando scuole, ospedali, uffici e case al buio. Un evento del genere senza la giusta preparazione protrebbe farci rimpiangere addirittura i più forti terremoti. Il messaggio è chiaro: prepariamoci per non piangere dopo lacrime amare.

Scrivi commento

Commenti: 28
  • #1

    Grillorama (domenica, 09 giugno 2013)

    Benissimo così sarebbe dimostrato che aveva ragione Beppe Grillo ci vuole la decrescita felice!

  • #2

    El Paso (domenica, 09 giugno 2013 14:07)

    Quando ci sarà un mega brillamento non ci saranno trasformatori che tengano. Le radiazioni solari potrebbero distruggere lo stratu dell'atmosfera che ci protegge e saremmo costretti a vivere solo di notte o dentro edifici e sotto terra. Succederà prima o poi il nostro ciclo vitale come umanità non è eterno. Prepariamoci e in bocca al lupo..

  • #3

    Unknown (domenica, 09 giugno 2013 15:31)

    Ma basta. Gridare sempre " Al lupo, al lupo " fa solo danni. Il giorno che ci sarà un reale problema, non ci crederà nessuno. Visto che si conosce il problema, che comincino a schermare le apparecchiature vitali anziché aspettare che fonda tutto. I trasformatori si possono schermare. Anzi, forse è meglio che se ne vada tutto a p*****e

  • #4

    vradox (domenica, 09 giugno 2013 16:09)

    @ el paso
    sai che mi frega... io vivo di notte ds un anno...

  • #5

    Franco (domenica, 09 giugno 2013 16:28)

    @vradox sei un vampiro succhiasangue?

  • #6

    geremia (domenica, 09 giugno 2013 18:09)

    Da tempo vengono fuori queste notizie e poi non succede nulla! ma neanche
    in corto circuito! Magari succedesse qualcosa!

  • #7

    IRONMAN (domenica, 09 giugno 2013 18:59)

    2015? Io ricordo che la nasa l'anno scorso parlo' che questi fenomeni sarebbero partiti gia' da quest'anno.
    Infatti mi ricordo di una famosa circolare mandata a tutti i propri dipendenti.

  • #8

    Lau (domenica, 09 giugno 2013 19:11)

    Tempesta solari ce ne sono ogni anno qui si parla di super brillamento...è diverso.

  • #9

    max (domenica, 09 giugno 2013 21:12)

    prima il 2012 poi 2013 super brillamenti, ora l'evento e spostato nel 2015, poi nel 2015 ci diranno che il sole ci fara' aspettare ancora qualche anno e allora si inventeranno intanto qualcosa per il 2014 poi nel frattempo ancora ci diranno che una mega scorreggia galattica emanera odori maleodoranti che arrivano direttamente dal centro della galassia.....ma nel 2015 deve sempre ruttare il sole che pero sara rimandata ancora nel 2025, ma ancora si inventeranno che un mega rigurgito ci cadra addoso sottoforma di pioggia e cosi via per tutta la vita.........ma venisse davvero qualcosa almeno per dare una ripulita alla terra di questi quatto cialtroni che non hanno una beata minchia da fare......

  • #10

    vradox (domenica, 09 giugno 2013 22:37)

    @ Franco
    eheheheh esco al calar delle tenebre e rientro all'alba sei giorni alla settimana..... >:)

  • #11

    FABIOSKY63 (lunedì, 10 giugno 2013 02:27)


    ...sistemi...

    quelli alla base della vita occidentale moderna...

    sono definibili "complessi", tecnologicamente avanzati, industrialmente automatizzati, a controllo multiplo "interlacciato"...oggi anche "in rete"...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_complesso

    quelli naturali sono dinamici, si evolvono in un insieme coordinato con quelli attorno, quelli artificiali nascevano come sostanzialmente statici e si evolvono -OGGI- in funzione delle impostazioni di progetto ed ingegnerizzazione...con gli anni (variabile tempo) e il "grado di auto-ingegnerizzazione" previsto o rinnovabile...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_dinamico

    il nostro mondo occidentale è basato sull'ingegnerizzazione e coordinamento dei sistemi e risorse...energetico, idrico, alimentare, di comunicazione, politico, economico, finanziario, ecc. ed i relativi sottosistemi, di quelli citati e NON...tantissimi...

    un esempio di sistema complesso...

    http://pasini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/files/2012/06/Sistema-clima-figura-600x398.jpg

    la sola criticizzazione di uno di questi sistemi principali porta ad enormi -DELETERI- scompensi negli altri...il collasso dello stesso, tramite uno o più fattori (anomalie) irreversibili, condurrebbe -oggi come oggi- il mondo come lo conosciamo ad un ammasso di rovine, e la nostra cultura al medioevo...

    https://it.wikipedia.org/wiki/Entropia

    superato un certo livello di entropia (indice della perdita di controllo dello stesso) "il sistema" corre -IRREVERSIBILMENTE "LIBERO"- verso il disfacimento...il punto di irreversibilità è stabilito proprio dal grado di interconnessione -E DIPENDENZA- tra sistemi e sottosistemi...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Ilya_Prigogine

    con un brillamento "distruttivo" -CHE PUO' AVVENIRE ANCHE DOMANI- senza le misure precauzionali citate sopra -E MOLTE ALTRE INDISPENSABILI- il mondo occidentale -COSI' COME LO CONOSCIAMO- avrebbe da uno a tre mesi..."di sopravvivenza", e NON lo dico io...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Scienza_della_complessit%C3%A0

    i nostri figli dovranno fare necessariamente -BRILLAMENTO O NO- i conti con un nuovo approccio alla vita ed ai rapporti con tutti gli esseri viventi CON il pianeta stesso, o...

