A caccia di extraterrestri con i raggi infrarossi ?

La famosa rivista Astronomy Magazine, pubblica questo mese nelle sue pagine una lunga riflessione sulla ricerca di pianeti abitati. Si fa riferimento non a vita elementare, ma ad un metodo per trovare vita intelligente. Nel lungo articolo viene ripreso uno studio dei ricercatori della University of Hawaii e dell'Universita' di Friburgo che ha ipotizzato la possibilita' di cercare la vita extraterrestre attraverso i raggi infrarossi, ossia cogliendo gli eccessi di calore dei pianeti.

Per fare questo, come si legge nella rivista , ci sarebbe pero' bisogno di costruire il piu' grande telescopio che si sia mai visto.

Ecco il ragionamento alla base dell'intuizione.

L'idea di base - spiega Jeff Kuhn, fra gli autori dello studio - e' che civilta' extraterrestri sufficientemente avanzate produrranno piu' energia di quanta ne ricevono dalla loro stella. Questa differenza energetica, identificabile agli infrarossi, sarebbe la traccia della loro presenza''. Per raccogliere questi segnali, gli scienziati stanno cercando fondi per costruire il telescopio che hanno gia' battezzato Colossus: un telescopio con uno specchio primario del diametro di 77 metri, che potrebbe trovare centinaia di pianeti delle dimensioni della Terra (e oltre) e che sia dotato di un sensibilissimo coronografo.

L'ipotesi di monitorare l'illuminazione artificiale

Già nel 2011 era stato ipotizzato di individuare civiltà aliene servendosi dello spettro di luce. Abraham Loeb dall'Università di Harvard a Cambridge e Edwin Turner dall'Università di Princeton in New Jersey, avevano fatto notare come fosse del tutto ragionevole per una civiltà aliena aver illuminato le proprie città allo stesso modo. Qualunque forma di vita intelligente, evolutasi grazie alla luce emanata dalla stella più vicina, probabilmente disponeva di illuminazione artificiale attivata durante le ore di buio. Tale illuminazione sarebbe stata diversa dall'illuminazione naturale. Sulla Terra, l'illuminazione artificiale si divide in due categorie: luce termica, sotto forma di lampadine incandescenti, e luce quantistica, sotto forma di LED (diodo ad emissione luminosa) e luce fluorescente. Gli spettri della luce artificiale su oggetti distanti probabilmente si sarebbero distinti da fonti di illuminazione naturale, dicevano i ricercatori.

Scrivi commento

Commenti: 13
  • #1

    Cacciatordo (venerdì, 07 giugno 2013 23:44)

    Non ditelo a Alfredo Benni altrimenti inizierà a produrre anche fotografie-fake di alieni verdi

  • #2

    Pirullo (sabato, 08 giugno 2013 13:07)

    ERRATA CORRIGE: Sono tutte sciocchezze che SOLO dei vecchioni stile anni '50 possono pensare. Una civiltà davvero evoluta ha trovato da lungo tempo la tecnologia per abbattere sia l'inquinamento elettromagnetico, sia quello luminoso e chimico/termico! Se poi vogliamo cercare delle civiltà più primitive della nostra il discorso è diverso. Il fatto è che una civiltà davvero evoluta lascia ben poche tracce di sé dal punto di vista ambientale, per non dire nessuna! Buona fortuna per le loro ricerche! Vecchioni!

  • #3

    Marziale (sabato, 08 giugno 2013 13:11)

    Concordo con Pirullo, oltretutto il global warming come le piccole glaciazioni può essere dovuto molto più facilmente a cause naturali. Basta una bella eruzione vulcanica, una sola, come si deve, e ciao all'immagine termica.

  • #4

    Alien (sabato, 08 giugno 2013 13:13)

    A me vanno bene anche le civiltà anni '50. E allora? D'ove' il problema? E poi non saranno stati mica sempre cosi' evoluti no?

  • #5

    Pirullo (sabato, 08 giugno 2013 13:16)

    Ecco appunto... i vecchioni anni '50 cercano civiltà anni '50, che a noi non servono a nulla, il motore a scoppio ce l'abbiamo già. A noi interessano delle civiltà più evolute che ci insegnino a costruire il motore ad antimateria! A proposito, anche negli anni '50 "dove" non si scrive "d'ove"! Bye bye!

  • #6

    baal (sabato, 08 giugno 2013 14:36)

    @ pirullo
    il motore ad antimateria è un pacco: difficile da carburare e a freddo fa troppo fumo...
    p.s. non si scrive neppure "dove" in quel contesto ma "dov'è" semmai... due a zero per l'italiano! XD

  • #7

    Riky (domenica, 09 giugno 2013 13:25)

    La ricerca va continuata con ogni mezzo.:))

  • #8

    Malles (domenica, 09 giugno 2013 14:00)

    Vada anche per il telescopio di77 m.e di un coronografo più moderno e più sensibile,che possa alfine dilatare le ...pupille ai non vedenti...

