Edgar Mitchell: il caso Roswell è tutto vero

Il Caso Roswell torna agli onori della cronaca. A far discutere sono alcune dichiarazioni dell'astronauta Edgar Mitchell, già famoso per la sua partecipazione alle missioni Apollo. Mitchell ha rilasciato dichiarazioni sorprendenti. Ciò che cadde a Roswell è reale, vero e documentato, secondo l'astronauta. 

Quindi in quel lontano luglio del 1947 non fu un pallone sonda del progetto Mogul a precipitare? Dopo tanti anni il caso emblema dell'ufologia del dopoguerra continua a far parlare, dentro e fuori dalle segrete stanze. Poteva mancare sull'argomento un servizio di Studio Aperto? A seguire il video.

Scrivi commento

Commenti: 18
  • #1

    Jack (martedì, 08 maggio 2012)

    Non ho mai creduto nel progetto Mogul ma ora come ora non so più neanche se fidarmi di un astronauta :(

  • #2

    Sara (martedì, 08 maggio 2012 17:10)

    Eppure dopo ben più di 60 anni, rimane il caso di "incidente UFO" più conosciuto al mondo.....qualcosa di vero deve esserci.

  • #3

    NickLesPaul (martedì, 08 maggio 2012 17:56)

    Tutta questa smagna di confermare l'incidente poteva averla 30 anni fa, che fosse un militare o meno. Se ha taciuto fino ad ora sarebbe meglio continuasse a farlo, perchè invece così sembra quasi voler screditare solo l'accaduto. Siamo talmente bombardati di fake grossi come una casa (tra l'altro usati nel servizio di studio aperto) che diventa difficile anche solo decifrare una testimonianza del genere.

  • #4

    Lele78 (mercoledì, 09 maggio 2012 01:16)

    Ho trovato un articolo a tal proposito più approfondito e molto interessante:

    http://voyagerfanclub.forumfree.it/?t=61480560

  • #5

    lorenzov (mercoledì, 09 maggio 2012 11:20)

    Ciao a Tutti.
    NickLesPaul se fosse stato un militare avrebbe avuto l'obbligo di tacere e se fosse stato un civile lo avrebbero zittito.
    Inoltre bisogna considerare che a quel tempo si era in piena guerra fredda e la riservatezza era estrema.
    Ora con la "distensione" e' magari possibile divulgare l' esidtenza di un fatto accaduto 65 anni prima.
    In piu' penso che non abbia egli motivo di giocarsi la reputazione e quindi, anche se ho gia' dichiarato di essere un po' credulone, sono orientato a credere che un fondo di verita' vi sia.
    Ciao a Tutti.

  • #6

    Klax12 (mercoledì, 09 maggio 2012 18:15)

    Non siamo più capaci di guardare alle cose ovvie e logiche e ci ostiniamo su quelle complicate.
    Sono convinto che solo nella nostra galassia vi siano migliaia di pianeti con forme di vita. E' solo una questione di tempo e tecnologia, quando avremo telescopi e/o radiotelescopi ultrapotenti, li vedremo pure.
    Ma pensare che in qualche parte del mondo ci siano resti di sonde provenienti da civiltà extraterrestri su cui per decenni si sono fatti studi vari, non lo credo proprio per niente.
    Torniamo all'ovvio.
    Ma pensate che una nazione come gli USA che avesse tra le mani un veicolo antigravità o chissà quale altra diavoleria, spenderebbe ancora milioni di dollari per pagare ingegneri che progettino aerei fatti ancora con la ali, con i motori a reazione, che vanno a cherosene ?
    E soprattutto non usare questa tecnologia in campo militare che significherebbe supremazia assoluta ? Invece fanno ancora i droni...alati.

  • #7

    lorenzov (mercoledì, 09 maggio 2012 18:52)

    Ciao caro Klax12.
    Bisogna considerare che (se fosse verita' il caso Roswell) e si potrebbe copiare la tecnologia i casi sono due: o gli USA non la divulgano pur essendone in possesso considerandola arma ipersegreta da utilizzare in casi estremi, oppure la tecnologia terrestre non e' ancora in grado di riprodurla, magari perche' sulla Terra non esistono minerali da utilizzare per i componenti, ad esempio, per costruire un motore come dici antigravizionale o a fotoni ecc.
    E' un fatto certo che l' f 117 e il B2, aerei a traccia radar rodottissima sono figli di progetti datati quasi un mezzo secolo fa; infatti considera quanto tempo e' passato dalla "carta" ai prototipi ai simulacri alle prime prove in volo nonche' tutto l'inviluppo operativo, non dimenticando che l? F117 ha combattuto nella Guerra del Golfo di quasi mezzo secolo fa.
    Gia' allora, ricordo, correva voce che quegli aeromobili fossero sviluppati secondo i consigli di un paio di alieni sopravissuti all' incidente di Roswell.
    Il fatto e' che comunque essi sono spinti da motori a getto convenzionali sia pur schermati per ridurre le emissioni di calore e la loro costruzione ricorre a semplici pannelli di alluminio (una lega speciale) rivestiti di vernice assorbente le onde elettromagnetiche e la configurazione cosi' spigolosa per F 117 e tondeggiante per B2 studiata per disperdere le "onde" radar e quindi, appunto, avvicinarsi all'obiettivo senza essre rilevati se non a distanze che non permettono una reazione positiva all'attacco.
    I drones sono UAV cioe' aerei senza pilota e, come ho gia' comunicato, possono essere ad ala fissa o ad ala rotante, ma tutti possono svolgere la loro missione senza pericolo per chi li usa: il pericolo esiste per il nemico che se li ritrova sulla vercale.
    Anche questa e' tecnologia terrestre!!

