L'università di Edimburgo lancia corsi online a tema extraterrestre

L’Università di Edimburgo è in procint0 di lanciare una serie di corsi online di astrobiologia e tematica extraterrestre, per imparare ad affrontare al meglio la questione aliena, come si farebbe con un dottorato. Lo riporta il The Telegraph e altri media britannici. Il prestigioso ateneo scozzese entra a far parte del consorzio promosso dalla Stanford University della California, per offrire lezioni gratuite su internet a chi ne faccia richiesta, e tra questi argomenti c'è l'astrobiologia collegata alla ricerca di vita aliena: strumenti e metodi. Il corso verrà coordinato dal professor Charles Cockell, direttore del Centro per l’Astrobiologia del Regno Unito, durerà 5 settimane e richiederà per gli studenti un impegno di circa 4 ore a settimana. Ecco altri curiosi dettagli a seguire.

Il corso affronterà tutte le tematiche preponderanti dei temi astrobiologici classici. Dalla possibilità della vita su Marte e in ambienti ostili, alle basi della vita basate sul carbonio e le possibili varianti, alle caratteristiche psichiche e attitudinali di eventuali intelligenze aliene. Un corso intensivo affascinante.

 

Duemila anni fa, gli antichi Greci si domandavano se potessero esserci altri mondi abitati. Nei prossimi anni, la questione potrebbe essere provata sperimentalmente”, ha dichiarato il docente che ha aggiunto: “Il nostro corso è una sorta di introduzione all’astrobiologia, campo di studi che affronta interrogativi di ampio interesse del tipo: come si è sviluppata la vita sul nostro pianeta? è stato un processo inevitabile? la vita è comune in tutto l’universo?”

"Avvistamenti" in facoltà

Non è la prima volta che gli alieni fanno parlare i professori e il mondo accademico. Nel 2010 Philip Haseley, un professore di antropologia di New York sostenne che gli avvistamenti Ufo e i fenomeni paranormali dovessero essere materie di "studio".


Il Niagara County Community College, dove Haseley lavora fu la prima e unica università del mondo che catalogò per anni i vari avvistamenti. Il professore sostiene che si dovrebbe permettere agli studenti di seguire un percorso di studi coerente in modo da renderli in grado di indagare sul fenomeno.

 

"Gli avvistamenti sono testimoniati da milioni di persone (in tutto il mondo)," ha detto Haseley. "E ora che abbiamo esaminato tutto dobbiamo avere una facoltà degna di questo nome".

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    lupenna (sabato, 21 luglio 2012 00:20)

    Beh, era ora. Giusto da università realmente libere poteva nascere qualcosa del genere. Se lo proponi nelle nostre ti fucilano. All'istante!!!