Il punto sulla basi lunari e le colonie umane nello spazio

La quarta sessione plenaria della Conferenza mondiale Space Exploration ha affrontato in questi giorni l'importanza dell'esplorazione della Luna, di Marte, e dello Spazio, rispondendo alle domande importanti circa l'esistenza umana, la formazione del sistema solare, e le nostre prospettive future sulle esplorazioni spaziali. Tutti i componenti del panel hanno espresso la convinzione che la cooperazione internazionale attraverso robusti programmi spaziali nazionali, privati ​​e imprenditoriali sarà essenziale per questi sforzi. Esiste anche un accordo sostanziale nella comunità scientifica internazionale per una visione chiara e credibile in tema di esplorazione planetaria. Vladimir Popovkin, direttore della Roscosmos, l'agenzia spaziale russa, ha dichiarato "Non vogliamo semplicemente replicare i risultati di 40 anni fa: stiamo parlando di stabilire basi permanenti sulla superficie lunare".

Un obiettivo condiviso anche dalla Jaxa, l'agenzia spaziale giapponese, secondo dichiarazioni emerse durante lo stesso incontro.

"Guardiamo la Luna come un possibile obiettivo per l'esplorazione umana", ha dichiarato Yuichi Yamaura, in rappresentanza della Jaxa. Al meeting erano anche presenti capi delle agenzie spaziali europee, canadesi e indiane, mentre si e' fatta notare l'assenza della Nasa, impegnata nel seguire il lancio della missione SpaceX, e dell'Agenzia spaziale cinese.

Il motivo della conferenza

Il Global Space Exploration Conference che si è tenuto a Washington, DC, il 22-24 maggio 2012 ha riunito tutti i soggetti più importanti dell'esplorazione, compresi gli amministratori e dirigenti delle principali agenzie spaziali, industrie, governi, università e ONG. 

 

Il sogno russo

Entro il 2030 la Russia ha intenzione di lanciare la sua missione umana sulla Luna, lo riporta l’Agenzia Russa RIA Novosti in una nota. Sarebbe un grande traguardo per l'ex potenza sovietica, son stati solo gli astronauti americani per ora ad avere il privilegio di calpestare il suolo lunare, durante il periodo della guerra fredda. La Cina sembra interessata al progetto, e vorrebbe rilanciare, gli Usa a corto di soldi ed entusiasmo sono al palo. Secondo la road map entro il 2015 l’agenzia spaziale russa ricomincerà le attività lunari ed invierà una sonda senza equipaggio. Il capo dell’Agenzia Roscomos, Vladimir Popovkin, vorrebbe inaugurare per il mese di gennaio una base di ricerca, il cui equipaggio abbia anche colleghi europei ed americani al suo interno.

Scrivi commento

Commenti: 7
  • #1

    ammeg (martedì, 29 maggio 2012 12:57)

    cerca con google "alieni sulla luna"
    perfino Amstrong facendo i primi passi sulla luna ,dichiara di vedere cose , inimmaginabili . non sono balle anzi e tutto documentato , in quanto mentre Amstrong continua a dire via radio "Houston...mio Dio...." la conversazione a bassa frequenza viene captata da migliaia di baracchini amatoriali dell'emisfero australe , allorche' la NASA ordina immediatamente ad Amstrong di passare a frequenza "tango-bravo"

  • #2

    XXX (martedì, 29 maggio 2012 13:13)

    Ammeng quella conversazione è tratta da una trasmissione satirica, infatti viene evidenziata solo la parte che fa comodo ai complottisti.

    Informatevi almeno.

  • #3

    sconfortato (martedì, 29 maggio 2012 17:42)

    Tranquilli ragazzi!
    Se la Luna avesse avuto qualcosa da offrire all' umanita' ecco che si sarebbe scatenata la "corsa all' oro".
    Quanto al sogno russo...... e' una illazione.
    Rimane il fatto che i Russi, lanciati nella lotta per la supremazia spaziale, se ne infischiarono della conquista della Luna.
    I casi sono due: gli Americani hanno detto bugie per una decina d'anni e i Russi lo sapevano, oppure gli stessi Americani dovevano avere un pretesto per distogliere gli interessi del popolo sul VietNam.
    Infatti proprio a fine anni 60/inizio anni 70 vi fu una escalation dell'intervento USA cola'.
    Poi il conflitto fini' e guarda caso della conquista della Luna non se ne fece niente.
    I reduci, gli amputati quasi non ebbero riconoscimenti (guardate Forrest Gump) e se li ebbero furono una lacrima in un oceano.
    Io vissi quel periodo e lo vissi in divisa con la prospettiva di essere spedito a dare "una mano" senza sapere il perche' avrei dovuto magari rimetterci la pelle quanto i migliaia di ragazzi d'oltreoceano.
    Bando alle ciance il tempo non torna su se stesso, acqua passata non macina piu'.
    Guardiamo in casa nostra e le tristezze degli ultimi giorni.
    La Luna se e' nel pozzo che vi stia.

  • #4

    ammeg (giovedì, 31 maggio 2012 12:19)

    XXX , ho fatto una semplice ricerca esclusivamente per curiosita' , so benissimo che ci sono migliaia di video che complottano l'avvenimento.
    piu' che altro quello che volevo fare intendere e' che qualunque sia la verita' , vi e' sempre un depistaggio per distorgerla

  • #5

    alessandro (venerdì, 01 giugno 2012 17:46)

    sulla luna c'è tanta roba .infatti giappone,cina e forse india a breve ci andranno
    la nasa è in mutande.doveva collaborare insieme all'europa, ma ho letto che si è tirata indietro.
    secondo me in quel periodo (1969-72)
    gli astronauti hanno rischiato molto,sulla luna ci sono andati ma non avevamo la tecnologia adatta per rimanerci.

  • #6

    Anonymous (domenica, 03 giugno 2012 00:04)

    quest' anno sarà l' anno delle rivelazioni !

  • #7

    XXX (domenica, 03 giugno 2012 02:31)

    @ammeng se gli alieni sulla luna non ci stanno, di conseguenza non può esistere nessun depistaggio

    Ma ci sono i complottisti che dicono falsità per specularci su