Volto di Gesù a Canevara, per il Cicap è un illusione. Il vescovo: non si escluda Dio

Il Cicap (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale) ha sostenuto nei giorni scorsi che il volto di Cristo visto nella chiesa di Sant’Antonio Abate, a Canevara, (di cui vi avevamo già parlato qualche settimana fa), è solo un’illusioneDon Ernesto Zucchini, primo responsabile della parrocchia risponde a muso duro: non si escluda Dio. 

Fedeli in pellegrinaggio nella chiesa di Sant'Antonio Abate
Fedeli in pellegrinaggio nella chiesa di Sant'Antonio Abate

Ernesto Zucchini ha detto al quotidiano la NazioneQuale responsabile primo della parrocchia ritengo doveroso alcuni appunti. Conosco il Cicap fin dalla sua nascita e lo seguo quasi quotidianamente. Devo dire che a volte mi è stato utile leggere le loro tesi proprio per non cadere in approssimazioni deleterie. A volte invece sono stato costretto a scuotere la testa di fronte a loro interpretazioni complottiste (il caso di Fatima per esempio). In ogni caso non posso evitare di dissociarmi dal loro radicalismo positivista proprio di mentalità ottocentesche che negano la possibilità del miracolo per partito preso. Nel senso che non può proprio esserci. E questo per sostenere un fondamentalismo antireligioso e irrazionale.Con loro buona pace non esiste solo il “paranormale”. Ci sono anche il preternaturale e il soprannaturale. Inoltre somiglianza non vuol dire identità, altrimenti si rischia di pensare uguali una Rolls-Royce e un carrello da supermercato poiché ambedue hanno quattro ruote».

E ancora: «Che a Canevara non sia accaduto un miracolo sono stato io il primo a sostenerlo e questo in tutte le sedi. Che i cattolici non abbiano bisogno di queste cose per sostenere la propria fede è, come scritto anche dalla Curia di Massa, ovvio. Ma questo non significa né che Dio non c’è, né che non agisce, né che la sua azione sia nulla, né che qualcuno debba insegnare a Lui come, quando e quanto deve agire. Non è un miracolo. Certo. Ma chi può escludere in assoluto un qualche intervento Divino?».

Infine: «Io sono un sacerdote cattolico. Chi può convincermi che non è stato un intervento Divino quella vocazione al sacerdozio che, confermata dal Vescovo di quel tempo, ha fatto sì che arrivassi a esserlo? Nessuno all’esterno da me. Ma nel mio intimo sì. Il “Volto di Canevara” non è “nun-bun” cioè “vedere in una macchia un qualcosa di religioso”. C’è un fatto: “I tratti di un volto umano” che tutti vedono. E a questo ognuno dà il senso che crede. Liberi quelli del Cicap di “crederlo” un fatto di pareidolia. Liberi anche quanti vi vedono una presenza consolante, pronta ad aiutare».

Sarà consapevole il Cicap, che una cosa è giocare con gli Alieni, un'altra mettersi contro la Chiesa, specie nel suo trono dorato tutto Italiano?  

Scrivi commento

Commenti: 9
  • #1

    Zero_72 (venerdì, 01 giugno 2012 15:40)

    chiesa o meno anche a me sembra pareidolia.

  • #2

    max (venerdì, 01 giugno 2012 16:42)

    il miracolo doveva esserci in emilia.......pero' e' avvenuto a canevara provincia di massa carrara. condoglianze alle famiglie di quei poveri operai uccisi dal terremoto, quelli li invocavano il miracolo di ritrovarli vivi sotto le macerie, ma il cristo a deciso di apparire una settimana in ritardo e pure da un'altra parte.

  • #3

    XXX (venerdì, 01 giugno 2012 17:11)

    Si è pareidolia, non escluderei cmq neanche l'ipotesi di modellare il drappo a mo di volto, magari con un alto rilievo dietro il drappo.

  • #4

    p (venerdì, 01 giugno 2012 19:00)

    Ma in conclusione questo volto dove si dovrebbe vedere, io non lo vedo mica.

  • #5

    sconfortato (venerdì, 01 giugno 2012 19:43)

    Ciao Ragazzi.
    Come e' possibile credere al miracolo per un drappo spiegazzato?
    Il Destino determina attimo per attimo il nostro futuro attimo di materialita' terrena.
    Chiunque ha liberta' di pensiero e di fede ma max 3 ha ragione.

  • #6

    XXX (venerdì, 01 giugno 2012 19:51)

    @p è il drappo color viola che prende le sembianze di un volto grazie a determinate pieghe.
    Guarda bene si vede la forma del naso i zigomi e gli occhi, si notano anche i capelli lunghi come viene raffigurata la figura di Cristo

  • #7

    Lorenz (venerdì, 01 giugno 2012 22:20)

    E' incredibile la superficialità di certe persone a piede libero! Sconfortato, che dice di non credere al miracolo, però crede al Destino! Notate la lettera "D" maiuscola di cui fa uso! E cosa c***o sarebbe questo "destino"? Tanto vale che si parli di "Manitù", oppure di "Giove padre degli dei"! Ma vi rendete conto? Si può essere così ridicoli? Sconfortato il tuo futuro te lo costruisci tu con le tue scelte, nell'intreccio con le libertà altrui. Se poi credi in qualcosa abbi il coraggio di scrivere la parola "Dio", se non altro è più seria e credibile della stupida e insensata parola "Destino". A meno che tu non sia un greco o un romano di 2000 anni fa! A proposito, hai mai pensato di leggere il tuo Destino nelle viscere degli uccelli?

  • #8

    Lina (sabato, 02 giugno 2012 00:24)

    sono di Massa e da brava scettica su immagini divine non volevo andare. Non sono cattolica ma credente, e vi posso dire che l'unico modo per togliersi i dubbi è andare. Anche perchè non è detto che la vediate. Ci sono persone che vedono l'immagine nelle foto, nei giornali, nei santini ma non di persona. Penso che la cosa migliore sia andare e vedere con i propri occhi.
    L'immagine è apparsa subito dopo Pasqua, quindi da più di un mese

  • #9

    sconfortato. (lunedì, 04 giugno 2012)

    Lorenz vaglielo a raccontare a chi ha per un fratello a tre anni, come me,
    e chiediti perche' viene concessa lunga vita ai cattivoni pluriassassini.
    Io non sono un antico romano ne' tantomeno un druido, e certamente non cerco di interpretare il futuro nelle viscere (sono vegetariano) ne' nei fondi del the.
    Guardo in faccia la realta' e l'esperienza di vita e il bigottismo mi fa il volastomaco.
    Poi io non ho mai attaccato nessuno ma ho sempre depositato il pensiero.
    La chiusura mentale che dimostra il tuo post e' sintomatica del fatto che non approvi che qualcuno non la pensi come te.
    Credi pure ai miracoli in non te lo impedisco neanche fossi il mio piu' acerrimo nemico o fraterno amico: io pero' mi sono sempre chiesto perche' vi e' un miracolato su.........centomila.
    E' giustizia divina?
    Per farti felice scrivero' destino al minuscolo.
    Vattlafapia'antelfrac.