Avvistamenti del Belgio 1990. Cosa resta davvero 22 anni dopo ?

L'avvistamento del Belgio è una testimonianza unica nel suo genere. Per la prima volta nella storia, infatti, l’aeronautica belga svela gli elementi più scottanti di un fenomeno che scienziati e militari non hanno esitato a definire inspiegabile. ll 30 marzo del 1990, a pochi chilometri dal confine con l’Olanda, centinaia di persone, tra cui tre pattuglie della polizia, osservano per diversi minuti le evoluzioni di uno strano apparecchio di forma triangolare. I radar di Glons e Semmerzake, che controllano il traffico aereo della zona, captano un segnale anomalo. Nessuno immagina ancora quello che da lì a pochi minuti accadrà. Alle 00,05 dal quartier generale dell’aeronautica militare belga, parte l’ordine di far decollare due F-16. Gli aerei si portano immediatamente in contatto radar con quello che in seguito verrà definito "oggetto volante non identificato". Da quella primavera sono passati 22 anni.

Scriveva al tempo EdicolaWeb: Improvvisamente, l’oggetto sconosciuto, passando dai 300 a 1700 piedi d’altezza, accelera da 280 a 1700 km orari, in un solo secondo, facendo perdere le proprie tracce. Una accelerazione impossibile per qualsiasi aeromobile di fabbricazione terrestre, che provocherebbe la morte immediata di ogni essere umano, poiché il limite massimo che può sopportare un pilota da caccia, è cinque volte più basso.

 

Al termine dell’inchiesta, il colonnello De Brouwer, capo della sezione operazione dell’aviazione belga, rilascia una dichiarazione inquietante: "Quando degli scienziati seri dicono che bisogna avere il coraggio di affrontare l’ipotesi di fenomeni di origine extraterrestre lei come reagisce? Siamo sempre prudenti perché noi abbiamo bisogno di prove concrete, ma questa ipotesi, è chiaro, rimane aperta."

La foto simbolo degli avvistamenti ormai sbugiardata

Miti che cadono. E' il caso di una delle foto icone dell'ufologia moderna: l'ufo triangolare fotografato in Belgio il 4 aprile 1990. L'immagine era diventata celebre e aveva attirato anche l'interesse della Nasa, arrivando fino agli esperti dell'Ecole Royale Militaire Belge. Oggi, 21 anni dopo, l'autore ha rivelato che si trattava di un falso. Patrick - questo il nome del falsario, ha confessato il trucco alla televisione Rtl-Tvi - spiegando di aver volutamente diffuso la foto in un periodo in cui nel cielo belga erano stati osservati migliaia di oggetti non identificati. Con degli amici, Patrick, che all'epoca aveva 18 anni, aveva costruito «per divertirsi» un modellino triangolare con un pannello di frigolite. Poi l'aveva appeso in aria e fotografato di sera. Qualche giorno dopo la diffusione della fotografia, era stata addirittura organizzata «una caccia all'Ufo» dall'aeroporto di Liegi, nell'Est del Paese, e un aereo militare aveva sorvolato, ovviamente invano, parte del territorio. Questo fake naturalmente non cambia una virgola in merito agli avvistamenti di fine anni novanta in Belgio. 

Scrivi commento

Commenti: 31
  • #1

    stevex (giovedì, 26 aprile 2012 20:08)

    il Belgio comunque rimane tutt'ora uno degli stati europei con maggior frequenza di avvistamenti UFO. me lo ha confermato anche una mia cara amica belga, dove sopratutto nelle notti estive assistono sovente a fenomeni luminosi anomali nel cielo. però io sono dell'idea che per quanto riguarda il famoso caso del 90 si possa trattare più di un'esperimento TOP SECRET militare che di un qualcosa di"estraterrestre". e significa poco il fatto che l'uomo non potrebbe sopportare accelerazioni cosi repentine.. potrebbe benissimo essere stato una sorta di"drone" senza equipaggio. ovviamente le mie sono solo supposizioni, ma in questo caso sono più propenso a credere ad un qualcosa di"terrestre" piuttosto che il contrario

  • #2

    XXX (giovedì, 26 aprile 2012 21:31)

    Scusate l'avvistamento non è avvenuto il 30 Marzo del 1990?

