Il buco su Marte...ancora

Cosa può stuzzicare la fantasia di tutti gli appassionati più che un cratere marziano, con una voragine scura che porta a qualche grotta sotterranea ? Eccovi serviti. La NASA elaborando le rilevazioni effettuate dal CTX (Context Camera), una delle fotocamere montate sulla sonda spaziale MRO (Mars Reconnaissance Orbiter) ha notato la presenza di un cratere contenente una macchia molto scura sui pendii del vulcano Pavonis Mons. Quel buco enigmatico dovrebbe essere ampio molti metri e si sviluppa su uno dei vulcani più grandi del pianeta: Il Pavonis Mons. La montagna monstre infatti tocca un’altezza di 14 chilometri rispetto alle terre che ha intorno e la sua caldera ha un’estensione di 20 chilometri di diametro. Si trova nella regione equatoriale di Tharsis e insieme con l’Ascraeus Mons e l’Arsia Mons, forma il complesso vulcanico dei Tharsis Montes. 

A seguire l'immagine in tutta la sua interezza.

Clicca per ingrandire
Clicca per ingrandire

Una lunga sequenzi di "buchi"

 

I buchi su Marte hanno una lunga storia. Nel 2007 le immagini rese pubbliche dai responsabili dello strumento HiRISE posto a bordo della sonda Mars Reconnaissance Orbiter, rilevarono l'immagine della fiancata dell’imponente struttura vulcanica Arsia Mons e nel bel mezzo di quel pianoro di origine lavica, assieme a piccoli crateri di impatto, faceva bella mostra di sè una macchia nera come il carbone. Talmente scura che a prima vista venne il sospetto di trovarsi di fronte a un fotomontaggio mal riuscito. Alla fine tutto venne spiegato con il cedimento di suolo di una camera magmatica.

 

Mesi prima nelle immagini acquisite dallo strumento THEMIS, a bordo della sonda Mars Odyssey, alcuni planetologi avevano individuato altre sei strutture analoghe e ne avevano dato l’annuncio al Lunar and Planetary Science Conference dell'epica. In via informale avevano anche attribuito loro i nomi di Dena, Chloe, Wendy, Annie, Abbey, Nikki e Jeanne (il buco del 2007). Tutte le strutture si trovavano in prossimità di Arsia Mons e sono dunque sicuramente collegate alla passata attività vulcanica di questa immensa caldera marziana. 

Scrivi commento

Commenti: 4
  • #1

    Shepres (venerdì, 20 luglio 2012 18:50)

    Scusate l'ignoranza.....perchè è bianco il suolo??????

  • #2

    Malles (sabato, 21 luglio 2012 14:53)

    I marziani sono golosi di pizze e si sa che ...la farina vola

  • #3

    KOSLINE (sabato, 21 luglio 2012 16:50)

    @Shepres , se parli riferito al contesto fotografico generale, perché e' una foto fatta con i filtri , quindi in fals color, no reale , si utilizzano per esaltare perticolari che non si vedrebbero in colori originali ...., quindi quando scattano foto di marte dai satelliti, le fanno in bianco e nero, a colori originali e in fals color , poi le confronatano ....

    Se parli del bianco dentro il cratere , invece ci indica che non e' una carverna ma bensi un buco, dove il fondo e' ben visibile ...

    Qua puoi farti un idea e vedere tantissime foto marziane veramente spettacolari, con le spiegazioni in italiano ....

    http://www.uahirise.org/it/

  • #4

    Shepres (domenica, 22 luglio 2012 15:22)

    Grazie mille KOSLINE per la spiegazione dettagliata..buono a sapersi per la prossima volta.un saluto.