    "il nuovo Architetto" eh!eh! potrà solo "rimpastare le macerie"...

    salute e prosperità..:)

  • #12

    darkman66 (lunedì, 10 giugno 2013 12:08)

    Il nuovo "Architetto",dovrà ricalcolare i suoi Algoritmi....

  • #13

    tito (lunedì, 10 giugno 2013 19:02)

    Mai lette tante cazzate messe insieme. L'attuale ciclo solare è uno dei più bassi da quando si registrano le macchie solari (almeno 3 secoli, tanto che più che parecchi studi indicano come si sia probabilmente alle porte di un super minimo solare caratterizzato da bassissima attività). Comunque sia il ciclo sta volgendo al termine ( nel senso che il massimo è già stato raggiunto) e nei prossimi anni le CME ed i brillamenti saranno sempre più scarsi e meno potenti. Disinformazione pura.

  • #14

    Giotto (lunedì, 10 giugno 2013 19:59)

    Tito prenditela con il Telegraph, e i ricercatori. Meno male che ci sei tu, avvertili che magari ti prendono come consulente. Detto questo i super brillamenti non sono statisticamente prevedibili quindi che tu asserisca che saranno sempre meno è una previsione che vale zero. Hai aggiunto alle cazzate della ricerca la tua di cazzata XD

  • #15

    baal (martedì, 11 giugno 2013 15:34)

    io sapevo che in questo periodo l'attività solare è al massimo del suo ciclo undecennale..... ovvio che appena si passa il massimo si scende verso il minimo...

  • #16

    FABIOSKY63 (martedì, 11 giugno 2013 17:56)


    ...rarità...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Brillamento

    http://www.meteoweb.eu/2013/05/attivita-solare-quattro-flare-di-classe-x-in-48-ore-disturbi-ionosferici-improvvisi-video/203065/

    prevedere l'imprevedibile? mmmh una scienza OLTRE la nostra potrebbe farlo, una scienza del futuro! e...una scienza aliena?..

    http://it.wikipedia.org/wiki/Segnali_dal_futuro

    salute e prosperità..:)

  • #17

    tito (martedì, 11 giugno 2013 22:09)

    Ma sapete di cosa si sta parlando almeno? Mi pare di no. Studiate e leggete testi seri non le prime quattro righe che trovate sul web. Comunque oggi solar flux a 90, solo una regione attiva e forse doman andiamo spotless, incredibilmente oserei dire. Quindi altro che tempeste solari imprevedibili e devastanti ah ah ah.... Leggete... http://www.k7pt.com/solarphp.php http://spaceweather.com/ http://www.solarham.net/ http://www.swpc.noaa.gov/rt_plots/xray_1m.html In particolare questo grafico dovrebbe mettere a tacere ogni falsità: http://www.swpc.noaa.gov/SolarCycle/f10.gif Ditemi dove vedete la super attività solare nel 2015? Disinformazione pura. Come pure è disinformazione ed allarmismo dire che comunissimi flare X-2 / X-5 siano chissà che, quando nel 2003 ci fu un X-45...

  • #18

    vradox (mercoledì, 12 giugno 2013 06:54)

    @tito
    come mai non citi i testi seri ma solamente link ?

  • #19

    Tito (mercoledì, 12 giugno 2013 11:19)

    Cominciate ad aver coscienza di cos'è un ciclo solare, di cosa sono i minimi e super minimi solari, di come varia il campo magnetico solare nel corso di ogni ciclo, le interazioni dirette ed indirette che il flusso solare ha con gli strati alti dell'atmosfera terrestre ( blocco dei raggi cosmici e conseguente calo della copertura nuvolosa), le potenze in gioco e le relative scale di misura. Fatto questo ed osservando in che stato di fatto è oggi il Sole (avvalendosi dei link che ho postato) possiamo aprire una bella discussione, basata su dati reali e non supposizioni, su quello che realisticamente sta accadendo ed accadrà nei prossimi 100 anni, senza dar conto a chi, come la Nasa o l' IPCC promuovono, spinti da interessi che si possono stimare in miliardi di dollari l'anno, verità che poco hanno a che fare con la realtà. (e vi avviso, pinocchio a confronto era un dilettante...).

  • #20

    vradox (mercoledì, 12 giugno 2013 16:52)

    @tito
    assolutamente d'accordo.