  • #3

    ufoonline (giovedì, 26 aprile 2012 21:50)

    Refuso corretto.

  • #4

    XXX (giovedì, 26 aprile 2012 22:11)

    Quella notte l'avvistamento non avvenne solo in Belgio, ma anche in Inghilterra: ed Entrambi nella tarda notte del 30 Marzo e nelle prime ore del giorno successivo. Se la stampa locale o nazionale si fosse accorta subito dell'accaduto, avrebbe dovuto pubblicare la notizia il 1 Aprile.

    Forse i piloti dei triangoli volanti volevano fare un pesce d'Aprile al mondo intero. :-P

  • #5

    Albè (venerdì, 27 aprile 2012 00:58)

    io quando pensavo all'ondata degli avvistamenti degli anni '90 in belgio per lo più, storicamente, mi ero creato due immagini: una era quella dell'ufo triangolare a 4 luci fotografato da un gruppo di adolescenti; cosa che è stata dichiarata dallo stesso autore un fake e recentemente ben documentata da ufoonline. L'altra è la testimonianza del generale in carica all'epoca degli avvistamenti e direttamente coinvolto nella ricerca della matrice di tali oggetti, di cui vi riporto una testimonianza rilasciata presso la national press a washington


    http://www.youtube.com/watch?v=mG-f1MLN8-8



    poi, come è giusto che sia, ognuno deve essere libero di farsi la propria opinione... io sono propenso a credere che effettivamente sia accaduto qualcosa in quel periodo in belgio...

  • #6

    matusalemme (venerdì, 27 aprile 2012 09:39)

    sono i coglioni cm patrik a rovinare le news e a rovinare il mondo e la docieta. dovrebbero appendere lui ad un ramo ma un ramo di merda

  • #7

    XXX (venerdì, 27 aprile 2012 14:06)

    @matusalemme,patrik è soltanto un burlone....... tu invece sei un pirla che ci credi

  • #8

    Ottavio (venerdì, 27 aprile 2012 17:04)

    Quanto avrà intascato Patrik per avere dichiarato il falso?

  • #9

    Eone Nero (venerdì, 27 aprile 2012 19:10)

    Sicuramente Patrik se ha intascato soldi sono una minima parte di quelli accaparrati dai fuffologi senza scrupoli che hanno lucrato e mangiato a 4 ganasce sul caso, con libri, documentari e conferenze per 20 anni buoni.



  • #10

    Geremia (sabato, 28 aprile 2012 10:38)

    Ma, questi avvistamenti non erano stati registrati sui radar dell'aeronautica belga?

  • #11

    vradox (domenica, 29 aprile 2012)

    potrebbe trattarsi di cover up o depistaggio: quando un avvistamento diventa troppo scottante c'è sempre qualcuno che salta fuori a dire "l'ho fatto io per scherzo!" ...vent'anni dopo però....

  • #12

    vradox (domenica, 29 aprile 2012 15:07)

    oltretutto con partono caccia F16 se un cretino fotografa frigoriferi....

  • #13

    Geremia (domenica, 29 aprile 2012 16:45)

    Vradox, indubbiamente hai ragione!

  • #14

    vradox (lunedì, 30 aprile 2012 11:20)

    grazie... provo ad analizzare i fatti.. se facessi uno stupido scherzo con ufo fasullo e attivassi addirittura l'areonautica militare me ne starei ben zitto perché se mi pescano ci guadagno una bella denuncia per procurato allarme... e far decollare aerei non è economico. non dimentichiamo poi che nel nostro paese l'organismo deputato a ricevere segnalazioni di oggetti volanti non identificati ed a intervenire non è l'aviazione come potrebbe sembrare ovvio ma sono i carabinieri... e basta che una pattuglia si muova per uno sherzo che si è passibili di denuncia. io a momenti mi becco una denuncia per "violazione di fondo agricolo" per aver esaminato un crop circle... non sapevo che fosse vietato entrare in un campo! quindi non credo a quelli che vanno in televisione a dire "ho fatto uno scerzo" a che pro?

