La Nasa copia Star Trek, vuole un propulsore Warp

Come ha suggerito Neal Stephenson  in questi giorni, non è poi così vero che la fantascienza abbia la capacità di prevedere il futuro, semmai la fantascienza ha la capacità di produrre un ventaglio sconfinato di futuri possibili, alcuni dei quali, inevitabilmente, finiscono per realizzarsi. In alcuni rari casi, tuttavia, esiste l’eventualità che uno scenario fantascientifico funga da elemento ispiratore per nuove radicali innovazioni. Alla NASA, ad esempio, devono essersi sciroppati diverse stagioni diStar Trek, a giudicare dall’enfasi con cui, in queste ore, hanno dichiarato di volersi cimentare nella propulsione warp . Avete letto bene, nei laboratori della NASA, in questo momento, c’è uno scienziato pazzo che si sta consumando le diottrie per rendere possibile la creazione di un'astronave in grado di compiere viaggi interstellari a velocità superiori a quella della luce, distorcendo lo spazio-tempo. 

Lo scienziato pazzo in questione si chiama Harold White e, da buon scienziato pazzo, sul suo

blog  paragona la distorsione dello spazio-tempo alla cottura del pane con le uvette:

 

Quando pensate alla curvatura dello spazio, immaginate delle uvette che cuociono nel pane. Quando si mette la pasta nella teglia, nel pane ci sono poche uvette. Mentre cuoci il pane, questo lievita e le uvette si muovono l’una rispetto all’altra. Ecco, questo è il concetto di  inflazione  in una prospettiva terrestre, in una prospettiva astrofisica è invece lo spazio fisico stesso che cambia caratteristiche. In un futuristico viaggio spaziale, però, non rimarremmo spettatori passivi. L’idea è quella di comprimere lo spazio davanti a noi ed espandere quello dietro di noi in un modo che ci consenta di andare ovunque vogliamo, molto velocemente, senza venire meno all’undicesimo comandamento ‘Non superare la velocità della luce’”.

Sulla pagina wikipedia  realtiva alla tecnologia di Star Trek, la propulsione warp viene paragonata al cammino di una formica su un elastico che venga via via allungato e accorciato, facendo sì che l’artropode si muova da un punto A ad un punto B percorrendo una distanza effettivamente minore di quella che intercorre tra le due tappe. In sostanza, il principio è questo: se non è possibile (per ragioni tecniche e fisiche) spingere una navicella a una velocità superiore a quella della luce, allora tanto vale cercare un modo di modificare l’ambiente in cui la navicella si muove per accorciare il tragitto. Un po’ come quello studente a cui l’insegnante domandò quale fosse il modo più veloce per unire due punti su un foglio: lo studente piegò il foglio in due.

Dall’immaginario di Star Trek, White ha anche mutuato il concetto di bolla di curvatura, una sorta di zona di protezione che racchiude l’astronave e la rende immune all’effetto della distorsione spazio-temporale. Anche se, in realtà, i principi su cui oggi White dichiara di stare lavorando, erano già stati esplorati nel 1994 dal fisico teorico Miguel Alcubierre , che nel nominare il suo paper non aveva esitato a usare il titolo “The Alcubierre Warp Drive”.

 

Secondo la cronologia di Star Trek il primo motore warp, progettato da Zefram Cochrane, fu testato nell’aprile 2063 e consentì all'umanità di entrare in contatto con la civiltà Vulcaniana. Oggi, sulla Terra, Harold White si spinge a immaginare un’astronave warp capace di raggiungere uno spostamento pari a quello ottenibile con una velocità 10 volte superiore a quella della luce (per chi conosce Star Trek: The Next Generation: un fattore warp 2), e in grado di raggiungere Alfa Centauri, il sistema stellare più “vicino” a noi, in sole 2 settimane.

 

Magari non sarà il 2063, magari non ci sarà alcun Vulcaniano pronto a raggiungerci sulla Terra, ma varrebbe comunque la pena farci un salto. Dopotutto, cosa sono 4,3 anni luce, quando hai un propulsore a curvatura?

Fabio Deotto per Panorama.it

Scrivi commento

Commenti: 25
  • #1

    Zero_72 (mercoledì, 19 settembre 2012 13:36)

    Roma-Milano in quanto ??