  • #21

    Zeta B. (mercoledì, 12 giugno 2013 18:31)

    Io invece non sono per niente d'accordo, Tito con tutto il rispetto ma tutto chi azzo sei?
    Qui parliamo di una ricerca dell'Atmospheric and Environmental Research (AER). Per altro anche banale perchè dice cose che sappiamo benissimo cioè i rischi connessi a tempeste solari di una certa dimensione e vulnerabilità dei nostri sistemi tecnologici. Vero che il comportamento del sole non è prevedibile al 100% ma allo stesso modo la tua affermazione sull'attività ai minimi del sole non significa nulla. Dopo il minimo comincia sempre la fase che porta al picco del ciclo.

  • #22

    Tito (mercoledì, 12 giugno 2013 22:46)

    Chi cazzo sono? Sono solo una persona che legge molto e studia altrettanto, non fermandosi però alle verità ufficiali di NASA, IPCC e simili. Tu hai idea di che interessi economici ci sono dietro le teorie sul riscaldamento globale, sulle emissioni di CO2 e sull'attività solare? Centinaia di miliardi di dollari all'anno. Secondo Te quali studi vengono pubblicati e quali finanziati ? Non di certo quelli che indicano la CO2 come praticamente ininfluente nel processo climatico attuale... Ed i cicli solari? La NASA è dal 2007 che sbaglia sistematicamente le previsioni del ciclo attuale, secondo loro questo doveva essere il ciclo più potente mai registrato, peccato che sia uno dei primi tre più BASSI da quando vengono effettuate misurazioni. Per quanto riguarda la tua affermazione sui minimi solare ed il loro sviluppo, leggendola, ho capito che tu non hai compreso appieno quali siano le dinamiche di un super minimo multiciclico, IL quale, probabilmente, già in atto. Per quanto riguarda la ricerca ti dò ragione, è veramente banale e scontata oltre che senza alcun fine concreto. Che flare solare od espulsione di massa coronale dovrebbe essere generato dal Sole per arrecare tali danni sulla Terra? Quando nel 2001 fummo investiti in pieno da un X 20 non ci fu alcuna conseguenza se non una bellissima aurora boreale visibile addirittura qui in Lombardia.

  • #23

    Margherito H (domenica, 16 giugno 2013 00:13)

    @Tito

    "Quando nel 2001 fummo investiti in pieno da un X 20 non ci fu alcuna conseguenza se non una bellissima aurora boreale visibile addirittura qui in Lombardia."

    Quel CME non era in direzione della Terra.

    Spiace.
    Ritenti.

    "Chi cazzo sono? Sono solo una persona che legge molto e studia..."

    Forse una sana uscita, ogni tanto, le farebbe bene.
    Cinema. Birretta. Una mignotta.

    Si svaghi, Tito...ch'è meglio.

    Riguardo l'eiezione di massa coronale, era inizialmente stata classificata come X20. E tanto è rimasto nell'indirizzo della pagina.
    ma al suo interno, si legge sia del ridimensionamento ad X20, sia della direzione. Non verso la terra...

    http://sohowww.nascom.nasa.gov/hotshots/X17/

    "The big explosion, which took place near the Sun's northwest limb, hurled a coronal mass ejection (CME) into space - at a whopping speed of roughly 7.2 million km/h - BUT NOT DIRECTLY TOWARDS EARTH"

    Non trovo notizie in compenso su Aurore Boreali nei cieli padani...
    Poffarbacco.
    Che disdetta...acc...

  • #24

    Margherito H (domenica, 16 giugno 2013 00:15)

    Correggo:

    "era inizialmente stata classificata come X17"

    See u soon

  • #25

    Ursulo (domenica, 16 giugno 2013 11:42)

    Cinema. Birretta. Una mignotta.

    ...

    Spiacente tua mamma era già occupata!

  • #26

    XX (domenica, 16 giugno 2013 13:50)

    Margherito H anche se quello che dici a volte mi dà l'orticaria,sono con te e con i tuoi illuminanti consigli.Perdona Ursula Andress che io riavvolgendo il nastro di 007 farei ritornare all'indietro tra i flutti.Dopo il cinema e la stronzata detta da Ursula resta la birretta vuota,che ne facciamo? La vogliamo collaudare sul testone vuoto di Ursula?Tranquillo,con una testa così non se ne renderà nemmeno conto.

  • #27

    Antitito (lunedì, 01 luglio 2013 01:52)

    Infatti nel 2003 non fu un albero caduto su un filo a crearemil blackout in italia, e ce ne furono anche in Usa ...

  • #28

    DISILLUMINIZZATEVI (mercoledì, 04 settembre 2013 15:46)

    MOLTO BENE ... COSI' TUTTI I CONTI BANCARI A DEBITO SI SPAPPOLERANNO ELETTRONICAMENTE ...

    ... COL CAZZO CHE PAGHEREMO MUTUI E PRESTITI ACCUMULATI A INTERESSI DI USURA PER FORAGGIARE I CULI DELL'ELITE E DELL'ALTA SOCIETA' ...


    'FFFANCULO LE BANCHE ... 'FFFANCULO BILDEBERG ... 'FFFANCULO L'ELITE PLANETARIA ...