  • #8

    lorenzov (mercoledì, 09 maggio 2012 18:56)

    Pardon la guerra del golfo era quasi un quarto di secolo fa.
    errata corrige.

  • #9

    Guido (giovedì, 10 maggio 2012 09:59)

    Condivido i pareri del caro @lorenzov e aggiungo che forse la tecnologia che il governo americano si è ritrovata in casa non era così facile da decifrare e da farci sopra un opera di retro-ingenieria. Tu @Klax12 dici che per il governo USA è una grossa spesa la progettazione e lo sviluppo di aerei con le ali ecc.. ma hai in mente di quanto potrebbe costare un progetto incentrato su un qualcosa che date le conoscenze che si avevavno e si hanno potrebbe tranquillamente portare ad un nulla di fatto? In più come dice @lorenzov aggiungici il fatto che i materiali non si trovano in natura e che non si possa neanche crearli e probabilmente la tecnologia non è sviluppabile. Questa è tutta un ipotesi perchè secondo me la tecnologia è stata già in parte compresa e ampiamente sviluppata ma tenuta assolutamente segreta e magari utilizzata per operazioni sensibili. I governi di come e con cosa combattono le loro guerre di certo non lo vanno a dire al cittadino. Poi siamo sicuri che in quello che succede nei nostri cieli a cui non si riesce a dare spiegazione non ci sia un qualcosa di terrestre???

    Poi basta prendersi in giro, basta. Ne ho sentite troppe di dichiarazioni, di interviste ecc.. fatte ad ex personale (e anche di un certo livello) militare italiano, tanto per fare un esempio, in cui viene detto che sono in uso tecnologie sia per quanto riguarda i veivoli che le armi che noi persone comuni non possiamo neanche immaginare.

  • #10

    vradox (giovedì, 10 maggio 2012 11:29)

    Mitchell è un vecchietto rimbambito da troppe radiazioni........

  • #11

    Klax12 (giovedì, 10 maggio 2012 13:52)

    Non vorrei passare per uno scettico oltranzista (alla CICAP) che non sono. Ho già detto quello che penso sulla possibilità e certezza dell'esistenza di vita extraterrestre ma finchè non verrà mostrato un qualsiasi oggetto alieno in modo ufficiale, restano solo le ipotesi.
    State certi che se mai ci sarà il contatto con degli alieni, sarà in un modo che nessuno avrebbe mai immaginato. Sarà come un 11 settembre della razza umana.
    Sapete come mi piacerebbe fare una ricerca definitiva sul fenomeno ufo ?
    Una rete di almeno 100 stazioni (tra fisse e mobili) sparse nel mondo dotate di videocamera nel ottico e infrarosso con teleobiettivo tipo quello che usa (usava) la Nasa per riprendere il lancio dello Shuttle (cosi finalmente vedremo l'oggetto in HD chiaramente e non sempre sfocato e indistinto ). Un telelaser per misurare la distanza ( lo scopo è capire se l'oggetto è solido o solo "energetico" ) e per finire un'arma con cui si possa sparargli contro e abbatterlo.

  • #12

    Guido (giovedì, 10 maggio 2012 14:55)

    @Klax12 io personalmente non ti ho assolutamente etichettato così. Poi io di giudizi non ne do perchè non mi sembra il caso di darne solamente sulla base di un qualcosa scritto su un sito e vorrei e mi piacerebbe che tu la pensassero così.

    Comunque tornando a noi, e se quello che tu @Klax12 hai ipotizzato non fosse in atto o stato messo in atto in precedenza con un uso della tecnologia ancora più alto? Nel caso eventuale in cui siano stati sezionati degli "UFO" non penso che si siano tutti schiantati a terra per le tempeste ma che qualcuno sia stato anche tirato giù. Se ad esempio carichi su una grossa corazzata navale (di quelle in uso alla flotta navale americana per intenderci..) un cannone laser di una certa potenza la cosa a livello ipotetico potrebbe anche essere possibile...