  • #2

    Aponus (mercoledì, 19 settembre 2012 14:37)

    Sarebbe semplicemente MERAVIGLIOSO!

  • #3

    Lorenzo (mercoledì, 19 settembre 2012 16:25)

    Signor Sulu dia manetta e speriamo di non cozzare contro un'asteroide.

  • #4

    Marcy (mercoledì, 19 settembre 2012 16:26)

    E' un po il principio della scala mobile.......l'uomo stando fermo riesce ad arrivare da un capo all'altro facendo scorrere le scale sotto di essso.
    Nel nostro caso, di una propulsione a curvatura, la navetta stando ferma deforma il tessuto spazio temporale...facendolo scorrere sotto di essa....compiendo così il viaggio interstellare in poco tempo.

  • #5

    giovanni79 (mercoledì, 19 settembre 2012 17:18)

    premetto che non sono un fisico, ma penso che per curvare la spaziotempo sarà necessaria una quantità di energia impensabile con la tecnologia che abbiamo oggi....
    che stiano facendo un meeting segreto con KESHE???? visto che proprio Obama ne ha bloccato la divulgazione....

  • #6

    Albè (mercoledì, 19 settembre 2012)

    la teoria è disponibile dal 2000 circa la lessi tramite il CUN che l'aveva a sua volta conosciuta attraverso la pubblicazione degli autori stessi. il problema resta quello tecnologico. non esiste, e se Keshe c'è riuscito pare non avrà la possibilità di dimostrarlo, un tecnologica capace di sfruttare questa teoria almeno attualmente. Vorrei far notare che i fondamenti teorici di questa teoria sono gli stessi proposti da Bob Lazar, che ai suoi tempi fu definito un ciarlatano, da altrettanto presunti esperti proprio sulla base delle sue, ai tempi vennero definite "scarse e confuse" conoscenze fisiche; sono certo che sicuramente verrà nuovamente definito tale non appena qualcuno ne leggerà il nome...

  • #7

    Jack (mercoledì, 19 settembre 2012 19:07)

    Ma si fateci sognare un pò che ne abbiamo bisogno!

  • #8

    Cinese (mercoledì, 19 settembre 2012 21:36)

    Toh la Nasa ha fatto una scoperta

  • #9

    *Ira Tenax* (mercoledì, 19 settembre 2012 21:53)

    Fantastichiamo:
    se io piego lo spazio tempo per fare Terra/Giove e nel frattempo qualcun altro piega lo spazio tempo Luna/Terra, che succede? Un patatrac? Si strappa tutto? Si accavalla il tessuto spazio temporale?

    Se nello stesso tempo lo fanno anche altri per andare dalla Luna a Giove, da Marte a Plutone, etc... che succede? 8|

  • #10

    Rigel (mercoledì, 19 settembre 2012 22:06)

    "Avete letto bene, nei laboratori della NASA, in questo momento, c’è uno scienziato pazzo che si sta consumando le diottrie per rendere possibile la creazione di un'astronave in grado di compiere viaggi interstellari a velocità superiori a quella della luce, distorcendo lo spazio-tempo."

    Ma siamo sicuri?
    Se così fosse, le cose sono due:
    1) Alla Nasa sono convinti si possa fare, e lei ci fa notare che sono una massa di coglioni.
    2) Lei, Sig. Deotto sta citando fonti inattendibili.

    In entrambi i casi non la vedo uscirne bene. A livello giornalistico, intendo.

    Non volendo insegnare nulla a nessuno, s'intenda...


  • #11

    FABIOSKY63 (giovedì, 20 settembre 2012 04:09)


    ...iperspazio...

    @Ira Tenax
    la velocità "warp" è inattuabile in un contesto di sistema solare...si farebbe di tutt'erba un fascio...

    @Righel
    il Grande Naso è "un carrozzone" al soldo di chi lo mantiene in vita...se i fondi "finiscono" COME le spediscono "le opportunità"?..era ora che dopo 40 anni di "limbo" cominciassero a "cercare" ah!ah! si fa per dire, OLTRE il proprio "naso"!..

    @Lorenzo
    una nave che opera l'iperspazio, il salto spazio temporale, NON può non essere munita degli "scudi" elettromagnetici di protezione...anche un granello di polvere la disintegrerebbe...