    Sicurezze,ma per favore.Noi stiamo assistendo alle manifestazioni dei vari aspetti di una tecnologia(extraterrestre?)così aliena al nostro grado attuale di conoscenza che ci è impossibile comprenderla con i nostri concetti scientifici e quindi dare delle risultanze insindacabili e definitive è perlomeno anacronistico,(Ogni riferimento a Johnny Watson e compagnia scettica non è da parte mia mai casuale).

    Gli eventi di cui siamo testimoni sono così bizzarri che possono comprendersi soltanto se li consideriamo come apparizioni o eventi provocati da intelligenze provenienti da sfere di esistenze che al presente non sono comprese dalla nostra scienza.

    E allora,le ripudiamo pur avendone constatato l'esistenza?Neghiamo il tutto solo e solamente per l'incapacità di comprensione?Mah! Assurdo puerile e arrogante.Sei d'accordo Max?

    Compilando l'ultima riga,mi sovviene che sarebbe doveroso da parte mia riscrivere il mio personale giudizio su Eone,finisco il dolce e il caffè,traghetto l'ultimo nugolo di anime all'altra sponda(il mio amico Caronte ha il fiato corto e dato il rispetto per la sua veneranda età mi farò l'ultimo viaggio)e poi vedrò d'estendere.
    Omnia cum tempora...

  • #9

    Malles (domenica, 09 giugno 2013 14:52)

    Perchè mi sento di spezzare una...daga per l'esimio prof.Eone...

    Ho letto alcune cose di suo pugno di recente che condivido e riporto.

    ..."L'ipotesi extraterrestre è solo una delle ipotesi del campo di ricerca ufologico,quello che sfugge causa la cattiva informazione è che ne esistono anche altre"...

    ..."Ci sono molteplici casi analizzati in ambito serio che non hanno ancora spiegazioni"...

    Questo mi ha convinto a perorare,..."Puoi vedere quello che vuoi dal nulla agli alieni che ti rapiscono ogni notte,io continuo a ricercare nei campi di frontiera,tenendo un atteggiamento asettico"...

    E SOPRATTUTTO:.."Mi ripeto ancora,la ricerca non è fede sia in un senso che in un'altro ci si può ruotare attorno quando vuoi ma non esci da questo assioma,se avessi ragionato in in tale maniera contorta,oggi non avrei avuto le recenti conferme in campo scientifico dell'esistenza di alcuni fenomeni riconducibili al mondo ESP"...D'ACCORDISSIMO PROF. D'ACCORDISSIMO.

    ..."Non faccio il credente nè lo scettico,questa è la sostanziale differenza,tu starai a sbufalare per passatempo o chissà per quale arcano motivo,io quando sbufalo lo faccio per dare corretta informazione"...Come non essere d'accordo,per la serietà dei giudizi(eventuali sbufalamenti intendo).

    ..."Se guardi bene ne trovi di eventi inspiegabili,come ad esempio diversi fenomeni uap(Unidentified Aerial Phenomena),come già detto,l'ufologia non è relegata..."Ottimo Prof.ma non solo,c'è(per fortuna)molto,molto altro.

    En resumidas cuentas,il Prof.Eone ha spezzato un'alabarda non a favore o contro le divergenze "politiche"del fenomeno,ma si è speso(proposto)per la serena convivenza e soprattutto per l'onestà del giudizio inerente alla ricerca,senza nascondere o aggiungere nulla ai risultati ottenuti.Questa secondo me si chiama,anche,serietà intellettuale .Nondimeno certe letture in funzione della ricerca possono legittimamente divergere,interpretate cioè a parametri del tutto personali,questo è umano e fa parte del gioco,a questo però va sempre interposta l'onestà di base,senza quella si rimane sempre impastoiati nelle sabbie mobili(per non dire altro)e da cui non si uscirà mai senza appunto un pò di onestà di giudizio

  • #10

    Fausto Yal (domenica, 09 giugno 2013 14:56)

    Io penso sia un metodo molto efficace, e nondimeno innovativo rispetto alle onde radio e al solito progetto seti riciclato e ormai più una trovata pubblicitaria che una reale serie ricerca di segnali alieni.

  • #11

    Giusy (domenica, 09 giugno 2013 20:02)

    Il metodo è perfetto per quello che si cerca.

  • #12

    miki (lunedì, 10 giugno 2013 08:12)

    Smettetela di fare i tuttologhi, voi nn sapete un azz di niente lasciate fare a ki nn passa il tempo qui a commentare

  • #13

    FABIOSKY63 (lunedì, 10 giugno 2013 15:51)


    ...tracce...

    "...Gli spettri della luce artificiale su oggetti distanti probabilmente si sarebbero distinti da fonti di illuminazione naturale, dicevano i ricercatori..."

    si, lo sapevamo anche 60 anni fa! e gli strumenti e le tecnologie si evolvono -ANCHE- in funzione delle intuizioni...e susseguenti raziocini di studio...

    @Malles
    "...Perchè mi sento di spezzare una...daga per l'esimio prof.Eone..."

    e perché no?..direi MOLTO chiaro quanto riportato..:)