La sonda Voyager 1 arriva nello spazio interstellare e fa la storia

E' la Sonda umana più famosa della storia, quella più lontana e adesso è fuori dal sistema solare. La storica sonda Voyager 1 della Nasa diventerà così il primo veicolo costruito dall'uomo a entrare nello spazio interstellare, a testimoniare la presenza dell'uomo a chiunque la fuori incrocera il suo cammino e i suoi segnali. A rivelare l'imminente sconfinamento è la registrazione, da parte degli strumenti della sonda, di segnali completamente nuovi che provengono dal flusso di particelle cosmiche. Le variazioni registrate recentemente che testimoniano un drastico cambiamento rispetto alla situazione rilevata finora all'interno del Sistema Solare.

La storia della gemelle Voyager 1 e 2 comincia nel 1977, la sonda Voyager 1 si trova ora in una regione dello spazio nella quale sta registrando un incremento vertiginoso dell'intensità delle particelle cariche che provengono dall'esterno del Sistema Solare e che sono state generate dall'esplosione di supernovae.
''Dal gennaio 2009 al gennaio 2012 c'è stato un graduale aumento del 25% dei raggi cosmici galattici incontrati da Voyager'', osserva Ed Stone, responsabile della missione Voyager presso il California Institute of Technology (CalTech) di Pasadena. ''Più di recente, abbiamo osservato una rapida escalation in quella parte dello spettro energetico. A partire dal 7 maggio - aggiunge - i raggi cosmici sono aumentati del 5% in una settimana e del 9% in un mese''.

L'enigma del segnala anomalo 

Il giorno 22 aprile 2010, i dati scientifici della sonda cominciarono a non tornare indietro. Ecco quindi le ipotesi inquietanti, che partirono parlando di un sabotaggio extraterrestre. Hartwig Hausdorf, 54 anni e autore del libro “UFOs – They Are Still Flying”, dichiarò: “sembra quasi come se qualcuno avesse dirottato o riprogrammato la sonda, forse così non conosceremo ancora tutta la verità“. Tutto rientrò nel tempo e ci fu spiegato che si era trattato di un guasto, ma molti rimasero scettici sulla spiegazione.

 

In attesa della dichiarazione ufficiale dell'arrivo nello spazio interstellare

Tutto gli occhi sono puntati sulla conferenza stampa Nasa che annuncerà l'inizio di questa nuova era dell'esplorazione spaziale. I dati inviati dalla sonda per riconoscere i segnali che annunceranno il passaggio del confine sono constantemente monitorati. Quando gli strumenti della Voyager 1 registreranno un repentino crollo delle particelle energetiche generate all'interno dell'eliosfera, significherà che il confine è stato oltrepassato. Per ora c'è solo una rilevante decadenza dell'intensità delle particelle. Restiamo in attesa fiduciosi.

Scrivi commento

Commenti: 17
  • #1

    Vesuviana (lunedì, 18 giugno 2012 09:03)

    Quel problema con il segnale è rimasto molto misterioso la sua spiegazione è un cover up in piena regola

  • #2

    Scettico (lunedì, 18 giugno 2012 09:17)

    Certo Vesuviana come no....leggiti questo:
    http://www.jpl.nasa.gov/news/news.cfm?release=2010-151

    Il sito della NASA dedicato alle sonde Voyager spiega esattamente come sono andate le cose. Il sistema di bordo che si occupa della formattazione dei dati scientifici ha avuto un problema: un singolo bit nella memoria del computer di bordo ha cambiato valore per errore e ha scombinato i dati scientifici. Cose che càpitano, considerato che il computer risale a 35 anni fa e non è mai stato portato in assistenza. Quanta disinformazione.

  • #3

    Alfredo (lunedì, 18 giugno 2012 09:38)

    qualunque sia la verità rimangono due oggetti meravigliosi, peccato solo che nel 2020 circa (a breve quindi) smetteranno di funzionare in maniera definitiva

  • #4

    Michela Tosi (lunedì, 18 giugno 2012 10:00)

    Fantastico che un oggetto umano sia così lontano da qualche parte e comunque gli alieni un giorno lo troveranno... nelle voyager c'è il disco d'oro con inciso uno schema dell'umanità con il dna e altre informazioni. E' tutto molto affascinante ci fa capire quanto sia importante espanderci per non finire la nostra straordinaria umanità.