    @Albè
    Bob Lazar lavorò sulla tecnologia elettro-magneto-gravitazionale che è quella che permetterebbe lo spostamento di una nave sul pianeta e all'interno di un sistema solare SENZA danneggiarlo...anche se parlò ANCHE di propulsioni equivalenti a quelle dei Vimana dei Veda...

    @Cinese
    fai bene a meravigliarti eh!eh!..se partissero da Zero ;) al massimo da Roma arriverebbero a Milano in meno di un minuto, con la tecnologia dell'inversione gravitazionale che...hanno già i militari!..

    @...
    ma dato che partono dallo stadio 1 della propulsione NON convenzionale e vogliono arrivare allo stadio 3, curvatura, viaggio spazio-temporale, salto iper-spaziale, velocità Warp, chiamatelo come volete, vuol dire che hanno GIA' raggiunto "la realizzazione", o sono in procinto di farlo, dello stadio 2 che è quello della propulsione ad impulso...senza il quale NON si può compiere "il salto"...

    militare, industriale, commerciale, pubblico, privato...questo è il passaggio nel "rilascio" temporale delle tecnologie nella nostra società...a seconda dell'importanza delle stesse possono passare dai 20 ai 40 anni di ritardo nelle applicazioni -PRATICHE- fino alle private...

    basta guardare la storia...per crederci..:)

  • #12

    ArrowHead (giovedì, 20 settembre 2012 10:14)

    In stile Punto di non ritorno !

  • #13

    Julian (giovedì, 20 settembre 2012 10:21)

    ..ma nooo, non è possibile andare piu veloce della luce... (sarcasmo)
    E poi, se ce lo dicono adesso...vuol dire che sono in grado di utilizzare questa tecnologia gia da tempo.

  • #14

    65C02 (giovedì, 20 settembre 2012 14:30)

    vorrei far notare che i modelli ufologici quantitativi contemplano intervalli di tempo tra andata/ritorno (avvistamenti UFO "saurici" veraci) che non contemplano l'esistenza di "campi a transmutazione antanica" invece e' molto probabile che il forte color rosso/arancione esterno alla navetta sia una sorta di plasma energetico che ricopre la navetta, oltre come mezzo di spinta, anche e sopratutto IMHO come scudo per proteggere gli occupanti dal vento solare, raggi X, Gamma ed altre amenita' stellari che non fanno per niente bene al DNA

  • #15

    FABIOSKY63 (venerdì, 21 settembre 2012 02:09)


    ..."plasmantani"...

    @65CO2
    tarapiatapioca!..come?..alla prematurata!..aah!..

    antanici infrarossi esternati propulsivamente e NON schermabili visivamente...alla supercazzola..:)

  • #16

    Receptionist (venerdì, 21 settembre 2012 14:15)

    Citando i mitici jalisse "fiumi di parole" :O

  • #17

    Yoghi (venerdì, 21 settembre 2012 17:33)

    @Fabiosky,finalmente qualcosa di comprensibile,mi dici dove insegni?

  • #18

    Marco (sabato, 22 settembre 2012 05:37)

    fatti mandare dalla maaamma a prendere giooove! apparte gli scherzi gradirei che qualcuno competente in materia ci parlasse in maniera più approfondita dell'argomento perchè è davvero interessante!!

    tra l'altro esco un attimo fuori tema esponendo invece la notizia che è in corso la progettazione di una spedizione su europa la luna di giove per trapanare il ghiaccio e guardare un po sotto cosa c'è..

  • #19

    FABIOSKY63 (sabato, 22 settembre 2012 08:28)


    ...lucine...

    @Yoghi
    ...cannucciata di 65CO2 e manual service di C@zz@ro...di "insegnare" NON se ne parla ancora...quì c'è molto da imparare, per tutti...

    comunque le navette allogene et aliene "funzionano" così...propulsione attraverso l'inversione gravitazionale con il controllo guida di tipo elettromagnetico...

    le colorazioni giallo, arancio, rosso, e di altre sfumature che possiamo riconoscere ad occhio nudo o con camera sono dovute all'emissione di infrarosso che una volta entrato a contatto con gli schermi elettromagnetici di occultamento ne modificano il croma a favore (piccola parte) della banda RGB...le belle lucine COME stelle in movimento che vediamo...

