La scoperta di un pianeta gemello delle Terra ? Entro il 2014 secondo la Nasa

Gli scienziati hanno ristretto i parametri della zona abitabile, attorno a pianeti che ruotano su stelle lontane. Hanno scoperto Super-Terre sulle quali potrebbe scorrere acqua liquida. Ma un vero e proprio pianeta simile alla Terra, assimilabile per dimensioni e orbita intorno alla sua stella madre, alla giusta distanza per sostenere la vita con esseri simili a quelli umani, deve ancora essere trovato. Gli scienziati della NASA azzardano che questa situazione potrebbe cambiare entro la fine del 2014.

"Credo che Kepler troverà un pianeta nella zona Goldilocks, entro i prossimi due anni", ha detto Shawn Domagal-Goldman, uno specialista di astrobiologia e ricercatore presso il quartier generale della NASA a Washington, DC, in una dichiarazione a Space.com . 

Tale ottimismo potrebbe davvero rivelarsi fondato ?

Pianeti delle dimensioni della Terra sono difficili da individuare a causa della loro dimensione relativa rispetto alla loro stella ospite. La luminosità delle stelle adombrano quasi completamente la fioca luce riflessa da un oggetto molto più piccolo, per esempio, una Terra "Aliena". Eppure, con i metodi di rilevamento sempre più accurati, gli astronomi ritengono che trovare un pianeta come la Terra è inevitabile.

Inoltre, gli astronomi sostengono anche che un metodo indiretto di rilevazione, nota come spettroscopia di transito finirà per mostrare prima o poi un pianeta extra solare simile alla Terra.

La Spettroscopia è una tecnica mediante la quale la composizione dell'atmosfera di un pianeta può essere individuata tramite la sua luce riflessa.

Due missioni della NASA sono previste anche tenere la promessa di scoprire la prima terra "aliena". Il Fast Infrared Spectroscopy Exoplanet Survey Explorer, utilizzerà il metodo della spettroscopia di transito. Si è pensato di  misurare gli spettri di una stella durante due periodi situazionali: mentre il pianeta è posizionato davanti alla sua stella madre e quando è dietro di essa. Le differenze nei dati spettrali che indicano la composizione dell'atmosfera di un pianeta in transito, indicheranno se la extra-solare del mondo avrebbe porto di acqua e altri elementi di sostegno della vita.


La seconda missione, TESS, si occupera di osservare le stelle entro 50 anni luce dalla Terra, con obiettivo di trovare effettivamente mondi alieni. Allo stato attuale, il telescopio spaziale Kepler ha trovato almeno 2.300 candidati da  aggiungere a quelli già confermati.

 

Il caso di Gliese 581d

Gliese 581, la stella nana rossa attirò l’attenzione di ricercatori e sognatori solo quale mese fa. A renderla speciale è il suo sistema di pianeti rocciosi  che si contendono a turno il titolo di primo pianeta extrasolare potenzialmente abitabile. Se fino a pochi mesi il candidato numero uno era Gliese 581g, il titolo passò su Gliese 581d, sul quale potrebbe esserci una temperatura adatta a mantenere l’acqua allo stato liquido. Questo a patto che il pianeta possieda un’atmosfera densa costituita da anidride carbonica, come hanno dimostrato i ricercatori guidati da Robin Wordsworth dell’ Institute Pierre Simon Laplace di Parigi, i cui risultati sono stati pubblicati in un articolo sull’ Astrophysical Journal Letters.

 

Scrivi commento

Commenti: 13
  • #1

    KOSLINE (mercoledì, 11 aprile 2012 16:20)

    "Tale ottimismo potrebbe davvero rivelarsi fondato ?"

    Penso e spero di si Ufoonline (bel articolo) , in questi ultimi mesi un gruppo di scienziati non solo Nasa ha fatto pressione perché fosse prolungata l'autonomia di Kepler fino al 2016 , cosa non solo accolta ma anche altre missioni sono state prolungate come riporto qui :

    http://www.astronautinews.it/2012/04/11/nasa-rifinanzia-altre-otto-missioni/

    I metodi come bene dici Ufoonline sono molteplici per riuscire ad individuare pianeti extrasolari , ma siamo solo all inizio e proprio quando si e' affinata un po la tecnica tanto che ultimamente ne stanno trovando tanti e sempre più piccoli (prima riuscivamo a vedere solo i pianeti giganti) sembrava che tutto andava in fumo con la chiusura come previsto ad inizio missione del telescopio Kepler e non solo , da qui la richiesta di un ulteriore finanziamento da parte della comunità scientifica, per allungare la missione e portare la ricerca al suo scopo primario... Trovare un pianete come la nostra splendida Terra !!!

