Mistero anticipazioni 6 Febbraio: il fantasma del Marchesino Francesco e la pittura medianica

Alle ore 21.10, su Italia 1, nuova puntata di Mistero. Lo show condotto da Daniele Bossari, questa sera analizzerà la storia del marchesino Francesco: il mito vuole che il bambino morto all’età di 5 anni per mano delle 7 sorelle invidiose del fatto che lui potesse essere l’unico erede dei beni di famiglia, veda da allora la sua anima vagare nel castello di Fumone alla ricerca di giustizia. Spazio anche ad un'analisi della pittura medianica, un artista che dice di essere consigliato e seguito dalle voci dei pittori del passato tenterà in diretta di comunicare con i fantasmi del passato.

A seguire tutti i dettagli e un approfondimento della storia del Marchesino Francesco.

La storia del Marchesino Francesco

 

Il piccolo borgo di Fumone, nel Lazio in provincia di Frosinone, circonda il castello costruito tra il IX ed il X secolo, sulla sommità del colle. Da sempre questa fortezza è stata testimone di vicende segrete, drammatiche e macabre.Come primo utilizzo il castello fu adibito a prigione dello Stato della Chiesa ed era tristemente conosciuto per le condizioni disumane e per le torture che venivano praticate ai prigionieri tanto che essere condannati a scontare la propria pena a Fumone equivaleva spesso ad una condanna a morte. Di tanto in tanto vengono ancora udite provenire dai sotterranei le urla ed i gemiti dei poveri condannati.

 Una delle vicende più famose è quella del "marchesino" Francesco Longhi,egli unico maschio tra sette sorelle maggiori era il predestinato per avere in eredità tutti i possedimenti di famiglia, tuttavia le sorelle invidiose non erano intenzionate a rinunciare all'eredità e quindi misero in atto un tremendo piano ai suoi danni: giorno dopo giorno misero dei pezzetti di vetro nel cibo del bambino che ben presto cominciò ad accusare tremendi dolori che lo portarono alla morte all'età di soli 5 anni e dopo una lenta agonia.
Le spoglie furono "imbalsamate" con la cera, per ordine della madre disperata, e sono ancora visibili oggi, poste in una teca conservata nel castello ad eterna memoria. Non è ben chiara la tecnica che fu usata per conservare il corpo ed il medico che la eseguì morì subito dopo in circostanze poco chiare.
Ad appesantire l'atmosfera del castello fu la decisione, sempre della madre, di far ridipingere tutti i ritratti presenti facendo togliere qualsiasi immagine gioiosa e serena.

Leggenda vuole che il castello sia infestato dalla presenza del fantasma di Emilia Caetani Longhi, la madre del piccolo Francesco.
Ogni notte la presenza sarebbe udibile percorrere con passo inquieto le stanze verso la teca fino a prendere in braccio il figlio per cullarlo, ancora una volta, tra singhiozzi e tristi nenie.
Lo stesso marchesino, o meglio il suo spirito, si diletterebbe di tanto in tanto a spostare o nascondere degli oggetti.

I servizi e le rubriche

Confermate le rubriche. Adam Kadmon si occuperàm della scomparsa di Michael Jackson. I misteri di Hollywood saranno analizzati da Rachele Restivo, e alcuni enigmi sugli avvistamenti alieni saranno spiegati, da Pablo Ayo. Infine largo alle segnalazioni relative alle presenze soprannaturali, con analisi fotografiche eseguite dal team guidato da Daniele Gullà. 

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    nibiru (mercoledì, 06 febbraio 2013 20:08)

    vabbè dai, solita minestra riscaldata. se non fosse per le rubriche del mio amico Pablo Ayo, sarebbe di una noia mortale questo programma. come servizi lo trovo pure peggio di anno scorso.. non è possibile dedicare oltre due ore di programma a personaggi che sollevano oggetti agganciati ai capezzoli o che scaricano scintille dalle mani perchè collegati a bobine elettriche. e lo chiamano"mistero".. mah