    il grosso dell'emissione, "plasmantani" eh!eh! non essendo filtrato dallo schermo di occultamento, in quanto NON visibile (nel senso che NON sarà visibile da nessuno) ad occhio nudo e che NON occorre ESSERE SCHERMATO, resta impresso -DI FATTO- nelle pellicole...una volta di celluloide oggi frame digitale...

    la camera, sommando la stessa luce infrarossa alla luce dell'ambiente, ne sovraespone i punti interessati (cioè dov'è l'ufo...la fonte d'emissione dell'infrarosso) rispetto i parametri generali della foto, quindi...

    di fatto ci troviamo in mano, da 60 anni, con una molteplicità di "plasmantani" volanti NON identificati e che mai lo saranno attraverso delle elettroniche (o tecnologie analogiche...pellicole, NON fa la differenza) che NON sono in grado di rilevare VISIBILMENTE e correttamente gli aeromobili che producono queste emissioni di IR(70%) e UV(20%) poiché SCHERMATI nel RGB rispetto ai "telespettatori", ANCHE se eh!eh! forniti di Japanese cameras...

    se il fatto avviene di giorno avremo punti sovraesposti fino al bianco bruciato...nelle pellicole di una volta potevano essere spesso IDENTIFICATI come drops...-DI FATTO- sono sovraesposizioni da infrarosso...

    se avviene di notte, dato il relativo e solitamente basso gradiente luminoso generale, li troviamo (foto e clips) generalmente "trasformati" in "luci" più o meno "plasmoidi" (da quì "plasmantani" :) dalle tonalità variabili dal biancastro fino al rosso-violetto...

    potrei continuare per ore ma sarebbero -SOLO- "fiumi di parole" (Receptionist :) per chi NON può o NON vuole "sapere"..:)

    ah! dimenticavo...gli schermi ottici sono gli stessi che si vedono in "Star Trek" del 1965 COME nel film "The Avangers" del 2012...

    i 50 anni di differenza, quelli da allora ad oggi, sono INVECE quelli che chiese il presidente D.D.Eisenhower alla delegazione aliena che incontrò tra il '53 e il '61 almeno due volte, rimandando a tempi più "maturi" l'appuntamento con il futuro della nostra civiltà...

    le razze di alieni e di allogeni circolanti qui oggi invece sono MOLTE di più di quelle di ieri...

    che ne dici Yoghi?..ciao ciao da Bubu!.:)

  • #20

    Rigel (sabato, 22 settembre 2012 14:23)

    @Fabiosky
    Io sono convinto che la NASA sia invece uno dei pochi organi (forse per l'elevata dotazione intellettiva di buona parte delle persone che ne fanno parte) che non cela notizie di una certa importanza. Ben sapendo come "farle passare".
    In questo caso, ad esempio, si associa uno scienziato che fa ricerca su qualcosa di puramente teorico, al fatto che il lavoro venga svolto presso e col patrocinio NASA.
    Poco tempo fa, sul forum, mi pare, si parlava del "gong lunare", quando venne fatta cadere sul suolo la parte "LEM" di una delle missioni Apollo.
    Senza il solito "no comment" che avrebbero inserito altri Enti stars&stripes, l'Ente Spaziale dice esattamente che "Ad oggi non abbiamo certezze sulle ripercussioni sismiche decisamente anomale, e sulla vibrazione sonora quantomeno particolare, che si sono verificate nei crash programmati dopo che misurammo il fenomeno la prima volta. La teoria più accreditata presso i nostri scienziati, è che il sottosuolo lunare sia composto da MACERIE che permettono alle vibrazioni sonore di propagarsi per un tempo più lungo rispetto a quello che si verifica nel più compatto sottosuolo terrestre. Ma questa è per ora solo una teoria.".
    Mi pare che, anche nel taglio giornalistico dell'articolo, ci sia troppa tracotanza, ed una forzata derisione. Ma ad una mente lucida, ciò non dovrebbe che risultare una sfaccettatura.

    La vera notizia è che la fisica teorica sembra sia pian piano ammessa e sdoganata anche dai grossi gruppi di ricerca mondiali ( E la NASA è sicuramente al primo posto).