  • #5

    LOL (lunedì, 18 giugno 2012 10:14)

    Vai Voyager verso Zeta Reticuli XD

  • #6

    Avanti tutta (lunedì, 18 giugno 2012 10:18)

    Un altro grande salto dell'uomo....

  • #7

    Y50687D (lunedì, 18 giugno 2012 10:46)

    AHahaha ma voi pensate davvero che quello sia l'oggetto più lontano? chissà quanti oggetti del genere ha spedito la Nasa senza dircelo. Anche le missioni apollo segrete, sono capaci di tutto gli americani.

  • #8

    Scettico (lunedì, 18 giugno 2012 10:51)

    a: Y50687D

    le missioni segrete apollo sono un'altra invenzione complottistica...siete in veda di balle spaziali oggi.
    Per lanciare sonde o missioni bisogna fare lancia da piattaforme che sono monitorare pubbliche e hanno gli occhi del mondo addosso e poi ci vogliono finanziamenti erogati dal governo e contabilizzati. Non è come fare di nascosto un motorino truccato ...ma come fate a scrivere certe cose...

  • #9

    FABIOSKY63 (lunedì, 18 giugno 2012 12:56)

    ...oppure bisogna avere a disposizione laboratori tipo quelli del Nevada e piattaforme tipo quelle del Brasile, ad esempio...

  • #10

    Diego78 (lunedì, 18 giugno 2012 17:50)

    Se non fosse che é dall'Ufo crash di Roswell che sappiamo (uso il plurale ma per carità, chi crede -dopo aversi letto tutto a riguardo- che sia stato un recupero di pallone sonda sperimentale, velivolo spia russo etc etc può continuare a crederlo, non voglio erodere nessuna solida certezza, non più ormai) che il governo americano -o meglio l'apparato di intelligence- tiene volutamente all' oscuro il mondo civile dei contatti con civiltà extraterrestri sarei anche contento di questo piccolo traguardo...

  • #11

    Y50687D (lunedì, 18 giugno 2012 19:56)

    Scettico neanche meriteresti risposta ma guarda che i finanziamenti del congresso sono facilmente truccabili e poi ci sono società private che potrebbero finanziare missioni segrete! Per te è sempre tutto tranquilli vero!

  • #12

    XXX (lunedì, 18 giugno 2012 23:37)

    @Vesuviana, se volevano mantenere il segreto sul segnale anomalo, non credi che avrebbero fatto prima a non parlarne dall'inizio?....dopo di tutto è la NASA stessa che sa per prima le notizie sulla sonda. Quindi non facendo sapere la notizia, non ci sarebbe stato bisogno di mettere in funzione il meccanismo del cover-up (a cui non credo minimamente)....non cercate di vedere sempre il mistero anche dove non vi è.

  • #13

    Lorenzo (mercoledì, 20 giugno 2012 15:56)

    ...e molto probabilmente anche qualche corpo umano ormai disperso su qualche razzo prova che non è riuscito a tornare sulla terra

  • #14

    polpo94 (giovedì, 21 giugno 2012 14:19)

    secondo me fra per esempio 1000-2000 anni ma forse anche prima quando l uomo avrà colonizzato interi sistemi troverà i resti di queste sonde in orbita intorno a qualche pianeta e magari lo metteranno in qualche museo oppure sarà un reperto storico del valore inestimabili come i reperti che si trovano risalenti a 2000-3000 anni fa SPETACOLARE

  • #15

    alx (sabato, 23 giugno 2012 17:59)

    Certo se venisse intercetta da dei poco di buono sono cavoli amari già ci andata di lusso con questi ufo vedo non vedo almeno loro restano solo a guardare e io dico per fortuna

  • #16

    UomoSuMarte (lunedì, 08 ottobre 2012 23:14)

    la sonda è stata captata ovviamente da una forma di vita extraterrestre, ed è dimostrabile solo dal fatto che dal momento in cui la sonda emana dati e segnali... in quello spazio profondo in cui qualcuno avrà sentito... e raggiunto la sonda con qualche veivolo spaziale, comuque la cosa resta molto inquientante alcuni scienziati disserò che la sonda si era improvvisamente fermata.

  • #17

    Parole (mercoledì, 30 dicembre 2015 04:41)

    Mi chiedo fra quanto tempo capiremo tutti che voyager e come l uomo sulla luna. Quanti soldi muove la fantasia ė terza solo dopo religione e sesso.