2012 Lz1, un asteroide da 500 metri ha sfiorato la Terra

Nel silenzio 24 ore fa un grosso asteroide, grande come un quartiere di città, 500 metri di diametro, che risponde al nome di 2012 LZ1 ci è passato vicino, molto vicino. Naturalmente parliamo di grandezze astronomiche, 5 milioni di chilometri, quasi 15 volte più distante della Luna. Lo abbiamo scoperto appena una settimana fa, e se fosse stato diretto verso di noi non ci sarebbe stato nulla da fare, il tempo per deviarlo sarebbe stato troppo limitato. Ogni giorno un migliaio di questi oggetti che orbitano lassù nei cieli a meno di 8 milioni di Km di distanza, potrebbe caderci in testa. Il follow-up di questi Neo seguiti con dispositivi CCD accoppiati al fuoco dei telescopi ottici, si è rivelato un autentico lavoro di Protezione Planetaria.

E riaprono il dibattito sui Neo, e la loro relativa pericolosità.

Aspettando 2012da14

Passato un pericolo ne arriva un altro. Il nuovo asteroide 2012DA14 di circa 50 metri di diametro (come quello di Tunguska), scoperto dagli astronomi dell’Osservatorio LaSagra in Spagna, che il prossimo 15 Febbraio 2013 attraverserà il piano orbitale terrestre, a 21mila miglia dal centro della Terra, invadera l’affollata “prateria” dei nostri satelliti geostazionari. Sebbene le probabilità d’impatto sulla Terra, secondo la Nasa, siano per ora dell’ordine dello 0,031 percento, l’asteroide 2012DA14, scoperto quando si trovava a una distanza di 4.335.000 Km dalla Terra, sarebbe in grado di liberare un’energia pari a quella di una bomba termonucleare di 2,4 megatoni. Potenzialmente capace di distruggere una metropoli e di scatenare l’inferno per centinaia di chilometri quadrati, materializzando il peggiore degli scenari possibili, sicuramente ben al di là dell’evento di Tunguska.

Wise scopre 6200 potenziali pericoli.

Ci sono 6200 asteroidi, appena scoperti dal Telescopio Spaziale Infrarosso WISE della Nasa, che potrebbero tranquillamente essere dei potenziali killer. Senza alcun preavviso, senza un pre-allerta e senza un pre-allarme! Nei suoi 4,5 miliardi di anni, la Terra è stata colpita diverse volte da asteroidi e comete che hanno estinto milioni di specie viventi sul pianeta. Finora la vita ce l’ha sempre fatta, ricominciando tutto daccapo. A 65 milioni anni dall’estinzione dei dinosauri, causata dall’impatto di un asteroide di 10 Km di diametro, non possiamo permetterci la benchè minima disattenzione.

Nicola Facciolini, L'Aquila.


Tag: Neo

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Vecio Alpin (sabato, 16 giugno 2012 21:52)

    Grazie Signore! Continua a proteggerci tu... mentre i nostri politici continuano a ciacolar e a rubare!