    Ho cercato la notizia sui siti ufficiali legati all'Ente Spaziale americano, e la notizia è vera. Si sta studiando tutto un insieme di "mezzi per eludere" le regole della fisica ufficiale.
    E questo, ormai, a livello ufficiale.
    Ritengo sia un ulteriore passo verso una presa di coscienza globale, di quella che deve essere la linea di pensiero umana.
    Aperta all'ammissione della sua attuale pochezza di conoscenza. Aperta a nuovi mezzi di ricerca, e ben disposta a finanziare anche le ipotesi, se dotate di una certa credibilità.
    Forse è uno di quei "primi passi" verso l'Universo, che una civiltà in esponenziale progresso tecnologico, come la nostra, deve prima o poi rendersi conto di dover intentare.
    I risultati saranno forse lontani.
    Ma credo sia giusto lavorare in funzione di chi verrà, tanto e più di quanto si faccia per "scoprire" a favore della nostra società contemporanea.

  • #21

    Yoghi (sabato, 22 settembre 2012 17:19)

    @Fabiosky non dirmi che 6 convinto di quello che ci proponi. ci sono 3 possibilità:o 6 un'alieno,magari un terrestre alieno. 2:hai dei canali del sapere a noi reclusi.O 3 non sai quello che dici .Se 6 nella 3 ti fò un Bùùùùbùùùù!!!!!!!!!!

  • #22

    Lorenzo (domenica, 23 settembre 2012 19:19)

    "propulsione attraverso l'inversione gravitazionale con il controllo guida di tipo elettromagnetico"
    -----
    ...e quel che ne consegue, ma Bob Lazar è ancora vivo ?

    "potrei continuare per ore ma sarebbero -SOLO- "fiumi di parole" (Receptionist :) per chi NON può o NON vuole "sapere"..:)"
    -----
    Tranquillo, troviamo tutto su internet.
    L'unico problema è saper ricercare quel che si vuol trovare e credimi che è questo il problema più grande.

    "le razze di alieni e di allogeni circolanti qui oggi invece sono MOLTE di più di quelle di ieri."
    -----
    Nel senso che la fantasia umana non ha limiti d'espressione, la quale è condivisibile attraverso lettura di testi cartacei/digitali, oppure cosa ?


  • #23

    Marco (domenica, 23 settembre 2012 21:59)

    Fabiosky63 ....scusa ma dove hai preso queste informazioni?? e poi perchè scrivi cosi?? :)

  • #24

    Antonio (martedì, 25 settembre 2012 15:04)

    Si può dire con sicurezza che la velocità della luce è Sicuramente superabile?

  • #25

    FABIOSKY63 (mercoledì, 26 settembre 2012 04:26)


    ...intenzioni...

    tutto giusto Righel solo che questa è storia di 50 anni fa...

    i progetti, gli studi, gli scienziati, la corsa alla Luna, il mondo diviso in due, il boom economico COME LEVA finanziaria, le guerre ed il "controllo" degli stati, "la gestione" della finanza e delle tecnologie, lo sfruttamento "ad hoc" delle risorse del pianeta, il cover up ed il debunking in tutti i settori sensibili, l'uso di ogni agenzia ed organismo di sicurezza a fini OLTRE il sociale, ecc.ecc.ecc. si potrebbe riempire questa home page di TANTO E QUANTO relativo...episodi di storia scritta e NON...

    ESSI NON SONO ALTRO CHE LA PROVA CHE TUTTO QUELLO CHE SERVIVA PER ARRIVARE AD UN CERTO PUNTO...E' STATO COMPIUTO...

    il fatto che NON lo vediamo è solo UN aspetto della cosa...e ce ne sono molteplici che NON percepiamo...

    voglio fare una domanda semplice semplice...
    ma voi, CREDETE veramente che la nazione che ha avuto la leadership mondiale negli ultimi settant'anni sul pianeta Terra abbia di fatto RINUNCIATO alla corsa allo spazio, e allo sviluppo di tutte le tecnologie inerenti che si potevano CREARE negli ultimi 40 anni? e ciò BEN COSCIENTI (i leaders) del NECESSARIO futuro dell'uomo di allargare i confini OLTRE la Terra, -SOLO- perché noi...NE SIAMO CERTI PERCHE' -NON- LO VEDIAMO?..

    eeeeeh!..quante cose ci sono state nascoste dalle autorità costituite eh!eh! negli ultimi 7000 anni di storia dell'umanità?..pensateci...

    a presto..:)