  • #15

    Insider (lunedì, 30 aprile 2012 16:30)

    @vradox

    Parti da un assunto errato: chi ha progettato lo scherzo si è basato sulle segnalazioni raccolte in quei giorni e su un certo movimento nei cieli dell'aeronautica belga. Non avrai mica capito che i rilievi radarici e la stessa aeronautica si siano "attivati" per un modellino fotografato appeso a un filo? Assolutamente no.

    La foto del falso avvistamento è un caso distinto e separato rispetto a quanto accaduto e ricostruito (non in modo completo, purtroppo) in quegli anni.

    Se hai tempo e voglia puoi farti una lettura di questo interessante resoconto:
    http://home.comcast.net/~tprinty/UFO/Belg.htm

    Saluti.

  • #16

    vradox (lunedì, 30 aprile 2012 16:40)

    si, ho visto il sito... in effetti nel commento di prima ero andato fuori tema... comunque lo scherzo nato dalle segnalazioni di quei giorni finisce per far credere alla poco informata opinione pubblica che TUTTO si riduca ad uno scherzo. Potrebbe non essere un caso che il tipo se ne sia venuto fuori con la storia in tv.. un po' in ritardo comunque. può darsi che chi ben informato sui fatti stia per pubblicare qualcosa e tutta la pubblicità in televisione sullo scherzo serva a contenere l'effetto della rivelazione se non a ridicolizzare qualcosa o qualcuno.

  • #17

    Insider (lunedì, 30 aprile 2012 17:07)

    @vradox

    Infatti quello scherzo non è minimamente da tener conto rispetto agli eventi belga. E' molto più interessante approfondire e verificare i rilievi radarici (e non visivi) dei piloti degli F-16 che, da quel che ho letto (se ben ricordo), non hanno visto fisicamente un oggetto ma lo hanno ricontraro solo sui radar con le sue manovre.

    Inoltre: se così è stato, perchè tale manovra fu osservata solo dai radar dei due caccia e non dai radar a terra?
    E' plausibile che i radar dei caccia abbiano potuto subire interferenze atmosferiche che potevano spiegare quelle manovre incredibili?

    E' questo, a mio avvio, ciò che è da approfondire a prescindere dalla foto del falso.

  • #18

    Insider (lunedì, 30 aprile 2012 18:39)

    @vradox

    Dimenticavo... per quanto riguarda invece gli avvistamenti da parte di civili, di "gente comune", ti consiglio di dare una lettura a questo ulteriore resoconto sull'ondata belga ad opera del francese Renaud Leclet

    http://rr0.org/personne/l/LecletRenaud/index.html

    scomparso purtroppo nel 2004 per una malattia.

    Puoi leggerlo qui, in versione pdf:
    http://gmh.chez-alice.fr/RLT/BUW-RLT-10-2008.pdf

    A margine di questo lavoro, ti inviterei anche a documentarti sulla SOBEPS (Belgian Committee for the Study of Space Phenomena) che ha avuto un ruolo DETERMINANTE per la diffusione virale, senza alcun tipo di filtro e controllo scientifico delle fonti, sia della foto del modellino (inserito nella copertina di 2 libri) sia per la pubblicazione degli avvistamenti da parte di testimoni.

  • #19

    vradox (martedì, 01 maggio 2012 21:24)

    ok, grazie, appena riesco mi leggo il materiale.

  • #20

    vradox (mercoledì, 02 maggio 2012 10:41)

    visto il pdf, molto interessante.. esiste anche in italiano?

  • #21

    Insider (mercoledì, 02 maggio 2012 11:21)

    @vradox

    No purtroppo, ma se hai difficoltà in alcuni passaggi potrò darti una mano.
    Finora cosa hai compreso di quel lavoro?

  • #22

    vradox (mercoledì, 02 maggio 2012 11:22)

    ho capito che tenta di spiegare gli avvistamenti ufo con luci di semplici elicotteri...