    Non sto impazzendo ma sto smplicemente facendo delle ipotesi, diciamo così, un po' forzate

  • #13

    giove163 (giovedì, 10 maggio 2012 22:12)

    noi esistiamodavver

  • #14

    Albè (lunedì, 14 maggio 2012 11:21)

    @Klax12 la scienza dell'ovvio è materia poco stimolante quando si parla di ufologia. E comunque gli stati uniti d'america possono permettersi di pagare i ricercatori ufficiali e i ricercatori segreti che lavorano con la retroingegneria... non hanno certo problemi economici. LOGICO è MANTENERE UN MASSIMO GRADO DI SEGRETEZZA SU DETERMINATI ACCADIMENTI PER MIGLIAIA DI MOTIVI... TUTTI SENSATI. IN PIù UN ESERCITO CHE GIà DETIENE UN PRIMATO TECNOLOGICO CON QUANTO HA "INVENTATO" 25 ANNI FA NON HA BISOGNO DI UTILIZZARE I NUOVI RITROVATI PER COMBATTERE UN CONFLITTO! SE COSì FACESSE I NEMICI AVREBBERO MODO DI OSSERVARE LA NUOVA TECNOLOGIA ED EVENTUALMENTE DI CORRERE AI RIPARI! meglio invece continuare a bastonarli con gli f16 e magari vendere in giro per il mondo armi obsolete spacciandole come quanto di meglio si possa trovare! se fornissero informazioni su il ritrovamento di un veicolo spaziale o su quanto hanno sviluppato in segreto negli ultimi decenni in un secondo il mondo intero vorrebbe sapere o acquisire queste nuove nozioni... SAREBBE UN CONTROSENSO OPERARE IN QUESTO MODO PER UNA NAZIONE CHE DETIENE IL CONTROLLO TECNOLOGICO E MILITARE SU QUESTO PIANETA. SAREBBE COME INVITARE GLI ALTRI CONTENDENTI AD ALLINEARSI AGLI STATI UNITI A LIVELLO TECNOLOGICO/MILITARE MOSTRANDOGLI COME è POSSIBILE RIUSCIRCI... se si parla di ovvietà mi pare più ovvio fare queste considerazioni.....

  • #15

    Guido (lunedì, 14 maggio 2012 13:07)

    @Albè condivido pienamente

  • #16

    Gionk (lunedì, 14 maggio 2012 17:17)

    Salve a tutti.
    Vorrei solo puntualizzare una cosa ovvia ma che non avete considerato.
    Secondo voi il governo USA( e non solo) non si è già dato da fare per cercare di rispondere alle domande che noi tutti ci poniamo?pensate veramente che se riusciranno mai a trovare prove attendibili ci informeranno di tutto? ovvio che no.
    Non possiamo neanche immaginarci quante informazioni hanno perchè sono davvero tante,queste informazioni rimarranno li e difficilmente verrano mai comunicate.
    p.s anche se mai dovessero avere cosi detti " resti" del veivolo non faranno mai delle copie e se le faranno le fanno in segreto,l'umanità non è pronta ad affrontare nessun tipo di notizia " scomoda" e mai lo sarà.
    Gli alieni esistono e solo gli ingoranti possono pensare il contrario .
    Saluti^^

  • #17

    stefano (sabato, 30 giugno 2012 18:21)

    senza fantasticare che sia caduto qualcosa su roswell è un fatto certo.
    io mi chiedo solo una cosa...perchè il governo quando si parla di avvistamenti non identificati il prima cover-up che fa è quello dei palloni metereologici??
    perchè dopo 50 anni Jesse Marcel ha detto quello che ha detto...l'ha detto solo per business...cosicchè chi avesse una sua dichiarazione riguardo l'accaduto potesse ricevere in cambio un compenso?? $$ chi lo sà...

    cmq nell'universo non siamo soli, saremmo davvero egoisti solo a pensarlo.

  • #18

    Yado (giovedì, 20 giugno 2013 08:47)

    Data l'eta'dell'universo e le sue dimensioni, pensare che gli alieni non esistono non e'solo sbagliato, e'follia pura. L'universo esiste da molto piu'tempo rispetto all'uomo, rispetto alla terra, rispetto al sistema solare stesso. NOI siamo arrivati qui da poco. Le probabilita'che LA FESTA FOSSE GIA'COMINCIATA quando siamo arrivati noi, sono molto alte. Molte di queste civilta'esistono da piu'tempo rispetto a noi. Alcune di queste hanno raggiunto un avanzamento tecnologico tale da poterli rendere simili a divinita'. LORO sanno della nostra esistenza. LORO ci osservano e ci studiano . LORO sono tra noi.