Richard Deaking alla BBC: "In Inghilterra avvistato un ufo al mese"

Parlando al programma della BBC Today, questo Venerdì, il Responsabile del Controllo del traffico aereo britannico, Richard Deakin ha detto che, in genere, il suo staff avrebbe incontrato un oggetto volante non identificato al mese. Ma che tipo di oggetti UFO stiamo parlando? Non necessariamente extraterrestri. Nick Pope, esperto nel campo ed ex investigatore UFO presso il Ministero della Difesa, ha detto al presentatore del programma Today, James Naughtie di aver catalogato intorno a "due o trecento avvistamenti UFO ogni anno, la maggior parte dei quali si è rivelata errata identificazione degli aeromobili".

Osservando che "tutto ciò che vola in nostro spazio aereo che non possiamo identificare è di interesse per il governo e l'esercito, ma è più probabile che sia russo di Marziano." 

Il pericolo degli oggetti volanti non identificati

Non sono solo gli Inglesi a dare spazio ai dati sul traffico degli UFO. Qualche tempo fa viste le numerose segnalazioni di avvistamenti ufo da parte dei radar e dei piloti, l’Air force argentina ha dichiarato che essi (gli ufo ) sono una “potenziale minaccia alla sicurezza aerea nazionale”la stessa air force, ha dichiarato che spesso gli aerei da combattimento argentini hanno redatto rapporti su inseguimenti di oggetti non identificati nei cieli argentini. L’ufficio stampa dell’ Air force, ha dunque istituito una serissima commissione per studiare gli avvistamenti, composta da specialisti, piloti, meteorologi, medici, astronomi, esperti in radar etc.

Qualcuno si dichiarerà sorpreso per questi dati, ma il punto centrale è il concetto tecnico di oggetto non identificato, che rientra nella categoria ampiamente studiata del velivolo che non si fa riconoscere, o non può essere distinto per colpe non proprie. L'acronimo poi ha assunto agli occhi di tutto un significato completamentare a quello di dischi volanti, molto diverso nella teoria e nella pratica. Catalogare un oggetto come Ufo, non significa dargli parvenze aliene. Quello al limite sarebbe il passo successivo frutto di indagini diverse di un semplice non riconoscimento sui radar.

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    FABIOSKY63 (domenica, 02 settembre 2012 10:51)


    ..."flaps"...

    il fatto che l'aeronautica Argentina abbia affermato il mancato controllo dei propri spazi aerei è UNA conferma che nei nostri cieli terrestri, avviene in tutto il mondo, circolano aeromobili sconosciuti controllati da "altri" che si "nascondono" ufficialmente...perché?..

    forse perché NON tutti i paesi del mondo, vedi l'Argentina, sono ancora "allineati" su una "comune" intesa e visione del futuro della società terrestre...forse ANCORA non siamo abbastanza UNITI da comuni intenti e propositi, forse...

    ma ogni giorno, statene certi, siamo sempre PIU' vicini a questa REALTA' inevitabile del nostro futuro prossimo...MOLTO prossimo, dato che è GIA' tra noi..:)

  • #2

    Daniele (domenica, 02 settembre 2012 15:17)

    Se ipotetici alieni avessero voluto farsi vedere, l'avrebbero già fatto.
    O forse sono dei burloni a cui piace giocare a nascondino?!