    Speriamo bene !!!


  • #2

    IRONMAN (mercoledì, 11 aprile 2012 18:06)

    Di solito quando fanno scommesse ci beccamìno quasi sempre quelli della Nasa, Hubble ha funzionato benissimo anche se cominciano a spegnersi i vari componenti di cui è fatto, cosa dire speriamo faccia altrettanto questo nuovo telescopio a infrarossi in teoria dovrebbe fare meglio visto che dovrebbe spaccare il buio.
    La toria delle super Terre è affascinate a noi la nostra sembra tanto grande e invece...

  • #3

    Luca (mercoledì, 11 aprile 2012 18:50)

    Ottimo articolo. Qualche anno fa,anche solo l'idea di trovare pianeti extrasolari,ci sembrava lontanissima nel tempo.
    Il numero di quelli scoperti,ad oggi,è già intorno alle 1000 unità. e siamo solo all'inizio. Ora si comincia a parlare di "pianeti gemelli della terra". Stiamo già focalizzando diversamente la nostra ricerca,seppur così giovane.
    Stiamo facendo veramente dei passi enormi,in questo campo.
    Difficile immaginare dove saremo arrivati tra una cinquantina d'anni.

  • #4

    Jack (mercoledì, 11 aprile 2012 19:36)

    Aggiungerei che noi possiamo osservare "solo" pianeti che ruotano intorno ad altre stelle grazie a questi metodi indiretti, ma è opinione comune nel mondo scientifico che ci siano un'infinità di mondi vagabondi persi nello spazio interstellare, troppo freddi per essere osservabili da noi.

    @IRONMAN solo per darti altre info, l'hubble anche può guardare nello spettro infrarosso, ma non è attrezzato come il kepler per la ricerca di pianeti. E comunque credo che quest'ultimo non sia in grado di vedere in quella banda, ma li rileva nel momento del passaggio davanti la stella. L'articolo si riferiva al Fast Infrared Spectroscopy Exoplanet Survey Explorer.

  • #5

    IROMAN (mercoledì, 11 aprile 2012 23:36)

    Come Jack e GJ1214b chi l'ha scoperto mia nonna?
    Era chiaro che il mio rifrimento in meglio era per il Fast Infrared Spectroscopy Exoplanet Survey Explorer..

  • #6

    Jack (giovedì, 12 aprile 2012 08:00)

    può darsi che sia stata lei visto che non c'entra una mazza. http://it.wikipedia.org/wiki/GJ_1214_b leggiti chi scoprì questo pianeta che tiri in ballo va invece di scomodare pianeti a vanvera quando uno vuole solo farti capire una cosa.

  • #7

    IRONMAN.75 (giovedì, 12 aprile 2012 08:29)

    Informati meglio tu!

  • #8

    IRONMAN.75 (giovedì, 12 aprile 2012 08:33)

    Anzi ti aiuto io un po' a informarti meglio..

    http://www.hi-techitaly.com/news/varie/6157-hubble-conferma-il-pianeta-gj-1214b-e-pieno-dacqua.html

  • #9

    MM (giovedì, 12 aprile 2012 10:51)

    Ecco uno di quei pronostici assurdi tanto per far parlare di se....
    Stiamo parlando di un avvenimento che è impossibile da pronosticare!
    Potrebbero scoprirlo pure domani (se siamo ottimisti) oppure nemmeno tra cent'anni....

  • #10

    Jack (giovedì, 12 aprile 2012 22:13)

    @ironman cioè te lo pianti dietro da solo praticamente, il link che hai postato dice chiaro, che hubble ha confermato in seguito, il pianeta già scoperto nel 2009. Visto che volevo solo chiarirti una cosa e magari darti un informazione in più ma sei uno spocchioso almeno impara a comprendere quanto leggi.

  • #11

    IRONMAN (giovedì, 12 aprile 2012 23:41)

    Certo ha confermato che può ospitare la vita(perchè è di questo che stiamo parlando) è inutile che ti scaldi tanto caro..

  • #12

    franz (venerdì, 13 aprile 2012 08:41)

    Se si vuole scoprire la vita al di fuori della terra è inutile andare alla ricerca di pianeti gemelli della terra anche perchè nessuno potrà andarli a visitare date le immense distanze.
    Per cui la ricerca della vita al di fuori della terra rimane sempre confinata all'interno del nostro sistema solare anche se si scoprisse altri pianeti gemelli della terra.

  • #13

    Vostok (giovedì, 19 aprile 2012 23:25)

    Però ottimisti alla NASA