Chasing Ufos, il programma del National Geographic sugli alieni è un flop

Sensazionalistico, inadatto, commerciale, senza valore. Sono alcuni degli aggettivi usati dai maggiori giornalisti statunitesi sul programma Chasing Ufos in onda in questo periodo su National Geographic Channel per otto puntante, dopo un intenso batage pubblicitario. Vi avevamo parlato dell'iniziativa dei tweets che sarebbero stato spediti nello spazio, in concomitanza con l'anniversario della ricezione del messaggio Wow. Idea che ha coinvolto molti internauti in maniera entusiastica. Ma il programma ufologico vero e proprio è stato una delusione, troppo cinematrografico e poco scientifico. E anche i conduttori James Fox e Ben McGee si dissociano sul New york Times.

E' stato detto non c'è niente come la cattiva pubblicità, ma quando sono le stelle del tuo show fare "pollice verso", potrebbe essere anche peggio

Su National Geographic ha debuttato "Chasing UFO", otto episodi del reality alieno seguendo un trio di ricercatori che attraversano l'America in cerca della verità di inspiegabili: avvistamenti UFO, presunti rapimenti alieni e cover up militari.

Alcune foto dalla trasmissione

Sulla scia delle recensioni e commenti non proprio positivi degli spettatori, le due delle stelle dello show - James Fox e Ben McGee - hanno rivelato la propria insoddisfazione per l"Chasing UFO", lamentando che lo spettacolo aveva posto maggiormente l'accento sul valore del puro intrattenimento che su uno sguardo serio verso la tematica Ufo e vita Extraterrestre.

 

Fox: "Sono come tutti voi deluso. Non è lo spettacolo che è stato venduto a me come scienziato. C'era tutto per un grande inizio, ottime riprese, testimoni solidi e alcune opportunità per Ben (l'altro studioso n.d.r) di applicare le sue ricerche sul campo in qualità di geologo in alcuni luoghi d'impatto. Cose molto interessanti. Purtroppo, quando in realtà siano andati sul campo, abbiamo cominciato a renderci conto che per loro erano più interessati le riprese di notte, perchè gli americani amano guardare gli altri furtivamente in giro dopo cena dalla comodità della loro divani. Lo spettacolo non rende giustizia alla scienza .... la mia credibilità e la mia reputazione sono, meritatamente, messe in grave crisi"

 

 

McGee: "Quando siamo stati coinvolti, il progetto aveva certamente una inclinazione molto più difficile che la sua realizzazione finale, e come scienziato in carriera, ero emozionato che NatGeo ci avesse messo al timone (inconsapevoli del loro desiderio di un importante cambiamento nella struttura di programmazione) . Le nostre intenzioni erano molto sincere .... James e io abbiamo avuto aspettative e (per i nostri motivi personali) le speranze di un prodotto in ultima analisi serio. Entrambi abbiamo visto il progetto che prendeva una direzione diversa col passare del tempo e non eravamo in grado di influenzarlo. "


Fox e McGee hanno scritto i loro commenti sulla pagina Facebook del best-seller del New York Times Leslie Kean. NatGeo ha cercato di girare la critica, il che suggerisce che le due stelle potrebbero essere estromesse presto dal progetto.

Pessime anche le recensioni dei giornali americani:

"Il problema con 'Chasing UFO' non è tanto la cattiva scienza, quanto la mancanza di valore nell' intrattenimento. I nostri ospiti provenienti dallo spazio sono mai stati così noiosi" The Wall Street Journal

 

"Come la maggior parte dei documentari sugli alieni che seguono questa formula,"Chasing UFO" non tratta tanto di alieni o Ufo. Ma di altro. E tutto il cast è variopinto. Questa squadra è propagandata come la vita reale Scullys e Mulders' in 'The X-Files' , ma il mix è quasi tutto Mulder con ben poco Scully. " Il Los Angeles Times

 

"Io non so se rivedrò episodi futuri di 'UFO Chasing.' Ci sono un sacco di 'raccolte di dati' (più precisamente storie raccontate), ma nessun serio sforzo per seguire, indagare e arrivare ad una conclusione definitiva. E 'tutto un "Wow!, fantastico!, che storia incredibile!" Ma in realtà non si cercano le risposte - che non sarebbero divertenti- ma sono le indagini che fanno scena. Quello che ci viene mostrato sono, ovviamente, messe in scena per fini drammatici, e non sono gli sforzi effettivamente compiuti per raccogliere informazioni e risolvere misteri ". Robert Sheaffer , scrittore e columnist per The Skeptical Inquirer.

Il prossimo autunno la produzione potrebbe arrivare in Italia negli schermi di Sky, vedremo se dalle nostre parti le reazioni saranno simili o più benevole

Serena Donvi per Ufoonline.it

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Marcy (venerdì, 27 luglio 2012 12:51)

    arrivati a questo punto, meglio "a caccia di ufo"