  • #23

    vradox (mercoledì, 02 maggio 2012 11:39)

    a me per esempio è capitato un caso molto simile: un paio di anni or sono mentre guidavo al buio verso Tortona (AL) in direzione nord ho visto a circa 10° di altezza, tra le spesse nubi temporalesche, una intensa luce rosa aureolata che era poco più piccola della luna (comunque visibile ad ovest), fenomeno molto curioso e suggestivo tanto che ho compilato la scheda di avvistamento del C.U.N. tempo dopo notai per caso sempre nello stesso punto e per diversi giorni una intensa luce poco più grande di sirio.. beh, per farla breve, era il faro frontale di un aereo di linea che si abbassava,per poi virare, verso milano... la spessa coltre di nubi ha creato l'illusione. Fenomeno simile ma in pieno giorno mi è capitato sulle colline di un paesino vicino; fotografando le nuvole mi è apparsa in una foto una "sferetta metallica" oggetto che analizzato dal C.U.N. è risultato (almeno a loro dire) un uccello.. un caso simile a quello riportato in questo stesso sito.

  • #24

    Insider (mercoledì, 02 maggio 2012 11:43)

    @vradox

    Grossomodo, ma a monte mette in luce quello che tanti sedicenti ufologi non vogliono capire o fanno finta di non: l'errata percezione e valutazione che un testimone oculare può subire osservando di notte dei punti luminosi in formazione senza alcun riferimento.

    L'origine dell'ondata belga e di ciò che ne è conseguito puoi leggere in queste 3 pagine:

    http://home.comcast.net/~tprinty/UFO/SUNlite2_6.pdf (da 22 a 24).

  • #25

    vradox (mercoledì, 02 maggio 2012 11:43)

    ..devo dire che l'effetto della luce notturna sopra riportata era amplificata anche dal fatto che si trovava praticamente sulla verticale di un crop circles da me scoperto nell'estate del 2008 (Pontecurone) che poi è comunque stato classificato come falso perché da un esame aereo si nota l'imperfetta esecuzione.. sempre ipotesi comunque in tutti e tre i casi.

  • #26

    vradox (mercoledì, 02 maggio 2012 11:51)

    si, vedo il documento... allora potrebbe essere valida l'ipotesi junghiana sugli ufo: pareidolia di stampo religioso; di origine comune agli spiriti, vampiri, licantropi... in pratica archetipi che trovano redice nella realtà. un ipotesi molto plausibile che soddisfa anche il rasoio di occam.

  • #27

    vradox (mercoledì, 02 maggio 2012 11:57)

    in effetti in ufologia come nel paranormale bisogna prima di tutto compiere un'analisi psicologica del fenomeno prima che fenomenologica.

  • #28

    CARLO (mercoledì, 09 maggio 2012 23:11)

    Io non vorrei sbagliarmi,ma MAY vuol dire Maggio,e quindi ero sicuro di aver visto alla fine di maggio quanto poi venne avvistato in Belgio a distanza di un ora circa, stavo transitando all'epoca ventenne sulla stada che porta a Serravalle Scrivia dove oggi sorge l'outlet, e tre luci passarono molto basse e lentamente in direzione nord,non si disponeva di nessun strumento video,rapido come oggi,a malapena esistevano i primi ingombranti cellulari..
    Ma quanto vidi e verosimile, anzi ai miei occhi era vero,quanto vidi.
    Posso confermare che le tre luci occupavano uno spazio notevole e potevano essere a circa 300 metri dal suolo.

  • #29

    vradox (giovedì, 10 maggio 2012 11:32)

    vivo anch'io nei pressi di serravalle scrivia ma di quel fatto non ho mai sentito parlare!

  • #30

    vradox (giovedì, 10 maggio 2012 23:59)

    inquella zona, serravalle scrivia, e precisamente sul monte tobbio ed a carrosio nelle colline sottostanti si notano sempre delle luci inspiegabili... qualcuno ne sa nulla?

  • #31

    al (venerdì, 12 dicembre 2014 01:33)

    negli articoli linkati da insider non si fa minimo riferimento al decollo degli f16 ne a cio che è stato registrato dai radar.
    un tantino pressapochista come analisi, se non proprio in malafede